1° Forum di Astronomia Amatoriale Italiano

Il primo forum di astrofili per astrofili, nato nel 2000.
Oggi è giovedì 22 agosto 2019, 6:05

Menu

* Home
* Iscriviti
* La Bacheca
* F.A.Q.
* Cerca
* Login/Logout 

Login

Nome utente:
Password:

 Ho dimenticato la password

In Linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite

Regolamento

regolamento

Links

*
Astrocafè

Segnala bolide
* Meteoblue.com
* Previsioni seeing
* Il Meteo.it
Help Forum
 

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora




Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 5 messaggi ] 
Autore Messaggio
MessaggioInviato: giovedì 25 maggio 2006, 10:41 

Iscritto il: mercoledì 8 febbraio 2006, 18:18
Messaggi: 70
Località: roma
Descrivo le modifiche realizzate su un rifrattore 80/400 cinese, perche' credo siano utili a chiunque possieda un rifrattore cinese anche di differente diametro. Quanto descritto non e' tutta "farina del mio sacco", infatti alcuni suggerimenti sono stati reperiti sui vari siti web di astrofili,
sui forum presenti in rete e da consigli ricevuti da esperti. Le operazioni descritte sono tutte state realizzate sul mio tele, in quanto "bisognoso di cure", ho infatti eliminato il coma e ridotto quasi a zero l'astigmatismo. Pero' ricordate:

1) tutto quello che funziona bene non si tocca
2) se i difetti sono lievi o sopportabili, vale il punto 1
3) se il vostro tele e' proprio scollimato, non ortogonale, potete procedere ma a vostro rischio (non sono responsabile per eventuali problemi). Le modifiche non sono difficili, ma se realizzate maldestramente possono peggiorare la situazione. Infine qualsiasi manomissione fa decadere la garanzia
4) qualsiasi cosa si smonta, deve essere preventivamente segnata, per poterla poi rimontare correttamente
5) Polvere e sporcizia devono essere "allontanate" (non c'e' bisogno di una sala operatoria, pero' e' meglio fare attenzione).

Dall'esperienza maturata con il mio tele, posso affermare che i prodotti cinesi non sono rifiniti allo stesso modo, cioe' 2 tele uguali forniscono prestazioni differenti credo a causa dell'assenza di controlli finali (affermazioni simili le trovate anche in rete). Quindi puo' accadere di avere una cella disallineata solo perche' in lavorazione non e' stata rifinita
correttamente (sbavature o gradini che impediscono il corretto accoppiamento con il tubo). Ovviamente interventi diretti sui vetri delle lenti non posono essere fatti da noi semplici utenti finali, ma "aggiustamenti" nella parte meccanica sono alla portata di tutti.

