1° Forum di Astronomia Amatoriale Italiano

Il primo forum di astrofili per astrofili, nato nel 2000.
Oggi è venerdì 18 agosto 2017, 13:34

Menu

* Home
* Iscriviti
* La Bacheca
* F.A.Q.
* Cerca
* Login/Logout 

Login

Nome utente:
Password:

 Ho dimenticato la password

In Linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti

Regolamento

regolamento

Links

*
Astrocafè

Segnala bolide
* Meteoblue.com
* Previsioni seeing
* Il Meteo.it
Help Forum
 

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora


Regole del forum



IMPORTANTE: Regole per usare correttamente la sezione Scienze Astronomiche



Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 284 messaggi ]  Vai alla pagina 1, 2, 3, 4, 5 ... 29  Prossimo
Autore Messaggio
MessaggioInviato: venerdì 9 dicembre 2016, 13:45 

Iscritto il: giovedì 21 gennaio 2016, 14:23
Messaggi: 138
Da appassionato non ho più letto notizie interessanti da dopo il meeting di fisici del 1995 nella università della California del Sud , in cui Il fisico Edward Witten (forse ancora il più eminente attuale?), diede una scossa rivitalizzante alla teoria delle stringhe impantanata nei problemi dovuti alle 5 diverse ma simili varianti, postulando la possibilità che una nuova teoria unificante da lui sviluppata e denominata M, comprendesse le 5 varianti precedenti intese come in realtà 5 modi diversi di guardare la stessa teoria.
Questa semplificazione formale però era possibile solo ipotizzando una ulteriore settima dimensione che mettesse d’accordo tutte le precedenti.
Le dimensioni totali quindi salivano a 11.

Ho ritrovato degli appunti presi per mio uso e consumo dalla traduzione di un filmato su Youtube del quale al momento non ricordo il titolo, ma che faceva il punto della teoria delle stringhe e del quale mi ero scritto il seguente riassunto assai intrigante ma troppo "filosofico":
Ovviamente quanto scritto non è farina del mio sacco ma il riassunto del'audio del filmato in lingua inglese:

"I fisici suggeriscono che in effetti l’impossibilità di percepire nuove e così tante dimensioni, (che un tempo facevano considerare l’individuo proponente come un pazzo) non dovrebbe essere preoccupante perché potremmo non vederle essendo ingannati dalle apparenze. Come guardando lo schermo del cinema, che possiede solo una larghezza e un’altezza, noi percepiamo anche una profondità della scena che in effetti non c’è, ed è solo un’apparenza.

Le dimensioni possono essere anche definite come in cibernetica: Gradi di libertà. Più gradi di libertà ci sono in una macchina, più cose diverse essa può fare.
E per questo motivo la sua settima nuova dimensione prevedeva che le stringhe non fossero semplicemente dei tratti o dei cerchi vibranti, ma potessero anche aggregarsi in membrane o superfici ...le famose “Brane”. Le quali potrebbero ingrandirsi con l’energia a raggiungere le dimensioni dell’Universo. E di queste superfici potrebbero quindi essercene molte galleggianti in uno spazio a più dimensioni come altrettanti universi paralleli al nostro…. Come se il nostro Universo fosse una fetta di pane di una pagnotta le cui altre fette sono altri Universi paralleli, che noi però non possiamo vedere anche se fossimo vicinissimi, perché stanno in un’altra loro dimensione a noi impenetrabile in quanto costruita con altre regole fisiche imposte dalle stringhe che la costituiscono.

Ma a ben pensare, la violazione di questa regola di impenetrabilità potrebbe avvenire da un esempio che tira i ballo il GRAVITONE.

Immaginiamo che la nostra stringa Universo, o fetta di pane in cui viviamo sia invece un biliardo dove gli atomi della materia sono le palline, e immaginiamo che le palline non possano assolutamente essere buttate fuori dal biliardo: L’unica cosa che uscirebbe comunque sempre dal biliardo sarebbe il rumore delle palline che nel gioco si urtano.

Per analogìa la GRAVITA’ potrebbe agire come le onde sonore e potrebbe essere in grado di diffondersi OLTRE il nostro universo, oltre il nostro biliardo, se ci addentriamo nel seguente ragionamento:

Torniamo per un attimo a valutare la forza di gravità. Noi la percepiamo molto piccola perché siamo in grado di contrastarla con poco sforzo per fermare la caduta a terra di qualcosa. Ma se invece la forza di gravità fosse molto forte e noi non riuscissimo a percepirla nella sua interezza perché interagisce con altre dimensioni? Oppure perché proveniente da altre dimensioni dove essa è ben più forte? Le cose cambierebbero.

