1° Forum di Astronomia Amatoriale Italiano

Il primo forum di astrofili per astrofili, nato nel 2000.
Oggi è mercoledì 19 dicembre 2018, 0:16

Menu

* Home
* Iscriviti
* La Bacheca
* F.A.Q.
* Cerca
* Login/Logout 

Login

Nome utente:
Password:

 Ho dimenticato la password

In Linea

Visitano il forum: Bing [Bot] e 3 ospiti

Regolamento

regolamento

Links

*
Astrocafè

Segnala bolide
* Meteoblue.com
* Previsioni seeing
* Il Meteo.it
Help Forum
 

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora




Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 43 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente  1, 2, 3, 4, 5  Prossimo
Autore Messaggio
MessaggioInviato: domenica 6 maggio 2018, 21:36 
Avatar utente

Iscritto il: mercoledì 15 ottobre 2008, 17:01
Messaggi: 20566
Località: Firenze
Tipo di Astrofilo: Visualista e Fotografo
Bisogna fare attenzione, perchè uno dei grossi difetti di quel Cheshire lungo è che basta che non stia perfettissimo nel fuocheggiatore che un minimo disassamento viene amplificato. Va controllato quindi che si inserisca nel fuocheggiatore senza ballarvi dentro, altrimenti quando lo si blocca va ad assumere una posizione inclinata che fa sballare tutto.

_________________
Ciò che non ha termine non ha figura alcunaLeonardo da Vinci


Top
  Profilo    
 
MessaggioInviato: domenica 6 maggio 2018, 22:55 
Avatar utente

Iscritto il: martedì 28 novembre 2006, 9:31
Messaggi: 3571
Tipo di Astrofilo: Visualista
Ce l'avete tutti con sto benedetto Cheshire lungo... :D Non vi capisco. Io ce l'ho e mi trovo molto bene.
fabio_bocci ha scritto:
Bisogna fare attenzione, perchè uno dei grossi difetti di quel Cheshire lungo è che basta che non stia perfettissimo nel fuocheggiatore che un minimo disassamento viene amplificato.
Concordo che esista il pericolo e l'ho scritto anch'io ma quello è un difetto del classico collare ferma oculari di tutti i focheggiatori che non è autocentrante, non del povero Cheshire. E' un problema che si può creare anche con oculari di un certo peso e volume.
Mi si dirà: con un Cheshire più corto lo sbalzo sarebbe inferiore e dunque anche l'eventuale disassamento si amplificherebbe meno.
Rispondo: se fosse più corto non si riuscirebbe ad inquadrare tutto il secondario dei newton f/5 come i Gso 10 e 12".

Stesso discorso lo scalino.
Mi dite: Se non ci fosse si potrebbe inserire di più.
Per far che? Dico io. Anche in questo caso si perderebbe la visione totale del secondario. Almeno sugli f/5.

_________________
Stefano
Binocoli: APM 23-41x100; Vortex Vulture 10x50; Pentax Papilio 6,5x21
Telescopi: Dobson GSO 300 deluxe; WO Zenithstar 66SD


Top
  Profilo    
 
MessaggioInviato: lunedì 7 maggio 2018, 8:21 
Avatar utente

Iscritto il: mercoledì 15 ottobre 2008, 17:01
Messaggi: 20566
Località: Firenze
Tipo di Astrofilo: Visualista e Fotografo
Eh si Stevedet, i fatti sono questi. Per la collimazione dei Newton c'è spesso da superare l'ostacolo del fuocheggiatore che se non è molto preciso incide sul posizionamento dei collimatori, sia del Cheshire che soprattutto del collimatore laser. Sarebbe bello trovare un tubo di diametro esterno di 2" per poterlo inserire nel fuocheggiatore sino quasi a sfiorare il secondario. In questo modo si vedrebbe bene se quest'ultimo fosse posizionato bene o meno. Purtroppo i tubi dell'acqua da 2" hanno questa misura come diametro interno e non esterno.

_________________
Ciò che non ha termine non ha figura alcunaLeonardo da Vinci


Top
  Profilo    
 
MessaggioInviato: lunedì 7 maggio 2018, 9:52 
Avatar utente

Iscritto il: sabato 11 febbraio 2006, 12:43
Messaggi: 14777
Località: Milano
Tipo di Astrofilo: Visualista
stevedet ha scritto:
Stesso discorso lo scalino.
Mi dite: Se non ci fosse si potrebbe inserire di più.
Per far che? Dico io. Anche in questo caso si perderebbe la visione totale del secondario. Almeno sugli f/5.

Non è solo per la visione totale del secondario, avere la cesira senza scalino (io lo ho così) permette innanzitutto la verifica dell'assialità d'inserimento (verificare che il crocicchio non vada a spasso e nel caso spessorare opportunamente), inserendolo piu o meno nel focheggiatore è utile anche (riducendo il campo) verificare il centraggio dei riflessi.
In breve la cesira lunga (secondo me) ha senso proprio se senza scalino in modo che si possa inserire nel focheggiatore a distanze diverse, sul Barile mi vengono collimazioni molto piu accurate rispetto alla cesira corta, in caso contrario (sempre secondo me) fa perfettamente il suo dovere quest'ultima (ho anche quella) con lo scalino o al limite un tappino forato con aggiunta di crocicchio.

