1° Forum di Astronomia Amatoriale Italiano

Il primo forum di astrofili per astrofili, nato nel 2000.
Oggi è venerdì 26 aprile 2019, 4:55

Menu

* Home
* Iscriviti
* La Bacheca
* F.A.Q.
* Cerca
* Login/Logout 

Login

Nome utente:
Password:

 Ho dimenticato la password

In Linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite

Regolamento

regolamento

Links

*
Astrocafè

Segnala bolide
* Meteoblue.com
* Previsioni seeing
* Il Meteo.it
Help Forum
 

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora


Regole del forum



IMPORTANTE: Regole per usare correttamente la sezione Scienze Astronomiche



Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 47 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente  1, 2, 3, 4, 5  Prossimo
Autore Messaggio
 Oggetto del messaggio: Re: 1I/Oumuamua (2017 U1)
MessaggioInviato: martedì 27 novembre 2018, 16:03 

Iscritto il: mercoledì 21 febbraio 2007, 12:50
Messaggi: 2456
No comment! :shock: :shock: :shock: :shock:

https://arxiv.org/ftp/arxiv/papers/1811/1811.08832.pdf

Ciao.
Roberto Gorelli


Top
  Profilo    
 
 Oggetto del messaggio: Re: 1I/Oumuamua (2017 U1)
MessaggioInviato: domenica 2 dicembre 2018, 16:36 
Avatar utente

Iscritto il: domenica 8 maggio 2011, 20:54
Messaggi: 8992
Località: Francia Corta (Bs)
Ma guarda un po'!
Volevo tradurre l'articolo sopra linkato per i non anglofoni, ma la redazione ha già provveduto:

LE SCIENZE - 01 dicembre 2018
Le sei stranezze dell'oggetto interstellare 'Oumuamua

:wave:

Estratto:
... Nel contemplare la possibilità di un’origine artificiale, dovremmo tenere a mente ciò che diceva Sherlock Holmes: “Quando hai escluso l’impossibile, qualsiasi cosa rimanga, per quanto improbabile, dev’essere la verità”. Il satellite Kepler ha rivelato che circa un quarto di tutte le stelle nella Via Lattea ha un pianeta abitabile della dimensione della Terra, che potenzialmente potrebbe avere acqua liquida sulla sua superficie e una chimica della vita per come la conosciamo. È quindi concepibile che lo spazio interstellare sia pieno di detriti prodotti artificialmente, o sotto forma di dispositivi che servono a uno scopo in una missione di ricognizione o sotto forma di attrezzature dismesse. Tuttavia, per convalidare l’ipotesi di un’origine artificiale esotica per ‘Oumuamua, abbiamo bisogno di più dati. Come disse Carl Sagan: “Affermazioni straordinarie richiedono prove straordinarie”. ...

_________________
Ippo (Costanzo)
"Una cosa ho imparato nella mia lunga vita: che tutta la nostra scienza è primitiva e infantile
eppure è la cosa più preziosa che abbiamo" (A. Einstein).

Immagine :lol: :D Immagine :D :lol: Immagine


Top
  Profilo    
 
 Oggetto del messaggio: Re: 1I/Oumuamua (2017 U1)
MessaggioInviato: martedì 4 dicembre 2018, 13:46 
Avatar utente

Iscritto il: lunedì 4 settembre 2006, 13:29
Messaggi: 5395
Località: Mugello
Tipo di Astrofilo: Visualista
Assolutamente affascinante e intrigante.... :think: :D
Oltre al buon Sherlock a me viene in mente anche Frà Guglielmo di Occam :matusa: :wink:

_________________
Il Cielo Stellato sopra di Me e la Legge Morale in Me. Kant
Grandi Menti parlano di Idee, Menti Mediocri parlano di Fatti, Menti Piccole parlano di Persone. Eleanor Roosevelt


Top
  Profilo    
 
 Oggetto del messaggio: Re: 1I/Oumuamua (2017 U1)
MessaggioInviato: venerdì 4 gennaio 2019, 14:10 

Iscritto il: mercoledì 21 febbraio 2007, 12:50
Messaggi: 2456
Un nuovo papero molto interessante sulla possibile frequenza degli "interstellari":

https://arxiv.org/pdf/1901.00508.pdf

Ciao.
Roberto Gorelli


Top
  Profilo    
 
 Oggetto del messaggio: Re: 1I/Oumuamua (2017 U1)
MessaggioInviato: venerdì 11 gennaio 2019, 14:12 

Iscritto il: mercoledì 21 febbraio 2007, 12:50
Messaggi: 2456
https://arxiv.org/pdf/1811.00023.pdf

Ecco un papero veramente scientifico, con tutte le formule matematiche necessarie per fare e verificare ipotesi.
Io non sono in grado di entrare nel merito, magari c'è semplicemente un + o un - che invalida tutto, spero di no
perché il papero "apparentemente" è fatto molto bene.
Ciao.
Roberto Gorelli


Top
  Profilo    
 
 Oggetto del messaggio: Re: 1I/Oumuamua (2017 U1)
MessaggioInviato: venerdì 11 gennaio 2019, 14:13 
Avatar utente

Iscritto il: domenica 8 maggio 2011, 20:54
Messaggi: 8992
Località: Francia Corta (Bs)
Ottimo. Ce lo beviamo con calma. :thumbup:

_________________
Ippo (Costanzo)
"Una cosa ho imparato nella mia lunga vita: che tutta la nostra scienza è primitiva e infantile
eppure è la cosa più preziosa che abbiamo" (A. Einstein).

