1° Forum di Astronomia Amatoriale Italiano

Il primo forum di astrofili per astrofili, nato nel 2000.
Oggi è mercoledì 20 novembre 2019, 5:43

Menu

* Home
* Iscriviti
* La Bacheca
* F.A.Q.
* Cerca
* Login/Logout 

Login

Nome utente:
Password:

 Ho dimenticato la password

In Linea

Visitano il forum: Nessuno e 3 ospiti

Regolamento

regolamento

Links

*
Astrocafè

Segnala bolide
* Meteoblue.com
* Previsioni seeing
* Il Meteo.it
Help Forum
 

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora




Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 26 messaggi ]  Vai alla pagina 1, 2, 3  Prossimo
Autore Messaggio
 Oggetto del messaggio: Impressioni sull0 SkyWatcher 80ED
MessaggioInviato: martedì 5 settembre 2006, 11:44 
Avatar utente

Iscritto il: mercoledì 8 febbraio 2006, 16:29
Messaggi: 5841
Località: Truccazzano (MI)
Tipo di Astrofilo: Fotografo
Inserisco un nuovo topic con i miei personali commenti su quest'ottica cinese.

questo è il link al mio sito con le immagini:
http://www.astrovalerio.altervista.org/ ... &Itemid=26

ho visto che su alcuni browser su Mac la formattazione del testo non è corretta, ovvero la spaziatura sembrerebbe maggiore del dovuto e il testo va a finire sopra le immagini; mi segnalate eventuali anomalie di visualizzazione...grazie!

SkyWatcher 80ED, un cinese dalla vista acuta

Dopo qualche tempo di prove ecco le mie prime impressioni su questo tubo…che non è un bidone!

