1° Forum di Astronomia Amatoriale Italiano

Il primo forum di astrofili per astrofili, nato nel 2000.
Oggi è giovedì 22 agosto 2019, 5:45

Menu

* Home
* Iscriviti
* La Bacheca
* F.A.Q.
* Cerca
* Login/Logout 

Login

Nome utente:
Password:

 Ho dimenticato la password

In Linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite

Regolamento

regolamento

Links

*
Astrocafè

Segnala bolide
* Meteoblue.com
* Previsioni seeing
* Il Meteo.it
Help Forum
 

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora


Regole del forum



IMPORTANTE: Regole per usare correttamente la sezione Scienze Astronomiche



Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 6 messaggi ] 
Autore Messaggio
MessaggioInviato: mercoledì 6 marzo 2019, 15:47 

Iscritto il: mercoledì 21 febbraio 2007, 12:50
Messaggi: 2538
...da un'altra parte nacque l'Umanità:

https://arxiv.org/ftp/arxiv/papers/1903/1903.01501.pdf

Sono proprio curioso di leggere i vostri commenti su questo papero, da parte mia direi che gli autori avrebbero fatto meglio andare a pesca!
Ciao.
Roberto Gorelli


Top
  Profilo    
 
MessaggioInviato: mercoledì 6 marzo 2019, 20:44 
Avatar utente

Iscritto il: domenica 8 maggio 2011, 20:54
Messaggi: 9550
Località: Francia Corta (Bs)
Abstract del papero:

Molteplici dati sperimentali puntano verso l'esplosione di una o più supernovae moderatamente vicine,
con evidenza e probabilità maggiore intorno ai 2,6 milioni di anni fa.
Riprendiamo un lavoro precedente per discutere la verosimiglianza di una ionizzazione dell'atmosfera dovuta a raggi cosmici avvenuta in tempi remoti e (conseguenti) cascate di elettroni che aumentarono la frequenza dei fulmini, e quindi portarono ad un aumento della deposizione di nitrati e un incremento di incendi.
Ci fu un probabile grande aumento, in tempi pre-umani, del flusso di nitrato sulla superficie terrestre che, come è stato già discusso, portò ad una diminuzione di CO2 e al raffreddamento del clima.
Esistono prove di un aumento degli incendi testimoniate da un aumento di depositi di fuliggine e carbone per un lungo periodo.
Gli incendi avrebbero contribuito al passaggio dalla foresta alla savana nell'Africa nord-orientale,
e questo sarebbe stato un fattore decisivo (già peraltro discusso) nel favorire l'evoluzione del bipedismo degli ominidi.

Io ci credo abbastanza.
Penso che la discussione sarà vivace.
:wave:

_________________
Ippo (Costanzo)
"Una cosa ho imparato nella mia lunga vita: che tutta la nostra scienza è primitiva e infantile
eppure è la cosa più preziosa che abbiamo" (A. Einstein).

Immagine :lol: :D Immagine :D :lol: Immagine


Top
  Profilo    
 
MessaggioInviato: mercoledì 6 marzo 2019, 21:29 
Avatar utente

Iscritto il: lunedì 10 ottobre 2011, 13:57
Messaggi: 265
Ad una prima lettura la tesi esposta mi pare del tutto ragionevole.

Aggiungo che io mi guarderei bene dal dire che gente che ha 128 pubblicazioni, 2666 citazioni e h-index 31 (parlo di Melott; l'altro autore è molto più giovane) dovrebbe dedicarsi alla pesca senza dare uno straccio di motivazione. Sia chiaro, chunque può fare degli errori anche imbazzanti nel corso della propria carriera, ma non mi pare cosa bella dire che dovrebbe cambiare mestiere senza dare una motivazione.


Top
  Profilo    
 
MessaggioInviato: mercoledì 6 marzo 2019, 22:47 

Iscritto il: mercoledì 21 febbraio 2007, 12:50
Messaggi: 2538
GTBL ha scritto:
Ad una prima lettura la tesi esposta mi pare del tutto ragionevole.

Aggiungo che io mi guarderei bene dal dire che gente che ha 128 pubblicazioni, 2666 citazioni e h-index 31 (parlo di Melott; l'altro autore è molto più giovane) dovrebbe dedicarsi alla pesca senza dare uno straccio di motivazione. Sia chiaro, chunque può fare degli errori anche imbazzanti nel corso della propria carriera, ma non mi pare cosa bella dire che dovrebbe cambiare mestiere senza dare una motivazione.


