1° Forum di Astronomia Amatoriale Italiano

Il primo forum di astrofili per astrofili, nato nel 2000.
Oggi è martedì 17 settembre 2019, 13:33

Menu

* Home
* Iscriviti
* La Bacheca
* F.A.Q.
* Cerca
* Login/Logout 

Login

Nome utente:
Password:

 Ho dimenticato la password

In Linea

Visitano il forum: Nessuno e 5 ospiti

Regolamento

regolamento

Links

*
Astrocafè

Segnala bolide
* Meteoblue.com
* Previsioni seeing
* Il Meteo.it
Help Forum
 

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora




Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 47 messaggi ]  Vai alla pagina 1, 2, 3, 4, 5  Prossimo
Autore Messaggio
MessaggioInviato: sabato 3 dicembre 2011, 18:23 
Avatar utente

Iscritto il: sabato 11 febbraio 2006, 12:43
Messaggi: 15070
Località: Milano
Tipo di Astrofilo: Visualista
Eccomi di nuovo a chiedere consigli sull'osservazionedel sole.
Ho riesumato dalla cantina un vecchio newton "barlowato" Celestron 114GT che utilizzai per esperimenti...
Immagine
...e ricordandomi quanto letto in questo articolo [LINK] del nostro Fulvio (con riferimento ai soli primi due capitoli) mi son chiesto se utilizzare lo strumento per l'ennesimo esperimento, quello di farlo diventare un newton solare per osservazioni quasi esclusivamente visuali.

Allora l'idea sarebbe quella di eliminare l'alluminatura sia dal primario che dal secondario, nell'articolo si dice che gli specchi che ne sono privi dovrebbero trasmettere circa il 5% della radiazione luminosa (come un prisma di Herschel) quindi all'oculare dovrebbe arrivare infine solo lo 0.25% (1/400mo) il resto lo filtrerei con un ND2 + polarizzatore variabile.

Mi chiedo se poi lo strumento sia sicuro per l'osservazione visuale, i dubbi derivano essenzialmente dal rapporto focale nativo del newton che è di circa f/4 mentre nel già citato articolo si raccomanda almeno un f/6, gli accorgimenti per la dispersione del calore a scanso di equivoci li prenderei tutti, il fondo del primario è già "satinato", la cella e controcella sono già "bucate" e le vernicerei entrambe di bianco, anche il secondario ha la faccia posteriore "satinata" e c'è spazio (circa 2 mm) per spessorare lo specchio dal suo chassis per far passare l'aria, sostituirei la barlow originale (fetente) con una decente dove avviterò fisso l'ND2, mentre il polarizzatore ovviamente andrebbe sul barilotto dell'oculare.

Secondo voi si potrebbe utilizzare un siffatto strumento in sicurezza?

In caso affermativo avrei altre domande su come realizzarlo.
    - Cosa mi devo procurare per eliminare l'alluminatura degli specchi "in casa"?
    - Premesso che realizzero uno schermo bianco (stile quelli che si applicano ai PST) per ombreggiare il tubo ed il focheggiatore (di plastica nera), il bordo tubo, l'interno tubo, lo chassis del secondario e lo spider, di che colore andrebbero verniciati?
    - Ci sono altri accorgimenti che dovrei adottare?

Attendo consigli, grazie. :wink:

_________________
Associazione Astronomica Mirasole (Astromirasole).
Home page: http://astromirasole.org
Facebook: https://www.facebook.com/AstroMirasole/


Newton: Barile 400/1830 mm; Obice 200/1650 mm; Bidoncino 114/1300 mm con primario disalluminato. ••• Rifrattori: Nano apo 80/480 mm; Milo acro 76/1400 mm; 60ino acro 60/700 mm. ••• Binocoli: Vixen Ark 30x80, Vixen Ultima 8x56, Vortex Diamonback 8x42, Canon 10x30 IS II, Vortex Vanquish 8x26, Pentax Papilio 6,5x21.


Top
  Profilo   WWW  
 
MessaggioInviato: mercoledì 14 dicembre 2011, 21:05 
Avatar utente

Iscritto il: mercoledì 2 gennaio 2008, 9:06
Messaggi: 6377
Località: Roma
Cita:
Allora l'idea sarebbe quella di eliminare l'alluminatura sia dal primario che dal secondario, nell'articolo si dice che gli specchi che ne sono privi dovrebbero trasmettere circa il 5% della radiazione luminosa (come un prisma di Herschel) quindi all'oculare dovrebbe arrivare infine solo lo 0.25% (1/400mo) il resto lo filtrerei con un ND2 + polarizzatore variabile.


