1° Forum di Astronomia Amatoriale Italiano

Il primo forum di astrofili per astrofili, nato nel 2000.
Oggi è martedì 10 dicembre 2019, 23:42

Menu

* Home
* Iscriviti
* La Bacheca
* F.A.Q.
* Cerca
* Login/Logout 

Login

Nome utente:
Password:

 Ho dimenticato la password

In Linea

Visitano il forum: Bing [Bot], Google [Bot] e 2 ospiti

Regolamento

regolamento

Links

*
Astrocafè

Segnala bolide
* Meteoblue.com
* Previsioni seeing
* Il Meteo.it
Help Forum
 

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora




Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 10 messaggi ] 
Autore Messaggio
MessaggioInviato: venerdì 8 febbraio 2019, 12:22 
Avatar utente

Iscritto il: mercoledì 8 febbraio 2006, 18:27
Messaggi: 759
Località: Rosarno (RC)
Tipo di Astrofilo: Fotografo
Ciao a tutti,
ho acquistato e subito messo all'opera CCDInspector sul mio telescopio RC a cui devo sicuramente fare delle migliorie per via di problemi ottici che mi porto dietro da tempo e che non riesco a venirne a capo.
Poichè non ho molta esperienza con il software, spero ci sia qualcuno che mi possa aiutare nell'interpretazione dei dati che ho tirato fuori.
Ho fatto 5 pose da 180 secondi su un ammasso stellare aperto e li ho dati in pasto al software, quello che ottengo lo allego a questo post.
Il mio problema principale è che ho una specie di vignettatura che il flat non corregge (anzi a volte peggiora) e che non riesco a tirare via, poi la cosa strana è che a volte c'è e a volte no e non riesco a capire se è un problema di raccordi troppo piccoli, di ottica o di altro. Spero con questo software di venirne a capo o comunque capire dove può stare il problema.
Qualcuno può darmi una mano a interpretare i dati?
Grazie mille


Allegati:
1.JPG
1.JPG [ 58.36 KiB | Osservato 929 volte ]
2.JPG
2.JPG [ 40.44 KiB | Osservato 929 volte ]
3.JPG
3.JPG [ 43.59 KiB | Osservato 929 volte ]
4.JPG
4.JPG [ 27 KiB | Osservato 929 volte ]
5.JPG
5.JPG [ 36.29 KiB | Osservato 929 volte ]

_________________
Tony B.

Strumentazione:
RC 500 mm F8 su forcella equatoriale + Telescopio di guida 127 mm f9
CCD FLI PLI 1001 + Ruota FLI con LRGB Ha + Filtri SLOAN
Newton SW Black Diamond 250 mm su EQ6 Pro + rifrattore guida 80mm f5
CCD Atik 314L+
Meade LX200 10" f6.3
SkyWatcher Star Adventurer
Top
  Profilo   WWW  
 
MessaggioInviato: venerdì 8 febbraio 2019, 22:51 
Avatar utente

Iscritto il: domenica 9 luglio 2006, 13:08
Messaggi: 456
Località: lucca
Tipo di Astrofilo: Fotografo
Ciao, ho visto e letto spero di aiutarti.... innanzitutto ti consiglio di ripetere la prova puntando una zona di cielo popolata di stelle in modo uniforme, quindi niente ammassi, galassie nebulosa varie. ti consiglio un tempo di posa corto 60sec. massimo e autoguidato, un inseguimento scorretto falsa le misure di ccdinspector ti indica stelle deformate. In quello che si può vedere ma ripeto non è attendibile, il tele ha bisogno di essere collimato. soprattutto l'immagine flat vede il tuo centro ottico tragicamente spostato (X in alto a sinistra) dal centro del sensore. Il tele Rc dovrebbe avere i raccordi di fabbrica adatti come misure. A mia esperienza la collimazione andrebbe fatta spesso se non ogni volta che si inizia a fotografare, la collimazione è facile usando il collimatore reego, ma questo è un altro discorso. Riassumento fare una collimazione più precisa possibile e ripetere le prove come indicato vedrai che trovi subito un buon miglioramento. Devo aggiungere che a causa del peso della camera reflex ccd ecc. il focuser subisce delle microflessioni dovute al peso e secondo dove punti il tele i risultati delle analisi cambiano, bisogna poi alla fine accettare un compromesso. Ti allego una collimazione fatta con un newton astrografo 6" f/2.8 "una bestia davvero difficile da allineare" . Facci sapere gli eventi.
Saluti Emiliano


