1° Forum di Astronomia Amatoriale Italiano

Il primo forum di astrofili per astrofili, nato nel 2000.
Oggi è giovedì 22 agosto 2019, 5:44

Menu

* Home
* Iscriviti
* La Bacheca
* F.A.Q.
* Cerca
* Login/Logout 

Login

Nome utente:
Password:

 Ho dimenticato la password

In Linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite

Regolamento

regolamento

Links

*
Astrocafè

Segnala bolide
* Meteoblue.com
* Previsioni seeing
* Il Meteo.it
Help Forum
 

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora


Regole del forum



IMPORTANTE: Regole per usare correttamente la sezione Scienze Astronomiche



Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 68 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente  1 ... 3, 4, 5, 6, 7
Autore Messaggio
MessaggioInviato: lunedì 11 marzo 2019, 8:01 
Vendor
Avatar utente

Iscritto il: domenica 7 settembre 2008, 11:45
Messaggi: 2641
Località: Roma
Tipo di Astrofilo: Visualista
ross4481 ha scritto:
Questo è un paradosso che non riusciremo a sciogliere usando la ragione della scienza.
Per questo le religioni saranno dure a morire.

Le religioni non sono 'dure a morire', fanno semplicemente parte della natura umana.
Le religioni rispondono ad un'esigenza 'di senso', cui la scienza non può rispondere.
Ne ragionavo sul mio blog diverso tempo addietro, ma probabilmente ti conviene andare direttamente alla fonte, l'articolo "Darwin's God" pubblicato dal New York Times.

_________________
Marco Pierfranceschi,
autore del libro: Il cielo ritrovato - guida pratica all'astronomia visuale
nonché Blogger


Top
  Profilo   WWW  
 
MessaggioInviato: lunedì 11 marzo 2019, 10:17 

Iscritto il: venerdì 7 aprile 2017, 17:56
Messaggi: 85
Io direi che l'imperscrutabilità fa parte della natura umana (che molti colmano con l'idea di Dio), le religioni semplicemente ne approfittano, lucrandoci non solo da un punto di vista economico (cosa molto preoccupante).
Invece, per quanto riguarda Darwin, nella sua opera più importante, "L'Origine delle Specie", non accenna mai minimamente all'uomo, il che la dice lunga sulla sua "teoria".
Questo per me rappresenta un altro modo di lucrare sopra questo baratro che l'uomo ha nel profondo.
Concordo sul fatto che la scienza è impotente difronte a tutto ciò, anche se sta tentando in tutti i modi di lucrarci sopra anch'essa, vedi la "teoria" del Big-Bang.
L'unico aspetto positivo di questa condizione, è che l'uomo può credere a ciò che vuole, divenendo il principio e il fine della sua esistenza.

_________________
"Today's scientists have substituted mathematics for experiments, and they wander off through equation after equation, and eventually build a structure which has no relation to reality"
N. Tesla


Ultima modifica di ross4481 il lunedì 11 marzo 2019, 11:46, modificato 1 volta in totale.

Top
  Profilo    
 
MessaggioInviato: lunedì 11 marzo 2019, 10:55 

Iscritto il: giovedì 21 gennaio 2016, 14:23
Messaggi: 379
Tipo di Astrofilo: Visualista
ross4481 ha scritto:
...Ma sul discorso del "Nulla" mi ci ritrovo molto, io penso che l'unica cosa che esiste realmente è proprio il "Nulla", e poi chi può affermare che non esita?
Si, la quantistica ci può aiutare a comprendere, attraverso l'entanglement quantistico, che l'universo che conosciamo sia solo un'illusione, e che la materia è uno stato energetico anomalo rispetto alla Realtà del "Nulla".
Rimane da capire perchè accadono queste "fluttuazioni" (che danno vita ad universi) in un ambiente privo di spazio, tempo ed energia.
Il solo fatto che "accade" qualcosa, presuppone un tempo, il fatto che "genera" qualcosa, presuppone una energia, lo spazio può essere una conseguenza, ma sulle prime due cosa avviene?
Questo è un paradosso che non riusciremo a sciogliere usando la ragione della scienza.
Per questo le religioni saranno dure a morire.


Il tuo atteggiamento rispetto al nulla, sarebbe l'unico atteggiamento saggio e coerente possibile se ammettesse che esiste il forte dubbio che "il nulla" non esista.

I concetti di nulla e di infinito sono iperboli che non possono essere comprese dalla nostra realtà scientifica.

Questo perchè con le conoscenze che abbiamo, non possiamo negarne l'esistenza, ma non possiamo nemmeno affermarla. E quindi il risultato sensato non può essere che un dubbio equilibrato.

La stessa saggezza che va per coerenza applicata a tutti i dilemmi dei quali non possiamo affermate una verità o il contrario di essa. Come l'origine di tutte le origini; o se vuoi il perchè esista l'energia.

La scienza da parte sua "tira a indovinare" per verificare se è così, un certo comportamento della natura, intesa di volta in volta come una "scatola nera" in cui inserendo alcuni dati ne escono altri.

Così sappiamo come si comporta la "scatola nera", ma non conosciamo il suo reale contenuto. E per capirci fra di noi ci inventiamo perticelle che come scatole nere sembra possano portare con se la massa o l'energia mostrandoci l'un o l'altra; ed altri dilemmi che sicuramente supereremo in futuro, ma che esporranno nuovi orizzonti teorici fonti di dubbio.

Credo quindi che il rifiuto del dubbio con la espressione di una qualunque fede incondizionata, in presenza di una impossibile certezza positiva o negativa, sono per noi umani indice di non aver capito nulla, o di non voler capire, ponenedo fede nel fatto che primo o poi ci arriveremo....ma sempre ponendo fede.