Ciao, Angelo:
Scusa il ritardo nella risposta, ma vedo solo ora il post.
Sotto l'aspetto sicurezza, io consiglio sempre di usare i newton solari per riprese CCD, non tanto per il calore che arriva al piano focale, quanto per la possibilità che i filtri possano fessurarsi o rompersi anche per difetti intrinseci (sia ben chiaro, è una possibilità remota,ma con gli occhi non si scherza).
Nel tuo caso (disalluminatura anche del secondario) non credo ci possano essere problemi di grande calore, comunque ti consiglierei di osservare per periodi non prolungati e SEMPRE con un IR-UVcut .

_________________
Fulvio Mete
_________________
Siti web:

http://www.lightfrominfinity.org

http://www.pno-astronomy.com


Top
  Profilo   WWW  
 
MessaggioInviato: mercoledì 14 dicembre 2011, 21:30 
Avatar utente

Iscritto il: sabato 11 febbraio 2006, 12:43
Messaggi: 15070
Località: Milano
Tipo di Astrofilo: Visualista
Fulvio, grazie per la risposta, confesso che aspettavo proprio il tuo responso in merito alla sicurezza, dopo la trasformazione stavo cumunque pensando di puntarlo sul Sole (senza osservare) e misurare la temperatura sulla superficie del filtro ND dopo diversi step temporali e fare una prova di "carico" su detto filtro tenendo lo strumento puntato continuamente per almeno 2 ore.

Riguardo agli altri accorgimenti?
Angelo Cutolo ha scritto:
    - Cosa mi devo procurare per eliminare l'alluminatura degli specchi "in casa"?
    - Premesso che realizzero uno schermo bianco (stile quelli che si applicano ai PST) per ombreggiare il tubo ed il focheggiatore (di plastica nera), il bordo tubo, l'interno tubo, lo chassis del secondario e lo spider, di che colore andrebbero verniciati?
    - Ci sono altri accorgimenti che dovrei adottare?
Avete delle dritte?

_________________
Associazione Astronomica Mirasole (Astromirasole).
Home page: http://astromirasole.org
Facebook: https://www.facebook.com/AstroMirasole/


Newton: Barile 400/1830 mm; Obice 200/1650 mm; Bidoncino 114/1300 mm con primario disalluminato. ••• Rifrattori: Nano apo 80/480 mm; Milo acro 76/1400 mm; 60ino acro 60/700 mm. ••• Binocoli: Vixen Ark 30x80, Vixen Ultima 8x56, Vortex Diamonback 8x42, Canon 10x30 IS II, Vortex Vanquish 8x26, Pentax Papilio 6,5x21.


Top
  Profilo   WWW  
 
MessaggioInviato: giovedì 15 dicembre 2011, 20:35 
Avatar utente

Iscritto il: mercoledì 2 gennaio 2008, 9:06
Messaggi: 6377
Località: Roma
Cita:
Cosa mi devo procurare per eliminare l'alluminatura degli specchi "in casa"?
- Premesso che realizzero uno schermo bianco (stile quelli che si applicano ai PST) per ombreggiare il tubo ed il focheggiatore (di plastica nera), il bordo tubo, l'interno tubo, lo chassis del secondario e lo spider, di che colore andrebbero verniciati?
- Ci sono altri accorgimenti che dovrei adottare?


Per togliere l'alluminatura io ho usato ed uso Soda Caustica in scaglie diluita in acqua distillata al 30% circa.Lo specchio deve essere posto completamente a bagno, e la soluzione agitata spesso perchè scorra uniformemente sulla supeficie.Quanto al tempo, questo dipende dal tipo di coating degli specchi, per la semplice alluminatura ho impiegato meno di un'ora, per la quarzatura possono volerci anche 24 h o più.Una volta eliminato ogni residuo di alluminio, lo specchio deve essere completamente trasparente, anche se in genere la parte posteriore è satinata, quindi non ci si può guardare attraverso.A proposito di satinatura, questa è necessaria per evitare fenomeni di doppie riflessioni e riflessi vari nell'immagine.Quindi, se non c'è, occorre farla lavorando la parte posteriore dello specchio con grana abrasiva media.
Per il resto, è inutile verniciare cella o ragno, io li lascio come sono.