Controllo dell'ortogonalita'
Il centro dell'oculare deve coincidere con il centro del fuocheggiatore e delle lenti. Ovvero deve essere tutto in asse ( tubo, fuocheggiatore, diagonale e lenti).Un primo controllo grossolano consiste nel puntare un oggetto al centro del'oculate e ruotare la diagonale. Se l'oggetto rimane al centro (tenuto conto dell'eventuale inseguimento ad opera della montatura e dell'ingrandimento usato) la diagonale ha lo specchio "centrato". Nel mio caso la diagonale era visibilmente storta, infatti lo specchio era incollato con una goccia esagerata di silicone, e non era in piano con il suo supporto. Per rimediare, basta staccare con delicatezza lo specchio e rincollarlo corretamente.
Con l'aiuto di un calibro verificare che la distanza tra i bordi dello specchio ed il supporto sia uguale (ovviamente attenzione, un graffio puo' rovinare tutto). Con una livella ed un piano orizzontale (che potrebbe essere anche un davanzale preventivamente controllato con la livella), verificare dopo averli smontati dalla diagonale sia il portaoculare che il supporto che si inserisce nel fuocheggiatore. Anche il calibro puo' essere utile per le misure del caso. Ricordate di segnare la posizione di tutto cio' che smontate (viti e bulloncini compresi).
Per controllare che tutto il tele sia ortogonale cioe' in asse, deve essere tolto dalla montatura, senza diagonale e tappi e posto sopra il piano orizzontale (verificato preventivamente con una livella), la cella che "tiene" le lenti andra' appoggiata sul piano orizzontale con le lenti rivlte in basso. Appoggiare la livella sull'estremita' del fuocheggiatore (tutto inserito) e ripetere la misura girando la livella di 90°. Poi estraete il fuocheggiatore e ripetete la misura: la bolla deve essere sempre al centro, con qualsiasi angolazione ed estrazione del fuocheggiatore. Se non risultasse tutto in asse, si puo' provare a regolare il fuocheggiatore. Infatti dovrebbe essere provvisto nella parte superiore (vicino al supporto del cercatore) di 2 grani affogati in 2 piccoli forellini. E' necessaria una piccola chiave a brucola. Segnate di quanti "giri" spostate i grani.
Se la regolazione non ha effetto, si puo' provare a far ruotare la cella, avendo prima rimosso le viti di fissaggio. Puntando un oggetto, questo non deve spostarsi dal campo inquadrato mentre si ruota la cella ed avendo cura di non inclinarla rispetto al tubo. Se l'oggetto non rimane centrato, il disallineamento e' localizzato tra cella e tubo, oppure sulla cella stessa. Se anche in questo caso non si riesce a capire dov'e' il problema, il tele deve essere smontato per verificare singolarmente ogni componente con l'utilizzo della livella ed eventualmente di un calibro. (segnate tutte le posizioni, facendo anche dei segni di allineamento sui vari componenti). La procedura e' sempre la stessa: appoggiare la parte del tele sul piano orizzontale ed appoggiare all'altra estremita' la livella. Per quanto riguarda il tubo di metallo, con il calibro, controllare che i fori delle viti per il fissaggio della cella siano equidistanti dal bordo. Stesso discorso per i fori della cella. Nel mio caso e' stato necessario smontare completamente la cella, e controllare la ghiera di fissaggio, il bordo interno di supporto per le lenti (con il calibro ho controllato la profondita' del bordo di supporto relativa al bordo della cella) e la cella stessa.
Precisazione
Con l'utilizzo della livella e del calibro non si otterranno delle misure precise, ma comunque disallineamenti grossolani potranno essere rimossi.

Coma e tensionamenti dell'ottica
Ovviamente massima attenzione nel maneggiare le lenti e segnate ogni posizione delle parti smontate. (soprattutto le lenti)
Se le lenti non sono perfettamente parallele tra loro, i 2 fuochi non coincidono e si ha l'insorgenza del coma. Il parallelismo puo' essere recuperato interponendo degli spessori oppurtunamente dimensionati (che, come mi e' stato suggerito, possono essere realizzati con la semplice carta di alluminio da cucina - In realta', come mi e' stato spiegato, esistono sagome di metallo opportunamente dimensionate). La soluzione che ho adottato e' stata quella di inserire nella cella 3 bulloncini piccoli a 120° che premono sulla lente frontale;e' stato necessario cambiare i distanziatori tra le due lenti, i quali dovevano risultare leggermente cedevoli (e qui' la carta di alluminio ripiegata piu' volte, si e' rivelata utile).I bulloncini sono "ancorati" alla ghiera che regge le lenti,dalla parte interna.Ogni bulloncino e' retto da 2 piccoli dadi "affogati" e successivamente incollati nella plastica della ghiera.Ho poi rinforzato la piccola struttura (bulloncino + 2 dadi) con una piccola lamella di metallo saldata (con stagno) su entrambi i dadi e a sua volta parzialmente "affondata" nella plastica della ghiera.Su ogni bulloncino ho inserito una molla per evitare il naturale allentamento,e nella parte che preme la lente,ho incollato un pezzetto di panno morbido.Infine ho sostituito i 3 distanziatori originali posti tra le lenti.Ho riavvitato la ghiera nella cella,avendo cura di non stringerla troppo, ora infatti ci sono i 3 bulloncini che oltre a regolare l'allineamento provvedono alla tenuta delle lenti ed il pezzetto di panno morbido incollato sulla punta, rimedia anche alle inevitabili tensionamenti dell'ottica dovute alla presenza della cella in plastica. La collimazione dello strumento e' avvenuta con l'ausilio di una stella, e in circa 20 minuti sono riuscito ad ottenere una collimazione decente,infatti ora il coma e'scomparso.Ho ottenuto un leggero miglioramento dell'immagine, ruotando tra loro le 2 lenti. Infatti per le inevitabili tolleranze di lavorazione, il bordo di ogni singola lente non potra' avere la stessa altezza, ed una volta accoppiate si avra' il disallineamento del fuoco. Per questo il tentativo di ruotarle fra loro puo' portare a miglioramenti dell'immagine. Attenzione: le lenti non devono essre troppo strette dalla ghiera ed i bulloncini devono premere leggermente sulle lenti (pena l'insorgenza di tensionamenti e di nuovo il disallineamento dei fuochi)
Se avete proseguito con lo smontaggio del tele fino a questo punto, prima di rimontarlo vale la pena di annerire i bordi delle lenti e ricoprire con il vellutino nero tutto cio' che e' possibile ricoprire (interno del tubo, fuocheggiatore, diagonale, ecc...)

