1° Forum di Astronomia Amatoriale Italiano

Il primo forum di astrofili per astrofili, nato nel 2000.
Oggi è mercoledì 15 agosto 2018, 0:11

Menu

* Home
* Iscriviti
* La Bacheca
* F.A.Q.
* Cerca
* Login/Logout 

Login

Nome utente:
Password:

 Ho dimenticato la password

In Linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite

Regolamento

regolamento

Links

*
Astrocafè

Segnala bolide
* Meteoblue.com
* Previsioni seeing
* Il Meteo.it
Help Forum
 

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora


Regole del forum



IMPORTANTE: Regole per usare correttamente la sezione Scienze Astronomiche



Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 10 messaggi ] 
Autore Messaggio
MessaggioInviato: lunedì 16 aprile 2018, 18:24 
Avatar utente

Iscritto il: domenica 8 maggio 2011, 20:54
Messaggi: 7804
Località: ̶B̶s̶̶ Francia Corta
Allegato:
Miriade.jpg
Miriade.jpg [ 140.87 KiB | Osservato 249 volte ]

"Una dozzina di buchi neri raccolti intorno al buco nero supermassiccio al centro della Via Lattea, noto come Sagittarius A* o Sgr A*: a identificarli sono stati ricercatori della Columbia University e dello Harvard-Smithsonian Center for Astrophysics, che pubblicano il loro lavoro sull'ultimo numero di "Nature".

La scoperta rappresenta la prima conferma di una previsione teorica avanzata una ventina di anni fa, secondo la quale i buchi neri supermassicci (SMBH) al centro delle galassie dovrebbero essere circondati da una miriade di piccoli buchi neri.

I buchi neri supermassicci come Sgr A* sono circondati da un alone di gas e polveri che rappresenta il terreno perfetto per la nascita di stelle massicce, che alla loro morte potrebbero trasformarsi in buchi neri. Inoltre, anche i buchi neri formatisi all'esterno dell'alone subiscono l'influenza del SMBH mentre perdono la loro energia, avvicinandosi così sempre più a esso."


"Sono una cinquantina i buchi neri conosciuti in tutta la galassia, che ha una larghezza di 100.000 anni luce, e si suppone che ci siano da 10.000 a 20.000 oggetti di questo tipo in una regione di soli sei anni luce da Sgr A*. Ma finora nessuno era stato in grado di trovarli", ha detto Charles J. Hailey, primo autore dello studio. Il fatto è che sono per lo più buchi neri isolati e in questo stato "sono solo neri, non fanno nulla", spiega Hailey, ed è quasi impossibile individuarli..
...


:wave:

_________________
Ippo (Costanzo)
"Una cosa ho imparato nella mia lunga vita: che tutta la nostra scienza è primitiva e infantile
eppure è la cosa più preziosa che abbiamo" (A. Einstein).

Immagine :lol: :D Immagine :D :lol: Immagine


Top
  Profilo    
 
MessaggioInviato: martedì 17 aprile 2018, 16:14 

Iscritto il: mercoledì 21 febbraio 2007, 12:50
Messaggi: 2180
Brutta notizia! Mi spiego: quando esplode una supernova l'eventuale stella compagna può, ma non necessariamente, essere spedita fuori della galassia come stella

ad alta velocità

https://it.wikipedia.org/wiki/Stella_fuggitiva

o altissima velocità

https://it.wikipedia.org/wiki/Stella_iperveloce

stessa cosa succede (circa) quando una stella (o anche uno sciame di particelle atomiche) cade in un buco
nero, metà della massa viene sparata nello spazio ad altissima velocità

https://it.wikipedia.org/wiki/Raggi_cos ... ma_energia

Quindi se esistono veramente buchi neri in prossimità del buco nero Sagittario A

https://it.wikipedia.org/wiki/Buco_nero_supermassiccio

prima o poi verranno fagorcitati da esso e, a parte i megafuochi d'artificio gravitazionali, ci potrebbe
essere la possibilità che una parte di questi buchi neri, specialmente se dovessero essere binari,
vengano spediti ad alta velocità radialmente in tutte le direzioni come palle di bowling e prima di uscire
dalla galassia potrebbero fare strike con stelle e sistemi planetari! Già questo era conosciuto per le singole
stelle e probabilmente questo è valido anche per eventuali pianeti, asteroidi e comete (I/1 Ou....) ma ...
pure i buchi neri ... e attenzione, probabilmente di massa più che stellare! :cry:

Ciao.
Roberto Gorelli


Top
  Profilo    
 
MessaggioInviato: martedì 17 aprile 2018, 16:39 
Avatar utente

Iscritto il: mercoledì 15 ottobre 2008, 17:01
Messaggi: 19965
Località: Firenze
Tipo di Astrofilo: Visualista e Fotografo
Può darsi che ci siano molti buchi neri che non si vedono perchè magari isolati. Però non dovrebbero essere troppo numerosi, altrimenti qualcuno avrebbe manifestato la sua presenza come effetto o lente gravitazionale. Invece non risulta che sia mai stato osservato un fenomeno simile. Quindi non si può pensare di essere circondati da "bombe vaganti" invisibili, che magari rappresentino l'equivalente della massa della materia oscura.

_________________
Ciò che non ha termine non ha figura alcunaLeonardo da Vinci


Top
  Profilo    
 
MessaggioInviato: martedì 17 aprile 2018, 16:52 

Iscritto il: mercoledì 21 febbraio 2007, 12:50
Messaggi: 2180
Sicuro? Proprio noi astrofili abbiamo la possibilità di verificarlo ma ... abbiamo mai blinkato le immagini
che otteniamo e osservato se per caso in un angolino un gruppo di stelle sembra essersi leggerissimamente
mosso, accentrandosi o disperdendosi? Scommetto di no.
Comunque le tracce di buchi neri isolati potrebbero essere rivelate solo in un modo: scie simili a capelli nelle
frequenze dei raggi gamma o X, forse pure nei UV, ma questo lo possono fare solo i prof coi satelliti e vale solo
per quelli vicini o quelli che stanno attraversando casualmente nebulose gassose o di polveri (specialmente
queste). Le scie (tipo quella di Mira Ceti) sarebbero dovute al fagorgimento di materia interstellare dal parte
del buco nero. Qualcuno conosce specialisti di raggi gamma o X?
Ciao.
Roberto Gorelli


Top
  Profilo    
 
MessaggioInviato: martedì 17 aprile 2018, 18:35 
Avatar utente

Iscritto il: domenica 8 maggio 2011, 20:54
Messaggi: 7804
Località: ̶B̶s̶̶ Francia Corta
Roberto Gorelli ha scritto:
Brutta notizia! Mi spiego: ...
... prima o poi verranno fagorcitati da esso e, a parte i megafuochi d'artificio gravitazionali, ci potrebbe
essere la possibilità che una parte di questi buchi neri, specialmente se dovessero essere binari,
vengano spediti ad alta velocità radialmente in tutte le direzioni come palle di bowling e prima di uscire
dalla galassia potrebbero fare strike con stelle e sistemi planetari! Già questo era conosciuto per le singole
stelle e probabilmente questo è valido anche per eventuali pianeti, asteroidi e comete (I/1 Ou....) ma ...
pure i buchi neri ... e attenzione, probabilmente di massa più che stellare! :cry:
...

Ostregheta che scenario!!! ...
Comincio a pensare che siamo vivi per una sorta di miracolo cosmico ... :think:
:angel: :wave:

_________________
Ippo (Costanzo)
"Una cosa ho imparato nella mia lunga vita: che tutta la nostra scienza è primitiva e infantile
eppure è la cosa più preziosa che abbiamo" (A. Einstein).

Immagine :lol: :D Immagine :D :lol: Immagine


Top
  Profilo    
 
MessaggioInviato: mercoledì 18 aprile 2018, 0:12 

Iscritto il: lunedì 22 marzo 2010, 16:39
Messaggi: 314
O per la legge dei grandi numeri, o perchè il tempo umano è troppo breve per i tempi cosmici... domanda, sulla scia di Ippo: quanta probabilità c'è, in teoria, che nella nostra vita di adesso, ci sia un evento del genere, cioè, piuttosto che un meteorite o satellite artificiale, nei prossimi decenni, ci colpisca da un giorno all'altro una "biglia stellare o nera"?


Top
  Profilo    
 
MessaggioInviato: mercoledì 18 aprile 2018, 8:31 

Iscritto il: mercoledì 21 febbraio 2007, 12:50
Messaggi: 2180
Nessuno può dirlo per il semplice fatto che non sappiamo se effettivamente questi buchi neri esistono (il sistema usato dai ricercatori è indiretto e relativo ad oggetti che non si possono vedere!), quanti sono, se sono in coppia, se verrebbero "sparati" lungo il piano della galassia o perpendicolarmente, se altri stanno arrivando da altre galassie, ecc.