In fondo questo fenomeno era già successo con Newton che non aveva capito il COME la forza di gravità potesse estendersi a distanze astronomiche nel vuoto dello spazio. Finchè Einstein con la Relatività asserì che erano le masse dei corpi a deformare la dimensione dello Spazio+tempo. Masse che, come visto all’inizio di questo testo, come bocce rotolanti sulla rete rappresentata dalla dimensione Spazio+Tempo, per via del loro diverso peso, in essa affondano a profondità diverse, e gli sprofondamenti maggiori vi attraggono altre palle in transito.
Quindi era già successo che un fenomeno fosse spiegabile, per via della interazione della gravità con una nuova dimensione, quale quella dello Spazio+Tempo.

Tornando al biliardo-Universo e al rumore che è in grado di valicare la frontiera impenetrabile dagli atomi-biglie, e raggiunge altri biliardi-Universo.
La teoria delle stringhe - teoria M propone anche una ipotesi secondo la quale l’impenetrabilità non sarebbe più tale.
Basterebbe che un tipo di stringhe fosse formato da anelli di energia chiusi e fluttuanti, cioè non ancorati a nessuna struttura dimensionale dell’Universo che conosciamo inteso come la famosa “Membrana” tridimensionale….. Ecco che avremmo trovato l’equivalente rappresentato dal “rumore” delle biglie che poteva uscire dall”universo bigliardo” non appartenendovi.

Di questo tipo di stringhe potrebbero essere formati i “Gravitoni”, liberi di viaggiare verso altre dimensioni verso le quali esercitano una parte della loro forza, che noi vediamo essere così debole proprio perchè non la possiamo vedere tutta.

Questa ipotesi è estremamente intrigante perché se fosse vero che noi siamo su un Universo accanto ad altri Universi che noi non possiamo vedere, potremmo percepire la loro esistenza grazie al riconoscimento dei Gravitoni, e se sull’universo invisibile vi fossero civiltà tecnologicamente avanzare, potremmo scambiare segnali attraverso le onde gravitazionali che costituirebbero la nostra unica possibilità di contatto.

Ma il sorprendente è che potrebbe perfino essere ipotizzato che siano stati altri universi a generare il nostro.

Noi conosciamo che il big bang ha dato inizio all’espandersi del nostro Universo di materia tridimensionale, con la quarta dimensione spazio+tempo.
Ma ciò di cui non conosciamo nulla è appunto l’oggetto che ha dato origine al big bang che i nostri studi indicano essere stato infinitamente denso, microscopico e pesante, per il quale le nostre leggi fisiche non funzionano più, al punto che viene chiamato “Singolarità”.
Dovremmo pensare che quell’oggetto sia nato dal nulla. Ma non essendo filosofi ma uomini concreti, il nulla è altrettanto privo di significato come l’infinito. Tutto ciò che conosciamo è finito, e del nulla non abbiamo conoscenza.
Gli scienziati non possono adagiarsi su una convinzione filosofica. La scienza cerca le prove.

La teoria delle stringhe può risolvere questo problema del “prima” e del perché avvenne il big bang?

In effetti si sono avanzate ipotesi teoriche in linea di principio valide.
Si ritiene che il big bang possa essere stato generato dalla collisione di due membrane appartenenti a due universi paralleli e fluttuanti in diverse dimensioni. L’enorme energia di quell’urto avrebbe prodotto la temperatura e la materia in espansione del nostro Universo.
Se fosse vero questo, gli Universi paralleli potrebbero essere entrati in collisione non una ma più volte.
E’ uno scenario ingegnoso conseguenza naturale della teoria delle stringhe.
Ma quando gli scienziati lavorano sulle equazioni di una teoria , non sono sicuri che essa descriva una realtà.

Einstein stesso sembra abbia detto: Finché le leggi della matematica si riferiscono alla realtà, non sono certe, e finché sono certe, non si riferiscono alla realtà

Quello che importa in fin dei conti è che le formule matematiche che descrivono la teoria delle stringhe che tante cose strane permette, siano dimostrabili in laboratorio, cioè se la teoria sia dimostrabile secondo il metodo scientifico della sperimentazione.