Un esempio sul miglioramento che ho ottenuto: l'anno passato vedevo Saturno con gli anelli senza la divisione di Cassini, le stelle mostravano un coma vistoso. Ora Vedo Saturno con la divisione Cassini e gli anelli con la differente luminosita' tra quelli esterni ed interni, le stelle sono puntini e solo spingendo gli ingrandimenti oltre 130, con stelle molto luminose, appaiono gli anelli di diffrazione da un lato con una colorazione che tende al rosso e dall'altro che tende al blu. L'effetto e' comunque minimo, ed e' dovuto ai 3 bulloncini che servono per collimare le lenti: quando sono in azione premono sul vetro della lente, spostano anche se di pochissimo la lente stessa (spostando quindi il fuoco di una lente rispetto all'altra). Sulle stelle doppie posso spingere gli ingrandimenti fino a 266x, con l'unico effetto negativo di una minore luminosita'.
Per concludere, credo che le modifiche siano alla portata di tutti, basta avere un minimo di attenzione ed essere ordinati (segnare la posizione di tutto quello che si smonta ed evitare di sporcare)
Buon lavoro.

Ciao

Fabrizio

05-06-06 il link della prova dello strumento http://forum.astrofili.org/viewtopic.php?t=2314


Ultima modifica di fabrizio il lunedì 5 giugno 2006, 9:06, modificato 1 volta in totale.

Top
  Profilo    
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: giovedì 25 maggio 2006, 16:56 
Operatore Commerciale
Avatar utente

Iscritto il: mercoledì 8 febbraio 2006, 19:28
Messaggi: 1656
Località: Prov. di Alessandria
Tipo di Astrofilo: Visualista e Fotografo
Ciao
Complimenti, molto interessante :)


Top
  Profilo    
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: venerdì 26 maggio 2006, 11:55 
Avatar utente

Iscritto il: martedì 2 maggio 2006, 8:59
Messaggi: 5078
Località: Roma
Tipo di Astrofilo: Visualista
Molto interessante, solo non ho capito bene dove poggiano le viti e in che modo regolano le lenti.
Potresti mettere uno schizzo?

_________________
Claudio

"Los que van con prisa, nunca ven el cielo"
Gruppo Astrofili Hipparcos, Roma - http://www.hipparcos.it/
Osservo con:
Principalmente con Celestron C5, binocoli vari, occhio nudo e tutto ciò che si può puntare verso il cielo.


Top
  Profilo   WWW  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: lunedì 5 giugno 2006, 9:03 

Iscritto il: mercoledì 8 febbraio 2006, 18:18
Messaggi: 70
Località: roma
Di seguito la foto. Se hai dubbi scrivi.

Ciao

Fabrizio[img]http://forum.astrofili.org/userpix/69_IM000445_1.jpg


Top
  Profilo    
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: venerdì 9 giugno 2006, 19:00 
Avatar utente

Iscritto il: martedì 2 maggio 2006, 8:59
Messaggi: 5078
Località: Roma
Tipo di Astrofilo: Visualista
OK grazie! ;)

_________________
Claudio

"Los que van con prisa, nunca ven el cielo"
Gruppo Astrofili Hipparcos, Roma - http://www.hipparcos.it/
Osservo con:
Principalmente con Celestron C5, binocoli vari, occhio nudo e tutto ciò che si può puntare verso il cielo.


Top
  Profilo   WWW  
 
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 5 messaggi ] 

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a:  
Powered by phpBB © 2000, 2002, 2005, 2007 phpBB Group
Traduzione Italiana phpBBItalia.net basata su phpBB.it 2010