Più che una recensione, questa vuole essere una sorta di taccuino degli appunti sulle esperienze maturate con il rifrattore Skywatcher 80ED. Iniziamo subito dalle prime impressioni. L`ho acquistato usato assieme ad una serie di accessori: anelli per il tubo, diagonale a specchio da 2” con adattatore per i 31,7mm, il cercatore 6x30 con relativo supporto e una pratica e robusta valigia per il trasporto marchiata Orion.
Da fuori…
Partiamo dall’esterno: la valigia è di ottima fattura, robusta e con i bordi rinforzati; all`
Interno un sistema di gommapiuma sagomato consente di riporre il tele con montato il diagonale mentre gli anelli, il cercatore ed eventuali altri 3 oculari trovano posto nei vani opportunamente sagomati. Nel complesso l’impressione è stata più che positiva e se proprio dovrei trovarle un difetto, potrei lamentarmi solo del fatto che è un po’ grossina ma questo serve sia a contenere anche gli accessori sia a proteggere adeguatamente il contenuto con ampio utilizzo di materiale dedicato ad attutire vibrazioni e colpi.
Passiamo al tubo; anche qui la prima impressione e che sia grosso per essere solo un 80mm e un rapido confronto con il mio Vixen 80mm f/11 svela il motivo: il tubo utilizzato per il telescopio cinese ha un diametro maggiore perché è lo stesso utilizzato per la versione da 100mm, lo si nota dalla cella dell’obiettivo che è sovradimensionata per il diametro delle lenti. Poco male, anche se il mio scopo era quella do avere un telescopio molto trasportabile e di buona qualità. Il tubo mostra qualche segno dovuto all’utilizzo degli anelli, qualche graffietto, particolare comunque segnalatomi dal precedente possessore. Nel complesso il tele appare di una solidità notevole grazie all’utilizzo abbondante di materiale metallico, dal tubo al focheggiatore; quest’ultimo però, se da un lato mostra l’ottima fluidità dei sistemi crayford senza cremagliera, dall’altro lato si mostrano palesemente poco frizionati quando si applicano accessori pesanti con il tele puntato verso l’alto. Nel mio caso quando provavo a montare una reflex digitale o il diagonale prismatico con un oculare da 2”, anche stringendo al massimo la vite della frizione, ciò non mi garantiva un bloccaggio sufficientemente sicuro. Guardando su internet ho trovato che questo problema era comune agli altri possessori di questo tubo e l´ho risolto in questo modo. Ora è tutto a posto e non ho più accusato problemi del genere.
Sul campo
Nel visuale l’ho utilizzato poco quindi non ho ancora l’opportunità di mettere un feedback in questo senso mentre l’ho provato più a fondo in fotografia, campo per cui ho acquistato proprio questa ottica. L’80Ed monta un doppietto con una lente in FPL-53 che lo rende particolarmente corretto verso l’aberrazione cromatica. C’è chi lo definisce semi-Apo chi Apo, il problema nasce più che altro dal valore che si da a questa parola. Se per apo si intende non vedere il classico spettro secondario intorno agli astri più luminosi o avere un alone blu/viola intorno alle stelle più grosse in fotografia, allora l´80ED è assolutamente un telescopio apocromatico, ma se invece per apo si vuole un telescopio che non presenti mai colori spuri sia nelle immagini a fuoco sia, soprattutto in quelle fuori fuoco o in presenza di forte turbolenza allora l’80ED non può essere classificato come Apo. Io sinceramente osservo e fotografo mettendo a fuoco gli oggetti e non mi interessa controllare se in intra o extra focale ci sia del residuo cromatico (per altro modestissimo) per cui otticamente e soprattutto per la fotografia sotto l’aspetto della correzione cromatica sono assolutamente e pienamente soddisfatto. La focale di 600mm quando la si abbina ad un corpo reflex digitale con sensore più piccolo del 35mm mostra un campo ripreso corrispondente ad un’ottica da 900 o 960mm in base che lo si monti su di un corpo Nikon oppure Canon. La focale risultante è sufficiente per riprendere la maggior parte degli oggetti celesti anche se per alcune nebulose planetarie o galassie può risultare ancora insufficiente. Dopo aver fatto i primi scatti ho notato con piacere la notevole correzione cromatica mostrata da questo obiettivo, tutto un altro mondo rispetto ai miei precedenti rifrattori Vixen acromatici 80M e NA120S. La vignettatura mostrata sul formato APS delle reflex digitali è del tutto trascurabile e facilmente annullabile sia attraverso un classico flat field che tramite programmi appositi per la conversione dei file RAW come CameraRAW di Adobe o Nikon Capture NX. Meno positiva invece il risultato della curvatura di campo, l´80ED è un rifrattore corto ed è quindi comprensibile un certo degrado della qualità verso i bordi (le mie precedenti esperienze riguardavano solamente il VIXEN NA120S che ha un apposito doppietto spianatore per risolvere questo problema e i teleobiettivi fotografici che vengono progettati proprio per garantire una qualità decente su tutta la superficie del sensore delle digitali), sui bordi in effetti è molto evidente la perdita di puntiformità delle stelle, soprattutto quelle più luminose. Con soggetti piccoli come galassie e nebulose planetarie si può tranquillamente croppare la parte centrale più corretta e dormire sonni sereni ma se si vuole utilizzare tutto il campo offerto da questo telescopio occorre dotarsi di uno spianatore di campo. Purtroppo ne Skywatcher ne gli altri brand che commercializzano questo tele cinese, ne hanno mai sviluppato uno specifico e cosi si è costretti ad adattare modelli progettati per altri telescopi. Su internet si trova davvero di tutto, molti hanno utilizzato il classico e diffuso riduttore Meade/Celestron 0,6x con risultati comunque accettabili, altri invece hanno raggiunto una qualità ottima abbinando i riduttori/spianatori da 0,8x di William Optics e TeleVue. L’applicazione di uno spianatore non e cosa semplice perché questo offrirà i migliori risultati solo ad una precisa distanza dall’obiettivo e vanno considerati quindi anche eventuali prolunghe per permettere al gruppo ottico aggiuntivo di lavorare al meglio...ci penserò su. E sul tubo mi sembra di aver detto tutto: ottima qualità ottica, meccanica perfezionabile, peso sopra la media e rifiniture da tipico cinese...per il prezzo a cui viene proposto non si potrebbe desiderare comunque di più, a meno di non raddoppiare la cifra da stanziare per l’acquisto dell’ottica.
Il contorno
Faccio un breve passo indietro e torno sugli accessori. Il diagonale a dire il vero non l’ho neanche provato...avevo già il mio da 2” con cui mi trovo molto bene e non mi è neanche venuto in mente di provarlo ma la qualità costruttiva non è da riferimento, quindi mi aspetto una resa nella norma ma niente di più, anche se spero di essere smentito appena ho il tempo per provarlo. Gli anelli del tubo sono di qualità inferiore a quelli, per esempio, di Vixen; fanno egregiamente il loro dovere ma come realizzazione si poteva fare qualcosa di più...a proposito, i fori filettati non hanno il classico passo inglese come i vari prodotti Vixen che adottano le filettature tipiche del mondo fotografico, ma utilizzano i classici passi nostrani. Questo, se da un lato rende di estrema facilità il reperimento di viti per il fissaggio di accessori, rende un poco più complessa la vita a chi ha già tutta la strumentazione basata su misure ben specifiche; cosi adesso ho una serie di viti con passo diversificato a parità di diametro...di notte al buio ciò non aiuta! Per concludere, ho trovato utilissimo la piastra fissa sul tubo per l’aggancio ai treppiedi fotografici (qui fortunatamente il passo del foro filettato è quello giusto!). Mi ha permesso molte volte di prendere l’80Ed e montarlo in pochi secondi su un treppiede per rapide e fugaci osservazioni e riprese...mi ricordo qualche macchia solare, Giove al tramonto e la Luna ai primi giorni. Normalmente sono visioni che mi sarei perso perché estremamente fugaci e presenti in una fascia oraria in cui l’ídea di tirar fuori dall’armadio e montare tutto il telescopio non si può assolutamente prendere in considerazione! Beh, anche qui avrei preferito una barra più lunga e con diversi fori oppure traslabile per bilanciare il tutto ma comunque anche cosi com’è fa il suo dovere.
Conclusioni
Se sia apo o semiApo lo lascio a voi da decidere...a me servivano certi risultati e questo tele ha dimostrato di essere in grado di raggiungerli. Meccanicamente non si può assolutamente confrontare con un AP, TeleVue o Takahashi e neppure ai più semplici e spartani Vixen. Di questi ultimi adotta diverse soluzioni estetiche/funzionali ma avendoli tutti e due posso confermare che le realizzazioni giapponesi, pur con i loro limiti, sono assolutamente superiori a quelle cinesi. Qualche problema iniziale con il focheggiatore è stato risolto con una leggera miglioria artigianale. Rimane a mio avviso eccessiva la dimensione del tubo, sono d’accordo alle economie costruttive, ma per un prodotto che nasce come piccolo e trasportabile sarebbe stato più saggio adottare un tubo dalle misure proporzionate al diametro e non adattare quello del modello da 100mm. Questo a fatto si che la cella dell’obiettivo sia di dimensioni ragguardevoli e, essendo realizzata in metallo, anche estremamente pesante pur potendosi avvantaggiare da un’ottima stabilità del posizionamento delle lenti negli anni. La cella infatti non e registrabile e anche su questo fattore non ho lamentele da fare. Posseggo il Vixen 80M da oltre 10 anni e l’ho sballottolato (passatemi il termine..rende bene l’ídea) da tutte le parti: in macchina, su strade di montagna, ovunque...ed è ancora perfettamente allineato. Anche il Vixen NA120S non ha la cella registrabile e anche se il diametro è di 120mm, mostra una figura di diffrazione da manuale; quindi il fatto che la cella sia fissa non mi preoccupa affatto. Ho trovato molto comoda la possibilità di agganciare il tubo direttamente su un treppiede fotografico, si può utilizzare come fieldscope o per osservazioni estemporanee..questo e´forse l’aspetto che non conoscevo e che ho apprezzato di più. Adesso concludo davvero...l´80ED mi ha soddisfatto anche se non mi ha entusiasmato per alcuni lati oscuri che ho evidenziato poco sopra. Lo consiglierei a chi vuole un telescopio pratico e di ottima qualità per osservazioni e fotografia (in questo caso farei anche un pensierino ad uno spianatore) mentre per chi vuole il massimo, sia otticamente che meccanicamente lo indirizzerei verso altri lidi, ovviamente con la sicurezza di dover sborsare almeno una cifra doppia se non tripla a parità di diametro.