Le stringhe, si diceva all’inizio, sono talmente piccole che non saranno mai visibili, ma un giorno forse potremmo riconoscere qualche loro effetto caratteristico e vederne indirettamente i loro comportamenti
Sia al Fermilab che al CERN, il cui acceleratore è 7 volte più potente di quello del Fermilab, con i potenti acceleratori di particelle si fornisce agli atomi di idrogeno una grande quantità di energia, dopodiché si eliminano gli elettroni, e i protoni che rimangono vengono accelerati in un tunnel circolare sotterraneo lungo parecchi chilometri, fino a raggiungere quasi la velocità della luce, quindi sono messi in rotta di collisione con particelle che viaggiano in direzione opposta.
Molte particelle si sfiorano, ma qualcuna entra in collisione frontale netta, e dall’urto si generano sciami di particelle subatomiche inusuali, e di energia che vengono registrati e riveduti come tracce sugli schermi di computer appositi.
La speranza è che prima o poi fra di loro sia riscontrabile la minuscola particella di gravità: Quel Gravitone, che secondo la teoria delle stringhe potrebbe essere l’unico anello chiuso di energia che non essendo collegato alla struttura del nostro universo Spazio temporale, potrebbe fuggire verso altri universi in altre dimensioni.

E l’ideale sarebbe registrarne uno al momento della sua fuga, in quanto in quei macchinari che costituiscono l’acceleratore di particelle sono inseriti dei pesantissimi dispositivi in grado di segnalare il suo comportamento.

Purtroppo questo fenomeno non si è ancora verificato, e l’osservazione del gravitone sarebbe veramente la primissima verifica sperimentale che la teoria delle stringhe è degna di studio, ed in sé ha del vero e razionale, che col progredire della tecnologia si spera di poter poi confermare con sperimentazioni successive oggi impraticabili.
"

_________________
WWW.GRATTAVETRO.IT, blog del fai da te astronomico


Top
  Profilo    
 
MessaggioInviato: venerdì 9 dicembre 2016, 14:08 
Avatar utente

Iscritto il: mercoledì 8 febbraio 2006, 16:41
Messaggi: 21253
in effetti qualche anno fa si parlava molto della teoria delle stringhe, e quasi ci si attendeva che da un momento all'altro avrebbe risolto il problema dell'unificazione delle forze.
anche coloro che, agli albori della teoria, ne avevano fermamente preso le distanze, sembravano essere meno critici verso questa nuova teoria.

da un po' però, non se ne sente quasi più parlare (o meglio, io non ne ho più sentito parlare, anche probabilmente per il fatto di essermi un po' allontanato da un certo tipo di studi, o meglio di interessi).

sarebbe interessante sapere se esistono nuovi sviluppi e se c'è qualche testo (magari divulgativo, sullo stile di "L'universo elegante" di B. Greene) che ne descriva l'evoluzione.

mi ricordo, riguardo il problema dell'osservabilità, che proprio B. Greene non escludeva l'ipotesi che le stringhe potessero avere anche dimensioni molto lontane dalla lunghezza di Planck e la cosa più "simpatica" (magari il suo sogno :D) sarebbe stata osservare al telescopio qualcuna nei nostri cieli :D

_________________
qa'plà!


Top
  Profilo    
 
MessaggioInviato: venerdì 9 dicembre 2016, 14:28 

Iscritto il: giovedì 21 gennaio 2016, 14:23
Messaggi: 138
Il tuo post mi suggerisce che forse il mio riassunto è tratto proprio da quel filmato dell'universo elegante che ora provo a cercare.

_________________
WWW.GRATTAVETRO.IT, blog del fai da te astronomico


Top
  Profilo    
 
MessaggioInviato: venerdì 9 dicembre 2016, 16:19 
Avatar utente

Iscritto il: lunedì 22 agosto 2011, 11:45
Messaggi: 2283
Tipo di Astrofilo: Visualista e Fotografo
Le ricerche del gravitone sono attualmente l'obiettivo principale degli esperimenti al Cern, dove è stato scoperto il Bosone di Higgs, riferibile forse al gravitone (ma ancora non è sicuro) e LIGO-VIRGO nella rivelazione delle onde gravitazionali. Sono ricerche che richiedono tempo, quindi non tutti i giorni si hanno novità al riguardo.
Per quanto riguarda la teoria delle stringhe, segnalo e raccomando caldamente la lettura del libro di Stephen Hawking " L'universo in un guscio di noce" - Oscar Mondadori pag. 217, soltanto 14 € (!!) che partendo dalla gravità e dalla Relatività arriva alle Stringhe con il linguaggio semplice e immediato tipico di Hawking, che anche con numerosissime e stupefacenti immagini descrittive riesce a spiegare concetti complicatissimi in modo da renderli immediatamente comprensibili anche a uno studente di scuola media.


Top
  Profilo    
 
MessaggioInviato: venerdì 9 dicembre 2016, 16:24 
Avatar utente

Iscritto il: domenica 8 maggio 2011, 20:54
Messaggi: 6743
Località: ̶B̶s̶̶ Francia Corta
GiulioT ha scritto:
Il tuo post mi suggerisce che forse il mio riassunto è tratto proprio da quel filmato dell'universo elegante che ora provo a cercare.


