1° Forum di Astronomia Amatoriale Italiano

Il primo forum di astrofili per astrofili, nato nel 2000.
Oggi è domenica 25 agosto 2019, 19:00

Menu

* Home
* Iscriviti
* La Bacheca
* F.A.Q.
* Cerca
* Login/Logout 

Login

Nome utente:
Password:

 Ho dimenticato la password

In Linea

Visitano il forum: Nessuno e 8 ospiti

Regolamento

regolamento

Links

*
Astrocafè

Segnala bolide
* Meteoblue.com
* Previsioni seeing
* Il Meteo.it
Help Forum
 

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora




Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 35 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente  1, 2, 3, 4  Prossimo
Autore Messaggio
 Oggetto del messaggio: Re: Errori ... di chi ?
MessaggioInviato: martedì 29 gennaio 2019, 15:56 
Avatar utente

Iscritto il: giovedì 9 febbraio 2006, 19:58
Messaggi: 8001
Località: Cesena (Fc)
Almeno usa un nome che inizi con c :D

_________________
Immagine


Top
  Profilo   WWW  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Errori ... di chi ?
MessaggioInviato: martedì 29 gennaio 2019, 16:01 
Avatar utente

Iscritto il: lunedì 18 febbraio 2013, 13:55
Messaggi: 464
Località: Trieste
Tipo di Astrofilo: Strumentofilo
andreaconsole ha scritto:
Riformulo: siccome il metro e' definito in base alla velocita' della luce, la velocita' della luce in m/s non va calcolata ne' misurata, ma e' un numero che deriva da una definizione.


... ecco come buttare un po' di secoli di storia della fisica ...

_________________
Cieli limpidi sopra menti serene.


Top
  Profilo   WWW  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Errori ... di chi ?
MessaggioInviato: martedì 29 gennaio 2019, 16:36 
Avatar utente

Iscritto il: martedì 27 agosto 2013, 17:56
Messaggi: 829
Località: Mediolanum
Tipo di Astrofilo: Visualista e Fotografo
2,99792458x10^8 m/s era il valore della velocità della luce noto sperimentalmente nel 1983 (con una piccola incertezza sull'ultima cifra decimale). Quell'anno la CGPM decise pertanto di definire il metro come la distanza percorsa dalla luce in 1/299792458-esimo di secondo. A sua volta questo permise di attribuire alla velocità della luce, per definizione, il valore di 2,99792458x10^8 m/s.

Non è corretto invece definire la velocità della luce tramite la costante dielettrica perché convenzionalmente si fa il contrario. Una volta introdotto l'Ampere tra le unità fondamentali si è fissato il valore della permeabilità magnetica del vuoto e si è giunti, usando il valore di velocità della luce visto sopra, a un valore esatto per la costante dielettrica, che è quello che si trova tabulato.

EDIT: link

_________________
Raf

Il mio sito web di osservazioni e immagini del Sole
http://www.astrotest.it


Top
  Profilo   WWW  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Errori ... di chi ?
MessaggioInviato: martedì 29 gennaio 2019, 17:29 
Avatar utente

Iscritto il: sabato 22 maggio 2010, 14:49
Messaggi: 2098
Località: Milano
Raf ha scritto;
2,99792458x10^8 m/s era il valore della velocità della luce noto sperimentalmente nel 1983 (con una piccola incertezza sull'ultima cifra decimale).

Questa è esattamente l'incertezza a cui facevo riferimento (errore residuo).
Rassegnatevi c'è ancora…. :D forse in un prossimo futuro…..

L'argomento però è leggermente OT rispetto alle richieste di Bardix...non c'è nessuno disposto a rispondere
agli argomenti non trattati ? Le risposte potrebbero essere molto interessanti….(io ho già dato... 8) )

_________________
Paolo
Lunt 60-Ha--Lunt 60-CaII K - e....molto altro.


Top
  Profilo    
 
 Oggetto del messaggio: Re: Errori ... di chi ?
MessaggioInviato: martedì 29 gennaio 2019, 20:31 
Avatar utente

Iscritto il: sabato 11 febbraio 2006, 12:43
Messaggi: 15054
Località: Milano
Tipo di Astrofilo: Visualista
Goerz, a quanto dice Marco Bensi (googlate) ha brevettato 4 schemi di oculari da '23 al '28, quindi potrebbe essere quello dell'immagine riportata, che non credo sia il "simmetrico" propriamente detto (quello del 1860), in quanto questo è un 2+2 a contatto, mentre quello dell'immagine riportata sembra essere un 2+2 spaziato.