Allegati:
botte.jpg
botte.jpg [ 115.23 KiB | Osservato 905 volte ]
curvatura.jpg
curvatura.jpg [ 69.89 KiB | Osservato 905 volte ]
flat.jpg
flat.jpg [ 391.97 KiB | Osservato 905 volte ]
IMG_7348_rid.jpg
IMG_7348_rid.jpg [ 169.53 KiB | Osservato 905 volte ]

_________________
https://emimazz.wixsite.com/ilmiosito
strumenti: Zwo asi 294, asi 244, canon eos 30D modificata, canon eos 7D.
ottiche:Tecnosky 80mm flat f/4,3, Boren-Simon 6" f/2.8, SC 300mm f/10, Mitakon 85mm f/2, GSO R.C. 6" f/9, Acromatico 120mm f/5
Top
  Profilo   WWW  
 
MessaggioInviato: domenica 10 febbraio 2019, 12:49 
Avatar utente

Iscritto il: mercoledì 8 febbraio 2006, 18:27
Messaggi: 759
Località: Rosarno (RC)
Tipo di Astrofilo: Fotografo
Ciao, innazitutto ti ringrazio per la risposta. Ho rifatto la prova utilizzando un campo stellare con tante stelle e in effetti il risultato è migliorato.
Come prima comunque credo bisogna rivedere la collimazione, quindi dovrei collimare meglio il secondario? Con il mio strumento, un RC da 50 cm con 4 metri di focale il REEGO non si può usare per via della lunga focale, abbiamo provato insieme al venditore ma non si vedeva nulla, il REEGO va bene per strumenti con massimo 2 metri di focale.
Io la collimazione la faccio con il collimatore Takahashi e avendo fatto un controllo veloce ieri il sistema sembrava abbastanza collimato, perciò sto scoprendo che anche con questo collimatore non c'è comunque una precisione estrema, comunque considera che si tratta di un telescopio in postazione fissa quindi la collimazione la faccio ogni tanto anche se non si muove quasi mai.
Mi consigli di agire sul secondario? altro problema è che il mio telescopio ha una regolazione della della collimazione su quattro punti perciò non posso fare molto affidamento su quello che mi dice il software CCDInspector.

Ti allego comunque il nuovo risultato che ho ottenuto.


Allegati:
1.JPG
1.JPG [ 40.46 KiB | Osservato 861 volte ]
2.JPG
2.JPG [ 80.92 KiB | Osservato 861 volte ]
3.JPG
3.JPG [ 33.22 KiB | Osservato 861 volte ]
4.JPG
4.JPG [ 154.91 KiB | Osservato 861 volte ]

_________________
Tony B.

Strumentazione:
RC 500 mm F8 su forcella equatoriale + Telescopio di guida 127 mm f9
CCD FLI PLI 1001 + Ruota FLI con LRGB Ha + Filtri SLOAN
Newton SW Black Diamond 250 mm su EQ6 Pro + rifrattore guida 80mm f5
CCD Atik 314L+
Meade LX200 10" f6.3
SkyWatcher Star Adventurer
Top
  Profilo   WWW  
 
MessaggioInviato: martedì 12 febbraio 2019, 22:47 
Avatar utente

Iscritto il: mercoledì 8 febbraio 2006, 18:27
Messaggi: 759
Località: Rosarno (RC)
Tipo di Astrofilo: Fotografo
emazzoni ha scritto:
Ciao, ho visto e letto spero di aiutarti.... innanzitutto ti consiglio di ripetere la prova puntando una zona di cielo popolata di stelle in modo uniforme, quindi niente ammassi, galassie nebulosa varie. ti consiglio un tempo di posa corto 60sec. massimo e autoguidato, un inseguimento scorretto falsa le misure di ccdinspector ti indica stelle deformate. In quello che si può vedere ma ripeto non è attendibile, il tele ha bisogno di essere collimato. soprattutto l'immagine flat vede il tuo centro ottico tragicamente spostato (X in alto a sinistra) dal centro del sensore. Il tele Rc dovrebbe avere i raccordi di fabbrica adatti come misure. A mia esperienza la collimazione andrebbe fatta spesso se non ogni volta che si inizia a fotografare, la collimazione è facile usando il collimatore reego, ma questo è un altro discorso. Riassumento fare una collimazione più precisa possibile e ripetere le prove come indicato vedrai che trovi subito un buon miglioramento. Devo aggiungere che a causa del peso della camera reflex ccd ecc. il focuser subisce delle microflessioni dovute al peso e secondo dove punti il tele i risultati delle analisi cambiano, bisogna poi alla fine accettare un compromesso. Ti allego una collimazione fatta con un newton astrografo 6" f/2.8 "una bestia davvero difficile da allineare" . Facci sapere gli eventi.
Saluti Emiliano


