1° Forum di Astronomia Amatoriale Italiano

Il primo forum di astrofili per astrofili, nato nel 2000.
Oggi è martedì 25 giugno 2019, 0:35

Menu

* Home
* Iscriviti
* La Bacheca
* F.A.Q.
* Cerca
* Login/Logout 

Login

Nome utente:
Password:

 Ho dimenticato la password

In Linea

Visitano il forum: Bing [Bot] e 1 ospite

Regolamento

regolamento

Links

*
Astrocafè

Segnala bolide
* Meteoblue.com
* Previsioni seeing
* Il Meteo.it
Help Forum
 

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora




Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 9 messaggi ] 
Autore Messaggio
 Oggetto del messaggio: C9.25 o C11?
MessaggioInviato: lunedì 18 marzo 2019, 14:47 

Iscritto il: venerdì 15 giugno 2018, 7:58
Messaggi: 22
Tipo di Astrofilo: Visualista e Fotografo
Buongiorno a tutti!!
Io sono intenzionato a fare un salto di qualità e sarei orientato verso due SC della Celestron: 9.25" e 11". La montatura sarebbe una EQ6 con attacco Losmandy (Le montature più grosse sono fuori budget) e il mio interesse principale per ora è l'imaging planetario, ma in futuro vorrei anche dedicarmi al Deep Sky. La mie domande sono:
1) L'EQ6 reggerebbe il C11 per il Deep Sky?
2) La differenza di costo, di ingombro (vivo a Milano quindi dovrei spostarmi in campagna per operare), di peso etc.. del C11 vale la risoluzione maggiore che è in grado di offrire? (le foto che si trovano su internet direbbero di sì)
3) Sapreste consigliarmi gli accessori imprescindibili da acquistare, indipendentemente dal tubo ottico (tipo paraluce ventilato o fasce anticondensa, Power Tank)?


Top
  Profilo    
 
 Oggetto del messaggio: Re: C9.25 o C11?
MessaggioInviato: lunedì 18 marzo 2019, 16:28 
Avatar utente

Iscritto il: venerdì 11 novembre 2011, 16:23
Messaggi: 1480
Località: Agropoli (SA)
Tipo di Astrofilo: Fotografo aspirante Visualista
Secondo me, che sia C9 o C11, dipende dalle priorità, nel senso che con entrambi farai certamente dell’ottimo imaging planetario ma la gestione degli stessi nella fotografia deepsky non sarà assolutamente una passeggiata.
Non conosco la tua esperienza ma la focale, seppur ridotta, risulterà decisamente “importante” per le lunghe esposizioni necessarie e l’impossibilità di blocco dello specchio potrà essere un altro problema non banale da affrontare.
Nulla di totalmente impossibile, per carità, però è importante che tu sappia a cosa andrai incontro.
La mia breve esperienza con un C11 su azeq6 provato a piena focale in fotografia deepsky, dopo un pò mi ha fatto optare per un C8HD...che comunque nemmeno mi è risultato immediato da gestire.
Se fossi in te per la fotografia deepsky, quando sarà, penserei a qualcosa di meno impegnativo, almeno per cominciare.

_________________
Daniele


Top
  Profilo   WWW  
 
 Oggetto del messaggio: Re: C9.25 o C11?
MessaggioInviato: lunedì 18 marzo 2019, 16:32 
Moderatore
Avatar utente

Iscritto il: giovedì 10 agosto 2006, 10:11
Messaggi: 10546
Località: Cinisello Beach
Tipo di Astrofilo: Visualista
Ciao!
Ho posseduto un c11 e due c9. Secondo me se l'obiettivo è l'imaging planetario, il telescopio più adatto è il c11. Da milano c'è spesso buon seeing e i 5cm di apertura in più li sfrutti tutti.

Per deepsky intendi foto o visuale?

_________________
De kappellatis non disputandum est
Stelle già dal tramonto ci confondono il cielo a frotte, nubi meticolose nell'insegnarti la notte

Telescopi: Dobson 16,5", Apo 6" su eq6


Top
  Profilo   WWW  
 
 Oggetto del messaggio: Re: C9.25 o C11?
MessaggioInviato: lunedì 18 marzo 2019, 16:43 

Iscritto il: venerdì 15 giugno 2018, 7:58
Messaggi: 22
Tipo di Astrofilo: Visualista e Fotografo
Grazie a entrambi per le risposte!

Per il Deep Sky intendevo fotografia, ma da quanto mi ha detto B&W credo che rimanderò questo desiderio ad un futuro più lontano, provando magari solo qualche piccola planetaria.

