1° Forum di Astronomia Amatoriale Italiano

Il primo forum di astrofili per astrofili, nato nel 2000.
Oggi è giovedì 9 dicembre 2021, 1:21

Menu

* Home
* Iscriviti
* La Bacheca
* F.A.Q.
* Cerca
* Login/Logout 

Login

Nome utente:
Password:

 Ho dimenticato la password

In Linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti

Regolamento

regolamento

Links

*
Astrocafè

Segnala bolide
* Meteoblue.com
* Previsioni seeing
* Il Meteo.it
Help Forum
 

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora


Regole del forum



IMPORTANTE: Regole per usare correttamente la sezione Scienze Astronomiche



Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 79 messaggi ]  Vai alla pagina 1, 2, 3, 4, 5 ... 8  Prossimo
Autore Messaggio
 Oggetto del messaggio: Radioastronomia in VHF
MessaggioInviato: mercoledì 22 settembre 2021, 16:37 

Iscritto il: venerdì 21 marzo 2008, 9:26
Messaggi: 752
Ho provato a fare un po di radio ricezione del cielo in VHF con RX autocostruito, VFO programmabile con Arduino.
Frequenza utilizzata 152MHz. Amplificatore a larga banda basso rumore input. Antenna Yagi autocostruita con 8+8 elementi incrociati. Puntamento 80° SUD.


Allegati:
traccia.jpg
traccia.jpg [ 78.23 KiB | Osservato 629 volte ]
taurus-a.jpg
taurus-a.jpg [ 243.06 KiB | Osservato 629 volte ]
cygnus-a.jpg
cygnus-a.jpg [ 141.23 KiB | Osservato 629 volte ]
cass-a.jpg
cass-a.jpg [ 145.17 KiB | Osservato 629 volte ]
Top
  Profilo    
 
 Oggetto del messaggio: Re: Radioastronomia in VHF
MessaggioInviato: mercoledì 22 settembre 2021, 16:44 

Iscritto il: venerdì 21 marzo 2008, 9:26
Messaggi: 752
In queste cose mai essere sicuri di niente, in un QSO il corrispondente ti passa il suo nominativo ma qui !!!
Allora bisogna riprovare più volte per avere un minimo di riscontro.
Però guardavo il dito e non la luna, mi aspettavo un andamento a 'campana' questo quì non l'ho ancora capito. Ciao.


Allegati:
3trax-taurus.jpg
3trax-taurus.jpg [ 46.19 KiB | Osservato 627 volte ]
Top
  Profilo    
 
 Oggetto del messaggio: Re: Radioastronomia in VHF
MessaggioInviato: mercoledì 22 settembre 2021, 17:35 

Iscritto il: sabato 15 aprile 2017, 21:51
Messaggi: 113
Molto interessante. Quello che vedo cosa è in particolare. I grafici intendo. Vedo delle variazioni. Di solito faccio spettroscopia e quello che vedo variare è l'intensità di alcune righe di emissione dell' idrogeno per esempio. Ma qui ? Cosa è che varia?
Saluti
Tonino


Top
  Profilo    
 
 Oggetto del messaggio: Re: Radioastronomia in VHF
MessaggioInviato: mercoledì 22 settembre 2021, 18:21 

Iscritto il: venerdì 21 marzo 2008, 9:26
Messaggi: 752
Bhe vediamo di dare una spiegazione semplice: un segnale radio captato da un'antenna viene amplificato e poi convertito in un segnale di bassa frequenza come quello che si sente da un giradischi o da un microfono. Ora se l'antenna fosse orientata diciamo orizzontale e la radio sintonizzata sulla tua stazione FM preferita ascolteresti la musica e prelevando il segnale dall'altoparlante avresti un tracciato con ampie oscillazioni sinusoidali che 'seguono appunto la musica'. Se ti sintonizzi su una frequenza dove non si trasmette nulla sentirai solo un rumore di fondo chiamato rumore bianco e il tracciato sarà piatto con leggerissime increspature. Ora l'antenna yagi (è direttiva e raccoglie il massimo segnale dal fronte) puntata allo zenit in modo fisso e il ricevitore sintonizzato su una opportuna frequenza libera capta solo rumore galattico, se una radiosorgente celeste passa davanti al suo lobo (il lobo è come il fascio di luce che fa una torcia elettrica) il tracciato cambia. Però le cantonate sono dietro l'angolo,Ciao.


Top
  Profilo    
 
 Oggetto del messaggio: Re: Radioastronomia in VHF
MessaggioInviato: mercoledì 22 settembre 2021, 21:26 
Avatar utente

Iscritto il: domenica 8 maggio 2011, 20:54
Messaggi: 13015
Località: (Bs)
Molto interessante. L'iniziativa è assai stimolante. :ook: :ook: :ook:
Puoi controllare se quello che ottieni è ripetibile in modo sistematico (o quasi)?
L'ideale sarebbe dimostrare il passaggio delle radio-sorgenti in serate successive.
E' troppo difficile?
:wave:

_________________
Ippo (Costanzo)
"Una cosa ho imparato nella mia lunga vita: che tutta la nostra scienza è primitiva e infantile
eppure è la cosa più preziosa che abbiamo" (A. Einstein).

Immagine :lol: :D Immagine :D :lol: Immagine


Top
  Profilo    
 
 Oggetto del messaggio: Re: Radioastronomia in VHF
MessaggioInviato: mercoledì 22 settembre 2021, 21:55 

Iscritto il: giovedì 21 gennaio 2016, 14:23
Messaggi: 544
Tipo di Astrofilo: Visualista
Dalla forma del segnale (se l'asse di propagazione da sinistra a destra è un asse dei tempi) vedrei un impulso elettromagnetico con la sua coda di attenuazione e dissolvenza. Simile allo schiocco di una scarica atmosferica.

