1° Forum di Astronomia Amatoriale Italiano

Il primo forum di astrofili per astrofili, nato nel 2000.
Oggi è martedì 19 gennaio 2021, 12:12

Menu

* Home
* Iscriviti
* La Bacheca
* F.A.Q.
* Cerca
* Login/Logout 

Login

Nome utente:
Password:

 Ho dimenticato la password

In Linea

Visitano il forum: Google [Bot], ROCKNROLL e 22 ospiti

Regolamento

regolamento

Links

*
Astrocafè

Segnala bolide
* Meteoblue.com
* Previsioni seeing
* Il Meteo.it
Help Forum
 

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora




Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 18 messaggi ]  Vai alla pagina 1, 2  Prossimo
Autore Messaggio
 Oggetto del messaggio: Visore binoculare, quale scegliere
MessaggioInviato: giovedì 24 dicembre 2020, 8:38 

Iscritto il: lunedì 9 novembre 2020, 13:32
Messaggi: 33
Località: Faella, Toscana (Tuscany) - Italy
Tipo di Astrofilo: Visualista e Fotografo
Sulla base degli spunti e suggerimenti ricevuti da parte di molti degli utenti di questo forum, mi sono messo a ragionare e studiare il prodotto VISORE BINOCULARE. A disposizione sul mercato sembra esserci più di una valida scelta...
Da totale ignorante su questo prodotto, faccio alcune iniziali riflessioni di base, che mi mettono più dubbi che certezze :

1) il binoculare ha per la sua natura uno schema ottico estremamente complicato.

2) Molti di voi mi hanno suggerito e fatto riflettere molto su caratteristiche e qualità di un semplice Prisma 90°, tant'è che sono poi approdato al Baader Zeiss, constatando che avevate ragione!

3) Leggo che i prismi del binoculare hanno difficoltà a coprire tutto il campo di un oculare da 31,8 . . . Il che mi sembra assolutamente ovvio, se pensiamo alla complessità di un prisma che deve sdoppiare un singolo canale ottico in due a 90°, per poi riflettere sempre con un secondo passaggio i due raggi ottici verso i due oculari del binoviewer.

4) Escluso per quegli oculari comprati " ieri " , quegli che possiedo nel mio set accumulato negli anni, sono inutilizzabili, perché quasi impossibile riacquistare oggi un identico modello a distanza di 5-8 anni . Pertanto la spesa per gli oculari diviene molto gravosa. Il binoviewer ha senso solo con oculari eccellenti!

5) Effettivi benefici in una migliore qualità di visione, verso i problemi e " ? " sopra evidenziati

Potete raccontarmi le vostre esperienze e riflessioni di chi già possiede un visore binoviewer e come ha affrontato tutte queste tematiche?
Migliori modelli? Miglior mod compromesso qualità - prezzo?

GRAZIE A TUTTI ANTICIPATAMENTE


Top
  Profilo    
 
MessaggioInviato: giovedì 24 dicembre 2020, 9:28 

Iscritto il: lunedì 25 maggio 2009, 21:16
Messaggi: 17
Io ho preso una MAXBRIGHT II
ho un ottima vista da sempre.... dopo aver sperimentato con ottimi prodotti la visione binoculare, non troverai più senso, se non per specifiche applicazioni, tornare a vedere alla polifemo.
Si apre un mondo, cambia completamente scenario: gli oggetti anche DS diventano quasi 3D su un fondo cielo più scuro; aumenta il dettaglio e contrasto, il cervello ricostruisce l'informazione mancante; ...una figata pazzesca.
Ti consiglio di investire più che puoi nella torretta e negli oculari.Qui si investe più del tele e ti rimarrà a vita. importante il treno ottico il più corto possibile per il tuo tele e setup. questo significa gli opportuni accessori BAADER (è inutile girarci intorno).
Buon Natale.


