1° Forum di Astronomia Amatoriale Italiano

Il primo forum di astrofili per astrofili, nato nel 2000.
Oggi è martedì 4 agosto 2020, 1:06

Menu

* Home
* Iscriviti
* La Bacheca
* F.A.Q.
* Cerca
* Login/Logout 

Login

Nome utente:
Password:

 Ho dimenticato la password

In Linea

Visitano il forum: Nessuno e 41 ospiti

Regolamento

regolamento

Links

*
Astrocafè

Segnala bolide
* Meteoblue.com
* Previsioni seeing
* Il Meteo.it
Help Forum
 

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora




Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 10 messaggi ] 
Autore Messaggio
 Oggetto del messaggio: Cpc9.25 vs Meade lx 90 acf 10
MessaggioInviato: sabato 30 maggio 2020, 20:44 

Iscritto il: giovedì 8 marzo 2007, 16:42
Messaggi: 92
Località: assago
Tipo di Astrofilo: Visualista
Ciao a tutti sono indeciso tra queste due telescopi altazimutali cioè tra il CPC 9.25 e il Meade lx90 acf10, i prezzi sono quasi uguali, ma secondo voi quale è meglio visto che faccio solo visuale, per il trasporto, qualità, software etc. grazie a tutti

_________________
C6--Magrez 90mm---Lunt 60mm bf 120, quasi astrofilo


Top
  Profilo    
 
 Oggetto del messaggio: Re: Cpc9.25 vs Meade lx 90 acf 10
MessaggioInviato: sabato 30 maggio 2020, 21:20 
Avatar utente

Iscritto il: mercoledì 9 maggio 2012, 13:59
Messaggi: 1315
Località: Provincia di Sondrio
Il Meade ACF non è uno SC puro, ha un secondario iperbolico mutuato dagli RC.
È ad un livello superiore rispetto ad un C9 normale, andrebbe confrontato con un c9HD.
Personalmente ho avuto un C11 ma non comprerei un HD, soprattutto in visuale, anche se chi lo possiede lo ritiene senzaltro superiore ad uno SC puro.
Il fatto è che sia l'ACF che lo HD raggiungono lo stesso obiettivo, l'aplanaticità, in due modi diversi.
Meade in un modo più raffinato modificando lo schema ottico è mantenendo lo strumento un riflettore puro, Celestron si limita ad inserire un doppiopetto correttore all'interno del drowtube.
L'inserimento di un correttore ottico sul percorso implica che il piano di fuoco sia perfettamente alla distanza di lavoro del doppiopetto, cosa difficile da ottenere con i diversi oculari, ma praticamente impossibile se si aggiunge un focheggiatore a cremagliera.
Detto ciò non conosco per niente l'elettronica di Meade, avevo un CPC1100 e ne ero molto contento, ottimo sistema di puntamento, molto preciso, facile da allineare e montatura superstabile a prova di colpi e di gente che ci si aggrappa nelle serate pubbliche.
Il CPC9 ha la stessa montatura del CPC11 che già è granitica e con il c9 è pure sovradimensionata. Non ho idea di come sia quella di Meade, probabilmente non è da meno e leggo che il suo software è super friendly con un un'allineamento facilissimo.
Però ora sto aspettando l'arrivo di un dobson, anzi è già arrivato da un mese ma ho dovuto rimandare indietro un pezzo e quindi non ho ancora potuto dare la prima luce.
Cosa ti porta a scegliere un SC (o similare) per il visuale?

_________________
ES ULD 16' Gen II
Vixen A70Lf su Porta Mini
APM XWA serie completa
ES 82° 30, 18, 11
PLOSSL Vixen 20 6,3 Tecnosky 9
ES UHC OIII e ND variabile da 2"
Radiant SQML GSO Coma Corr.


