1° Forum di Astronomia Amatoriale Italiano

Il primo forum di astrofili per astrofili, nato nel 2000.
Oggi è giovedì 21 giugno 2018, 1:40

Menu

* Home
* Iscriviti
* La Bacheca
* F.A.Q.
* Cerca
* Login/Logout 

Login

Nome utente:
Password:

 Ho dimenticato la password

In Linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite

Regolamento

regolamento

Links

*
Astrocafè

Segnala bolide
* Meteoblue.com
* Previsioni seeing
* Il Meteo.it
Help Forum
 

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora




Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 12 messaggi ]  Vai alla pagina 1, 2  Prossimo
Autore Messaggio
 Oggetto del messaggio: La mia congiunzione Mercurio Venere
MessaggioInviato: martedì 13 marzo 2018, 12:48 

Iscritto il: domenica 21 giugno 2009, 14:33
Messaggi: 1556
Località: Termoli (CB) Italy
Tipo di Astrofilo: Visualista e Fotografo
Anch'io sabato ho osservato Mercurio e Venere con rifrattore acro autocostruito da 127mm.
Approfittando della buona giornata (il cielo era abbastanza terso e sembrava arrivata la primavera), anche se avevo libera solo un'oretta circa, a causa del lavoro, intorno alle 15, 15,30, sono tornato a casa e ho piazzato l'acromatico sulla colonna, dove è fissa la montatura Meade LXD075.
Ho montato l'Autostar, che era in modalità "park" da diverse settimane, a causa del maltempo.
Purtroppo lo schermo della pulsantiera non era visibile, a causa della luce diurna, così sono corso dentro a prendere il pc portatile e ho collegato la pulsantiera al computer, che era meglio illuminato, dirigendo il tutto da lì tramite il suo sw.
Ho scelto di guardare Venere per prima e, dopo aver inserito il giorno e l'orario e trovato sul menu l'oggetto, i motori si sono messi a girare.
Il pianeta non era proprio al centro dell'oculare da 40mm, ma poco lontano.
Quindi ho centrato l'oggetto e ho sincronizzato l'Autostar alle nuove coordinate.
Seppure a bassi ingrandimenti, il diametro di Venere appariva nella sua totalità, non era solo una falce.
Siccome Venere l'avevo visto diverse volte, mentre invece Mercurio l'ho visto solo in occasione dell'ultimo passaggio sul sole, a causa del fatto che un palazzo mi impedisce di vedere il tramonto, non vedevo l'ora di puntare Mercurio.
Così ho cercato il pianeta sul menù e poi pigiato il tasto goto.
Questa volta è apparso un puntino luminoso quasi al centro dell'oculare e quasi non volevo credere ai mei occhi: dopo anni di ricerca, Mercurio si mostrava finalmente !
Venere ormai era dimenticata, così mi sono concentrato su Mercurio, guardando ogni tanto l'orologio, perchè alle 16,15 sarei dovuto scappare via.
Così ho inziato ad ingrandire l'immagine mettendo dapprima un orto da 12mm
Ma Mercurio ancora era piccolo.
Vedendo che il seeeing permetteva, ho allora preso il Ploss 10mm e la barlow 2X, che ho unito insieme.
Non so se è stata la mia immaginazione, ma nell'immagine bianca di Mercurio, che aveva un diametro quasi completo, ho incominciato ad intravedere, nella metà tra l'equatore e il polo nord, come delle piccole ombre più scure, che ho interpretato essere strutture di crateri.
Avrei voluto inserire anche il 5mm con la barlow, però alcune nuvole hanno coperto proprio quella parte di cielo ed il sole (che pure volevo vedere).
Ho atteso qualche minuto, ma poi sono dovuto scappare via, per lavoro, essendo andati oltre il limite orario che mi ero imposto.
Ho dato alla montatura il comando "park" e lasciato tutto lì montato.
La sera, dopo cena, ho continuato a spazzolare il cielo visivamente.
Avrei voluto riprovarci domenica, con più calma, ma le nuvole hanno coperto tutto il cielo, dalla mattina a sera.
Sicuramente è da riprovare appena possibile.


Top
  Profilo    
 
MessaggioInviato: martedì 13 marzo 2018, 20:23 
Avatar utente

Iscritto il: giovedì 6 novembre 2014, 18:31
Messaggi: 644
Ottimo report Giacampo, anche tu l'hai beccato!