Top
  Profilo    
 
MessaggioInviato: giovedì 24 dicembre 2020, 11:49 
Moderatore
Avatar utente

Iscritto il: giovedì 10 agosto 2006, 10:11
Messaggi: 10823
Località: Cinisello Beach
Tipo di Astrofilo: Visualista
Ciao, secondo la mia esperienza il visore binoculare in determinati ambiti permette di vedere di più e con meno fatica.
Quali sono questi ambiti? Bè, innanzitutto a mio parere un visore binoculare ben si adatta a telescopi con un discreto diametro e ostruiti, tipicamente gli SC, i maksutov, i newton ecc. Non ho trovato particolari miglioramenti nell'uso con i rifrattori.
La visione nella torretta esalta il contrasto all'oculare, ingrandisce leggermente l'immagine, è più riposante.
Personalmente mi piace osservare in bino la luna e i pianeti. C'è chi ci osserva volentieri anche il sole. Sulle stelle doppie e il deepsky spinto non ho mai trovato particolari miglioramenti. Molto bello può essere osservare il deep a ingrandimenti medio bassi, con telescopi dal diametro importante.

Quale torretta scegliere?
Io osservo ormai da tanti anni con la baader maxbright prima serie, che consiglio spassionatamente. Ho avuto altri visori, ma non sono mai riuscito a farmeli digerire. Il plus della MB prima serie sta nei portaoculari a tre viti. quelle tre vitine che possono sembrare inutili, in realtà permettono una collimazione fine dei due oculari per avere perfetta corrispondenza dei due fasci ottici. In tutte le altre torrette, sia con portaoculari a una o due viti, sia con portaoculari ad anello autocentrante, ho sempre fatto molta fatica a mantenere i due oculari perfettamente in asse, ma magari è un mio limite.
La baader ha inoltre un sistema di correttori di tiraggio con sistema T2 modulare e di alta qualità ottica. Plus non indifferente.

Per quanto riguarda gli oculari da prediligere, secondo me più semplici sono meglio è. Io uso dei plossl o dei flatfield e mi trovo benissimo.

Cieli sereni,

Vincenzo

_________________
De kappellatis non disputandum est

Stelle già dal tramonto ci confondono il cielo a frotte, nubi meticolose nell'insegnarti la notte

Telescopi: Dobson 16,5", CPC1100, Antares IO, Vixen A80mf


Top
  Profilo   WWW  
 
MessaggioInviato: giovedì 24 dicembre 2020, 13:48 
Avatar utente

Iscritto il: giovedì 10 novembre 2011, 9:25
Messaggi: 877
Località: viterbo
Tipo di Astrofilo: Visualista
Ciao Mauro e buon Natale!!
Confermo in toto quanto detto da @kapp
E aggiungo che la Maxbright ha sì le tre vitine sul portaoculare che aiutano a collimare ma evidentemente ciò è dovuto ad una leggera imperfezione della stessa...
Sulla baader Zeiss non ho le tre vitine ma non ho mai avuto problemi di fusione dell'immagine anche con oculari dalla focale cortissima ( 2/3 mm)
La torretta Zeiss è forse l'accessorio più costoso in senso assoluto ma ,se ricordo bene , parlavamo di diagonali a specchio da 450 euro....la torretta ha ben altro ritorno in termini di ore di utilizzo e gratificazione...valuta bene!
Per quanto riguarda gli oculari oltre ai già citati ortho e plossl ( ottimi per i pianeti) utilizzo con piacere una coppia di Morpheus da 17.5 e da 4.5mm...ogni tanto , giusto per non soffrire troppo di claustrofobia :D
:wave:

_________________
Osservo con:
Officina Stellare apo152f8,Northek DK 250 f20,Celestron c9,1/4
Astro professional 152 f6


Top
  Profilo    
 
MessaggioInviato: giovedì 24 dicembre 2020, 19:09 

Iscritto il: lunedì 9 novembre 2020, 13:32
Messaggi: 33
Località: Faella, Toscana (Tuscany) - Italy
Tipo di Astrofilo: Visualista e Fotografo
mario de caro ha scritto:
Ciao Mauro e buon Natale!!
Confermo in toto quanto detto da @kapp
E aggiungo che la Maxbright ha sì le tre vitine sul portaoculare che aiutano a collimare ma evidentemente ciò è dovuto ad una leggera imperfezione della stessa...
Sulla baader Zeiss non ho le tre vitine ma non ho mai avuto problemi di fusione dell'immagine anche con oculari dalla focale cortissima ( 2/3 mm)
La torretta Zeiss è forse l'accessorio più costoso in senso assoluto ma ,se ricordo bene , parlavamo di diagonali a specchio da 450 euro....la torretta ha ben altro ritorno in termini di ore di utilizzo e gratificazione...valuta bene!
Per quanto riguarda gli oculari oltre ai già citati ortho e plossl ( ottimi per i pianeti) utilizzo con piacere una coppia di Morpheus da 17.5 e da 4.5mm...ogni tanto , giusto per non soffrire troppo di claustrofobia :D
:wave:


Grazie a tutti per le utilissime riflessioni!
Buon Natale a tutti.
Vedo che hai un Officina Stellare da 152 mm F8.
È bello? Come ti trovi? Purtroppo non vengono più prodotti!


Top
  Profilo    
 
MessaggioInviato: giovedì 24 dicembre 2020, 22:53 
Avatar utente

Iscritto il: giovedì 10 novembre 2011, 9:25
Messaggi: 877
Località: viterbo
Tipo di Astrofilo: Visualista
A me piace molto !
Se cerchi sui mercatini ogni tanto ne esce qualcuno....devi avere fortuna e pazienza....
È uno strumento valido senza dubbio ma ha bisogno di spazio e di una buona montatura stabile altrimenti risulta scomodo...
Le prestazioni sono in linea con la qualità di lavorazione della sua ottica ( LZOS strhel 0.96 su tutto lo spettro)
E del suo diametro: 6 pollici.
Sono strumenti fatti per rendere al massimo delle proprie possibilità e per durare nel tempo...il mio sembra appena uscito da un negozio e ne ha visto di cielo!
Una prova vale mille discorsi....
Ciao

_________________
Osservo con:
Officina Stellare apo152f8,Northek DK 250 f20,Celestron c9,1/4
Astro professional 152 f6


Top
  Profilo    
 
MessaggioInviato: giovedì 24 dicembre 2020, 23:34 
Avatar utente

Iscritto il: lunedì 20 luglio 2020, 11:16
Messaggi: 293
Tipo di Astrofilo: Visualista
Voglio sottoporre un caveat riguardo alla visione binoculare.

Il fatto è che a me capita di non rilevare alcun vantaggio nell'osservare con due occhi piuttosto che con uno soltanto; neanche per la comodità di tenere entrambi gli occhi aperti.
È una "fregatura" che mi affligge a livello congenito.

Differenza tra binoviewer e binoscopio (tipicamente un binocolo, ma anche due telescopi accorpati): nel primo, il fascio luminoso viene diviso in due e inviato a ciascun occhio (c'è una perdita) nel secondo, due fasci luminosi separati vanno a ciascun occhio (c'è un guadagno).

Però io non percepisco tridimensionalità alcuna, del tipo osservare un dischetto di diapositive con il View Master.
Mi auguro che tale magagna sia una rarità, come si evince da innumerevoli commenti entusiastici; tuttavia sarà meglio accertarsene, prima di spendere un monte di soldi...

_________________
Newton: 150 f8, 300 f5, 150/1400 (Gollum)
Acro: 50 f12, 70 f5, ETX70 AT, 70 f10, 77 f12,8 e 90 f 5,5
Mak: Skywatcher 127, Vixen 110
Camere: Canon EOS 1000D e 1100D, QHY5L II, ZWO ASI120 MC-S
Montature: iOptron Cube Pro, Skywatcher AZ-GTi


Top
  Profilo    
 
MessaggioInviato: venerdì 25 dicembre 2020, 12:17 
Avatar utente

Iscritto il: sabato 11 febbraio 2006, 12:43
Messaggi: 15151
Località: Milano
Tipo di Astrofilo: Visualista
Innanzitutto, buon natale a tutti.