_________________
Fulvio Mete
_________________
Siti web:

http://www.lightfrominfinity.org

http://www.pno-astronomy.com


Top
  Profilo   WWW  
 
MessaggioInviato: venerdì 16 dicembre 2011, 11:08 
Avatar utente

Iscritto il: sabato 11 febbraio 2006, 12:43
Messaggi: 15070
Località: Milano
Tipo di Astrofilo: Visualista
Grazie mille Fulvio, allora mi metto a lavoro poi aggiornerò il 3D con i risultati del lavoro.

_________________
Associazione Astronomica Mirasole (Astromirasole).
Home page: http://astromirasole.org
Facebook: https://www.facebook.com/AstroMirasole/


Newton: Barile 400/1830 mm; Obice 200/1650 mm; Bidoncino 114/1300 mm con primario disalluminato. ••• Rifrattori: Nano apo 80/480 mm; Milo acro 76/1400 mm; 60ino acro 60/700 mm. ••• Binocoli: Vixen Ark 30x80, Vixen Ultima 8x56, Vortex Diamonback 8x42, Canon 10x30 IS II, Vortex Vanquish 8x26, Pentax Papilio 6,5x21.


Top
  Profilo   WWW  
 
MessaggioInviato: venerdì 16 dicembre 2011, 20:23 
Avatar utente

Iscritto il: mercoledì 2 gennaio 2008, 9:06
Messaggi: 6377
Località: Roma
Cita:
Grazie mille Fulvio, allora mi metto a lavoro poi aggiornerò il 3D con i risultati del lavoro.


Dimenticavo di dirti che dopo il bagno lo specchio va risciacquato bene in acua distillata e fatto asciugare "all'impiedi" per evitare macchie.
Buon lavoro

_________________
Fulvio Mete
_________________
Siti web:

http://www.lightfrominfinity.org

http://www.pno-astronomy.com


Top
  Profilo   WWW  
 
MessaggioInviato: lunedì 26 dicembre 2011, 17:37 

Iscritto il: sabato 15 ottobre 2011, 7:19
Messaggi: 261
Tipo di Astrofilo: Visualista
Se posso, mi raccomando senza eccezioni l'IR cut.
Più è grande la lunghezza d'onda interessata, più "perfetta come superficie" risulta una superficie riflettente.
Gli IR sulla retina sono micidiali, perché producono tutto il danno che compete loro senza sensazioni, di norma, adeguatamente dolorifiche che possano metterti in allerta (e in qualche modo difendertene).
Anche per questa ragione, il suggerimento che già ti è stato dato di NON porre l'occhio ma un bel CCD sul piano focale direi che è da seguire senza rimpianti.
UH! Questo è il mio primo messaggio, chiedo venia. :oops:
Vado a cercare una sezione "presentazioni" per salutare tutti, non volevo essere scortese con nessuno, né utenti né mod.

_________________
INQUINAMENTO LUMINOSO - http://www.LAZIOSTELLATO.org è un Coordinamento per la riduzione/prevenzione dell'IL ed il risparmio energetico nel Lazio. Potete inviare le vostre segnalazioni di impianti inquinanti a: laziostellato@gmail.com - La qualità del cielo è essenziale quanto quella dello strumento: collaborate con noi e l'OACC


Top
  Profilo    
 
MessaggioInviato: martedì 27 dicembre 2011, 13:38 
Avatar utente

Iscritto il: sabato 11 febbraio 2006, 12:43
Messaggi: 15070
Località: Milano
Tipo di Astrofilo: Visualista
Grazie Valerio, un filtro IR/UVcut non mancherà di sicuro, infatti (e Fulvio è uno dei primi) si è sempre messo l'accento su tale questione qui sul forum, comunque quando sarà pronto il newton le prime prove le farò con una webcam per verificare quanta luce passa, solo dopo ci metterò l'occhio con la batteria di filtri (ND, polarizzatore e IR/UVcut) settatti al "max" e se necessario, "schiarirò" l'immagine. :mrgreen:

_________________
Associazione Astronomica Mirasole (Astromirasole).
Home page: http://astromirasole.org
Facebook: https://www.facebook.com/AstroMirasole/


Newton: Barile 400/1830 mm; Obice 200/1650 mm; Bidoncino 114/1300 mm con primario disalluminato. ••• Rifrattori: Nano apo 80/480 mm; Milo acro 76/1400 mm; 60ino acro 60/700 mm. ••• Binocoli: Vixen Ark 30x80, Vixen Ultima 8x56, Vortex Diamonback 8x42, Canon 10x30 IS II, Vortex Vanquish 8x26, Pentax Papilio 6,5x21.