Ultima modifica di valerio il mercoledì 17 ottobre 2007, 21:08, modificato 2 volte in totale.

Top
  Profilo    
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: martedì 5 settembre 2006, 12:12 
Avatar utente

Iscritto il: giovedì 9 febbraio 2006, 8:56
Messaggi: 1172
Località: Agnadello CR
Mamma mia una recensione così ben fatta e competente meriterebbe di essere retribuita. Complimenti per la professionalità.

_________________
Strumenti:
due lenti rigate e vissute
- 5,75/10 dx -9/10 sx


Top
  Profilo   WWW  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: martedì 5 settembre 2006, 12:43 
Avatar utente

Iscritto il: giovedì 9 febbraio 2006, 10:55
Messaggi: 600
Località: Bologna
Strano, io avrei pensato che un vixen 80 f11 desse dei gran punti da quasi tutti i punti (e ridanghete) di vista a un ED siffatto.

Augusto

_________________
I never go out unless I look like Joan Crawford, the movie star. If you want to see the girl next door, go next door.

Joan Crawford

----------------

Ed 80, acro 80 f5 per guida con toucam su eq6, eos 600d; tal 100rs


Top
  Profilo    
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: martedì 5 settembre 2006, 12:50 
Avatar utente

Iscritto il: mercoledì 8 febbraio 2006, 15:25
Messaggi: 7923
Località: Roma
Tipo di Astrofilo: Visualista e Fotografo
E' una recensione davvero ben fatta, bravo!! :D

_________________
"A Los Angeles hai perso i tuoi privilegi..."


Top
  Profilo   WWW  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: martedì 5 settembre 2006, 13:12 
Avatar utente

Iscritto il: mercoledì 8 febbraio 2006, 16:40
Messaggi: 5814
Località: Magenta (MI)
No, l'80 f/11 non arriva proprio alle prestazioni degli 80ED cinesi : ho il Celestron 80ED ormai da quasi due anni e francamente non spenderei cifre triple per quel filo che manca alla perfezione.
Se avessi esigenze fotografiche spinte, forse potrei giustificare 1.500€ per un 80mm, ma visto che così non è...

