1° Forum di Astronomia Amatoriale Italiano

Il primo forum di astrofili per astrofili, nato nel 2000.
Oggi è sabato 16 dicembre 2017, 9:56

Menu

* Home
* Iscriviti
* La Bacheca
* F.A.Q.
* Cerca
* Login/Logout 

Login

Nome utente:
Password:

 Ho dimenticato la password

In Linea

Visitano il forum: Bing [Bot], Jigen975 e 3 ospiti

Regolamento

regolamento

Links

*
Astrocafè

Segnala bolide
* Meteoblue.com
* Previsioni seeing
* Il Meteo.it
Help Forum
 

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora




Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 22 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente  1, 2, 3  Prossimo
Autore Messaggio
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: sabato 18 febbraio 2006, 12:44 
Avatar utente

Iscritto il: mercoledì 8 febbraio 2006, 21:12
Messaggi: 4880
Località: Manfredonia
Tipo di Astrofilo: Visualista e Fotografo
Mi dici che poi lo devo rimettere in sideral, ma ho notato che se metto pec+sideral, le correzioni, che ho memorizzato io le riproduce pari pari, se metto solo siderale , no!!..cosa sceglgo?..Grazie ancora :)


Top
  Profilo   WWW  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: sabato 18 febbraio 2006, 13:28 
Avatar utente

Iscritto il: mercoledì 8 febbraio 2006, 15:55
Messaggi: 10262
Località: Salento
mi sono spiegato male...
dopo aver istruito il pec devi mettere sideral+pec (per fargli apportare le correzioni)

per non fargli considerare il pec + tardi (se vuoi) lo metti in sideral.

ciao


Top
  Profilo   WWW  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: domenica 19 febbraio 2006, 9:09 
Avatar utente

Iscritto il: mercoledì 8 febbraio 2006, 21:12
Messaggi: 4880
Località: Manfredonia
Tipo di Astrofilo: Visualista e Fotografo
Scusa volevo sapere se montassi un telescopio guida, per le correzzioni , per foto a lunga esposizione, quale telescopio mi consigli, premettendo che utilizzo un c8, e con quale velocita' dovrei fare le correzzioni?..cosa mi consigli?..grazie.. :)


Top
  Profilo   WWW  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: domenica 19 febbraio 2006, 10:33 
Avatar utente

Iscritto il: mercoledì 8 febbraio 2006, 15:55
Messaggi: 10262
Località: Salento
ci sono diversi fattori da considerare...
a che focale lavorerai sul c8?
userai la reflex anaogica o un ccd?
Guiderai con il reticolo illuminato?

ciao


Top
  Profilo   WWW  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: domenica 19 febbraio 2006, 14:19 
Avatar utente

Iscritto il: mercoledì 8 febbraio 2006, 21:12
Messaggi: 4880
Località: Manfredonia
Tipo di Astrofilo: Visualista e Fotografo
allora..togliendo il riduttore, lavorerei a 2000f,
uso pellicola 800 asa, oppure 1600,
con un oculare 12.5 reticolo illuminato...

Oppure tutto questo con un riduttore/correttore, 6.3
1270f...
Cosa mi consigli?..


Top
  Profilo   WWW  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: lunedì 20 febbraio 2006, 17:50 
Avatar utente

Iscritto il: mercoledì 8 febbraio 2006, 15:55
Messaggi: 10262
Località: Salento
non sono un esperto di guida :)
ora chiedo l'intervento di qualcuno + esperto con guida su pellicola.. (che dovrebbe avere condizioni meno restrittive del CCD)

ciao :)


Top
  Profilo   WWW  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: lunedì 20 febbraio 2006, 18:07 
Avatar utente

