1° Forum di Astronomia Amatoriale Italiano

Il primo forum di astrofili per astrofili, nato nel 2000.
Oggi è sabato 15 dicembre 2018, 0:45

Menu

* Home
* Iscriviti
* La Bacheca
* F.A.Q.
* Cerca
* Login/Logout 

Login

Nome utente:
Password:

 Ho dimenticato la password

In Linea

Visitano il forum: Nessuno e 10 ospiti

Regolamento

regolamento

Links

*
Astrocafè

Segnala bolide
* Meteoblue.com
* Previsioni seeing
* Il Meteo.it
Help Forum
 

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora




Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 7 messaggi ] 
Autore Messaggio
 Oggetto del messaggio: CCD salto di qualità
MessaggioInviato: giovedì 4 ottobre 2018, 13:07 
Avatar utente

Iscritto il: giovedì 23 marzo 2006, 19:41
Messaggi: 1906
Località: Quel Di Castelvecchio Pascoli
Tipo di Astrofilo: Visualista e Fotografo
Premessa, ho assemblato un newton da 400 mm f. 3.2 senza specchio secondario montando direttamente la ccd al fuoco diretto che utilizzo al 90% per astrometria e al 10% per fotometria.
Il tutto su una montatura G53F che gestisce agilmente lo strumento ma penso un Newton di dimensioni maggiori non sarebbe utilizzabile. La CCD che attualmente utilizzo è una QHY22 ottima camera abbastanza sensibile ma ritengo che sia l'anello debole della catena per ottimizzare la velocita di acquisizione del sistema. Avrei intenzione di sostituirla con un CCD (no CMOS) con una EQ superiore alla Qhy22 che monta il chip Sony ICX694 ed ha una EQ di picco del 77% , eventualmente anche retroilluminata ma sinceramente non saprei su che prodotti orientarmi .
Il budget di spesa dovrebbe essere inferiore ai 15k€.

Saluti
Roberto

_________________
* <---- O LO CHIAMAVANO K63
Astrofilo da sempre E con fratello scopritore di SASSI


Top
  Profilo    
 
 Oggetto del messaggio: Re: CCD salto di qualità
MessaggioInviato: giovedì 4 ottobre 2018, 15:50 
Vendor
Avatar utente

Iscritto il: lunedì 11 settembre 2006, 8:35
Messaggi: 1228
Località: Codroipo (UD)
Tipo di Astrofilo: Visualista e Fotografo
Non ti posso indicare prodotti precisi per ovvi motivi, ma i dati che dai sono insufficienti. Ad esempio immagino che sia necessario rimanere in un formato che non vada a interferire troppo sull'ostruzione e rimanga grosso modo entro le dimensioni del secondario. Vi sono anche esigenze di risoluzione particolari? L'ICX694 ha pixel piccoli (4.54 micron) e dunque hai una risoluzione in secondi d'arco per pixel abbastanza elevato.

Il modo per avere una QE elevata è una tecnologia diversa più efficiente (e già togliendo il CMOS escludi a priori una possibile soluzione tecnologicamente migliore) e/o pixel più grandi, con ovvia perdita in risoluzione. Il budget non è basso, ma la forbice rimane comunque molto stretta. Non ci sono moltissimi sensori che possano essere definiti inequivocabilmente migliori al Sony ICX694, ipotizzando i vincoli suddetti.

Siamo così sicuri che l'ICX694 sia l'anello debole? Cosa te lo fa supporre?

Mauro

_________________

Mauro Narduzzi
Responsabile sezione Astronomia
www.skypoint.it


Top
  Profilo   WWW  
 
 Oggetto del messaggio: Re: CCD salto di qualità
MessaggioInviato: giovedì 4 ottobre 2018, 16:53 
Avatar utente

Iscritto il: giovedì 23 marzo 2006, 19:41
Messaggi: 1906
Località: Quel Di Castelvecchio Pascoli
Tipo di Astrofilo: Visualista e Fotografo
Mauro grazie per la risposta ho selezionato il sensore sony per la EQ elevata per pixel piccoli ho ovviato utilizzando la ccd in Binning 2 , avendo anche l'esigenza di avere risoluzione non superiore ai 1.8/ 2 arcosec , le cmos le ho scartate per la non certa linearit e per il fatto che hanno un binning software e non hardware. Per quanto riguarda la considerazione sulla sostituzione della CCD è data dal fatto che non posso per varie ragioni pensare di aumentare il diametro del telescopio e il fatto che con strumenti molto meno luminosi del mio (f 6.3 / f8) a parita di diametro altri osservatori riescono a raggiungere magnitudini maggiori con i miei tempi di integrazione (per arrivare alle 21esima con cielo perfetto faccio stack da 35/40 minuti) vengono CCD di una classe superiore come le Apogee retroilluminate.
Ma sinceramente adesso non saprei su che modello orientarmi (Apogee /Fli /Marconi) anche per il budget che non e' elevato.
Roberto

P.s non ho il secondario ,la CCD è sul fuoco primario.

