1° Forum di Astronomia Amatoriale Italiano

Il primo forum di astrofili per astrofili, nato nel 2000.
Oggi è mercoledì 21 agosto 2019, 5:08

Menu

* Home
* Iscriviti
* La Bacheca
* F.A.Q.
* Cerca
* Login/Logout 

Login

Nome utente:
Password:

 Ho dimenticato la password

In Linea

Visitano il forum: Nessuno e 7 ospiti

Regolamento

regolamento

Links

*
Astrocafè

Segnala bolide
* Meteoblue.com
* Previsioni seeing
* Il Meteo.it
Help Forum
 

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora


Regole del forum


Ciao! Se devi postare una fotografia, uno scatto o un'immagine ricorda di caricare anche direttamente sul Forum la tua foto.
Questo per permettere a tutti quanti di vedere sicuramente, ora e in futuro, l'immagine postata
Qui trovi le istruzioni per il caricamento file: viewtopic.php?f=13&t=86546.



Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 8 messaggi ] 
Autore Messaggio
MessaggioInviato: lunedì 5 agosto 2019, 12:54 
Avatar utente

Iscritto il: mercoledì 5 marzo 2008, 13:47
Messaggi: 16211
Località: Senigallia (AN)
Tipo di Astrofilo: Visualista e Fotografo
Ieri sera avevo deciso finalmente di provare la nuova ASI1600MM Pro, per l'occasione buttandomi sulla NGC7000 (Nebulosa Nord America) e ancora con lo Skywatcher 80ED Pro, in attesa del nuovo Tripletto Tecnosky 115/800.

La serata però non è andata proprio come speravo, perché al contrario delle previsioni che davano cielo sereno, ripetuti passaggi di nubi mi hanno impedito di ottenere quel che volevo.

Nonostante tutto però sono qui a raccontarvi di un successo e di un entusiasmo che non avvertivo da molto tempo!
La nuova ASI1600MM Pro è semplicemente uno spettacolo, e sono bastate due pose in h-alpha da 10 minuti per constatarne le enormi potenzialità!

Sono rimasto stupefatto nell'ammirare tanti e tali dettagli e particolari erano visibili in un'unica singola esposizione!
Non oso immaginare quello che si potrà realizzare in una serata perfetta, quando potrò acquisire per ore, senza problemi di varia natura!

E se a questo aggiungiamo il nuovo tripletto in arrivo, che sostituirà lo storico e glorioso skywatcher 80ED, utilizzato per 10 anni, ecco che l'entusiasmo e la voglia di cielo giunge davvero a livelli di guardia.


E se il buongiorno si vede dal mattino... Ci sarà davvero di che divertirsi!!

Nell'attesa di quella serata perfetta, che spero avverrà anche questo venerdì, eccovi un singolo FITS non elaborato, così com'è uscito dall'ASI1600MM Pro; nella seconda immagine un dettaglio della ripresa, al 100%!

Purtroppo non sono riuscito ad aprire i FITS con qualche programma e a salvare i JPG, per cui ho dovuto fare la cattura dello schermo, tramite quel che vedevo in APT...non proprio il massimo! Ma comunque penso che renda l'idea delle potenzialità del nuovo sensore!

Ora non vedo davvero l'ora di fare sul serio! Presto, molto presto! :ook:


Allegati:
67967390_10156489874804646_1363437368115200_n.jpg
67967390_10156489874804646_1363437368115200_n.jpg [ 70.92 KiB | Osservato 272 volte ]
67675127_10156489881739646_3442432539900248064_n.jpg
67675127_10156489881739646_3442432539900248064_n.jpg [ 89.59 KiB | Osservato 272 volte ]

_________________
Tanta voglia e passione di ammirare l'universo che ci circonda!

N.A.S.A. Nuova Associazione Senigallia Astrofili
Top
  Profilo   WWW  
 
MessaggioInviato: lunedì 5 agosto 2019, 14:33 
Avatar utente

Iscritto il: giovedì 27 agosto 2009, 22:10
Messaggi: 1132
:clap: :clap: :clap: :clap: :clap: :clap: :clap: :clap: :clap: :clap: :clap:

Bello vedere questo entusiasmo e questi risultati!

_________________
... lunga vita al sessantino!


Top
  Profilo    
 
MessaggioInviato: lunedì 5 agosto 2019, 15:22 
Avatar utente

Iscritto il: giovedì 15 ottobre 2009, 11:46
Messaggi: 934
Località: San Salvatore Monferrato (AL)
Tipo di Astrofilo: Fotografo
Si vede un bel segnale, ma che Gain hai usato ?

Anch’io uso ASI1600 CMOS color, ma con tempi di posa molto brevi rispetto ad un CCD.

Da quanto dicono gli esperti questi CMOS necessitano di tempi brevi di posa con molti frame che poi si sommano per avere il segnale, altrimenti sotto i ns cieli in particolare vanno in saturazione.