La questione di usare due occhi non è per la tridimensionalità (quella con oggetti ad "infinito" come quelli celesti, non la avrai mai, salvo averne solo la "sensazione"), ma per il fatto che il cervello è "abituato" a ricevere informazioni da due occhi ed elimina automaticamente le "diversità" tra le due immagini (come ad esempio le miodesopsie), in pratica una spece di photoshop del cervello, col risultato di immagini generalmente più calme che in monoculare, maggiormente definite e sostanzialmente una visione più "normale" e quindi rilassante, la quale ti permette di concentrarti maggiormente sull'oggetto osservato.

Poi c'è il problema (con binocoli, torrette et simila), che non tutti riescono a fare il "merging", ovvero la fusione delle due immagini (magari a causa di un occhio eccessivamente "dominante") o vi riescono solo parzialmente (magari per eccessive differenze "oftalmiche" tra i due occhi), giocandosi tutti i pregi della visione a due occhi.

Però, se non si hanno simili problemi, "two eyes is meglio che one". :mrgreen:

_________________
Associazione Astronomica Mirasole (Astromirasole).
Home page: http://astromirasole.org
Facebook: https://www.facebook.com/AstroMirasole/


Newton: Barile 400/1830 mm; Obice 200/1650 mm; Bidoncino 114/1300 mm con primario disalluminato. ••• Rifrattori: Nano apo 80/480 mm; Milo acro 76/1400 mm; 60ino acro 60/700 mm. ••• Catadiottrici: C8 xlt. ••• Binocoli: Vixen Ark 30x80, Vixen Ultima 8x56, Vortex Diamonback 8x42, Canon 10x30 IS II, Vortex Vanquish 8x26, Ibis Horus 5x25, Pentax Papilio 6,5x21.


Top
  Profilo   WWW  
 
MessaggioInviato: venerdì 25 dicembre 2020, 12:21 
Avatar utente

Iscritto il: giovedì 10 novembre 2011, 9:25
Messaggi: 877
Località: viterbo
Tipo di Astrofilo: Visualista
Beh dai ,proprio un monte di soldi direi di no!
La maxbrght la pagai nuova 230euro con l'ocs da 1.7 compreso....costa meno di un buon oculare....
La visione è certamente meno diretta di quella con il singolo oculare per via della " fusione" delle due singole immagini prodotte che , a volte, si somma a problemi di leggero strabismo o di altro tipo come la scollimazione del beam splitter ( il prisma deviatore della torretta)ma basta una certa pratica e tutto si risolve imho.
La tridimensionalità si avverte moltissimo osservando la Luna , il sole e Giove a forti ingrandimenti , in particolare quando si osserva il transito di un satellite al lembo.
AUGURI !!

_________________
Osservo con:
Officina Stellare apo152f8,Northek DK 250 f20,Celestron c9,1/4
Astro professional 152 f6


Top
  Profilo    
 
MessaggioInviato: sabato 26 dicembre 2020, 10:52 
Avatar utente

Iscritto il: lunedì 20 luglio 2020, 11:16
Messaggi: 293
Tipo di Astrofilo: Visualista
Beh, oddio, c'è torretta e torretta...
La Televue Bino Vue costa più di 1400€!
Se poi vogliamo aggiungere tre coppie di Panoptic...
:rotfl:

_________________
Newton: 150 f8, 300 f5, 150/1400 (Gollum)
Acro: 50 f12, 70 f5, ETX70 AT, 70 f10, 77 f12,8 e 90 f 5,5
Mak: Skywatcher 127, Vixen 110
Camere: Canon EOS 1000D e 1100D, QHY5L II, ZWO ASI120 MC-S
Montature: iOptron Cube Pro, Skywatcher AZ-GTi


Top
  Profilo    
 
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 18 messaggi ]  Vai alla pagina 1, 2  Prossimo

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Google [Bot], ROCKNROLL e 22 ospiti


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a:  
Powered by phpBB © 2000, 2002, 2005, 2007 phpBB Group
Traduzione Italiana phpBBItalia.net basata su phpBB.it 2010