Iscritto il: mercoledì 8 febbraio 2006, 15:35
Messaggi: 16566
Località: Dove mi portano le stelle
Tipo di Astrofilo: Visualista e Fotografo
Visto che si parla di pellicola .... lasciamo la parola ai vecchi :twisted:
Un po' tutti gli SC sono delle brutte bestie per le foto su pellicola e a fuoco diretto (con e senza riduttore di focale).
Quali sono i problemi principali e quali le principali, ma non le uniche né le migliori, soluzioni?
1) Spostamento del primario. Sulle pose lunghe questo fenomeno si manifesta nella quasi totalità dei casi ed è maggiormente avvertibile se si lavora senza riduttore di focale a causa della maggiore focale, appunto.
Per ovviare a questo problema si può usare una guida fuori asse (la Giant della Lumicon è veramente una gran bella "bestia") oppure si monta un blocco del primario, qualora il tele originale non lo preveda.
2) Rapporto focale elevato. Se si lavora a F:10 diventa molto difficile rilevare i fotoni, soprattutto sulle galassie e sulle nebulose. In questo caso conviene lavorare con un riduttore di focale che, però, aumenta la vignettatura (vedi sotto). Logicamente la messa a fuoco e la collimazione devono essere sempre curate al massimo.
3) Vignettatura. A causa delle ridotte dimensioni del paraluce su cui scorre il primario e dei vari raccordi successivi il fascio di piena luce non corrisponde alle dimensioni della pellicola in formato 135 causando una discreta vignettatura. Con l'adozione di riduttori di focale la vignettatura sarà ancora più sensibile in quanto il fascio di luce sarà ancora più ampio.
In questi casi conviene croppare la foto dopo lo scatto mantenendo solo la parte utilizzabile. Alternativa è la creazione di un flat field artificiale che compensi in parte tale problema.
E veniamo ora all'inseguimento.
Per esperienza diretta ho guidato telescopi da 800 mm di focale con una settantina di ingrandimenti senza problemi. Perciò ti consiglio di arrivare a un ingrandimento minimo di 190x altrimenti il mosso sarà quasi sicuro.
Considera che anche in condizioni ottimali le pose saranno lunghe decine di minuti per cui la stanchezza tenderà a farsi sentire.
Se riesci a montare una guida fuori asse e una webcam puoi guidare a mano utilizzando il monitor del pc. In tal caso puoi usare anche focali parì alla metà del telescopio principale.
Per ora mi fermo.
Approfondimenti eventuali solo su richiesta. :)

_________________
Cieli sereni da Renzo
Immagine

Prima di un acquisto parallelo, pensateci - link

Il titolo del topic non è un optional. Usiamolo bene!


Top
  Profilo   WWW  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: lunedì 20 febbraio 2006, 18:44 
Avatar utente

Iscritto il: mercoledì 8 febbraio 2006, 15:55
Messaggi: 10262
Località: Salento
grazie mille per l'intervento Renzo...
meglio di cosi' non si puo' :)
ciao


Top
  Profilo   WWW  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: lunedì 20 febbraio 2006, 19:20 
Avatar utente

Iscritto il: mercoledì 8 febbraio 2006, 21:12
Messaggi: 4880
Località: Manfredonia
Tipo di Astrofilo: Visualista e Fotografo
croppare la foto dopo lo scatto mantenendo solo la parte utilizzabile.

Che significa?...


Top
  Profilo   WWW  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: lunedì 20 febbraio 2006, 19:25 
Avatar utente

Iscritto il: mercoledì 8 febbraio 2006, 19:37
Messaggi: 11520
Località: Bergamo
Tipo di Astrofilo: Fotografo
pippo ha scritto:
croppare la foto dopo lo scatto mantenendo solo la parte utilizzabile.

Che significa?...


Croppare significa ritagliare.

Viene dall'inglese "to crop" e di solito lo usa chi ha dimestichezza con i programmi di fotoritocco (che spesso si è iniziato a usare quando avevano i menu solo in inglese :wink: ).


Top
  Profilo    
 
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 22 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente  1, 2, 3  Prossimo

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Bing [Bot], Jigen975 e 3 ospiti


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a:  
Powered by phpBB © 2000, 2002, 2005, 2007 phpBB Group
Traduzione Italiana phpBBItalia.net basata su phpBB.it 2010