Top
  Profilo   WWW  
 
MessaggioInviato: sabato 7 gennaio 2012, 16:53 
Avatar utente

Iscritto il: sabato 11 febbraio 2006, 12:43
Messaggi: 15070
Località: Milano
Tipo di Astrofilo: Visualista
Primo aggiornameto.

Ho eliminato l'alluminatura da entrambi gli specchi con la soda caustica alle proporzioni indicate da Fulvio, ci son volute circa due ore, ma il risultato è ottimo.
Allegato:
IMG_9215.JPG
IMG_9215.JPG [ 304.28 KiB | Osservato 2765 volte ]
Allegato:
IMG_9218.JPG
IMG_9218.JPG [ 361.83 KiB | Osservato 2765 volte ]
Allegato:
IMG_9221.JPG
IMG_9221.JPG [ 213.16 KiB | Osservato 2765 volte ]


Ho fatto delle delle prove spannometriche con l'esposimetro della reflex (facendo diverse misurazioni e mediandole) puntando il tele (ancora con gli specchi alluminati) sulla parete bianca illuminata dal Sole ieri alle 16:00 ed oggi nella stessa posizione ed ora dopo il trattamento, trovando una riduzione della luce di circa 374 volte (una differenza di 19,33 stop).
Ho fatto un'ulteriore prova di "fatica" puntando lo strumento così com'è (senza alcuna riverniciatura bianca) sul sole per circa 60 minuti tra le 13:30 e le 14:30 per verificare il riscaldamento globale dello strumeto, alla fine la "testa" dello spider (l'ostruzione tanto per capirci) ha raggiunto i 63°, il fondo-cella si è attestato sui 44°, mentre il focheggiatore protetto dallo schermetto bianco è rimasto praticamente a temperatura ambiente 10/11°.
Non mi rimane che attendere il filtri per le ulteriori prove.

EDIT: Mi sorge un dubbio; ma il filtro polarizzatore sul Sole serve? Se filtra solo la luce polarizzata e quindi riflessa, è possibile che su quella solare "diretta" non attenui proprio nulla?

_________________
Associazione Astronomica Mirasole (Astromirasole).
Home page: http://astromirasole.org
Facebook: https://www.facebook.com/AstroMirasole/


Newton: Barile 400/1830 mm; Obice 200/1650 mm; Bidoncino 114/1300 mm con primario disalluminato. ••• Rifrattori: Nano apo 80/480 mm; Milo acro 76/1400 mm; 60ino acro 60/700 mm. ••• Binocoli: Vixen Ark 30x80, Vixen Ultima 8x56, Vortex Diamonback 8x42, Canon 10x30 IS II, Vortex Vanquish 8x26, Pentax Papilio 6,5x21.


Top
  Profilo   WWW  
 
MessaggioInviato: lunedì 9 gennaio 2012, 0:13 
Avatar utente

Iscritto il: mercoledì 2 gennaio 2008, 9:06
Messaggi: 6377
Località: Roma
Cita:
Ho fatto un'ulteriore prova di "fatica" puntando lo strumento così com'è (senza alcuna riverniciatura bianca) sul sole per circa 60 minuti tra le 13:30 e le 14:30 per verificare il riscaldamento globale dello strumeto, alla fine la "testa" dello spider (l'ostruzione tanto per capirci) ha raggiunto i 63°, il fondo-cella si è attestato sui 44°, mentre il focheggiatore protetto dallo schermetto bianco è rimasto praticamente a temperatura ambiente 10/11°.
Non mi rimane che attendere il filtri per le ulteriori prove
.

Ciao, Angelo:
I valori mi sembrano realistici

Cita:
EDIT: Mi sorge un dubbio; ma il filtro polarizzatore sul Sole serve? Se filtra solo la luce polarizzata e quindi riflessa, è possibile che su quella solare "diretta" non attenui proprio nulla?


Che io sappia andrebbero posti due polarizzatori incrociati, in modo da variare la quantità di luce in ingresso; tuttavia occorre aggiungere un Ir cut perchè in genere tali filtri non bloccano l'IR.

_________________
Fulvio Mete
_________________
Siti web:

http://www.lightfrominfinity.org

http://www.pno-astronomy.com


Top
  Profilo   WWW  
 
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 47 messaggi ]  Vai alla pagina 1, 2, 3, 4, 5  Prossimo

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 5 ospiti


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a:  
Powered by phpBB © 2000, 2002, 2005, 2007 phpBB Group
Traduzione Italiana phpBBItalia.net basata su phpBB.it 2010