Ciao, hai letto la mia risposta? Cosa mi consigli?
Grazie

_________________
Tony B.

Strumentazione:
RC 500 mm F8 su forcella equatoriale + Telescopio di guida 127 mm f9
CCD FLI PLI 1001 + Ruota FLI con LRGB Ha + Filtri SLOAN
Newton SW Black Diamond 250 mm su EQ6 Pro + rifrattore guida 80mm f5
CCD Atik 314L+
Meade LX200 10" f6.3
SkyWatcher Star Adventurer


Top
  Profilo   WWW  
 
MessaggioInviato: mercoledì 13 febbraio 2019, 8:00 
Avatar utente

Iscritto il: mercoledì 8 febbraio 2006, 15:08
Messaggi: 8832
Località: Roma
Tipo di Astrofilo: Fotografo
Tony, in questi casi la migliore cosa da effettuare è lo star test. Punti una stella luminosa, sfuochi leggermente in tutte e due le direzioni e
analizzi la centrica con i cerchi di diffrazione. Ci vuole molta pazienza e costanza, ma alla fine sarà la soluzione migliore. Aspetta un notte
calma, in cui il seeing ti consente di vedere i cerchi di diffrazione nitidi e senza turbolenze, puoi volendo approfittare anche del periodo di Luna
piena, così da non perdere le notti più proficue e procedi per piccoli tentativi. Prima dovrai centrare il secondario, poi passerai al primario.
Ad ogni spostamento seppur minimo degli specchi, dovrai sempre centrare la stella che dovrà apparire rotonda con i cerchi di diffrazione ben
concentrici.
Data la mole del telescopio conviene essere almeno in due: uno effettua gli spostamenti degli specchi, l'altro controlla l'immagine stellare ad alti
ingrandimenti.
Cari saluti,

Danilo Pivato

_________________
Immagine


Latest New: https://www.danilopivato.com/introduction/latest_news/latest_news.html


Top
  Profilo   WWW  
 
MessaggioInviato: mercoledì 13 febbraio 2019, 13:06 
Avatar utente

Iscritto il: mercoledì 8 febbraio 2006, 18:27
Messaggi: 759
Località: Rosarno (RC)
Tipo di Astrofilo: Fotografo
Danilo Pivato ha scritto:
Tony, in questi casi la migliore cosa da effettuare è lo star test. Punti una stella luminosa, sfuochi leggermente in tutte e due le direzioni e
analizzi la centrica con i cerchi di diffrazione. Ci vuole molta pazienza e costanza, ma alla fine sarà la soluzione migliore. Aspetta un notte
calma, in cui il seeing ti consente di vedere i cerchi di diffrazione nitidi e senza turbolenze, puoi volendo approfittare anche del periodo di Luna
piena, così da non perdere le notti più proficue e procedi per piccoli tentativi. Prima dovrai centrare il secondario, poi passerai al primario.
Ad ogni spostamento seppur minimo degli specchi, dovrai sempre centrare la stella che dovrà apparire rotonda con i cerchi di diffrazione ben
concentrici.
Data la mole del telescopio conviene essere almeno in due: uno effettua gli spostamenti degli specchi, l'altro controlla l'immagine stellare ad alti
ingrandimenti.
Cari saluti,

Danilo Pivato


Ciao Danilo, di solito facciamo così come hai detto tu.
Sai cos'è che non mi torna? E' che prima che collimassi il focheggiaotre il sistema era collimato. Per collimare il focheggiatore io uso un laser e quando il fascio punta perfettamente al centro del secondario lo ritengo collimato. Ma a questo punto im sa che invece scollima il sistema.
Come faccio a collimare il focheggiatore senza scollimare l'assse ottico?

