1° Forum di Astronomia Amatoriale Italiano

Il primo forum di astrofili per astrofili, nato nel 2000.
Oggi è lunedì 13 luglio 2020, 3:14

Menu

* Home
* Iscriviti
* La Bacheca
* F.A.Q.
* Cerca
* Login/Logout 

Login

Nome utente:
Password:

 Ho dimenticato la password

In Linea

Visitano il forum: Bing [Bot] e 41 ospiti

Regolamento

regolamento

Links

*
Astrocafè

Segnala bolide
* Meteoblue.com
* Previsioni seeing
* Il Meteo.it
Help Forum
 

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora




Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 7 messaggi ] 
Autore Messaggio
MessaggioInviato: venerdì 8 maggio 2020, 13:56 
Avatar utente

Iscritto il: giovedì 25 ottobre 2018, 8:56
Messaggi: 199
Tipo di Astrofilo: Visualista e Fotografo
Da un paio di settimane ho acquistato il telescopio in questione, da dedicare alle sessioni veloci in particolare di Venere dove il C8 mostra la corda a causa della lastra correttrice (qui un po' di immagini dello strumento).
Ne avevo provato già un esemplare che mi era molto piaciuto, e anche quello in mio possesso non ha deluso le aspettative.
Parto dalla cosa più importante, lo star test (allegato). La figura appare molto buona, con un residuo di astigmatismo e un'ottima correzione della sferica. La differenza tra le dimensioni del secondario non deve a mio avviso trarre in inganno per più motivi: il test è effettuato ad appena 1 centimetro dal fuoco ed è quindi molto sensibile (15 onde di interferenza, più o meno), e il profilo di luminosità è regolare senza anelli brillanti. A ulteriore riprova, il reticolo di Ronchi ha mostrato 3 o 4 linee ben dritte e regolari. Non allego immagini perché il seeing non è stato benevolo nel paio di notti in cui sono stati effettuati i test.
Lo strumento pesa circa 6 kg, come un C8, se si ha l'accortezza di rimuovere una delle 2 barre, ed è poco più lungo (65 cm con il focheggiatore GSO di serie) il che peraltro aiuta nel bilanciamento in declinazione, che non richiede contrappesi sulla barra.
L'ostruzione reale dello strumento è intorno al 35%, come dichiarato dal produttore.
La collimazione del Cassegrain, uno spauracchio se vista come un'arida serie di step da seguire, diventa invece interessante e facile se ci comprende cosa si sta facendo, addirittura forse anche più semplice di quella di un Newton. Lo strumento è arrivato ben collimato dagli USA, tuttavia ho dato qualche ritocco con il semplice ausilio di un collimation cap.
Ho osservato, seeing permettendo, la Luna quasi piena dove lo strumento ha mostrato un ottimo contrasto, insieme ad alcune stelle doppie in Leone e Bootes dove (pur non arrivando alla purezza dei rifrattori) gli spikes di diffrazione si notano assai poco agli ingrandimenti usati (>300x).
Se consideriamo l'assenza della lastra correttrice e di varie lenti sul percorso ottico, nonché il prezzo assai invitante sotto i 1000 euro, questo strumento risulta molto interessante, direi in tutto superiore al classico C8 tranne che nell'ingombro. Può dire la sua anche contro i blasonati modelli HD in virtù dell'elevata correzione intrinseca del Cassegrain classico, superato in questo solo dall'RC che peraltro è derivato da lui grazie al genio e all'intraprendenza di quel grande ottico che fu G. Ritchey.
Ho scritto qui rapidamente i punti salienti, che spero siano utili anche perché finora, in italiano, su questi strumenti c'era abbastanza poco.
Sto approntando la recensione completa con ulteriori immagini dello/con lo strumento, la pubblicherò sul mio sito appena sarà ultimata.


Allegati:
Commento file: Star test Denebola
2020-05-07-2036_8-NONE_raw.jpg
2020-05-07-2036_8-NONE_raw.jpg [ 77.22 KiB | Osservato 695 volte ]
Commento file: Vista telescopio collimato
IMG_20200506_162353.jpg
IMG_20200506_162353.jpg [ 316.11 KiB | Osservato 695 volte ]

_________________
Dobson Orion 14xxg (Zen optics)
Takahashi FC100DF apochromat fluorite doublet
Celestron C8HD
Sumerian Alkaid 10" f/5 (Zambuto optics)
CFF 12" f/20 Classical Cassegrain
GSO 8" f/12 Classical Cassegrain

http://www.vincenzodellavecchia.it
Top
  Profilo   WWW  
 
MessaggioInviato: domenica 24 maggio 2020, 11:17 
Avatar utente

Iscritto il: giovedì 25 ottobre 2018, 8:56
Messaggi: 199
Tipo di Astrofilo: Visualista e Fotografo
Pubblicata la recensione estesa:

https://www.vincenzodellavecchia.it/Tes ... Cassegrain


I commenti e le osservazioni di altri utenti dello strumento sono naturalmente i benvenuti.