Riguardo al problema della condensa, sapete quale è la soluzione migliore? (su internet si trova di tutto e non so come attrezzarmi per evitare serate rovinate... :crazy:)


Top
  Profilo    
 
 Oggetto del messaggio: Re: C9.25 o C11?
MessaggioInviato: lunedì 18 marzo 2019, 16:56 
Moderatore
Avatar utente

Iscritto il: giovedì 10 agosto 2006, 10:11
Messaggi: 10546
Località: Cinisello Beach
Tipo di Astrofilo: Visualista
Paraluce e fascia anti-condensa.

_________________
De kappellatis non disputandum est
Stelle già dal tramonto ci confondono il cielo a frotte, nubi meticolose nell'insegnarti la notte

Telescopi: Dobson 16,5", Apo 6" su eq6


Top
  Profilo   WWW  
 
 Oggetto del messaggio: Re: C9.25 o C11?
MessaggioInviato: lunedì 18 marzo 2019, 18:13 
Avatar utente

Iscritto il: mercoledì 2 maggio 2007, 21:28
Messaggi: 6127
Ciao, purtroppo io ti dirò tutto il male possibile degli sct visto che abito in zona con molta udmidità e costante cattivo seeing. Però le mie impressioni su questi strumenti ti consiglio di leggerle per farti una idea, soprattutto se prevedi di farne un uso itinerante:

http://www.guidastro.org/telescopi/celestron-c925/

http://www.guidastro.org/telescopi/celestron-c11-xlt/

Sicuramente la eq6 è inadatta per fare imaging deep sky a lunga posa col c11. Sia per i pesi in ballo, sia per i difetti congeniti di questo tipo di strumento. Forse potrebbe essere fattibile qualcosa con le nuove camere cmos ad alta sensibilità e con la tecnica del lucky imaging. Però i problemi di appannamento, condensa, acclimatamento, mirrori shift e mirror flop sono insiti nel c11 xlt (e ovviamente anche nel c9xlt).

In bocca al lupo :)


Top
  Profilo    
 
 Oggetto del messaggio: Re: C9.25 o C11?
MessaggioInviato: martedì 19 marzo 2019, 0:46 
Avatar utente

Iscritto il: mercoledì 2 gennaio 2008, 9:06
Messaggi: 6296
Località: Roma
Ciao,:
Faccio innanzitutto una premessa: passare dall'imaging planetario a quello del cielo profondo non è una cosa immediata: occorre un necessario periodo di apprendistato, possibilmente con focali corte.Iniziare subito con lunghe focali è sicuramente fonte di frustrazione e , talvolta, di rinuncia.I telescopi da te citati sono entrambi due ottimi strumenti per il prezzo, tenuto conto che si trovano con una certa facilità sul mercato dell'usato a prezzi ancora più contenuti, tuttavia hanno una focale elevata, anche con l'uso di un riduttore, cosa che sconsiglia di iniziare a fare imaging direttamente al loro fuoco, ma bensì consiglia di usarli inizialmente come grandi strumenti di guida, mettendo sopra in piggy back una reflex od un ccd con un obiettivo di corta focale (150-200 mm).
Ho posseduto in passato circa una ventina di SC di vario tipo e ne possiedo attualmente tre (2 Celestron 8 ed un C14), quindi ritengo di avere una certa esperienza in materia.
Gli Schmidt Cassegrain non nascono come strumenti esclusivamente fotografici, come gli RC, ed hanno un campo curvo, ma , a differenza di questi, possono essere utilizzati sia visualmente che fotograficamente per l'Hires planetario, lunare e solare (con filtri e modifiche ad hoc) oltre che per l'imaging del cielo profondo con l'uso di un riduttore o del sistema Fastar.Quanto al famigerato Mirror flop, personalmente l'ho sperimentato solo su un paio degli strumenti da me posseduti ed è comunque aggirabile con l'uso di un fok esterno e/o l'uso di un sistema di blocco degli specchi primari.Sul mio C14, nonostante il peso dello specchio, non ho mai sperimentato tale fenomeno in quanto lo specchio stesso scorre su tre guide e può esser bloccato dopo la messa a fuoco.Per inciso, i moderni SC (Meade ACF e Celestron Edge HD) aplanatici non hanno più tale problema in quanto appunto dotati di un sistema di blocco del primario.Per quanto riguarda l'altrettanto noto problema dell'appannamento della lastra, può esser facilmente bypassato usando, come faccio io, un buon paraluce ed una fascia anticondensa.
Per quanto riguarda la tenuta sulla montatura, a mio avviso il C11 non è indicato sull'Eq6, che incomincia a vibrare notevolmente sotto il peso, mentre appare molto più usabile il C 9.25.
Per quanto riguarda ulteriori notizie sugli SC (Celestron in particolare, puoi andare a dare un'occhiata al PDF presente nella mia libreria astronomica, al link:
http://www.pno-astronomy.com/Astro%20Li ... estron.pdf