Cieli sereni !

Alessandro Re

_________________
Sono socio del GAR http://www.astrofilirozzano.it e del GFP http://www.gruppofotograficoilponte.it
2 Dobson ARIETE: 14" +16"exmdl f/4,5
Celestron C8 , Newton 8" SW e Vixen 120S-NA su Vixen Sphinx SXW ; Celestron C80ED/OmniXLT100ED e C5 su CG5-GT/Vixen Porta
Torrette Baader Maxbright + Denkmeier DualArm PxS NPack + 2Antares 19mm 70°, Televue Nagler zoom 3-6mm, 7mm T1, 13mm T2 e T6, Pan 24mm.
Binocolo Steiner Rallye 20x80 su pantografo G. Fiorini normale e Maxi


Top
  Profilo    
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: martedì 5 settembre 2006, 13:32 
Avatar utente

Iscritto il: mercoledì 8 febbraio 2006, 15:55
Messaggi: 10272
Località: Salento
Valerio... ben fatto!
ottima recensione.

magari modifica il topic e in fondo aggiungi pure il link alla prova sul tuo sito..con le foto.

La necessità di avere le prove qui e' solo per poterle elencare qui e non avere mai problemi di link non funzionanti.
Siccome il testo qui e' riportato... metti pure il link cosi' si vede l'ottima prova con immagini ;)

Grazie ancora!


Top
  Profilo   WWW  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: martedì 5 settembre 2006, 14:02 
Avatar utente

Iscritto il: mercoledì 8 febbraio 2006, 16:29
Messaggi: 5841
Località: Truccazzano (MI)
Tipo di Astrofilo: Fotografo
Christian Cernuschi ha scritto:
Valerio... ben fatto!
ottima recensione.

magari modifica il topic e in fondo aggiungi pure il link alla prova sul tuo sito..con le foto.

La necessità di avere le prove qui e' solo per poterle elencare qui e non avere mai problemi di link non funzionanti.
Siccome il testo qui e' riportato... metti pure il link cosi' si vede l'ottima prova con immagini ;)

Grazie ancora!


Grazie!

link messo all'inizio del topic!

Valerio


Top
  Profilo    
 
 Oggetto del messaggio: Re: Impressioni sull0 SkyWatcher 80ED
MessaggioInviato: martedì 5 settembre 2006, 14:40 
Avatar utente

Iscritto il: giovedì 9 febbraio 2006, 8:56
Messaggi: 1172
Località: Agnadello CR
valerio ha scritto:

ho visto che su alcuni browser su Mac la formattazione del testo non è corretta, ovvero la spaziatura sembrerebbe maggiore del dovuto e il testo va a finire sopra le immagini; mi segnalate eventuali anomalie di visualizzazione...grazie!


Io utilizzo Mac e ti confermo le anomalie di formattazione del testo sia usando Safari che usando Explorer. Sul pc invece tuttok

_________________
Strumenti:
due lenti rigate e vissute
- 5,75/10 dx -9/10 sx


Top
  Profilo   WWW  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: martedì 5 settembre 2006, 14:52 
Avatar utente

Iscritto il: mercoledì 8 febbraio 2006, 16:29
Messaggi: 5841
Località: Truccazzano (MI)
Tipo di Astrofilo: Fotografo
Grazie Seve...Anch’io in redazione utilizzo mac e mi sono accorto dell’anomalia con qualsiasi browser (Explorer, Safari, Camino, Firefox e Opera…), volevo capire se fosse il mio Mac o è davvero così per tutti quelli che non hanno un sistema operativo di Guglielmo Cancelli.

_________________
Qualcosa sulla "mia" astrofotografia
La mia gallery su Astrobin


Top
  Profilo    
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: martedì 5 settembre 2006, 15:01 
Avatar utente

Iscritto il: mercoledì 8 febbraio 2006, 15:55
Messaggi: 10272
Località: Salento
io non uso Finestre XP ma Linux con Firefox e lo vedo correttamente.
Ciao

Christian


Top
  Profilo   WWW  
 
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 26 messaggi ]  Vai alla pagina 1, 2, 3  Prossimo

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 3 ospiti


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a:  
Powered by phpBB © 2000, 2002, 2005, 2007 phpBB Group
Traduzione Italiana phpBBItalia.net basata su phpBB.it 2010