Io non ho detto che devono cambiare mestiere, mi riferivo al giorno in cui hanno scritto l'articolo, che poi non è sicuramente un giorno ma settimane o mesi.
Quello che avrei voluto dire a discussione iniziata ma che tu mi costringi a dire subito è che anche se fosse vero quello che dicono, e bada bene che in generale sono d'accordo con loro, è che si tratta di una faccenda simile a quella della farfalla a Tokio che muovendo le ali provoca un uragano sulla California. non so se mi sono spiegato meglio.
Forse è meglio esplicitarlo di più: c'è una discussione parallela sulla vita intelligente nella nostra galassia e qualcuno ha ricordato che la vita sulla Terra c'è tra l'altro perché la Terra ha un satellite grande il giusto per stabilizzare la rotazione della Terra, provocare le maree, ecc. la luna secondo alcuni teorici è una delle parecchie condizioni speciali di cui dispone la Terra e queste condizioni speciali sarebbero le condizioni "sine qua non", ossia necessarie, perché la vita si sia formata sulla Terra.
Ora se queste condizioni sono effettivamente necessarie, e non è detto e non lo potremo provare per un gran numero di anni, allora l'ulteriore condizione per avere la vita intelligente sarebbero le supernove, ma non quelle qualsiasi, ma quelle vicine, condizione da aggiungere al fatto che la vita per nascere non deve formarsi vicino al nucleo galattico troppo radioattivo quando il buco nero centrale è in attività e in 4,5 miliardi di anni lo è stato parecchie volte, deve avere il tempo di svilupparsi, non deve avere la sfortuna che capitino uno o più GRB vicini (leggere la questione del carbonio 14 nell'ottavo secolo dopo Cristo), poi per continuare ad esistere la vita intelligente non deve avere impatti troppo frequenti (la media è di uno ogni 300.00 anni, l'ultimo è successo 760.000 anni fa!), non deve avere altre supernove troppo vicine, non devono succedere GRB vicini, ecc.
Se tiriamo le file della discussione dobbiamo concludere che abbiamo vinto il primo premio della lotteria galattica e contemporaneamente risolto il problema di Fermi (dove sono gli alieni?) in quanto per una questione di probabilità non possono esserci troppi vincitori della lotteria.
E infine ma non ultimo: tutti questi argomenti portano .... ad un antropocentrismo, magari involontario, stile pregalileiano.
E ora? La discussione è abbastanza piccante?
GTBL sia chiaro che non c'è lo con te, hai fatto giuste considerazioni.
Ciao.
Roberto Gorelli


Top
  Profilo    
 
MessaggioInviato: mercoledì 6 marzo 2019, 23:57 
Avatar utente

Iscritto il: lunedì 10 ottobre 2011, 13:57
Messaggi: 265
Forse c'è una questione di interpretazione degli obiettivi dell'articolo. E' vero che è linkato anche da siti di astrobiologia, ma non mi pare che si tratti di articolo sullo sviluppo di civiltà cosiddette intelligenti o più in generale di astrobiologia. L'articolo presenta alcuni risultati che potrebbero eventualmente essere interpretati in tal senso, ma mi pare che l'obiettivo dello studio sia più generale.


Top
  Profilo    
 
MessaggioInviato: giovedì 7 marzo 2019, 0:33 

Iscritto il: mercoledì 21 febbraio 2007, 12:50
Messaggi: 2538
GTBL ha scritto:
Forse c'è una questione di interpretazione degli obiettivi dell'articolo. E' vero che è linkato anche da siti di astrobiologia, ma non mi pare che si tratti di articolo sullo sviluppo di civiltà cosiddette intelligenti o più in generale di astrobiologia. L'articolo presenta alcuni risultati che potrebbero eventualmente essere interpretati in tal senso, ma mi pare che l'obiettivo dello studio sia più generale.


Nooo? Di fatto stanno dicendo che di effetto in effetto l'esplosione di una/più supernove vicine ha favorito la nascita dell'Uomo grazie agli incendi che si sviluppavano più facilmente, incendi che avrebbero favorito l'ominazione spingendo i nostri antenati nelle savane.
E' un articolo formalmente fisico, di pura astrofisica, ma in effetti è centrato sullo sviluppo e la nascita dell'Uomo moderno e di conseguenza della intelligenza umana con correlata civiltà industriale/scientifica attuale.
Il senso finale, almeno IHMO, è: senza supernove (vicine e di tipo II P, la mia prima supernova era di questo tipo ma era lontana oltre 10 milioni di A.L.), forse, l'Uomo non sarebbe nato.
Sbaglio?
Ciao.
Roberto Gorelli


Top
  Profilo    
 
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 6 messaggi ] 

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a:  
Powered by phpBB © 2000, 2002, 2005, 2007 phpBB Group
Traduzione Italiana phpBBItalia.net basata su phpBB.it 2010