1° Forum di Astronomia Amatoriale Italiano

Il primo forum di astrofili per astrofili, nato nel 2000.
Oggi è mercoledì 23 ottobre 2019, 21:44

Menu

* Home
* Iscriviti
* La Bacheca
* F.A.Q.
* Cerca
* Login/Logout 

Login

Nome utente:
Password:

 Ho dimenticato la password

In Linea

Visitano il forum: Bing [Bot] e 7 ospiti

Regolamento

regolamento

Links

*
Astrocafè

Segnala bolide
* Meteoblue.com
* Previsioni seeing
* Il Meteo.it
Help Forum
 

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora




Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 17 messaggi ]  Vai alla pagina 1, 2  Prossimo
Autore Messaggio
 Oggetto del messaggio: Collimazione dobson 10° Skywtcher
MessaggioInviato: giovedì 7 marzo 2019, 12:39 
Avatar utente

Iscritto il: martedì 26 febbraio 2013, 19:15
Messaggi: 30
Località: San Giovanni Gemini (AG)
Tipo di Astrofilo: Visualista
Salve a tutti.. dopo alcuni anni di osservazioni del cielo ho ritenuto opportuno passare al livello successivo di collimazione quindi ho cercato di fare una collimazione che si avvicina alla massima precisione (ovviamente in base alle mie esperienze, capacità e in base a quello che ho trovato nel web). Premetto che non sono mai stato ad osservare con un astrofilo (anche se mi sarebbe piaciuto parecchio condividere le proprie esperienze) ne ho avuto il piacere di osservare con altri strumenti al di fuori dal mio. Quindi quello a cui sono arrivato e frutto di varie ricerche e se mi posso permettere anche con l'aiuto del forum.astrofili nella quale ho trovato veramente tanta gente disponibile che mi ha aiutato. Partiamo dalle mie prime collimazioni a dalle miriade di errori/orrori che ho fatto. Primo errore appena arrivato il mio telescopio dopo qualche osservazione così cercando sul web trovo una guida sicuramente molto buona ma che per il livello alla quale ero più che collimare non so proprio che cosa ho fatto.. di fatti credo che specialmente per un tubo classico (no flextube) come il mio non necessita assolutamente di correzioni dello specchio secondario specialmente appena uscito dalla casa anche se il viaggio è lungo penso che il disallineamento del secondario fosse sicuramente poco percepibile da un astrofilo esperto figuriamoci in quel livello nella quale mi trovavo io. e cmq a quel livello in cui mi trovavo io non potevo solo peggiorare la situazione.. di fatti così è stato non avendo le considerazione di molte cose non ho fatto che peggiorarlo sempre più.. L'errore più grande che mi sono riportato fino ad adesso è stato quello di dare un'offset già considerato dalla casa (colpa anche di molte guide che sul web non approfondiscono bene l'argomento).. cmq ad un neofita consiglio vivamente di non toccare più di tanto il secondario se non al massimo toccare solo le tre viti e lasciare perdere lo spider e il vitone (almeno fino a quando non si hanno certe consapevolezze) e poi allineare il primario (con la miriade di metodologie che si trovano sul web)..Dopo aver fatto questa lunga riflessione andiamo a quello che ho fatto adesso io e che ovviamente se ho commesso qualche errore accetto consigli di ogni tipo...Prima di tutto ho completamente smontato il primario per la pulizia e per il controllo del suo centramento nella cella e posso dire che lì la casa costruttrice penso sia stata abbastanza precisa di fatti trovo solo meno di 0.8 mm di errore nel centramento(causato da uno spessore che ha fatto un lieve piega)… Poi ho smontato il secondario per vedere in che situazione si trovasse il focheggiatore… e posso dire che anche lì ho trovato un errore davvero irrisorio di circa 0.5 mm misurazione effettuata con il calibro che a sua volta può avere anche lui il suo errore.. poi dopo avere appurato che il secondario avesse già il suo offset (facendo un controllo molto grossolano ho visto che c'eravamo pure lì) ho montato entrambi gli specchi… da lì munito da cheshire ho fatto davvero svariate prove dove ho capito che era meglio procedere in questo modo….prima di tutto ho centrato lo spider così che il vitone puntasse perfettamente il centro del primario… poi ho ruotato il secondario fino a vederlo cilindrico ma mi accorgevo che bastassero piccoli movimenti per rimanere sempre cilindrico e puntare completamente solo metà primario nonostante le viti controllate con il calibro avessero la stessa avvitatura...questo comportava ai fini di centramento nel focheggiatore e per far si che prendesse tutto il primario ad un spostamento dello spider non indifferente fino a 3 mm (ovviamente con il tubo in posizione orizzontale verso il basso o verso l'alto per intenderci…. dal lato opposto al focheggiatore il vitone rimaneva sempre centrato)… così per far si che il vitone rimanesse sempre centrato… ho ruotato il secondario (mantenendolo sempre cilindrico) fino a vedere la maggior parte del primario e poi ho agito con le tre viti e vitone sia per centrarlo nel focheggiatore che per vedere tutto il riflesso del primario (come ben tutti sappiamo)… Risultato finale specchio secondario perfettamente centrato nel focheggiatore e perfettamente cilindrico e che inquadra perfettamente il primario… primario perfettamente collimato con il secondario...Spider spostato un 1mm dal lato opposto al focheggiatore…. e 1 mm verso l'alto (ovviamente un piccola correzione dello spider per averlo perfettamente centrato l'ho dovuta fare ugualmente verso l'alto)… errori dovuti a sistemi non autocentranti e a cheshire lungo risolti in parte con piccoli spessorini in carta colla e in parte con rotazioni di 180 e 90 gradi compensando il tutto…. Prova star test in infra e in extra con ingrandimenti fino a 240x non vedo i cerchi ma vedo solo un'ombra al centro (perfettamente al centro anche se in questo test non sono proprio un'esperto dato che la barlow l'ho appena comprata e non mai fatto tanti star test)… Puntando una stella la messa a fuoco secondo me si potrebbe migliorare un altro po' spostando lo specchio secondario di quel mm avvicinandolo al focheggiatore infatti noto un lieve quasi impercettibile astigmatismo… Secondo me l'errore massimo raggiunto e di 1mm che in visuale non dovrebbe essere poi tanto percettibile :rotfl: ..Sono sempre molto lungo cerco di esprimere quanti più dettagli possibili e tento di essere corto ma non ci riesco :D grazie Mille anticipatamente per consigli o altre riflessioni :crazy:


Top
  Profilo    
 
MessaggioInviato: giovedì 7 marzo 2019, 12:58 
Avatar utente

Iscritto il: martedì 26 febbraio 2013, 19:15
Messaggi: 30
Località: San Giovanni Gemini (AG)
Tipo di Astrofilo: Visualista
A scusate un'altra cosa di cui non ne sono sicuro e se e astigmatismo o altro.. Se si punta una stella luminosa e mettendo a fuoco si vedeono delle leggerissime liniette e astigmatismo o cosa?

Inviato dal mio LG-H870 utilizzando Tapatalk


Top
  Profilo    
 
MessaggioInviato: giovedì 7 marzo 2019, 17:50 
Avatar utente

Iscritto il: martedì 28 novembre 2006, 9:31
Messaggi: 3658
Tipo di Astrofilo: Visualista
Ciao Marco, secondo me hai fatto un ottimo lavoro, probabilmente anche esagerato, perché star lì a guardare il millimetro in più o in meno nella regolazione delle razze del secondario (sempre ammesso che la misura presa sia davvero attendibile) è un dettaglio praticamente ininfluente a livello pratico.
Capisco il divertimento e la voglia di imparare e di migliorare il proprio strumento (anche a me piace smanettare sul mio dobson) ma lo dico per altri che potrebbero rimanere impressionati dal tuo racconto. L'ottica Newton ha un funzionamento molto semplice e non è così maledettamente esigente, come parrebbe leggendo ciò che hai scritto. Considera anche che (ad esempio) a differenza di un rifrattore da 100mm che per poterti restituire una immagine di qualità a 200x (cioè due volte il diametro) deve avere un'ottica ed una intubazione con tolleranze strettisime, è evidente che un tele come il tuo anche portato a 250x lavora a diametrox1 cioè ancora molto lontano dal suo limite teorico e dunque i margini di tolleranza sono ben superiori.
D'altronde, se nei Newton le tolleranze meccaniche fossero così strette, sarebbe praticamente impossibile costruire dobson a traliccio da 500-600mm (ma anche oltre) con focali da 2 metri, mantenendo immagini di qualità.