Cavolo un bel vantaggio quello del Go-to poterlo osservare così presto, io devo aspettare fino alle 18,15 minimo, senno è molto complesso trovarlo.
Una gran bella soddisfazione se sei riuscito a trovare dei dettagli, da quel che so è molto difficile ma non impossibile!
Inoltre doveva essere abbastanza alto a quell'ora e ben posizionato.

_________________
Nell'avatar: Galassia Sombrero, disegno realizzato da Peter

"Ogni oggetto celeste è, in un certo senso, un quadro, un quadro fatto di luce e di notte"
Paolo Maffei


Top
  Profilo   WWW  
 
MessaggioInviato: mercoledì 14 marzo 2018, 5:05 

Iscritto il: domenica 21 giugno 2009, 14:33
Messaggi: 1556
Località: Termoli (CB) Italy
Tipo di Astrofilo: Visualista e Fotografo
Pensa che la funzione park l'ho scoperta solo da poco.
È' un gran vantaggio sicuramente, perché non riuscendo a vedere Mercurio al tramonto, perché coperto da un palazzo, l'unico modo per trovarlo nel cielo di giorno e' quello, a meno di avere dei noni molto precisi.
È' facile che la luce del pianeta si perda in quella del cielo, se non lo centri con l'oculare.


Top
  Profilo    
 
MessaggioInviato: mercoledì 14 marzo 2018, 12:27 
Avatar utente

Iscritto il: giovedì 6 novembre 2014, 18:31
Messaggi: 644
E infatti, considera anche che col pericolo del Sole provare qualsiasi ricerca manuale con il cercatore è (a mio parere) da escludere a priori.

Per caso hai utilizzato qualche filtro durante l'osservazione ad alti ingrandimenti?

_________________
Nell'avatar: Galassia Sombrero, disegno realizzato da Peter

"Ogni oggetto celeste è, in un certo senso, un quadro, un quadro fatto di luce e di notte"
Paolo Maffei


Top
  Profilo   WWW  
 
MessaggioInviato: mercoledì 14 marzo 2018, 19:20 

Iscritto il: domenica 21 giugno 2009, 14:33
Messaggi: 1556
Località: Termoli (CB) Italy
Tipo di Astrofilo: Visualista e Fotografo
No, non ho usato filtri.
Purtroppo, come scrivevo prima, avevo poco tempo e mi ero ripromesso di riprovarci domenica scorsa, ma il cielo era nuvoloso.
Sabato, poi ci si è messa anche una grossa nuvola, che è salita proprio tra il Sole e Mercurio, e che mi ha fatto perdere dell'ulteriore tempo.
Mi era però venuto in mente di utilizzare i filtri visuali e volevo documentarmi su internet su quali usare per Mercurio.
Tu ne sai qualcosa?


Top
  Profilo    
 
MessaggioInviato: mercoledì 14 marzo 2018, 19:49 
Avatar utente

Iscritto il: giovedì 6 novembre 2014, 18:31
Messaggi: 644
Io sapevo che per l'osservazione diurna un arancione o rosso puó aumentare il contrasto del disco.
Oggi ho provato sul mio acro120/600 un filtro rosso baader ma l'ho subito levato, non ho notato miglioramenti e mi piaceva più al naturale (da dire peró che non era proprio giorno ma alle 18:45 e il cielo era giá un po scuro).
Tra un po scrivo nel mio topic la mia terza osservazione di Mercurio di questa bella cogiunzione, non che ci sia molto da scrivere :lol:

_________________
Nell'avatar: Galassia Sombrero, disegno realizzato da Peter

"Ogni oggetto celeste è, in un certo senso, un quadro, un quadro fatto di luce e di notte"
Paolo Maffei


Top
  Profilo   WWW  
 
MessaggioInviato: mercoledì 14 marzo 2018, 22:37 

Iscritto il: domenica 21 giugno 2009, 14:33
Messaggi: 1556
Località: Termoli (CB) Italy
Tipo di Astrofilo: Visualista e Fotografo
La sto leggendo.
:ook:


Top
  Profilo    
 
MessaggioInviato: giovedì 29 marzo 2018, 17:22 

Iscritto il: domenica 21 giugno 2009, 14:33
Messaggi: 1556
Località: Termoli (CB) Italy
Tipo di Astrofilo: Visualista e Fotografo
Oggi (29.03.2018) pomeriggio, dalle ore 14,30 circa, ho riprovato l'osservazione.
Dopo diversi giorni dalla precedente, finalmente il cielo più clemente (vi erano nubi sparse) e il clima caldo mi hanno indotto a ritentare con l'acromatico.
Venere appariva molto brillante ed il disco era quasi pieno.
Il seeing però non consentiva ingrandimenti spinti, per cui, dopo aver provato con il 5mm, ho dovuto ripiegare ai 10 mm massimo, del Plossl Celestron.
Vi era parecchia turbolenza e nuvole alte che di tanto in tanto la coprivano.
Partendo da Venere ho tentato di trovare anche Mercurio.
Questa volta non ho usato l'allineamento fatto in precedenza sulle stelle, poichè la montatura aveva perso le coordinate, perchè nelle scorse settimane avevo messo mano all'ingranaggio del motore in AR, per eliminare dei giochi fastidiosi al massimo ingrandimento, che non avevo però rimontato ben stretto.
Così, senza scoraggiarmi ho messo il filtro per puntare il Sole, poi una volta centrato ho letto sul pc le coordinate riportate sul planetario che uso e le ho riportate sull'autostar (non ha il Sole tra i suoi oggetti in memoria e così lo devo inserire tra gli oggetti dell'utente).
Una volta fatto tale inserimento, gli ho detto di trovare Venere e con il goto veniva quasi centrato nell'oculare da 40 mm.
Quindi data una prima rapida occhiata al pianeta, corretta la posizione ed affinata la messa a fuoco, ho scelto Mercurio e dato invio per il goto.
Purtroppo non si vedeva niente.
Il pianeta deve essere ben distante da Venere, vicino al Sole, e ben lontano dalla posizione dell'ultima mia osservazione, ad inizio mese.
Pensando ad un errore del goto, ho verificato la posizione sul planetario e ho visto che era quella puntata dal tele.
Zummando, il planetario mi faceva capire che ormai Mercurio è quasi invisibile, restando solo una sottile falce, difficilmente distinguibile nel chiarore del cielo e con le nuvole che ormai coprivano la zona.
Ho riprovato a puntare più volte Venere ed il goto, tutte le volte me lo ha centrato, ben visibile anche tra le nuvole.
Mercurio invece è rimasto sempre evanescente.
Avrei dovuto verificare al tramonto, ma la mia posizione non lo consente.
Attendo magari una conferma di qualcuno più esperto, sulla attuale (in)visibilità del pianeta.


Top
  Profilo    
 
MessaggioInviato: venerdì 30 marzo 2018, 11:40 
Avatar utente

Iscritto il: giovedì 6 novembre 2014, 18:31
Messaggi: 644
In attesa che qualcuno più esperto ti dia una conferma ho controllato un attimo alcuni parametri, ieri Mercurio aveva una magnitudine di 4,5, inoltre era illuminato solo al 2,2% quindi posso immaginare che molto probabilmente era invisibile coperto dalla luce diurna.

_________________
Nell'avatar: Galassia Sombrero, disegno realizzato da Peter

"Ogni oggetto celeste è, in un certo senso, un quadro, un quadro fatto di luce e di notte"
Paolo Maffei


Top
  Profilo   WWW  
 
MessaggioInviato: venerdì 30 marzo 2018, 12:22 
Avatar utente

Iscritto il: domenica 8 maggio 2011, 20:54
Messaggi: 7554
Località: ̶B̶s̶̶ Francia Corta
@ Giacampo
Bellissimo lavoro. Molto coinvolgente ed accattivante.

Stellarium lo dà oramai al limite dell'impossibile (ieri):
Allegato:
Mercurio.jpg
Mercurio.jpg [ 606.61 KiB | Osservato 158 volte ]

:wave:

_________________
Ippo (Costanzo)
"Una cosa ho imparato nella mia lunga vita: che tutta la nostra scienza è primitiva e infantile
eppure è la cosa più preziosa che abbiamo" (A. Einstein).

Immagine :lol: :D Immagine :D :lol: Immagine


Top
  Profilo    
 
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 12 messaggi ]  Vai alla pagina 1, 2  Prossimo

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a:  
Powered by phpBB © 2000, 2002, 2005, 2007 phpBB Group
Traduzione Italiana phpBBItalia.net basata su phpBB.it 2010