Grazie

_________________
Tony B.

Strumentazione:
RC 500 mm F8 su forcella equatoriale + Telescopio di guida 127 mm f9
CCD FLI PLI 1001 + Ruota FLI con LRGB Ha + Filtri SLOAN
Newton SW Black Diamond 250 mm su EQ6 Pro + rifrattore guida 80mm f5
CCD Atik 314L+
Meade LX200 10" f6.3
SkyWatcher Star Adventurer


Top
  Profilo   WWW  
 
MessaggioInviato: mercoledì 13 febbraio 2019, 18:54 
Avatar utente

Iscritto il: domenica 9 luglio 2006, 13:08
Messaggi: 456
Località: lucca
Tipo di Astrofilo: Fotografo
intanto complimenti per il bestione! gli ultimi risultati mi sembrano molto migliorati. Con l'intervento di Danilo e i suoi consigli certamente possiamo migliorare ancora. Credo che sia necessario analizzare bene tutti i particolari e usare molta cautela prima di ritoccare l'allineamento. Dalla mia modesta esperienza posso dire che le fasi di allineamento sono 2 ben distinte. La prima fase è quella di allineare le ottiche, questo può avvenire con i laser tradizionali collimatore reego, star-test, ecc. Raggiunte queste condizioni si ritiene che le ottiche siano allineate (non si può fare di meglio) e che alla fine le stelle sul sensore siano a fuoco puntiformi su tutto il campo.
Fase 2 quando si va a caricare il focuser con una camera importante e pesantuccia tipo FLI Sbig ecc. il peso crea all'interno del focuser una flessione che va a tiltare il piano focale del sensore ed ecco che le stelle diventano deformate! Per limitare questo problema si può installare nel treno del focuser un anello tiltabile, ma questo comunque non risolve definitivamente il problema. Queste sono prove che ho fatto in diretta con il mio astrografo newton f2,8 usando ccdinspector e i risultati cambiano secondo dove punta il telescopio, io uso una canon che pesa circa 800grammi. Come si vede le cose sono abbastanza complicate e bisogna alla fine accontentarsi di un compromesso. Nella tua immagine vedo le stelle un pò ovali! analizzando con ccdinspector funzione aspect-map si vede un colore uniforme! da quello che posso capire le stelle hanno la stessa forma, sei sicuro che la guida è perfetta? 4metri sono tanti! Ti consiglio di ripetere le riprese pose corte autoguidate spostando il tele di un campo e poi fare un'analisi mediata. Una sola posa non è del tutto sicura. Come suggerisce Danilo per prima cosa ti consiglio di controllare la forma della stella 1a gr. sfuocata usando un oculare a forti ingrandimenti oppure una camerina planetaria leggera che non fletta il focuser. E importante che la stella sia sempre ben centrata sul crocicchio. Sono stato un pò lungo saranno cose già sentite ma mi piaceva riscriverle. Invito Danilo a continuare a questa discussione iniziando con lo star test e via di seguito, magari anche con la funzione real-time di ccdinspector. Comunque tutto questo discorso per rispondere alla tua domanda .... una volta allineate le ottiche non si toccano più, la regolazione del focuser è un'altra cosa da fare con l'anello tiltabile, ... sempre secondo me. In attesa di novità,
Saluti Allineati! Emiliano.

_________________
https://emimazz.wixsite.com/ilmiosito
strumenti: Zwo asi 294, asi 244, canon eos 30D modificata, canon eos 7D.
ottiche:Tecnosky 80mm flat f/4,3, Boren-Simon 6" f/2.8, SC 300mm f/10, Mitakon 85mm f/2, GSO R.C. 6" f/9, Acromatico 120mm f/5


Top
  Profilo   WWW  
 
MessaggioInviato: giovedì 14 febbraio 2019, 8:56 
Avatar utente

Iscritto il: mercoledì 8 febbraio 2006, 15:08
Messaggi: 8832
Località: Roma
Tipo di Astrofilo: Fotografo
Per quanto sappia un buon collimatore laser dovrebbe essere intanto calibrabile, e soltanto dopo tale operazione di calibrazione, che bisogna essere sicuri al
100%, impiegherei il laser, altrimenti si rischia di compromettere tutto. Procedi come suggerisce Emiliano che ringrazio molto per le parole spese nei miei confronti!

Pertanto: star-test al primo fuoco senza accessori, deviatori, e ccd. Il minor peso possibile sul fuoco. Soltanto un oculare OR a corta focale e i due specchi.
Procedi nel centrare il secondario sul riferimento dello specchio primario. Poi rifinisci al primario.
Ti consiglio caldamente di puntare una stella allo zenit, di modo che il piano degli specchi sia parallelo all'orizzonte, con il minimo in assoluto di flessioni laterali dovuti ai
carichi di spinta che in 50cm si fanno sentire. Purtroppo sarà MOLTO scomodo per chi osserverà all'oculare, ma ne gioverà tutta la collimazione!

