1° Forum di Astronomia Amatoriale Italiano

Il primo forum di astrofili per astrofili, nato nel 2000.
Oggi è domenica 17 novembre 2019, 18:59

Menu

* Home
* Iscriviti
* La Bacheca
* F.A.Q.
* Cerca
* Login/Logout 

Login

Nome utente:
Password:

 Ho dimenticato la password

In Linea

Visitano il forum: Nessuno e 4 ospiti

Regolamento

regolamento

Links

*
Astrocafè

Segnala bolide
* Meteoblue.com
* Previsioni seeing
* Il Meteo.it
Help Forum
 

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora




Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 25 messaggi ]  Vai alla pagina 1, 2, 3  Prossimo
Autore Messaggio
 Oggetto del messaggio: SPHINX D - prime impressioni d'uso
MessaggioInviato: sabato 24 gennaio 2009, 16:29 

Iscritto il: lunedì 11 settembre 2006, 11:27
Messaggi: 1141
Località: Campania
Data la scarsità e la frammentarietà del materiale reperibile in rete, ho voluto condividere le mie prime esperienze con questa “discussa” montatura. Non mi dilungherò nella descrizione delle scatole nelle quali era custodita, ma cercherò di venire subito al sodo, in maniera piuttosto schematica.
Costruzione : tipicamente made in Japan. Ottimi materiali (bronzo per le corone/boccole ed acciaio per gli assi e le VSF) ed ottime torniture. I vari componenti interni combaciano in maniera perfetta e senza giochi; gli 8 cuscinetti (ad aghi, a rulli e a sfera) assolvono bene ai loro compiti. Le verniciature sono gradevoli al tatto e tutto l’insieme trasmette una sensazione di generale qualità (cosa che non avviene con le realizzazioni cinesi). L’unico componente di origine cinese è il treppiede HAL130 e un po’ si vede!
Assemblaggio : perfettibile. Non sempre le regolazioni degli accoppiamenti meccanici sono fatte a dovere. Gli assi risultano un po’ troppo serrati e rendono il bilanciamento un po’ problematico. Con semplici interventi, però, tutto torna a posto.
Elettronica : siamo alle dolenti note. Lo Starbook è un prodotto immesso sul mercato quando era troppo immaturo. Ho riscontrato, anche se partivo da una versione molto avanzata quale la 1.2 build 40, molti dei problemi segnalati a livello mondiale : vibrazioni dei motori, salti, difficoltà di puntamento ed autoguida ecc. Non oso immaginare come dovesse andare con i firmware precedenti.
La casa giapponese, temendo forse l’ira dei consumatori, ha rilasciato la versione 2.0 con la quale…. si è toccato il fondo! Non funzionava e basta! Dopo poche settimane, ecco che ti arriva la 2.1….. che dire : finalmente! Sembra che tutti i problemi siano scomparsi : i motori girano bene (anche se con la solita rumorosità), i puntamenti sono precisi e l’autoguida non fa brutti scherzi. Lo Starbook, dopo quasi 5 anni dal lancio, è diventato un prodotto affidabile. Grazie al driver Ascom freeware sviluppato da Peter Enzerink l’interfaccia con i più diffusi planetari risulta stabile e precisa. Personalmente ho usato con successo sia il freeware Cartes du Ciel che Perseus Lev 1. Il numero degli oggetti rintracciabili, in tal modo, diventa illimitato e si suppliscono alle pecche del catalogo dello Starbook.
Strumentazione utilizzata : il mio set up leggero, per il quale ho acquistato la Sphinx D, è costituito da un Taka FSQ 106 + Sbig STL 11000 (pixel da 9m risoluzione 3.5” / px). Il tutto pesa circa 11kg con le parti più pesanti poste alle estremità del tubo. Il bilanciamento, quindi, è piuttosto critico e veniva sopportato al limite dalla ottima GP-DX che avevo in precedenza. Con la Sphinx D non ho dovuto neanche mettere a fondo corsa i 2 contrappesi in dotazione, avendo ancora un discreto margine di carico.
Prova sul campo : ho usato Maxim DL 4.51 per la ripresa e la guida (tramite porta ST4).
Dopo la messa in polare ottenuta con il cannocchiale in dotazione e l’immissione nello Starbook di coordinate locali approssimative, ho chiesto di puntare la prima stella (Aldebaran). Il goto ha portato l’oggetto nel campo del cercatore Taka 7x50 : non male come primo goto. Centrata la stella nel reticolo della CCD ho chiesto di puntare Betelgeuse per il secondo allineamento. La stella è stata portata quasi al centro del reticolo del CCD. Piccoli movimenti e l’allineamento era fatto. Il risultato è stato, quindi, di ottimo livello, indice di una buona elettronica e di una meccanica precisa.