Top
  Profilo    
 
 Oggetto del messaggio: Re: Cpc9.25 vs Meade lx 90 acf 10
MessaggioInviato: domenica 31 maggio 2020, 9:51 

Iscritto il: giovedì 8 marzo 2007, 16:42
Messaggi: 92
Località: assago
Tipo di Astrofilo: Visualista
ciao prima di tutto grazie per la risposta, scelgo il cpc al dobson per il semplice motivo, lavorando 6 giorni su 7, purtroppo non ho molto tempo di andare in montagna e devo essere sincero con lo Starhopping ci prendo poco, più che altro e che tra il Meade e il cpc 9.25 il prezzo è quasi uguale anche se il meade è 1.5 cm più grande che in visuale forse non serve a un granchè, per non parlare del peso del Meade che forse pesa di più. grazie

_________________
C6--Magrez 90mm---Lunt 60mm bf 120, quasi astrofilo


Top
  Profilo    
 
 Oggetto del messaggio: Re: Cpc9.25 vs Meade lx 90 acf 10
MessaggioInviato: domenica 31 maggio 2020, 13:01 
Avatar utente

Iscritto il: mercoledì 9 maggio 2012, 13:59
Messaggi: 1315
Località: Provincia di Sondrio
Anche io nasco come astrofilo con il goto e con lo star hopping ci prendo poco, per questo metto sul dobson un sistema di puntamento push-to che ho già preparato, quindi niente starhopping se non si vuol fare..
Otticamente tra il C9 standard ed il meade il secondo è migliore, il software si legge sia migliore il meade, di sicuro il celestron vince in ergonomia in quanto il meade si alza con due maniglie frontali sui bracci delle forcelle, quindi devi tenere le braccia a 45°, il CPC invece ha su un braccio una maniglia laterale e sull'altro, vicino alla base, un incavo per la mano. Questo fa sì di poter tenere il tele attaccato al corpo con un braccio steso che regge il peso e l'altro che lo tiene in posizione, molto più ergonomico. Io ho un fisico inesistente ed ho 2 ernie ma non avevo problemi ad alzare il cpc11, l'unico problema i primi 20 centimetri da terra che per non lavorare di schiena mi facevano partire su un ginocchio.
A quel prezzo comunque prendi un travel dobson ultraleggero da 16 pollici con push-to, più facile da gestire come pesi, ma con altre problematiche. Io ho deciso di ridurre i pesi ed aumentare il diametro.
Ciao

_________________
ES ULD 16' Gen II
Vixen A70Lf su Porta Mini
APM XWA serie completa
ES 82° 30, 18, 11
PLOSSL Vixen 20 6,3 Tecnosky 9
ES UHC OIII e ND variabile da 2"
Radiant SQML GSO Coma Corr.


Top
  Profilo    
 
 Oggetto del messaggio: Re: Cpc9.25 vs Meade lx 90 acf 10
MessaggioInviato: domenica 31 maggio 2020, 14:13 

Iscritto il: martedì 26 dicembre 2017, 11:48
Messaggi: 535
JohnHardening ha scritto:
Celestron si limita ad inserire un doppiopetto correttore all'interno del drowtube.
L'inserimento di un correttore ottico sul percorso implica che il piano di fuoco sia perfettamente alla distanza di lavoro del doppiopetto, cosa difficile da ottenere con i diversi oculari, ma praticamente impossibile se si aggiunge un focheggiatore a cremaglier

Non ho ben capito questo passaggio, puoi spiegare meglio?


Top
  Profilo    
 
 Oggetto del messaggio: Re: Cpc9.25 vs Meade lx 90 acf 10
MessaggioInviato: domenica 31 maggio 2020, 15:17 

Iscritto il: giovedì 8 marzo 2007, 16:42
Messaggi: 92
Località: assago
Tipo di Astrofilo: Visualista
Per JohnHardening se ti sente un Dobsoniano puro che hai messo l'inseguimento sai cosa ti dice :D , grazie

_________________
C6--Magrez 90mm---Lunt 60mm bf 120, quasi astrofilo


Top
  Profilo    
 
 Oggetto del messaggio: Re: Cpc9.25 vs Meade lx 90 acf 10
MessaggioInviato: domenica 31 maggio 2020, 15:23 
Avatar utente