Riguardo allo star test, non eseguirlo su una stella troppo luminosa e sfuoca appena in intra ed extra, per vedere come si comporta l'immagine. Sul fatto poi che le stelle luminose osservate a 240x non rimangano proprio puntiformi, è inevitabile in uno strumento ostruito e comunque molto dipende anche dal seeing della serata e da quanto lo specchio è acclimatato.

_________________
Stefano
Binocoli: APM 23-41x100/45°; Vortex Vulture 10x50; Pentax Papilio 6,5x21
Telescopi: Dobson GSO 300 deluxe; WO Zenithstar 66SD


Top
  Profilo    
 
MessaggioInviato: giovedì 7 marzo 2019, 19:16 
Avatar utente

Iscritto il: martedì 26 febbraio 2013, 19:15
Messaggi: 30
Località: San Giovanni Gemini (AG)
Tipo di Astrofilo: Visualista
Ciao Stevedet hai fatto benissimo a precisare che non ce bisogno di tutta questa precisone e grazie mille per la risposta….al dire il vero non ero sicuro ma immaginavo che non servisse arrivare a tanto…(infatti pensavo sempre a l'autocostruito).... solo che io non conoscendo i margini di errori percepibili in visuale mi sono spinto al massimo... Riguardo alla precisione di misurazione dello spider ho usato un compasso ben solido(privo di oscillazioni) e un calibro penso siano molto attendibili…. a questo punto mi chiedo che margini di errore ci sono in mm? e nello star test dovrei vedere il disco di airy perchè non lo vedo? colpa forse della stella troppo luminosa? sfuocando appena vedo sempre un cilindro perfetto con un buco perfettamente al centro...


Top
  Profilo    
 
MessaggioInviato: giovedì 7 marzo 2019, 20:41 
Avatar utente

Iscritto il: martedì 26 febbraio 2013, 19:15
Messaggi: 30
Località: San Giovanni Gemini (AG)
Tipo di Astrofilo: Visualista
Dimenticavo la linietta quasi impercettibile che vedo la vedo a 48x a 240x e 120x non la vedo piu poi se mi sposto dal centro del campo lo vedo leggermente piu accentuata e qualche linietta in piu meno evidenti.

Inviato dal mio LG-H870 utilizzando Tapatalk


Top
  Profilo    
 
MessaggioInviato: venerdì 8 marzo 2019, 8:59 
Avatar utente

Iscritto il: giovedì 25 ottobre 2018, 8:56
Messaggi: 72
Tipo di Astrofilo: Visualista e Fotografo
Marco,

per vedere il disco di Airy occorre innanzitutto una notte di buon seeing (che puoi giudicare grossolanamente da quanto le stelle scintillano) e soprattutto ingrandimenti più alti, diciamo almeno il doppio del diametro dell'obiettivo in mm, quindi nel tuo caso sui 400x. Se l'aria è ferma, e se lo sai riconoscere, dovresti vedere bene la macchia centrale e la prima centrica.
Assumendo che il secondario sia ben allineato, con lo star test puoi ottenere una collimazione davvero fine dello specchio primario. Personalmente, visto che l'ombra del secondario se c'è offset non è perfettamente centrata e può indurre in errore, utilizzo un piccolo defocus, e quando l'ombra inizia a comparire mi fermo, un po' come fosse un rifrattore.
L'astigmatismo lo riconosci piuttosto facilmente dal fatto che sfocando la stella in intra/extra vedi un'ellisse al posto di un cerchio, il cui asse ruota di 90° andando da un lato all'altro del fuoco.