Il quesito 4 onestamente non l'ho capito, qual'è precisamente la domanda?

_________________
Associazione Astronomica Mirasole (Astromirasole).
Home page: http://astromirasole.org
Facebook: https://www.facebook.com/AstroMirasole/


Newton: Barile 400/1830 mm; Obice 200/1650 mm; Bidoncino 114/1300 mm con primario disalluminato. ••• Rifrattori: Nano apo 80/480 mm; Milo acro 76/1400 mm; 60ino acro 60/700 mm. ••• Binocoli: Vixen Ark 30x80, Vixen Ultima 8x56, Vortex Diamonback 8x42, Canon 10x30 IS II, Vortex Vanquish 8x26, Pentax Papilio 6,5x21.


Top
  Profilo   WWW  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Errori ... di chi ?
MessaggioInviato: martedì 29 gennaio 2019, 21:28 
Avatar utente

Iscritto il: martedì 27 agosto 2013, 17:56
Messaggi: 829
Località: Mediolanum
Tipo di Astrofilo: Visualista e Fotografo
I due doppietti somigliano tanto all'oculare di Plossl (essendo identici) però diversi schemi datati e con nomi diversi si somigliano tra loro.

Gli astrofili francesi chiamano tutt'ora renvoi coudé quello che noi chiamiamo diagonale.

(bel libro, l'Andrenelli, in gran parte ancora attualissimo)

_________________
Raf

Il mio sito web di osservazioni e immagini del Sole
http://www.astrotest.it


Top
  Profilo   WWW  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Errori ... di chi ?
MessaggioInviato: mercoledì 30 gennaio 2019, 9:57 
Avatar utente

Iscritto il: lunedì 18 febbraio 2013, 13:55
Messaggi: 464
Località: Trieste
Tipo di Astrofilo: Strumentofilo
Cari tutti,

ieri sera mi sono tuffato (in rete e libri) per un po’ di verifiche ed ho “buttato giù” quello che potete leggere qui sotto: il problema è che se qualche minuto, nelle pause di lavoro, posso impiegarlo per seguire il forum, rubare delle ore non lo trovo proprio elegante.

============

Innanzitutto vorrei ringraziare Miyro per il sostegno sul OT, ma in realtà questo apparente OT mi ha dato diversi spunti ... ne riparlo più sotto.

Ho consultato il dizionario di francese verificando che "gomito" si scrive "coude" (senza accento e si pronuncia "cud") mentre "coudé" (con l'accento acuto e pronunciato "cudé") significa esattamente "(fatto) a gomito", quindi, quanto segnalato da Raf584, "renvoi coudé" significa proprio "rinvio a gomito" ... e tutto torna.

Ritornando alla velocità della luce ed all'apparente OT, io pago un po' lo scotto del fatto che ho terminato il mio percorso di studi nel 1979 e, pur lavorando da quell'anno in un ente di ricerca, mi sono aggiornato soltanto nei momenti (come questo) in cui ho avuto la necessità di capire.

Saltando un po' di inutili passaggi, il problema è che il libro è uscito nel 1968 (e probabilmente scritto nel periodo immediatamente precedente: 1967 ?) e, a quel tempo, la definizione di secondo era diversa dall'attuale (1/86400 del giorno solar medio, sostituita proprio nel 1968 con quella corrente "atomica") così come la definizione del metro: excursus mio, rifinito (forse un po' frettolosamente) da Andreaconsole e meglio chiuso da Raf584.

All'epoca la velocità della luce era ben oggetto di misure, basandosi sul secondo e sul metro dell'epoca, difatti è soltanto dal 1983 che si è deciso di partire da "C" (l'unica e vera costante dell'universo) e, dopo aver definito il secondo si arriva alla nuova definizione di metro.

Quanto sto per affermare è da verificare: con "quel secondo" e con "quel metro" qual'é la velocità della luce che si ottiene ? Potrebbe essere quella inserita nel libro da Andrenelli ?

Per quanto riguarda la mia "vetustà scientifica" in materia di "costante dielettrica", una volta fatti i conti, siccome mi parevano "troppo perfetti" concludevo il mio post con la frase: "A questo punto ho un sospetto, vedendo un numero così arrotondato: che sia la velocità della luce misurata e la costante dielettrica del vuoto ricavata con la formula inversa ?” … La conferma dei miei sospetti è palesemente arrivata da Raf584.