_________________
Associazione Astronomica Mirasole (Astromirasole).
Home page: http://astromirasole.org
Facebook: https://www.facebook.com/AstroMirasole/


Newton: Barile 400/1830 mm; Obice 200/1650 mm; Bidoncino 114/1300 mm con primario disalluminato. ••• Rifrattori: Nano apo 80/480 mm; Milo acro 76/1400 mm; 60ino acro 60/700 mm. ••• Binocoli: Vixen Ark 30x80, Vixen Ultima 8x56, Vortex Diamonback 8x42, Canon 10x30 IS II, Vortex Vanquish 8x26, Pentax Papilio 6,5x21.


Top
  Profilo   WWW  
 
MessaggioInviato: lunedì 7 maggio 2018, 18:27 
Avatar utente

Iscritto il: martedì 7 febbraio 2017, 9:17
Messaggi: 310
Località: Verbania
Tipo di Astrofilo: Visualista
Sinceramente non capisco come collimare con cheshire. Abbandonato il chesh ho svitato dallo stesso il tappino forato e l'ho adattato ad un riduttore per oculare. Guardando dentro ho, occultando il primario, sistemato il ss in modo che sia perfettamente circolare e centrato nel bordo del focheggiatore, ho levato il foglio che occulta il primario ed ho centrato perfettamente il primario nel secondario prendendo come riferimento i tre sostegni del primario (che col chesh non si vedono e quindi non capisco come si possa fare) ho poi agendo sulle viti del primario posto il riflesso del secondario al centro perfetto.
Ancora non sono riuscito a vedere se il cerchietto del primario sia proprio centrale ma pare di si.
Questo è il massimo che possono fare.
Aspetto una notte senza nuvole per testare sulla Polare.
Ciao.

_________________
"Ogni cometa, come ogni uomo, ha la sua storia" P. Maffei


Top
  Profilo    
 
MessaggioInviato: lunedì 7 maggio 2018, 21:31 
Avatar utente

Iscritto il: martedì 28 novembre 2006, 9:31
Messaggi: 3571
Tipo di Astrofilo: Visualista
Angelo Cutolo ha scritto:
Non è solo per la visione totale del secondario, avere la cesira senza scalino (io lo ho così) permette innanzitutto la verifica dell'assialità d'inserimento (verificare che il crocicchio non vada a spasso e nel caso spessorare opportunamente), inserendolo piu o meno nel focheggiatore è utile anche (riducendo il campo) verificare il centraggio dei riflessi.
In breve la cesira lunga (secondo me) ha senso proprio se senza scalino in modo che si possa inserire nel focheggiatore a distanze diverse, sul Barile mi vengono collimazioni molto piu accurate rispetto alla cesira corta, in caso contrario (sempre secondo me) fa perfettamente il suo dovere quest'ultima (ho anche quella) con lo scalino o al limite un tappino forato con aggiunta di crocicchio.

Angelo, replico solo per il gusto di discutere in un forum, non perché voglia avere ragione a tutti i costi, sia chiaro. A me pare che per verificare l'assialità del Chesire sia molto più efficace roteare il riduttore da 2" a 1,25", dove il cheshire è inserito e bloccato. Io faccio così. Inoltre ho sempre tutta la corsa del focheggiatore per verificare anche in senso longitudinale.
Aggiungo che, secondo me, se lo scalino rimane bene in battuta una volta strette le vitine di blocco questo sia già una buona garanzia di inserimento in asse. Un tubo senza battuta che si possa infilare in profondità diventerebbe molto preciso solo se trovasse un secondo foro guida all'interno del focheggiatore. Allora sì. Se invece rimane pur sempre vincolato solamente dal solito collare di fissaggio degli oculari, non mi pare che cambi molto.
Opinione personale naturalmente. :thumbup:

nosetop73 ha scritto:
ho centrato perfettamente il primario nel secondario prendendo come riferimento i tre sostegni del primario (che col chesh non si vedono e quindi non capisco come si possa fare) ho poi agendo sulle viti del primario posto il riflesso del secondario al centro perfetto.
Ancora non sono riuscito a vedere se il cerchietto del primario sia proprio centrale ma pare di si.
Questo è il massimo che possono fare.
Aspetto una notte senza nuvole per testare sulla Polare.
Ciao.

Ma scusa, il crocicchio del cheshire serve proprio a quello! Invece che fare riferimento ai tre sostegni del primario, che rimane una cosa più imprecisa, è evidente che quando il crocicchio mira con precisione il centro del primario, vuol dire che il secondario è stato centrato perfettamente.

_________________
Stefano
Binocoli: APM 23-41x100; Vortex Vulture 10x50; Pentax Papilio 6,5x21
Telescopi: Dobson GSO 300 deluxe; WO Zenithstar 66SD


Ultima modifica di Angelo Cutolo il martedì 8 maggio 2018, 12:44, modificato 1 volta in totale.
Uniti post consecutivi.