Quindi nessuna risposta sensata veramente scientifica è possibile.

In base a considerazioni puramente empiriche si può solo dire che eventi del genere dovrebbero essere relativamente rari per cui possiamo dimenticarci del problema anche perchè se dovesse accaderne uno non possiamo fare niente di più che soffiarci contro sperando di deviarlo.

Ciao.
Roberto Gorelli

P.S. Dimenticavo: riguardo invece i tutti gli altri oggetti, beh, si pensa che in ogni momento qualche asteroide/cometa interstellare attraversa il sistema solare, le loro possibilità di collisione sono da aggiungere a quelle degli stessi tipi di oggetti che esistono nel sistema solare, ma dovrebbero essere solo un qualche percento in più, meteore interstellari invece cadono ogni giorno ma non ci pongono problemi (almeno fino a qualche tn di massa), incontri quasi crash (qualche centinaia/migliaia di UA) stellari invece capitano mediamente ogni qualche centinaio di milioni di anni.
Poi forse ci sono strane particelle atomiche, molto rare che potrebbero fare cose strane tipo attraversare da una parte all'altra la Terra ma questa è un'altra storia ....


Top
  Profilo    
 
MessaggioInviato: mercoledì 18 aprile 2018, 22:24 

Iscritto il: lunedì 22 marzo 2010, 16:39
Messaggi: 314
Ma io sono pessimista, mettiamo che capiti... cosa succederà, vivremo a lungo nel terrore, essendoci le condizioni per una scoperta per tempo, e ad un certo punto le condizioni del pianeta peggioreranno, facendoci soffrire fino all'ultimo, e quindi sarà doloroso, oppure, invece, sarà un istante e ce ne andremo senza accorgercene?


Top
  Profilo    
 
MessaggioInviato: giovedì 19 aprile 2018, 8:21 

Iscritto il: mercoledì 21 febbraio 2007, 12:50
Messaggi: 2180
non bisogna essere pessimisti, mai! Detto questo, la questione vera e propria dovrebbe risolversi in pochi secondi o poco più, il problema è in tempo precedente, da quando verrebbe scoperto l'oggetto al momento fatidico: una volta accertato il fenomeno si scatenerebbe il peggio degli umani, ognuno vorrebbe vivere coi risparmi che però non varrebbero niente perchè nessuno vorrebbe fare i lavori faticosi e/o pericolosi per gli altri, ci sarebbe il rischio concreto di morire di fame circondati di lingotti d'oro, violenze di ogni tipo, tanto non potrebbero essere punite (Dai l'ergastolo a uno che sta per morire? Lo fucili?). E' quindi probabile che la notizia sia tenuta segreta, ma alcuni governi, come quelli anglosassoni/americani, questo sistema non lo fanno per principio per cui la notizia trapelerebbe in ogni caso, prima lentamente poi esponenzialmente. Si tratterebbe quindi di un bruttissimo periodo prima di una fine fantasmagorica in pochi istanti. Il tempo di scoperta non può essere previsto a priori in quanto dipende da molti fattori ognuno dei quali può influenzare di molto questo tempo, potrebbe essere anche di oltre 100 anni, ma anche solo di poche settimane.
Ciao.
Roberto Gorelli


Top
  Profilo    
 
MessaggioInviato: giovedì 19 aprile 2018, 11:37 
Avatar utente

Iscritto il: mercoledì 15 ottobre 2008, 17:01
Messaggi: 19965
Località: Firenze
Tipo di Astrofilo: Visualista e Fotografo
Una cosa è sicura, se ci sono dei buchi neri inattivi che traversano campi stellari, questi dovrebbero lasciare un segno del loro passaggio, per l'effetto lensing o se vogliamo chiamarlo in altro modo, per l'effetto di curvatura della direzione della luce delle stelle di sfondo. Quindi con l'apparente spostamento per breve tempo della posizione di stelle note. Come si fa a vedere? Adesso è più facile, basta andare a vedere se questo fenomeno compare qui: https://www.cosmos.esa.int/web/gaia/dr2
Per questo motivo chi studia questo database se ne dovrebbe accorgere.
Penso che siano più pericolosi gli asteroidi.

_________________
Ciò che non ha termine non ha figura alcunaLeonardo da Vinci


Top
  Profilo    
 
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 10 messaggi ] 

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a:  
cron
Powered by phpBB © 2000, 2002, 2005, 2007 phpBB Group
Traduzione Italiana phpBBItalia.net basata su phpBB.it 2010