1° Forum di Astronomia Amatoriale Italiano

Il primo forum di astrofili per astrofili, nato nel 2000.
Oggi è sabato 22 luglio 2017, 5:47

Menu

* Home
* Iscriviti
* La Bacheca
* F.A.Q.
* Cerca
* Login/Logout 

Login

Nome utente:
Password:

 Ho dimenticato la password

In Linea

Visitano il forum: Bing [Bot] e 6 ospiti

Regolamento

regolamento

Links

*
Astrocafè

Segnala bolide
* Meteoblue.com
* Previsioni seeing
* Il Meteo.it
Help Forum
 

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora




Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 24 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente  1, 2, 3
Autore Messaggio
 Oggetto del messaggio: Re: Barlow lunga o corta?
MessaggioInviato: giovedì 13 luglio 2017, 16:05 
Avatar utente

Iscritto il: martedì 27 agosto 2013, 17:56
Messaggi: 504
Località: Mediolanum
Tipo di Astrofilo: Visualista e Fotografo
Beh, non è proprio una giungla, se si legge l'analisi già linkata da Mauro o un qualunque manuale di ottica astronomica, si può invece dire che si tratti di un argomento abbastanza chiaro. Quello che può disorientare è la folla di questi accessori che si trova sul mercato, ma se si va a vedere come sono fatti rientrano tutti in pochissime categorie che si contano sulle dita di una mano.

Per un riflettore newtoniano, se questa è l'esigenza, non c'è niente di meglio di una Barlow lunga, non intacca la qualità ottica in asse, introduce una coma di segno opposto a quella dell'ottica principale e quindi migliora anche le prestazioni fuori asse, il tubo lungo permette di "pescare" ed estrarre il fuoco con facilità, non vignettano con oculari a lunga focale. Coi miei newtoniani uso due vecchie Barlow giapponesi, una Orion 2x e una Parks 2x da -14 cm di focale, e davvero non temono nessun confronto. Buone anche le TeleVue ma non sono allo stesso livello.

Le barlow corte esistono perché sono comode da usare coi diagonali e oggi quasi tutti le preferiscono, ma per dare le stesse prestazioni di quelle lunghe due lenti non bastano più, infatti sono quasi tutte dei tripletti o quadrupletti e la correzione fuori asse e ad amplificazioni diverse da quella di progetto può non essere sempre soddisfacente.

mario de caro ha scritto:
Secondo me una barlow non è lunga o corta ma " tirata" alla lunghezza di progetto ad esempio 2,5x a 5 cm dalla lente....se sposti il tuo oculare a 10cm la barlow non sarà più 2,5x ma 4x .....

le Barlow hanno una loro propria focale, si dicono "lunghe" o "corte" in base a questa, più sono corte a parità di amplificazione, e quindi maggiore è la divergenza che determinano, e più è difficile controllarne le aberrazioni.

_________________
Raf

La mia pagina su Google+
Astrotest, osservazione e strumentazione astronomica - http://www.astrotest.it
Osservazioni e immagini planetarie - http://pianeti.uai.it/archiviopianeti/


Top
  Profilo   WWW  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Barlow lunga o corta?
MessaggioInviato: venerdì 14 luglio 2017, 11:13 
Moderatore
Avatar utente

Iscritto il: sabato 11 febbraio 2006, 12:43
Messaggi: 13362
Località: Milano
Tipo di Astrofilo: Visualista
Ad integrazione di quanto detto da Raf, si possono considerare le barlow "corte" (con focali da circa -50 a -75 mm) come i telescopi di corta focale e basso rapporto focale, fanno perfettamente il loro lavoro, ma sono piu "suscettibili" agli usi al di fuori delle condizioni di progetto, per questo quando vengono "tirate", spesso il degrado è ben percettibile, anche perchè (ad esempio) una barlow 2X di focale tipica -60 mm per farla arrivare a 3X basta "tirarla" di soli 60 mm (con probabile marcata vignettatura).
Di converso le barlow "lunghe" (con focali da circa -110 a -150 mm) come i telescopi "lunghi" sono molto piu tolleranti agli usi al di fuori delle condizioni di progetto, oltre ad avere il plus (già indicato da Raf) di essere molto meno suscettibili a vignettare (per questioni di geometria del fascio ottico) rispetto alle "corte".
Se notate, le eccellenti TeleVue (sono dei "normali" doppietti) sono tutte "lunghe" (caso a parte le telecentriche della stessa casa).

_________________
Telescopi: il Barile (Dobson autocostruito 400mm f/4,5); l'Obice (Newton vintage 200mm f/8,25); il Nano (Rifrattore A&M 80mm f/6 apo); il Bidoncino (Newton barlowed Celestron 114/1000 con specchi non alluminati) per osservazione Sole in luce bianca; rifrattore acro Celestron 60/700. * * * Binocoli: Vixen Ark 30x80, Vixen Ultima 8x56, Bresser/lidl 10x50, Vortex Diamonback 8x42, Canon 10x30 IS II, Vortex Vanquish 8x26, Pentax Papilio 6,5x21.


Top
  Profilo   WWW  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Barlow lunga o corta?
MessaggioInviato: venerdì 14 luglio 2017, 11:25 
Avatar utente

Iscritto il: lunedì 6 luglio 2009, 19:38
Messaggi: 3793
Località: via stella Anzio
Io le televue le ho sempre tirate parecchio, ad esempio adesso col newton 14" uso la Barlow 3x e dopo l' ADC , che preferisce lavorare a f20, ovviamente sul planetario, portando il tutto a 4,5 x ,non ho notato segni di degrado.

_________________
e ho visto i raggi b balenare nel buio


Top
  Profilo    
 
 Oggetto del messaggio: Re: Barlow lunga o corta?
MessaggioInviato: domenica 16 luglio 2017, 11:39 

Iscritto il: lunedì 22 maggio 2017, 20:41
Messaggi: 23
Tipo di Astrofilo: Visualista e Fotografo
Mauro Narduzzi ha scritto:
mario de caro ha scritto:
Sulla FFC baader c' è scritto a chiare lettere 3x 8x....
Con un degrado assolutamente non visibile ( alcuni micron dichiarati dal costruttore sull' intero campo spianato di 9cm di diametro)


La qual cosa non contrasta affatto con ciò che io ho detto :D
La FFC non è una banale lente di Barlow infatti, è un progetto ottico molto più complesso. Ad esempio i 90 mm di campo corretto sono dichiarati per il rapporto d'ingrandimento a 4x. No so quanto sia a 3x o a 8x, immagino le differenze siano minime...

Matteo, sono quisquilie... la maggior parte delle persone non è in grado di cogliere differenze così sottili e soprattutto spesso si fanno confronti in asse dove il degrado è risibile. Fuori asse però le cose cambiano abbastanza velocemente e ad esempio in fotografia lunare possono fare una certa differenza. Ma ripeto, spesso le differenze sono molto molto piccole. Io ho solo dato alcune indicazioni su dove reperire analisi qualitative e quantitative, poi ognuno decide per sé se una spesa maggior possa valere la pena oppure no. Io amo i tecnicismi :D

Certo! Ti ringrazio Mauro!

Inviato dal mio ASUS_Z00LD utilizzando Tapatalk


Top
  Profilo    
 
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 24 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente  1, 2, 3

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Bing [Bot] e 6 ospiti


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a:  
Powered by phpBB © 2000, 2002, 2005, 2007 phpBB Group
Traduzione Italiana phpBBItalia.net basata su phpBB.it 2010