Per tempi e Gains io tengo come riferimento questo posting come Tutorial

https://www.cloudynights.com/topic/573886-sub-exposure-tables-for-asi-1600-and-maybe-qhy163/

Giuseppe

_________________
_____________________________________________
Strumentazione: C8 2000 mm (1980), Meade 10 1600 mm (1989), TSAPO102
Powermate: 2.5X, 3X, 5X
WebCam: DBK41, Atik 16ICS, NexImage, ASI120
Software: Registax6, DSS, Iris, Ps6


Top
  Profilo    
 
MessaggioInviato: lunedì 5 agosto 2019, 15:41 
Avatar utente

Iscritto il: venerdì 11 novembre 2011, 16:23
Messaggi: 1599
Località: Agropoli (SA)
Tipo di Astrofilo: Fotografo aspirante Visualista
Secondo me farai dei lavoroni e non vedo l’ora di vederli.
Mi hai già “fregato” una volta con il thread “qhy10/qhy8L” ed io leggendolo presi (felicemente) la 8. Adesso però prima di passare al monocromatico aspetto le tue foto :lol: :lol:

_________________
Daniele


Top
  Profilo   WWW  
 
MessaggioInviato: lunedì 5 agosto 2019, 15:54 
Avatar utente

Iscritto il: lunedì 23 aprile 2007, 23:13
Messaggi: 2937
Tipo di Astrofilo: Fotografo
Bene Andrea, in effetti la prima volta che si scarica un'immagine ripresa con un sistema monocromatico, si rimane sorpresi dalla risoluzione che si ottiene. Nel caso della ASI 1600mm/QHY 163m è dovuto anche ai pixel piccoli rispetto alle CCD OSC che avevamo (io la QHY8L), comunque il guadagno è rilevante. Probabilmente poter riprendere anche a banda stretta, rende tutto molto appetibile.
Però, il rovescio della medaglia è rappresentato dalla necessità di ottimizzare molto meglio il setup di ripresa, con una decisa complicazione rispetto alle riprese a colori: ruota con filtri, messa a fuoco, calcolo dei tempi necessari per ogni filtro, per non parlare della calibrazione e della successiva elaborazione: ogni .fits della QHY163m pesa 31,2 mb, e spazio su disco a parte, è necessario un PC potente (un processore veloce, un SSD, buona quantità di RAM)..

la mia QHY163m l'ho utilizzata veramente poco per motivi personali (soprattutto poco tempo libero e poche notti serene a disposizione), rappresenta comunque un deciso upgrade rispetto ad una camera a colori (a parità di campionamento), se si accettano e si affrontano con decisione le problematiche aggiuntive che il sistema mono comporta.. :wave: :)


Top
  Profilo    
 
MessaggioInviato: lunedì 5 agosto 2019, 16:33 
Avatar utente

Iscritto il: mercoledì 5 marzo 2008, 13:47
Messaggi: 16211
Località: Senigallia (AN)
Tipo di Astrofilo: Visualista e Fotografo
Grazie ragazzi!

Da quello che ho capito io, più è lunga la posa e più il gain va abbassato... Io penso sempre che riprendere con pose lunghe sia la cosa migliore e anche in questo caso ho optato per 600" di esposizione e 50 di gain, un valore quindi piuttosto basso.
Sono arrivato a questa considerazione dopo aver analizzato decine di riprese su astrobin, con relativi dati di ripresa e dopo averne apprezzato i risultati. Magari però mi sbaglio, del resto sono appena all'inizio di questa avventura e quindi pronto ad ogni consiglio e/o sperimentazione!

Cieli sereni a tutti!

_________________
Tanta voglia e passione di ammirare l'universo che ci circonda!

N.A.S.A. Nuova Associazione Senigallia Astrofili


Top
  Profilo   WWW  
 
MessaggioInviato: lunedì 5 agosto 2019, 18:25 
Avatar utente

Iscritto il: giovedì 15 ottobre 2009, 11:46
Messaggi: 934
Località: San Salvatore Monferrato (AL)
Tipo di Astrofilo: Fotografo
Danziger ha scritto:
Grazie ragazzi!

Da quello che ho capito io, più è lunga la posa e più il gain va abbassato... Io penso sempre che riprendere con pose lunghe sia la cosa migliore e anche in questo caso ho optato per 600" di esposizione e 50 di gain, un valore quindi piuttosto basso.
Sono arrivato a questa considerazione dopo aver analizzato decine di riprese su astrobin, con relativi dati di ripresa e dopo averne apprezzato i risultati. Magari però mi sbaglio, del resto sono appena all'inizio di questa avventura e quindi pronto ad ogni consiglio e/o sperimentazione!

Cieli sereni a tutti!


Uhm..interessante, da provare.
Io uso normalmente 170-200 e pose da 80-90” pero’ Da capire la soluzione migliore, se gains bassi e lunghe pose o una media.

Giuseppe

_________________
_____________________________________________
Strumentazione: C8 2000 mm (1980), Meade 10 1600 mm (1989), TSAPO102
Powermate: 2.5X, 3X, 5X
WebCam: DBK41, Atik 16ICS, NexImage, ASI120
Software: Registax6, DSS, Iris, Ps6


Top
  Profilo    
 
MessaggioInviato: lunedì 5 agosto 2019, 18:55 
Avatar utente

Iscritto il: mercoledì 5 marzo 2008, 13:47
Messaggi: 16211
Località: Senigallia (AN)
Tipo di Astrofilo: Visualista e Fotografo
Bhe si, difatti la cosa migliore è sperimentare e provare!

Secondo me comunque questa camera da anche la possibilità a chi magari non può effettuare pose troppo lunghe, per svariati motivi, di ottenere comunque risultati degni di nota!

_________________
Tanta voglia e passione di ammirare l'universo che ci circonda!

N.A.S.A. Nuova Associazione Senigallia Astrofili


Top
  Profilo   WWW  
 
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 8 messaggi ] 

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 7 ospiti


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a:  
Powered by phpBB © 2000, 2002, 2005, 2007 phpBB Group
Traduzione Italiana phpBBItalia.net basata su phpBB.it 2010