_________________
Dobson Orion 14xxg (Zen optics)
Takahashi FC100DF apochromat fluorite doublet
Celestron C8HD
Sumerian Alkaid 10" f/5 (Zambuto optics)
CFF 12" f/20 Classical Cassegrain
GSO 8" f/12 Classical Cassegrain

http://www.vincenzodellavecchia.it


Top
  Profilo   WWW  
 
MessaggioInviato: domenica 24 maggio 2020, 12:55 
Avatar utente

Iscritto il: domenica 10 dicembre 2006, 17:06
Messaggi: 407
Molto chiara e precisa, complimenti.
Ora si aspettano le prime luci per vedere la sua resa fotografica, anche se pure in visuale sarà godibilissimo (chi scrive ha un cassegrain da 212 mm f12).
Saluti e grazie

_________________
Telescopi Takahashi
Oculari Pentax XW,Orto,XO...
Montature Equatoriali e altazimutali -Baader AHT


Top
  Profilo    
 
MessaggioInviato: lunedì 25 maggio 2020, 16:17 
Avatar utente

Iscritto il: venerdì 26 settembre 2008, 9:11
Messaggi: 1050
Località: Veneto
C'è una cosa che non mi torna..

come fa ad avere un CPL di 15mm e contemporaneamente il secondario sottodimensionato ?

_________________
Osservo con:
Dobson 450/1900, Travel-Dobson 250/1000, mini-dobson 150/600 autocostruiti
Intes Micro Alter Mak 715 deluxe


Top
  Profilo    
 
MessaggioInviato: lunedì 25 maggio 2020, 16:29 
Avatar utente

Iscritto il: giovedì 25 ottobre 2018, 8:56
Messaggi: 199
Tipo di Astrofilo: Visualista e Fotografo
Dob, non so se ho ben compreso la tua domanda. Evidentemente anche il CPL reale sarà un po' minore di quello di progetto.

_________________
Dobson Orion 14xxg (Zen optics)
Takahashi FC100DF apochromat fluorite doublet
Celestron C8HD
Sumerian Alkaid 10" f/5 (Zambuto optics)
CFF 12" f/20 Classical Cassegrain
GSO 8" f/12 Classical Cassegrain

http://www.vincenzodellavecchia.it


Top
  Profilo   WWW  
 
MessaggioInviato: lunedì 25 maggio 2020, 18:31 
Avatar utente

Iscritto il: venerdì 26 settembre 2008, 9:11
Messaggi: 1050
Località: Veneto
ah, i 15mm di CPL dichiarati dalla Agena erano di progetto.......

poi, se ho ben capito, hai fatto delle misurazioni che ti hanno portato a concludere che, a causa del secondario sottodimensionato, il primario lavora diaframmato a 185-190mm: in tal caso non ha più senso parlare di CPL ...

certo che, come per i newton, non si riesce a capire come fanno (i costruttori) a sbagliare queste cose :facepalm:

A proposito di Cassegrain c'è questo script che ti fa tutto:

http://www.filipporiccio.com/astronomia/cassegrain.html

_________________
Osservo con:
Dobson 450/1900, Travel-Dobson 250/1000, mini-dobson 150/600 autocostruiti
Intes Micro Alter Mak 715 deluxe


Top
  Profilo    
 
MessaggioInviato: lunedì 25 maggio 2020, 21:35 
Avatar utente

Iscritto il: giovedì 25 ottobre 2018, 8:56
Messaggi: 199
Tipo di Astrofilo: Visualista e Fotografo
Per le simulazioni io uso ATMOS di Massimo Riccardi, grazie per la segnalazione di quel foglio di calcolo che non conoscevo.
Ho provato ad alimentare al software i dati misurati sullo strumento (ho fatto qualche fatica a calcolare il raggio di curvatura del primario e quindi il suo rapporto focale), e gli unici scostamenti che trovo di un certo rilievo rispetto all'output del software sono i due paraluce. Quello del secondario è 1 cm più lungo, e quello del primario 5 mm più stretto: in teoria potrebbero essere loro a tagliare il fascio di luce e diaframmare il primario, però ciò equivale a supporre un errore di progettazione.
Occorrerebbe segare il paraluce del secondario e vedere cosa succede.
L'apertura libera la misuro con un metodo descritto anni fa su CloudyNights. Non sono sicuro sia sempre affidabile, però l'ho provato con il C8 e mi restituisce esattamente 200 mm. Si inserisce un oculare, si mette a fuoco all'infinito, e, tenendolo a qualche decina di cm di distanza, si proietta nella lente dell'oculare un fascio di luce collimato abbastanza largo (non un laser), misurando poi il diametro del cerchio luminoso che lo strumento proietta sulla parete di fronte. Questo diametro è, con ottima approssimazione, l'apertura libera dello strumento.

_________________
Dobson Orion 14xxg (Zen optics)
Takahashi FC100DF apochromat fluorite doublet
Celestron C8HD
Sumerian Alkaid 10" f/5 (Zambuto optics)
CFF 12" f/20 Classical Cassegrain
GSO 8" f/12 Classical Cassegrain

http://www.vincenzodellavecchia.it


Top
  Profilo   WWW  
 
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 7 messaggi ] 

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Bing [Bot] e 41 ospiti


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a:  
Powered by phpBB © 2000, 2002, 2005, 2007 phpBB Group
Traduzione Italiana phpBBItalia.net basata su phpBB.it 2010