Iscritto il: venerdì 27 luglio 2007, 23:20
Messaggi: 9442
Località: Milano
Tipo di Astrofilo: Visualista
io ho un fisico quasi inesistente :) non ho due ernie (eccetto una inguinale) eppure ho scelto di sforcellare il 10" meade per metterlo su equatoriale perchè lo trovo più gestibile.

ho avuto un c 9,25 e un 10" meade di vecchia generazione. ovviamente non si può dare una valutazione assoluta basandosi su solo due esemplari, specialmente considerando che sul c 9 il precedente proprietario aveva messo le mani in maniera non radicale, ma poco competente, però devo dire che ho trovato superiore il 10" non tanto per la differenza di apertura quanto per la migliore qualità meccanica che rende più facile sfruttare l'apertura stessa.

si tratta comunque di un confronto aneddotico: due esemplari non fanno statistica.

ps bella la soluzione del 16" con goto, temo purtroppo che sia fuori dalla mia portata economica per il momento ( e che sia poco gestibile sul piano degli ingombri e dell'uso casalingo da terrazzo)

_________________
dovrete espellere anche me


Top
  Profilo    
 
 Oggetto del messaggio: Re: Cpc9.25 vs Meade lx 90 acf 10
MessaggioInviato: domenica 31 maggio 2020, 16:57 
Avatar utente

Iscritto il: mercoledì 9 maggio 2012, 13:59
Messaggi: 1315
Località: Provincia di Sondrio
Non ho messo un go-to, ma un push-to, praticamente un puntamento passivo a motorizzazione animale. Lui ti dice dove andare per puntare l'oggetto tramite encoder e tu lo spingi a mano. Il tele non ha inseguimento. Ho speso 130 euro per 2 encoder da un po più di 8000 tick che moltiplicherò x5 con puleggia e 50 euro per l'elettronica perchè l'ho voluta prendere figa con display, sarebbe bastata la metà.
Il sistema è wifi/bluetooth e per l'uso si interfaccia a skysafari sul telefonino/tablet.

@Renato C.
Celestron ha inserito un correttore a due lenti all'interno del paraluce interno che attraversa lo specchio fino alla culatta.
Il problema è che quando inserisci un correttore, spianatore, etc. Questi hanno una distanza più o meno precisa a cui deve essere posto il piano di fuoco, sia questo il CCD o la posizione di field stop dell'oculare.
Il c9hd ed il c11hd hanno 146,05mm di back focus. Se questa distanza è abbastanza facilmente rispettabile in fotografia dove il treno ottico è fisso e ben definito con distanziatori (sempre che non sia stato aggiunto un focheggiatore supplementare che varia la distanza dal correttore al variare del fuoco), in visuale gli oculari hanno posizioni di field stop diverse, viene introdotto spesso un diagonale, spesso un focheggiatore esterno, questo fa sì che sia difficilmente rispettabile la distanza di bf.
Non so quanto sia la tolleranza del correttore, questa tolleranza, se ampia, potrebbe anche far sì che comunque il correttore lavori relativamente bene, il discorso che facevo io però è soprattutto sull'eleganza della realizzazione, meade ha risolto modificando il secondario facendolo diventare un ibrido RC, ed infatti se non ricordo male inizialmente li chiamava RC modificando in ACF dopo ricorso di celestron.
Celestron invece ha inserito il correttore nel tubo, il che non permette di spostarlo, solo per vendere "uno strumento corretto" e non un sc con un correttore opzionale, una mossa commerciale. Il correttore poteva essere tranquillamente messo sulla culatta come quello vecchio vendendo aftermarket il nuovo correttore da montare sui vecchi sc.
Volendo proprio montare fisso il correttore avrebbero potuto mettere un focheggiatore sulla culatta con il correttore nel drowtube del focheggiatore, come è possibile fare con alcuni moonlite, in modo da mantenere costante la distanza al variare del fuoco, ma ritengono ottimale il focheggiatore standard a quanto pare.
Poi concordo che gli hd hanno anche altre migliorie, ma il mio discorso iniziale partiva che lui sta scegliendo tra un cpc9 ed un acf, tutto il discorso voleva dire che in realtà dovrebbe confrontare l'lx90acf con il cpc9hd come ottica e quindi secondo me, otticamente, l'ACF a pari prezzo è meglio del c9 non HD.