Ottenuta la collimazione, sempre con uno star test tramite oculare, punteri il telescopio in altre posizione (declinazioni) col pretesto di verificare che la collimazione tenga
ovunque (è importante!). Se non dovesse succedere qualcosa non va nella meccanica delle celle, o gli specchi sono troppo laschi.

Questa procedura dovrebbe portarti intanto a collimare tra loro il piano focale dello strumento con i due specchi (primario e secondario) senza le spinte laterali, sul tubo,
sulle celle e sullo stesso focheggiatore.

Una volta ottenuta una collimazione STABILE dei due specchi, monterai il ccd con i sui accessori (ruota portafiltri, ecc) e tramite ccd inspector agirai sul focheggiatore, qualora
fosse necessario, per le eventuali correzioni del focheggiatore.

Così facendo oltre a conoscere meglio lo strumento, capirai se la meccanica delle celle è stabile, se non ci sono flessoni del tubo, se il fuocheggiatore è all'altezza dei carichi da
sostenere. Se non lo dovesse essere, e quindi fosse la causa principale dei disallineamenti, è probabile che debba essere sostituito con uno più capace.

Infine aggiungo una considerazione personale: un 50cm RC è uno strumento piuttosto impegnativo e per metterlo a punto come si deve bisogna avere un certo bagaglio di
esperienze e conoscenze: non sarebbe forse il caso di rivolgersi a qualche esperto che sappia dove e come mettere le mani sullo strumento, prima di fare guai più seri? :wink:
Cari saluti,

Danilo Pivato

_________________
Immagine


Latest New: https://www.danilopivato.com/introduction/latest_news/latest_news.html


Top
  Profilo   WWW  
 
MessaggioInviato: venerdì 15 febbraio 2019, 14:29 
Avatar utente

Iscritto il: domenica 9 luglio 2006, 13:08
Messaggi: 456
Località: lucca
Tipo di Astrofilo: Fotografo
Bene, giusto cominciare con il buon vecchio oculare per evitare errori di un laser non allineato. Non avevo pensato alle possibili deformazioni strutturali della cella ecc., io lavoro con piccoli tele 15-20cm max. Quindi prima, un star-test allo zenit con specchi non stressati e poi la prova in altre posizioni. Spero in buone notizie. Emiliano

_________________
https://emimazz.wixsite.com/ilmiosito
strumenti: Zwo asi 294, asi 244, canon eos 30D modificata, canon eos 7D.
ottiche:Tecnosky 80mm flat f/4,3, Boren-Simon 6" f/2.8, SC 300mm f/10, Mitakon 85mm f/2, GSO R.C. 6" f/9, Acromatico 120mm f/5


Top
  Profilo   WWW  
 
MessaggioInviato: sabato 16 febbraio 2019, 11:31 
Avatar utente

Iscritto il: mercoledì 8 febbraio 2006, 18:27
Messaggi: 759
Località: Rosarno (RC)
Tipo di Astrofilo: Fotografo
Grazie a tutti e due per gli interventi...
Il problema è che con i Ritchey-Chretien è davvero difficile raggiungere così ad occhio la corretta collimazione e in particolare con il mio che sul primario ha 4 viti che tirano e 2 per ognuno delle 4 viti che spingono. Stessa identica situazione sul focheggiatore.
Ad occhio con il focheggiatore takahashi sembra che abbia raggiunto una discreta centratura ma in realtà CCD inspector ha detto che non è così quindi mi viene il dubbio che il centro sul secondario non è segnato proprio in maniera precisissima. Ci lavorerò e vediamo che tiro fuori.

_________________
Tony B.

Strumentazione:
RC 500 mm F8 su forcella equatoriale + Telescopio di guida 127 mm f9
CCD FLI PLI 1001 + Ruota FLI con LRGB Ha + Filtri SLOAN
Newton SW Black Diamond 250 mm su EQ6 Pro + rifrattore guida 80mm f5
CCD Atik 314L+
Meade LX200 10" f6.3
SkyWatcher Star Adventurer


Top
  Profilo   WWW  
 
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 10 messaggi ] 

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Bing [Bot], Google [Bot] e 2 ospiti


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a:  
Powered by phpBB © 2000, 2002, 2005, 2007 phpBB Group
Traduzione Italiana phpBBItalia.net basata su phpBB.it 2010