Top
  Profilo    
 
MessaggioInviato: martedì 8 maggio 2018, 8:48 
Avatar utente

Iscritto il: mercoledì 15 ottobre 2008, 17:01
Messaggi: 20566
Località: Firenze
Tipo di Astrofilo: Visualista e Fotografo
Nosetop63, quello che stai facendo è un buon apprendistato, che ti porta ad una buona conoscenza del Newton e di telescopi in genere. Considera alla fine due cose, un minimo di scollimazione con i Newton è inevitabile, ma non è neppure determinante alla fine della qualità delle immagini se è davvero contenuta. Alla fine punta una stella di media luminosità in una sera di buon seeing ad alti ingrandimenti ed osserva se gli anelli di Airy sono concentrici. A quel punto sei a posto.

_________________
Ciò che non ha termine non ha figura alcunaLeonardo da Vinci


Top
  Profilo    
 
MessaggioInviato: martedì 8 maggio 2018, 10:04 
Avatar utente

Iscritto il: martedì 7 febbraio 2017, 9:17
Messaggi: 310
Località: Verbania
Tipo di Astrofilo: Visualista
Grazie Fabio, mi rincuori :D
Pensa che dopo circa 9 mesi che uso il dob solo adesso ho capito la funzione di una rotellina sul focheggiatore che indurisce la rotazione delle due routine di regolazione del fuoco e quindi consente una regolazione più fine...praticamente un parto :P
Magari è per questo che non sono mai riuscito a vedere gli anelli di diffrazione?
C'è da dire che se sfuoco in Intra ed extra vedo comunque sempre il riflesso del secondario proprio in centro al cerchio sfocato della stella.
Il dubbio comunque rimane sulla collimazione, perché se dopo aver collimato coi risultati che ho già scritto col tappo forato, riprovo a fare la stessa cosa col cheshire lungo o con un collimatore laser (economico) la collimazione non c'è.
Mi sono però un po' stancato e non vedo l'ora che dalle mie parti torni un po' di sereno la sera per godermi Giove e tanto altro.

_________________
"Ogni cometa, come ogni uomo, ha la sua storia" P. Maffei


Top
  Profilo    
 
MessaggioInviato: martedì 8 maggio 2018, 10:14 
Avatar utente

Iscritto il: mercoledì 15 ottobre 2008, 17:01
Messaggi: 20566
Località: Firenze
Tipo di Astrofilo: Visualista e Fotografo
Quando avevo il Newton (ora non ce l'ho più...) presi un collimatore laser per aiutarmi nella collimazione. Feci una prova, misi il laser nel fuocheggiatore guardai dove cadeva il raggio, poi lo tolsi, lo rimisi e ripetei l'operazione diverse volte. Il punto rosso del laser cadeva tra una volta e l'altra in una zona di un paio di centimetri di diametro, almeno. Quindi in quel modo non l'avrei mai collimato. Cambiai poi il fuocheggiatore con uno di maggior qualità. Con quello il diametro della zona di incertezza diventò di pochi millimetri e quindi lo potei almeno adoperare! Non ti dico questo per farti cambiare il fuocheggiatore, ma per dire che a volte basta che il fuocheggiatore sia poco preciso che tutto va a pallino. Non dimenticare infine di osservare cosa succede quando muovi il fuocheggiatore da tutto dentro a tutto fuori. La zona puntata dal Cheshire o dal laser deve rimanere la stessa. Altrimenti significa che il Cheshire lavora storto.

_________________
Ciò che non ha termine non ha figura alcunaLeonardo da Vinci


Top
  Profilo    
 
MessaggioInviato: martedì 8 maggio 2018, 10:30 
Avatar utente

Iscritto il: venerdì 27 luglio 2007, 23:20
Messaggi: 8746
Località: Milano
Tipo di Astrofilo: Visualista
fabio_bocci ha scritto:
Non ti dico questo per farti cambiare il fuocheggiatore, ma per dire che a volte basta che il fuocheggiatore sia poco preciso che tutto va a pallino.


considerando che la maggior parte dei newton entry level (e dei dobson in particolare) sono strumenti economici è facile immaginare che non abbiano focheggiatori di qualità...
è la ragione per cui quando avevo il newton non comprai un collimatore laser - l'unica volta che ne usai uno (allo star party del forum) per collimare il secondario, allo star test risultava fuori come una mina e dovetti rifare tutto...
l'avrò usato male direte voi, ma non la feci io la collimazione col collimatore bensì (che parola desueta) un altro astrofilo..
ovviamente molti astrofili li usano con profitto, ma è probabile che abbiano una strumentazione di maggiore qualità. e, in generale, non cedo valga la pena sostituire un focheggiatore su un newton economico...

in sostanza: l'unico newton buono (oltre ad sie Isaac - che poi aveva un caratteraccio) è quello morto :mrgreen:

_________________
dovrete espellere anche me


Top
  Profilo    
 
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 43 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente  1, 2, 3, 4, 5  Prossimo

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Bing [Bot] e 3 ospiti


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a:  
Powered by phpBB © 2000, 2002, 2005, 2007 phpBB Group
Traduzione Italiana phpBBItalia.net basata su phpBB.it 2010