Allegati:
EHD.png
EHD.png [ 31.59 KiB | Osservato 316 volte ]

_________________
ES ULD 16' Gen II
Vixen A70Lf su Porta Mini
APM XWA serie completa
ES 82° 30, 18, 11
PLOSSL Vixen 20 6,3 Tecnosky 9
ES UHC OIII e ND variabile da 2"
Radiant SQML GSO Coma Corr.
Top
  Profilo    
 
 Oggetto del messaggio: Re: Cpc9.25 vs Meade lx 90 acf 10
MessaggioInviato: domenica 31 maggio 2020, 18:39 

Iscritto il: martedì 26 dicembre 2017, 11:48
Messaggi: 535
Io ho un CPC 1100 HD da ormai 10 anni, acquistato in USA, mai avuto problemi di backfocus con gli oculari. La distanza di backfocus è critica soltanto in fotografia, non in visuale, per il resto la corsa del fuocheggiatore è lunghissima e permette il raggiungimento del fuoco ottimale con qualsiasi oculare, sia di lunga che di corta focale.
Mi sembra di capire però che tu stia confondendo il correttore interno al paraluce, che è un correttore per le aberrazioni tipiche degli SC, in particolare per l'aberrazione sferica e la curvatura di campo, con il riduttore di focale opzionale che si monta eternamente sul visual back. Sono due cose completamente diverse.
Sul discorso della qualità dei Meade ACF, sulla qualità meccanica sono d'accordo, è più sofisticata sopratutto nel fuocheggiatore, non sarei così certo invece della superiore qualità ottica. Io ho sia il CPC 11 HD (che otticamente test interferometrici alla mano è superiore al Meade ACF) sia il CPC 925 standard, e posso dire che le differenze fra i due sono veramente poche, (a parte naturalmente la maggior raccolta di luce e la diversa focale). Il C 9,25 ha un campo molto corretto, diversamente dagli altri SC e non per niente fino a non molti anni fa era il telescopio che andava per la maggiore fra gli astrofotografi.
Qundi sia il Meade che il C 9,25 sono due ottimi strumenti. Se si cerca la comodità di trasporto e facilità di spostamento io direi che il C 9,25 sia da preferirsi.


Top
  Profilo    
 
 Oggetto del messaggio: Re: Cpc9.25 vs Meade lx 90 acf 10
MessaggioInviato: domenica 31 maggio 2020, 19:02 
Avatar utente

Iscritto il: mercoledì 9 maggio 2012, 13:59
Messaggi: 1315
Località: Provincia di Sondrio
So che hai l'Ho e non sto dicendo che non vada bene e non ho confuso il correttore con il riduttore. Sto dicendo che i correttori hanno un punto di lavoro, che il fatto di metterlo all'interno del paraluce sia stato, secondo me, un operazione commerciale per vendere uno "strumento corretto" e soprattutto differenziato dal prodotto SC.
Il correttore poteva essere fornito come parte aggiuntiva come lo sono quasi sempre. Non discuto delle altre migliorie rispetto agli SC. Sicuramente è uno strumento migliore, critico solo la scelta di metterlo solidale allo strumento.

_________________
ES ULD 16' Gen II
Vixen A70Lf su Porta Mini
APM XWA serie completa
ES 82° 30, 18, 11
PLOSSL Vixen 20 6,3 Tecnosky 9
ES UHC OIII e ND variabile da 2"
Radiant SQML GSO Coma Corr.


Top
  Profilo    
 
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 10 messaggi ] 

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 41 ospiti


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a:  
cron
Powered by phpBB © 2000, 2002, 2005, 2007 phpBB Group
Traduzione Italiana phpBBItalia.net basata su phpBB.it 2010