_________________
* <---- O LO CHIAMAVANO K63
Astrofilo da sempre E con fratello scopritore di SASSI


Top
  Profilo    
 
 Oggetto del messaggio: Re: CCD salto di qualità
MessaggioInviato: giovedì 4 ottobre 2018, 17:07 
Avatar utente

Iscritto il: venerdì 4 maggio 2007, 14:27
Messaggi: 1202
Località: Torino
Tipo di Astrofilo: Visualista e Fotografo
QSI 660? Se avessi i soldi la prenderei ... :oops:

Delle QSI ne ho sentito parlare molto bene anche se modelli diversi da quello di cui sopra.

_________________
Osservo e fotografo con: Tubi Ottici: Celestron C11 XLT, Celestron C9.25 Starbright XLT, Celestron C6 Starbright XLT, Meade 8" ACF OTA. Montature: Skywatcher AZ-EQ6, CG5 Advanced GT. Oculari: Meade UWA 5000 24mm e 12mm, Celestron X-Cel 25 mm, Siebert Ultra WA 13mm, Siebert Starglitter 6.3 mm. Cam Planetaria: Celestron NexImage 5. CCD: SBIG ST8-XME, SBIG ST2000-XM. Binocolo: Binocolo KonusVue Giant 20x80.


Top
  Profilo    
 
 Oggetto del messaggio: Re: CCD salto di qualità
MessaggioInviato: giovedì 11 ottobre 2018, 16:20 
Vendor
Avatar utente

Iscritto il: lunedì 11 settembre 2006, 8:35
Messaggi: 1228
Località: Codroipo (UD)
Tipo di Astrofilo: Visualista e Fotografo
La QSI660 ha lo stesso sensore della QHY22, l'eventuale miglioramento sarebbe veramente marginale dal punto di vista del rapporto segnale/rumore, le differenze maggiori sono nel "contorno" più che nella prestazione in sé.

Mah, Roberto, non saprei davvero cosa consigliare. Il vecchietto terribile KF-3200 rimane ancora attuale, ma è rumorosetto e deve essere raffreddato molto per lavorare come si deve. Se lo raffreddi molto c'è il rischio del RBI.

Andando su tecnologia CMOS attuale consiglierei qualcosa basato sul sensore sCMOS GSense 400 di GPixel: pixel 11 micron ed è disponibile anche in versione BSI. FLI e Andor offrono soluzioni sviluppate molto di recente. Ma siamo fuori budget.

Ciao!

Mauro

_________________

Mauro Narduzzi
Responsabile sezione Astronomia
www.skypoint.it


Top
  Profilo   WWW  
 
 Oggetto del messaggio: Re: CCD salto di qualità
MessaggioInviato: venerdì 12 ottobre 2018, 16:17 

Iscritto il: mercoledì 17 ottobre 2007, 11:38
Messaggi: 11123
Località: Roma
Roberto Bacci ha scritto:
Mauro grazie per la risposta ho selezionato il sensore sony per la EQ elevata per pixel piccoli ho ovviato utilizzando la ccd in Binning 2 , avendo anche l'esigenza di avere risoluzione non superiore ai 1.8/ 2 arcosec , le cmos le ho scartate per la non certa linearit e per il fatto che hanno un binning software e non hardware. Per quanto riguarda la considerazione sulla sostituzione della CCD è data dal fatto che non posso per varie ragioni pensare di aumentare il diametro del telescopio e il fatto che con strumenti molto meno luminosi del mio (f 6.3 / f8) a parita di diametro altri osservatori riescono a raggiungere magnitudini maggiori con i miei tempi di integrazione (per arrivare alle 21esima con cielo perfetto faccio stack da 35/40 minuti) vengono CCD di una classe superiore come le Apogee retroilluminate.
Ma sinceramente adesso non saprei su che modello orientarmi (Apogee /Fli /Marconi) anche per il budget che non e' elevato.
Roberto

P.s non ho il secondario ,la CCD è sul fuoco primario.


La marca è indifferente la sostanza vera è il sensore.
Se hai il budget di 15.000 euro sicuramente sceglierei un retroilluminato. Esistono 2 versioni con sensore Marconi da 13 o 13.5 micron e ti andrebbero bene visto la scala d'immagine che vuoi. Il costo dovresti rientrarci e considera che sono tutti e 2 1024x1024 (esistono anche le 2048 ma costano un botto!!!).
PS Secondo me hai una scala d'immagine troppo sottodimensionata e anche cosi che perdi come valore di magnitudine limite. Se hai un seeing decente da, tipo 3".5/4" devi avere almeno 1".5/pixel e guadagneresti un bel po' :wink:

_________________
http://www.ara.roma.it/


Top
  Profilo    
 
 Oggetto del messaggio: Re: CCD salto di qualità
MessaggioInviato: sabato 13 ottobre 2018, 9:43 
Vendor
Avatar utente

Iscritto il: lunedì 11 settembre 2006, 8:35
Messaggi: 1228
Località: Codroipo (UD)
Tipo di Astrofilo: Visualista e Fotografo
L'E2V (ex Marconi) 4710 Midband Back Illuminated dovrebbe rientrare in budget. 13 micron => poco più di 2"/px col 400 F/3.2.

_________________

Mauro Narduzzi
Responsabile sezione Astronomia
www.skypoint.it


Top
  Profilo   WWW  
 
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 7 messaggi ] 

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 10 ospiti


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a:  
Powered by phpBB © 2000, 2002, 2005, 2007 phpBB Group
Traduzione Italiana phpBBItalia.net basata su phpBB.it 2010