Usano molto i verbi al modo condizionale, neh:
sarebbe, sembrerebbe, potrebbe ...

_________________
Ippo (Costanzo)
"Una cosa ho imparato nella mia lunga vita: che tutta la nostra scienza è primitiva e infantile
eppure è la cosa più preziosa che abbiamo" (A. Einstein).

Immagine :lol: :D Immagine :D :lol: Immagine


Top
  Profilo    
 
MessaggioInviato: venerdì 9 dicembre 2016, 17:22 
Avatar utente

Iscritto il: mercoledì 8 febbraio 2006, 16:41
Messaggi: 21253
Renato C ha scritto:
Le ricerche del gravitone sono attualmente l'obiettivo principale degli esperimenti al Cern, dove è stato scoperto il Bosone di Higgs, riferibile forse al gravitone (ma ancora non è sicuro) e LIGO-VIRGO nella rivelazione delle onde gravitazionali. Sono ricerche che richiedono tempo, quindi non tutti i giorni si hanno novità al riguardo.
Per quanto riguarda la teoria delle stringhe, segnalo e raccomando caldamente la lettura del libro di Stephen Hawking " L'universo in un guscio di noce" - Oscar Mondadori pag. 217, soltanto 14 € (!!) che partendo dalla gravità e dalla Relatività arriva alle Stringhe con il linguaggio semplice e immediato tipico di Hawking, che anche con numerosissime e stupefacenti immagini descrittive riesce a spiegare concetti complicatissimi in modo da renderli immediatamente comprensibili anche a uno studente di scuola media.



citavo L'unverso Elegante di Brian Greene in quanto fa una trattazione a livello divulgativo ma che richiede comunque un minimo di impegno e, anche, una preparazione minima che direi almeno universitaria.

_________________
qa'plà!


Top
  Profilo    
 
MessaggioInviato: venerdì 9 dicembre 2016, 18:29 
Avatar utente

Iscritto il: lunedì 6 luglio 2009, 19:38
Messaggi: 3814
Località: via stella Anzio
anche meno , ho il dvd ed è veramente elementare, lo spiega in maniera efficace anche alla fine, la teoria delle stringhe è salva perché non può essere vanificata sperimentalmente, non conosciamo il modo adesso neanche di verificarla sperimentalmente .

_________________
e ho visto i raggi b balenare nel buio


Ultima modifica di Angelo Cutolo il venerdì 9 dicembre 2016, 22:01, modificato 1 volta in totale.
Eliminato quote post precedente.


Top
  Profilo    
 
MessaggioInviato: venerdì 9 dicembre 2016, 18:34 
Avatar utente

Iscritto il: mercoledì 8 febbraio 2006, 16:41
Messaggi: 21253
non conosco il dvd, ma il libro non è facilissimo (nel senso che ci si può anche accontentare di non capire del tutto ed andare avanti, ma se vuoi "soddisfazione" devi perderci del tempo... poi magari è comprensibilissimo e sono solo io che ho avuto difficoltà :mrgreen: )

edit: è questo? https://www.youtube.com/watch?v=xjkGukX ... C6SJUoAj--
se si, è molto (ma molto molto) semplificato rispetto al libro che, a questo punto, rileggerò :D

_________________
qa'plà!


Top
  Profilo    
 
MessaggioInviato: sabato 10 dicembre 2016, 16:09 

Iscritto il: giovedì 21 gennaio 2016, 14:23
Messaggi: 138
No, il filmato di cui ho postato il riassunto dei concetti è questo, direi molto discorsivo (come propriamente affermavi tu, si tratta di uno dei filmati de "L'universo elegante" di B. Greene):
https://www.youtube.com/watch?v=zXhqqXMvdE4

Ma il link che hai postato è anche meglio perchè sviluppa in modo più esteso l'argomento

_________________
WWW.GRATTAVETRO.IT, blog del fai da te astronomico


Top
  Profilo    
 
MessaggioInviato: sabato 10 dicembre 2016, 17:03 
Avatar utente

Iscritto il: mercoledì 8 febbraio 2006, 16:41
Messaggi: 21253
Comunque vi consiglio il libro (anche se in alcune parti risulta abbastanza pesantuccio...)

_________________
qa'plà!


Top
  Profilo    
 
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 284 messaggi ]  Vai alla pagina 1, 2, 3, 4, 5 ... 29  Prossimo

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a:  
Powered by phpBB © 2000, 2002, 2005, 2007 phpBB Group
Traduzione Italiana phpBBItalia.net basata su phpBB.it 2010