Immagine :lol: :D Immagine :D :lol: Immagine


Top
  Profilo    
 
 Oggetto del messaggio: Re: 1I/Oumuamua (2017 U1)
MessaggioInviato: venerdì 8 febbraio 2019, 14:57 

Iscritto il: mercoledì 21 febbraio 2007, 12:50
Messaggi: 2456
Ecco un interessante papero di qualcuno che è stato in ascolto di 1I/Oumuamua,
non si sa mai:

https://arxiv.org/ftp/arxiv/papers/1808/1808.09355.pdf

Ciao.
Roberto Gorelli


Top
  Profilo    
 
 Oggetto del messaggio: Re: 1I/Oumuamua (2017 U1)
MessaggioInviato: martedì 26 febbraio 2019, 16:10 

Iscritto il: mercoledì 21 febbraio 2007, 12:50
Messaggi: 2456
Come catturare un interstellare? Leggete qui:

https://arxiv.org/pdf/1804.09716.pdf

Ciao.
Roberto Gorelli


Top
  Profilo    
 
 Oggetto del messaggio: Re: 1I/Oumuamua (2017 U1)
MessaggioInviato: martedì 26 febbraio 2019, 19:27 
Avatar utente

Iscritto il: domenica 8 maggio 2011, 20:54
Messaggi: 8992
Località: Francia Corta (Bs)
Allegato:
Dissipazione energia.jpg
Dissipazione energia.jpg [ 273.01 KiB | Osservato 173 volte ]

Sicché un bolide interstellare di dimensioni inferiori avrebbe maggiore probabilità di essere frenato dal sistema solare in formazione nel quale abbondano polvere e gas, rispetto ad un bolide più grosso.
Beh, spiegare la dissipazione dell'energia cinetica dei corpi che si mettono insieme per formarne uno più grande non è uno scherzetto da poco. C'è la gravità che li attira reciprocamente. Ma la gravità non dissipa. Eppure deve essere successo … e in una certa scala temporale …
:shifty:
:wave:

_________________
Ippo (Costanzo)
"Una cosa ho imparato nella mia lunga vita: che tutta la nostra scienza è primitiva e infantile
eppure è la cosa più preziosa che abbiamo" (A. Einstein).

Immagine :lol: :D Immagine :D :lol: Immagine


Top
  Profilo    
 
 Oggetto del messaggio: Re: 1I/Oumuamua (2017 U1)
MessaggioInviato: mercoledì 27 febbraio 2019, 12:44 

Iscritto il: mercoledì 21 febbraio 2007, 12:50
Messaggi: 2456
ippogrifo ha scritto:
Allegato:
Dissipazione energia.jpg

Sicché un bolide interstellare di dimensioni inferiori avrebbe maggiore probabilità di essere frenato dal sistema solare in formazione nel quale abbondano polvere e gas, rispetto ad un bolide più grosso.
Beh, spiegare la dissipazione dell'energia cinetica dei corpi che si mettono insieme per formarne uno più grande non è uno scherzetto da poco. C'è la gravità che li attira reciprocamente. Ma la gravità non dissipa. Eppure deve essere successo … e in una certa scala temporale …
:shifty:
:wave:


Quello che diventa "nozione scientifica acquisita" deriva normalmente da tesi, ipotesi, teorie dibattute in molti convegni, libri, articoli su riviste di referenza scientifica, ecc. Questo è solo un articolo, solo il tempo dirà se quanto esposto sarà confermato e di conseguenza accettato dalla comunità scientifica. Fino ad allora è solo una goccia nel mare delle possibilità.

Detto questo dobbiamo ricordarci che i, per decenni teorizzati, asteroidi e comete interstellari si sono materializzati in un solo esemplare osservato in cattive condizioni e in allontanamento, questa singola rondine NON fa primavera, ma ha avuto il grandissimo ruolo di far scrivere un considerevole numero di lavori (teorici) su questo tipo di oggetti.

Riguardo alla questione specifica dobbiamo ricordarci che il sistema solare ha 4,5 miliardi di anni, che probabilmente per alcune decine di volte è passato a qualche migliaia di UA da altre stelle coi i relativi sistemi planetari, nubi di Oort, ecc. e che quindi non essendo un sistema isolato nell'Universo ha scambiato con altre stelle ricevendo e dando gas, polveri, comete, asteroidi e forse anche pianeti. Quindi di materiale extrasolare c'è ne dovrebbe essere abbastanza nel nostro sistema solare in ogni forma e tracce di ciò sono conosciute da decenni, il problema attuale è quello di scoprire oggetti interstellari che entrano OGGI nel sistema solare.

Per questi oggetti ci sono da anni stime della frequenza delle relative catture da parte del Sole o semplicemente per i loro transiti attraverso il sistema solare e come è logico è più probabile che ci siano molti oggetti piccoli che oggetti grossi che si avvicinano al sistema solare, e queste probabilità dovrebbero seguire leggi esponenziali in basa alla massa (che a parità di densità corrisponde anche ai loro diametri).

Proprio in questo periodo sto valutando se pubblicare i risultati di una mia ricerca di alcuni anni fa, che mi ha dato risultati inaspettati, perché oltre ad un specifico evento accaduto anni fa significherebbe la scoperta di un nuovo fenomeno astronomico, cosa non comune ed estremamente rara da parte di non professionista. Il problema che ha bloccato la pubblicazione dell'articolo da vari anni è solo uno: i dati su cui si basa sono un errore strumentale o sono reali?

Ciao.
Roberto Gorelli


Top
  Profilo    
 
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 47 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente  1, 2, 3, 4, 5  Prossimo

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a:  
Powered by phpBB © 2000, 2002, 2005, 2007 phpBB Group
Traduzione Italiana phpBBItalia.net basata su phpBB.it 2010