Ho dato un goto su M42 (puntamento perfetto) per iniziare le operazioni di calibrazione. La velocità settata sullo Starbook per l’autoguida era di 0.5x sia in ar che in dec e il backlash regolato a 0 per entrambi gli assi (default in dec 20, ma io lo avevo riportato a 0). Trovata una stella abbastanza luminosa nel campo del secondo sensore della Sbig, lancio la calibrazione (tempo impostato 15”) e le operazioni in ar vengono eseguite con la precisione di 1px (risultato eccellente). Passando alla dec iniziano i problemi. La stella non si sposta a sufficienza, né da un lato né dall’altro! Sulla scorta delle informazioni acquisite dal gruppo di discussione su Yahoo ho aumentato la velocità di correzione in dec a 0.8x e ho settato il backlash in Maxim a 2”. La situazione è migliorata e la stella si è mossa in dec in modo considerevole, ma il backlash non veniva recuperato. A questo punto ho eliminato il recupero in Maxim e ho settato lo Starbook su backlash in dec 10. Ho tentato una nuova calibrazione e i movimenti in ar e dec sono risulati perfetti, anche se lo spostamento in dec mi è sembrato eccessivo e, quindi, ho abbassato la velocità in tale asse a 0.7x. La calibrazione con questi nuovi parametri è stata eseguita alla perfezione e sono passato alla guida. Dopo circa un minuto di assestamento (tipico di ogni sistema) il grafico di guida è diventato perfetto. Le oscillazioni sia in ar che in dec riportavano un valore di RMS pari a 0.35px con picchi massimi di 0.6px (il seeing, però era scarso e vi erano tante nuvole). L’esposizione della stella guida era pari a 2” ed avevo impostato una pausa di 3” tra una correzione e l’altra. In pratica stavo guidando con impulsi ogni 5” secondi o poco più (tempo di lettura e scaricamento del ccd). Le foto, di durata compresa tra i 5 e i 10 minuti (causa nuvole) sono risultate perfettamente inseguite e senza la benché minima sbavatura. Durante la guida, la montatura mi ha dato l’impressione di poter tollerare carichi anche più gravosi e focali di almeno 8/900mm.
Considerazioni finali : a mio modesto parere una montatura, per definirsi valida e ben dimensionata allo scopo, deve restituirmi TUTTE le immagini riprese senza alcun mosso e senza alcuna limitazione nei tempi di posa. Ovviamente, in condizioni critiche, tipo vento molto teso, posso capire qualche sbavatura, ma niente di più. L’impegno profuso in una trasferta osservativa/fotografica non può, sempre a mio parere, essere vanificato da materiali di discutibile qualità o sottodimensionati. Ovviamente, se si vuole fotografare a 2 o 3 metri di lunghezza focale servono montature e strumenti ottici di altra classe, peso e costo! La Sphinx D ha assolto egregiamente al lavoro che le ho affidato, dimostrando di avere una discreta riserva di carico e margini di ulteriore miglioramento. La maneggevolezza, la rapidità di montaggio, stazionamento e allineamento, costituiscono per me una valida alternativa alla ben più impegnativa GM2000 QCI che ora utilizzerò e mi porterò in giro solo in occasione di trasferte di più giorni, abbinata a strumenti ben più pesanti.
Il prezzo della Sphinx e, in particolare, della versione D è piuttosto elevato e, secondo me, non completamente giustificato dal divario di prestazioni esistente con le concorrenti cinesi. Per fortuna che nel mercato dell’usato si trovano alcuni esemplari a prezzi abbordabili. Una volta imparato a conoscere lo Starbook si apprezzeranno tutte le possibilità di intervento consentite (velocità di inseguimento, guida, backlash, visualizzazione mappe, ecc.) e si capiranno le scelte della Vixen legate a questo prodotto. Infatti, anche un neofita, leggendo le bene il manuale di istruzioni e aiutandosi con il display dello Starbook, sarà in grado di esplorare il cielo con enorme semplicità.