_________________
WWW.GRATTAVETRO.IT, blog del fai da te astronomico


Top
  Profilo    
 
 Oggetto del messaggio: Re: Radioastronomia in VHF
MessaggioInviato: mercoledì 22 settembre 2021, 22:35 

Iscritto il: venerdì 21 marzo 2008, 9:26
Messaggi: 752
@ippogrifo: nella figura 3trax-taurus è indicato 14-15-16 settembre ma ho anche 20 e 21, tutto può essere, taurus-A è una ipotesi per ora.
@Giulio la sequenza dura da mezza ora ad un'ora (non prendo certo in considerazione qualche cosa che duri di meno considerando il lobo di 30° della yagi. Anche solo mezza ora è un po tantino per una scarica.
Ciao.


Top
  Profilo    
 
 Oggetto del messaggio: Re: Radioastronomia in VHF
MessaggioInviato: giovedì 23 settembre 2021, 0:04 

Iscritto il: giovedì 21 gennaio 2016, 14:23
Messaggi: 544
Tipo di Astrofilo: Visualista
Il tempo sull'asse scorre più lentamente quindi. Molto bene. Ma è interessante che quel segnale comunque ha un fronte di salita molto breve e quasi istantaneo, come una fiammata o esplosione, con la sua attenuazione che segue.
Diventa un dente di sega, prendendo in esame l'andamento della cresta del fenomeno, se lo "raddrizzi" (nel senso di come farebbe un rivelatore togliendo una portante e mostrando solo la modulazione).
Non una gaussiana perchè nasce istantaneamente.

Cosa sia l'oggetto emittente non so, ma la forma è di una emissione elettromagnetica che nasce forte, ad esempio tipo quella di un Burst solare,
Cos'è che varia: Magari quell'attenuazione che si vede nell'ampiezza potrebbe essere il frutto uno slittamento della frequenza, che ha come effetto un calo del guadagno, allontanandosi progressivamente dalla frequenza di risonanza dell'antenna.

Con tutto ciò io non sono minimamente esperto di radioastronomia, e da anziano SWL avendo ascoltato in ogni banda mi baso solo sul giudizio dell'andamento di un segnale elettromagnetico captato, che in questo caso è molto simile ai "soffi" lunghissimi delle emissioni terrestri in onde lunghissime che rompono il rumore bianco, come pure le istantanee scariche atmosferiche in onde corte.

_________________
WWW.GRATTAVETRO.IT, blog del fai da te astronomico


Top
  Profilo    
 
 Oggetto del messaggio: Re: Radioastronomia in VHF
MessaggioInviato: giovedì 23 settembre 2021, 7:38 

Iscritto il: venerdì 21 marzo 2008, 9:26
Messaggi: 752
Vediamo innanzitutto di spiegare le linee del tracciato, con un uovo fresco di giornata: la linea più in alto è in effetti la sovrapposizione di 4 linee che inizialmente erano 4 letture sulle frequenze 150-151-152-153 MHz e servivano per verificare che non si trattasse di segnali 'umani', cioè dato che le emittenti non hanno certo banda passante > 500kHz
mentre le 'galassie' hanno banda passante molto/molto ampia, per avere una buona probabilità di avere intercettato una di queste tutti i 4 canali dovevano andare alti. Poi schermando l'antenna ho visto che non avevo intrusi e sono passato alla sola frequenza di 152 Mhz lasciando comunque i 4 canali.
La traccia subito sotto è la media di quelle sopra, l'ho lasciata. Quella ancora più sotto è il segnale preso direttamente dai diodi rivelatori (quelle sopra sono anche amplificate).
I picchi sono marcatori di tempo comodi per una lettura immediata della posizione.
Le letture avvengono ogni 25 secondi.
Ora supponendo che il segnale arrivi dal cielo, rimane da verificare se l'oggetto è geostazionario segue la volta, lo scoprirò solo rifacendo una scansione tra 15/30gg. per verificare se si è anticipato o meno, ciao.


Allegati:
23sett21-8.05.jpg
23sett21-8.05.jpg [ 69.34 KiB | Osservato 563 volte ]
Top
  Profilo    
 
 Oggetto del messaggio: Re: Radioastronomia in VHF
MessaggioInviato: giovedì 23 settembre 2021, 14:15 
Avatar utente

Iscritto il: giovedì 3 novembre 2011, 0:40
Messaggi: 756
Località: Jerago con Orago(VA)
Tipo di Astrofilo: Visualista e Fotografo
Ciao,i radiotelescopi usano la frequenza dei 1420 MHz ,quella dell'idrogeno 21 cm,le frequenza che hai usato sono lunghe 2 metri,per ottenere qualcosa devi avere un'antenna enorme.
Per aveve un confronto dovresti usare il Sole.
Ti metto questa immagine come riferimento ,si trovano su internet cercando con google:


Allegati:
radio sorgenti intensità 4.JPG
radio sorgenti intensità 4.JPG [ 68.6 KiB | Osservato 545 volte ]

_________________
http://cometenews.blogspot.com/


Ultima modifica di Cometduemila il giovedì 23 settembre 2021, 21:21, modificato 2 volte in totale.
Top
  Profilo   WWW  
 
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 79 messaggi ]  Vai alla pagina 1, 2, 3, 4, 5 ... 8  Prossimo

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a:  
Powered by phpBB © 2000, 2002, 2005, 2007 phpBB Group
Traduzione Italiana phpBBItalia.net basata su phpBB.it 2010