:wave:

_________________
Dobson Orion 14xxg
Takahashi FC100DF
Celestron C8HD
Sumerian Alkaid 10" f/5
Dall-Kirkham Giacometti 11" f/20 Zerodur


Ultima modifica di Vincenzo della Vecchia il venerdì 8 marzo 2019, 14:31, modificato 3 volte in totale.

Top
  Profilo    
 
MessaggioInviato: venerdì 8 marzo 2019, 11:28 
Avatar utente

Iscritto il: martedì 28 novembre 2006, 9:31
Messaggi: 3658
Tipo di Astrofilo: Visualista
Condivido quanto scritto da Vincenzo, aggiungo che l'unica stella utile per fare uno star test con un dobson "classico" cioè non motorizzato, rimane la stella polare, perché è evidente che a 400-500x diventerebbe assai scomodo tenere centrata un'altra stella.
Detto questo aggiungo che, a mio modestissimo giudizio, se si è fatta una buona collimazione di base, il contributo di uno star test accurato è minimo per le esigenze di un visualista, che osserverà al massimo con ingrandimenti di diametro x 1,2/1,3.

Una cosa che invece io ho trovato decisamente molto più utile per migliorare la resa del telescopio nell'osservazione planetaria è la rimozione dello strato limite di aria sullo specchio primario (il cosiddetto boundary layer). Se ne è parlato molto nel forum. In pratica, si tratta di girare la ventola in modo che aspiri l'aria invece che soffiare verso lo specchio e chiudere la culatta, così che l'aria aspirata provenga dall'interno del tele.

Questo è ciò che ho fatto sul mio tele. Alimentando la ventola ad una tensione più bassa (9volt invece dei 12volt nominali) mentre si osserva, si riesce a tenere la superficie dello specchio libera dal boundary layer, con un apprezzabile beneficio nella qualità dell'immagine planetaria.
Allegato:
20171019_121948.jpg
20171019_121948.jpg [ 60.73 KiB | Osservato 597 volte ]

_________________
Stefano
Binocoli: APM 23-41x100/45°; Vortex Vulture 10x50; Pentax Papilio 6,5x21
Telescopi: Dobson GSO 300 deluxe; WO Zenithstar 66SD


Top
  Profilo    
 
MessaggioInviato: venerdì 8 marzo 2019, 13:21 
Avatar utente

Iscritto il: martedì 26 febbraio 2013, 19:15
Messaggi: 30
Località: San Giovanni Gemini (AG)
Tipo di Astrofilo: Visualista
ok grazie mille per i consigli… appena posso compro un 6 mm e con la Barlow ci dovrei essere… e per quanto riguarda a 48x che vedo un piccolissima imperfezione della stella come se non fosse perfettamente messa a fuoco… vedo per la precisione un piccolissima quasi impercettibile linietta che esce dalla stella...questo puntando una stella molto luminosa con le altre non lo noto...quindi sono sicuro che non sia astigmatismo perchè la vedo perfettamente circolare...


Top
  Profilo    
 
MessaggioInviato: venerdì 8 marzo 2019, 18:00 
Avatar utente

Iscritto il: martedì 26 febbraio 2013, 19:15
Messaggi: 30
Località: San Giovanni Gemini (AG)
Tipo di Astrofilo: Visualista
può essere che questa piccola imperfezione sia normale? oppure dovrei avvicinare un altro pò lo specchio secondario al focheggiatore? :bino:


Top
  Profilo    
 
MessaggioInviato: venerdì 8 marzo 2019, 18:16 
Avatar utente

Iscritto il: martedì 26 febbraio 2013, 19:15
Messaggi: 30
Località: San Giovanni Gemini (AG)
Tipo di Astrofilo: Visualista
a dimenticavo quando ho fatto questa prova c'era un seeing veramente pessimo ed ero in un posto molto illuminato


Top
  Profilo    
 
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 17 messaggi ]  Vai alla pagina 1, 2  Prossimo

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Bing [Bot] e 7 ospiti


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a:  
Powered by phpBB © 2000, 2002, 2005, 2007 phpBB Group
Traduzione Italiana phpBBItalia.net basata su phpBB.it 2010