_________________
Fulvio Mete
_________________
Siti web:

http://www.lightfrominfinity.org

http://www.pno-astronomy.com


Top
  Profilo   WWW  
 
 Oggetto del messaggio: Re: C9.25 o C11?
MessaggioInviato: martedì 19 marzo 2019, 7:38 
Avatar utente

Iscritto il: martedì 21 febbraio 2006, 18:47
Messaggi: 3875
Località: Villa C. (MI)
Tipo di Astrofilo: Visualista
sebastiano01 ha scritto:
Buongiorno a tutti!!
Io sono intenzionato a fare un salto di qualità e sarei orientato verso due SC della Celestron: 9.25" e 11". La montatura sarebbe una EQ6 con attacco Losmandy (Le montature più grosse sono fuori budget) e il mio interesse principale per ora è l'imaging planetario, ma in futuro vorrei anche dedicarmi al Deep Sky.

Il C11 sulla carta ha un potenziale enorme ma purtroppo è la classica macchina nata male che fa più tempo in officina che in strada... :-( Gli standard ottici sono generalmente elevati per essere uno strumento fatto "in catena" ma l'assemblaggio è pessimo.
Inoltre soffre di tempi di acclimatamento lunghissimi (problema risolvibile con l'applicazione di ventole che immettono aria dalla culatta).
Il C9 sarebbe una scelta decisamente più equilibrata, soffre di una leggera vignettatura per via del paraluce interno sottodimensionato (ma se usi una reflex APSC te la cavi)
Cita:
La mie domande sono:
1) L'EQ6 reggerebbe il C11 per il Deep Sky?
2) La differenza di costo, di ingombro (vivo a Milano quindi dovrei spostarmi in campagna per operare), di peso etc.. del C11 vale la risoluzione maggiore che è in grado di offrire? (le foto che si trovano su internet direbbero di sì)
3) Sapreste consigliarmi gli accessori imprescindibili da acquistare, indipendentemente dal tubo ottico (tipo paraluce ventilato o fasce anticondensa, Power Tank)?

1) Ho avuto il C11 su EQ6 e basta appena per il visuale; con un treppiede surdimensionato e un bilanciamento maniacale potrebbe fare meglio ma per la foto a lunga posa non garantisco
2) il pendolarismo premierebbe a dismisura il C9 che pesa 9kg in luogo dei 14 del C11
3) fascia anticondensa e e batteria per forza se intendo usare il telescopio lontano da casa

_________________
*******************************
Roberto Porta - photallica v. 2.0

"Quando credi di essere perfetto, sei finito!" (Valentino Rossi)


Top
  Profilo   WWW  
 
 Oggetto del messaggio: Re: C9.25 o C11?
MessaggioInviato: martedì 19 marzo 2019, 17:41 
Avatar utente

Iscritto il: venerdì 4 maggio 2007, 14:27
Messaggi: 1288
Località: Torino
Tipo di Astrofilo: Visualista e Fotografo
Il C9.25 ridotto ad F6.3 su EQ6 lo uso abitualmente per astrofotografia deep-sky senza alcun tipo di problema a parte la gestione di una focale a 1460 mm che è certamente impegnativa ma assolutamente alla portata.

Riguardo il C11 ridotto sto sperimentandone l'uso sempre su EQ6 per foto deep e penso che si possa usare con profitto, del resto sul web c'è chi lo usa persino a focale piena, anche se con ottiche adattive, su EQ6 sfornando pose incredibili. Certo sconsiglierei, ma vale anche per il C9.25, sensori oltre i 20, massimo 22mm di diagonale.

Quindi sperimenta sempre e poi trai le necessarie conclusioni.

_________________
Osservo e fotografo con: Tubi Ottici: Celestron C11 XLT, Celestron C9.25 Starbright XLT, Celestron C6 Starbright XLT, Meade 8" ACF OTA. Montature: Skywatcher AZ-EQ6, CG5 Advanced GT. Oculari: Meade UWA 5000 24mm e 12mm, Celestron X-Cel 25 mm, Siebert Ultra WA 13mm, Siebert Starglitter 6.3 mm. Cam Planetaria: Celestron NexImage 5. CCD: SBIG ST8-XME, SBIG ST2000-XM. Binocolo: Binocolo KonusVue Giant 20x80.


Top
  Profilo    
 
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 9 messaggi ] 

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Bing [Bot] e 1 ospite


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a:  
Powered by phpBB © 2000, 2002, 2005, 2007 phpBB Group
Traduzione Italiana phpBBItalia.net basata su phpBB.it 2010