_________________
WWW.GRATTAVETRO.IT, blog del fai da te astronomico


Ultima modifica di GiulioT il lunedì 11 marzo 2019, 11:09, modificato 3 volte in totale.

Top
  Profilo    
 
MessaggioInviato: lunedì 11 marzo 2019, 11:06 

Iscritto il: mercoledì 21 febbraio 2007, 12:50
Messaggi: 2538
Questa discussione è scivolata piano piano OT, o almeno IHMO.

Gli ultimi interventi mi hanno fatto venire in mente la questione della luce, per secoli si è discusso se essa fosse di natura ondulatoria o particellare, poi alla fine è venuto fuori che è ambedue contemporaneamente ma che nel vuoto si manifesta come ondulatoria, a contatto con la materia come particellare.
Ciao.
Roberto Gorelli


Top
  Profilo    
 
MessaggioInviato: lunedì 11 marzo 2019, 11:22 

Iscritto il: giovedì 21 gennaio 2016, 14:23
Messaggi: 379
Tipo di Astrofilo: Visualista
Effettivamente il dilemma "Soli o non soli nella Via Lattea", della ipotetica discussione, è andato avanti con altri dilemmi altrettanto interessanti sul principio scientifico, a dispetto del contumace autore della discussione. :mrgreen:

_________________
WWW.GRATTAVETRO.IT, blog del fai da te astronomico


Top
  Profilo    
 
MessaggioInviato: lunedì 11 marzo 2019, 15:48 

Iscritto il: venerdì 7 aprile 2017, 17:56
Messaggi: 85
Roberto Gorelli ha scritto:
nel vuoto si manifesta come ondulatoria, a contatto con la materia come particellare.


Molto interessante anche questo argomento, ma questa affermazione non è molto corretta, il discorso del dualismo della luce è molto più complesso.
La luce cambia comportamento da onda a particella quando si cerca di interagire con essa, ovvero quando l'osservatore interviene direttamente o indirettamente.
Questa strana interazione della luce nei confronti dell'osservatore, richiama una certa "intelligenza",
come se la particella riconoscesse una coscienza "esterna" e cerchi di mascherare la sua vera natura o di entrare in risonanza con la "coscienza" dell'osservatore.

Ma è un peccato spendere poche parole su un argomento così vasto, e che si meriterebbe un'intera discussione dedicata.

_________________
"Today's scientists have substituted mathematics for experiments, and they wander off through equation after equation, and eventually build a structure which has no relation to reality"
N. Tesla


Top
  Profilo    
 
MessaggioInviato: lunedì 11 marzo 2019, 18:36 
Vendor
Avatar utente

Iscritto il: domenica 7 settembre 2008, 11:45
Messaggi: 2641
Località: Roma
Tipo di Astrofilo: Visualista
ross4481 ha scritto:
Invece, per quanto riguarda Darwin, nella sua opera più importante, "L'Origine delle Specie", non accenna mai minimamente all'uomo, il che la dice lunga sulla sua "teoria".

"Teoria" è un termine improprio. L'Origine delle Specie (che invito tutti a leggere) mette in fila una tale sconfinata serie di evidenze da seppellire definitivamente ogni ipotesi alternativa. E questo un secolo e mezzo prima che la genetica molecolare potesse portare evidenze fattuali rispetto a praticamente tutto quello che Darwin era arrivato a desumere.
https://mammiferobipede.wordpress.com/2 ... ie-darwin/

_________________
Marco Pierfranceschi,
autore del libro: Il cielo ritrovato - guida pratica all'astronomia visuale
nonché Blogger


Top
  Profilo   WWW  
 
MessaggioInviato: lunedì 11 marzo 2019, 19:10 
Avatar utente

Iscritto il: venerdì 27 luglio 2007, 23:20
Messaggi: 9099
Località: Milano
Tipo di Astrofilo: Visualista
Darwin ha anche scritto un testo sulle origini dell'uomo s'è per questo (letto e letta l'origine), non è affatto vero che abbia evitato il "problema" - anzi ha anche affrontato una lunga discussione con Wallace (di cui era amico) che vedeva nella supposta "perfezione" del cervello umano un'evidente dimostrazione di intervento divino "ad hoc" (intendendo con questa espressione un intervento divino speciale operante fuori dalle leggi naturali a beneficio dell'uomo e solo dell'uomo: Wallace che aveva intuito il meccanismo di selezione naturale indipendentemente da Darwin non accettava fino in fondo le conseguenze della propria stessa teoria e riteneva che questa non fosse in grado di spiegare la superiorità umana).

teoria e non "teoria", francamente l'uso di virgolette e allusioni al lucro (nei confronti tanto delle religioni - tutte indistintamente - quanto della scienza - tutta indistintamente) mi risulta fastidioso come espressioni del tipo "tutte le donne sono p......" "i negri hanno il ritmo nel sangue" e chi più ne ha più ne metta.
vabbe' che non è una discussione accademica, ma non siamo nemmeno al bar sport, vorrei un filo di attenzione e di umiltà in più.

ps Darwin era un uomo molto cauto, sapeva che la propria teoria era potenzialmente dirompente, per questo aspettò decenni a pubblicare (spinto proprio da una comunicazione dello stesso Wallace che gli chiedeva un parere in merito alla propria intuizione riguardo alla selezione naturale) e per questo aspettò prima di pubblicare le proprie idee riguardo all'evoluzione umana. non per altro.

_________________
dovrete espellere anche me


Top
  Profilo    
 
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 68 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente  1 ... 3, 4, 5, 6, 7

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a:  
Powered by phpBB © 2000, 2002, 2005, 2007 phpBB Group
Traduzione Italiana phpBBItalia.net basata su phpBB.it 2010