Top
  Profilo    
 
MessaggioInviato: sabato 24 gennaio 2009, 21:19 
Avatar utente

Iscritto il: giovedì 9 febbraio 2006, 9:34
Messaggi: 7839
Località: Pavia
Tipo di Astrofilo: Visualista e Fotografo
Grazie Vittorio, hai fatto una recensione ottima, da tanto avrei voluto leggerne su questa montatura.
Per caso hai misurato il PE?

_________________
Tutto è relativo. Prendi un ultracentenario che rompe uno specchio: sarà ben lieto di sapere che ha ancora sette anni di disgrazie.
A. Einstein


Cieli Sereni
Vittorino Suma


Top
  Profilo   WWW  
 
MessaggioInviato: sabato 24 gennaio 2009, 21:32 
Avatar utente

Iscritto il: mercoledì 8 febbraio 2006, 16:41
Messaggi: 21624
finalmente un resoconto bello, pulito senza inutili enfasi.
una domanda vittorio, hai affermato che finalmente l'elettronica puo' considerarsi affidabile, hai avuto modo di effettuare un numero sufficientemente elevato di test?
e un'altra domanda (visto che ci siamo), secondo te, parlando esclusivamente di visuale, credi che sia da preferire ad una piu' modesta eq6 con un classicissimo c8 in groppa?

ciao antonio

_________________
qa'plà!
Radical chic certified


Top
  Profilo    
 
MessaggioInviato: domenica 25 gennaio 2009, 12:32 
Avatar utente

Iscritto il: giovedì 9 febbraio 2006, 8:36
Messaggi: 3857
Località: Cisterna di Latina
Tipo di Astrofilo: Visualista e Fotografo
Clap...clap...clap!!!...complimentissimi era ora che qualcuno ci pensasse!!! :D
Bravo!!
Gp

_________________
RC 10"
Gemini G41field
SX AO-LF
Lodestar+FW+
Moravian G2 4000


Top
  Profilo    
 
MessaggioInviato: domenica 25 gennaio 2009, 12:51 
Avatar utente

Iscritto il: mercoledì 2 maggio 2007, 21:28
Messaggi: 6135
Quello che mi chiesi io a suo tempo... valeva la pena spendere oltre 1.000 euro per la sphinx d che tra l'altro ha meno portata della eq6 synscan.. bho... Io rimango convinto che il sistema migliore era la vixen gp dx + skysensor, se non fosse per la portata ridotta sui 10 kg... la rimpiango molto.


Top
  Profilo    
 
MessaggioInviato: domenica 25 gennaio 2009, 13:07 
Avatar utente

Iscritto il: giovedì 29 maggio 2008, 18:08
Messaggi: 462
Località: Carate Brianza
Tipo di Astrofilo: Visualista e Fotografo
Finalmente una bella recensione su questa montatura, complimenti.
Era propio quello che cercavo in rete da alcuni giorni ma che non riuscivo a trovre.
Ho una domanda, io sarei interessato alla versione normale della sphinx, non alla delux,
per caricarci circa 7/8 kg, ne ho trovata una usata a 1150€ con cannocchiale polare,
treppiede Hal130, contrappeso aggiuntivo da 2Kg e mezza colonna;
le prestazioni della sorella minore sono paragonabili alla Delux?
E soprattutto la porta autoguida è compatibile con lo standard st7 delle starlight?
Sono in procinrìto di acquistare una montatura per un setup leggero e trasportabile
per le nottate veloci, ma non so cosa prendere.
Grazie e ancora complimenti per la bella recensione :wink:

_________________
Lorenzo.


Top
  Profilo    
 
MessaggioInviato: domenica 25 gennaio 2009, 21:43 

Iscritto il: lunedì 11 settembre 2006, 11:27
Messaggi: 1141
Località: Campania
Ringrazio tutti per i commenti positivi.
@ Vittorino : non ho misurato l'errore periodico perchè quando constato che l'autoguida riesce a fare degnamente il suo lavoro non ritengo necessario ulteriori approfondimenti. Non ho fatto alcuna misurazione nè con la vecchia GP-DX, nè con la GM2000
@ Tuvok : l'affidabilità e stabilità l'ho testata in più occasioni, sia notturne che diurne e anche in simulazioni a casa. In particolare, ho tentato di mandare i vari software planetari in crash sconnettendo e riconnettendo più volte la montatura e facendole eseguire sequenze ravvicinate di goto. Perseus non si è sempre comportato bene, mentre CDC non ha mai avuto cedimenti.
@ Zano : lo Starbook ha la porta con jack telefonico standard ST4. Io la guida la eseguo così e non tramite interfaccia Ascom. Credo che, in linea di massima, la Sphinx normale sia identica alla D, solo che non ha i cuscinetti e le corone dentate sono in alluminio e non in bronzo. Gli assi sono in alluminio e non in acciaio. Il carico è, ovviamente, minore e credo che sia meno dolce nei movimenti (non ha cuscinetti) e la precisione potrebbe essere un pelo inferiore per via della minore fluidità. Secondo me non bisogna valutare il carico, ma la lunghezza focale alla quale vuoi riprendere. Un C8 pesa poco, ma per lavorare a 2000 di LF ti serve una montatura superiore


Top
  Profilo    
 
MessaggioInviato: domenica 25 gennaio 2009, 22:14 
Avatar utente

Iscritto il: giovedì 29 maggio 2008, 18:08
Messaggi: 462
Località: Carate Brianza
Tipo di Astrofilo: Visualista e Fotografo
Vittorio ha scritto:
Secondo me non bisogna valutare il carico, ma la lunghezza focale alla quale vuoi riprendere. Un C8 pesa poco, ma per lavorare a 2000 di LF ti serve una montatura superiore


No no, la dovrei usare con una focale di ripresa di 400mm o al massimo 500mm.
Gli montrei il c8 solo per fare visuale.
Grazie dei consigli :D
ciao.

_________________
Lorenzo.


Top
  Profilo    
 
MessaggioInviato: lunedì 26 gennaio 2009, 0:50 
Avatar utente

Iscritto il: venerdì 10 febbraio 2006, 17:04
Messaggi: 3041
Località: Catania
Tipo di Astrofilo: Fotografo
Complimenti Vittorio, bella recensione, e a pensare che o una sphinx da un pò ed ancora non l'ho mai usata e mai mi ci sono dedicato per capire come funziona,
ciao, Giuseppe

_________________
Ritchey Chrètien 10" Starworks
Takahashi FSQ 106N
coronado PST
vixen 80M solarscope
SBIG STL 11000/ guide remote
I.S. DMK21 618
MONTATURA ARTIGIANALE
NEQ6 PRO
https://www.facebook.com/groups/2379154 ... 5/?fref=ts ( gruppo foto astronomiche deep sky su FB)
http://giuseppepetralia.interfree.it/index.html
https://plus.google.com/photos/11663000 ... banner=pwa


Top
  Profilo   WWW  
 
MessaggioInviato: lunedì 26 gennaio 2009, 1:26 
Amministratore
Avatar utente

Iscritto il: venerdì 10 febbraio 2006, 0:42
Messaggi: 24738
Località: 41°N 16°E
Tipo di Astrofilo: Visualista
Ti sei meritato un posto qua:

viewtopic.php?f=3&t=984

:) Grazie della recensione

_________________
Immagine

Dobson 60cm f/4
Celestron C8 XLT su Heq5


Top
  Profilo   WWW  
 
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 25 messaggi ]  Vai alla pagina 1, 2, 3  Prossimo

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 4 ospiti


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a:  
Powered by phpBB © 2000, 2002, 2005, 2007 phpBB Group
Traduzione Italiana phpBBItalia.net basata su phpBB.it 2010