Sul punto due (concernente l'oculare) mi piacerebbe poter vedere gli schemi dei quattro oculari brevettati da Goerz (nel .pdf che ho citato se ne vedono soltanto due); farò quindi una ricerca nel mondo dei brevetti per vedere se riesco a trovare queste informazioni.

Per quanto concerne il punto quattro è evidente che ci sia un errore nel libro; la domanda è: di chi è l'errore ? Dell'autore o del disegnatore ? Resto aperto alle vostre opinioni in merito.

Nel frattempo grazie a tutti: qualche risposta è arrivata e più di qualche indicazione sul dove guardare per cercare le altre ... anche.

_________________
Cieli limpidi sopra menti serene.


Top
  Profilo   WWW  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Errori ... di chi ?
MessaggioInviato: mercoledì 30 gennaio 2019, 10:46 
Avatar utente

Iscritto il: sabato 22 maggio 2010, 14:49
Messaggi: 2098
Località: Milano
Ciao,
Potresti essere più chiaro?
A parte le proporzioni, esagerate proprio per evidenziare le
caratteristiche della combinazione ottica...
Continuo a non vedere errori

_________________
Paolo
Lunt 60-Ha--Lunt 60-CaII K - e....molto altro.


Top
  Profilo    
 
 Oggetto del messaggio: Re: Errori ... di chi ?
MessaggioInviato: mercoledì 30 gennaio 2019, 11:11 

Iscritto il: lunedì 22 maggio 2017, 20:41
Messaggi: 99
Tipo di Astrofilo: Visualista e Fotografo
Miyro ha scritto:
Ho iniziato a leggere di astronomia nel lontano 1966....e delle centinaia di libri (e riviste) che da allora
ho accumulato, per non parlare degli opuscoli...in tutti, e ripeto tutti, la misura della velocità della luce
non è mai praticamente la stessa ! Si è affinata nel corso degli anni, e anche se attualmente si è "stabilizzata" in quella che citi, in realtà nessuno la conosce ancora veramente...per il semplice motivo
che dopo i decimali vi sono i centesimi e dopo ancora i millesimi e questi non solo nessuno li cita, ma
difficilmente nei prossimi decenni verranno evidenziati, da ricerche mirate, ci saranno sempre alla fine i segni + 0 - !

Per curiosità posto la foto dell'unico Cassegrain - coudè, di mia conoscenza, posseduto da un astrofilo...
Ciao.

P.S. è chiaramente un coudè corto... 8)
Anch'io ho coudé corto della ditta Marcon, molto pratico come utilizzo devo dire! Purtroppo a causa del poco tempo non riesco più ad usarlo in effetti sto cercando di venderlo. Allego foto [img]https://uploads.tapatalk-cdn.com/20190130/c78bb0f03975c7e8418bd01bf5f7c48a.jpg[/img]

Inviato dal mio ASUS_X00HD utilizzando Tapatalk


Top
  Profilo    
 
 Oggetto del messaggio: Re: Errori ... di chi ?
MessaggioInviato: mercoledì 30 gennaio 2019, 12:07 
Avatar utente

Iscritto il: lunedì 18 febbraio 2013, 13:55
Messaggi: 464
Località: Trieste
Tipo di Astrofilo: Strumentofilo
Riciao,

Nell'immagine sull'Andrenelli la "lunghezza focale equivalente" viene indicata come la distanza fra il fuoco (vero) del sistema ed il primo fuoco (del solo specchio primario), nella prima immagine del sito "handprint" dal primo al secondo punto arancio partendo da destra.

La focale equivalente è ben più lunga: bisogna prolungare i "raggi" che arrivano al fuoco del sistema fino ad intercettare il diametro dello specchio primario come chiaramente illustrato nella seconda immagine del sito "handprint".

Se non è chiaro provo a ridirlo con altre parole.

_________________
Cieli limpidi sopra menti serene.


Top
  Profilo   WWW  
 
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 35 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente  1, 2, 3, 4  Prossimo

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 8 ospiti


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a:  
Powered by phpBB © 2000, 2002, 2005, 2007 phpBB Group
Traduzione Italiana phpBBItalia.net basata su phpBB.it 2010