1° Forum di Astronomia Amatoriale Italiano

Il primo forum di astrofili per astrofili, nato nel 2000.
Oggi è lunedì 15 ottobre 2018, 9:56

Menu

* Home
* Iscriviti
* La Bacheca
* F.A.Q.
* Cerca
* Login/Logout 

Login

Nome utente:
Password:

 Ho dimenticato la password

In Linea

Visitano il forum: Bing [Bot] e 4 ospiti

Regolamento

regolamento

Links

*
Astrocafè

Segnala bolide
* Meteoblue.com
* Previsioni seeing
* Il Meteo.it
Help Forum
 

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora




Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 35 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente  1, 2, 3, 4  Prossimo
Autore Messaggio
MessaggioInviato: sabato 6 ottobre 2018, 8:52 
Avatar utente

Iscritto il: mercoledì 15 ottobre 2008, 17:01
Messaggi: 20420
Località: Firenze
Tipo di Astrofilo: Visualista e Fotografo
Mah, su cosa influisca sui dettagli della cromosfera non ho capito bene. Perchè alcune giornate vedo benissimo tutti i dettagli (col double stack) ed anche senza ne vedo molti, altre giornate, anche apparentemente con un seeing discreto non riesco a vedere quasi nulla, nonostante faccia un tuning molto accurato. Ho il dubbio che l'atmosfera influisca a volte in maniera più selettiva nel trasmettere la luce, visto che l'osservazione è nel rosso. Probabilmente più che il seeing influisce molto l'umidità e la trasparenza dell'atmosfera. Più recentemente (dico così perchè ora piove...) nelle per la verità scarse osservazioni che ho fatto, non sono mai riuscito a vedere dei buoni dettagli della cromosfera. Tantochè ho avuto anche il dubbio anche io che ci fosse qualcosa di difettoso nello strumento.

_________________
Ciò che non ha termine non ha figura alcunaLeonardo da Vinci


Top
  Profilo    
 
MessaggioInviato: sabato 6 ottobre 2018, 9:24 
Vendor
Avatar utente

Iscritto il: lunedì 11 settembre 2006, 8:35
Messaggi: 1213
Località: Codroipo (UD)
Tipo di Astrofilo: Visualista e Fotografo
Esatto, l'umidità in sospensione influisce parecchio.

_________________

Mauro Narduzzi
Responsabile sezione Astronomia
www.skypoint.it


Top
  Profilo   WWW  
 
MessaggioInviato: sabato 6 ottobre 2018, 9:54 
Avatar utente

Iscritto il: mercoledì 15 ottobre 2008, 17:01
Messaggi: 20420
Località: Firenze
Tipo di Astrofilo: Visualista e Fotografo
Infatti in giornate dal cielo apparentemente sereno (ma che è poco intensamente azzurro, segno di una certa velatura) con un buon seeing si vedono bene le protuberanze anche abbastanza ferme ma la supergranulazione si percepisce poco.

_________________
Ciò che non ha termine non ha figura alcunaLeonardo da Vinci


Top
  Profilo    
 
MessaggioInviato: sabato 6 ottobre 2018, 10:04 
Avatar utente

Iscritto il: domenica 17 giugno 2012, 17:53
Messaggi: 565
Località: Montichiari (BS)
Confermo quanto scritto più sopra,
anche io ho notato che i dettagli cromosferici risentono molto delle velature del cielo, anche se appena visibili ad occhio.
Basta che il cielo non sia azzurro intenso, che si perde molto in contrasto.
Contrariamente la turbolenza, sopratutto ai bassi ingrandimenti in cui si osserva normalmente (tipo col disco solare intero), non influisce particolarmente.
E anche col double stack non cambia molto, se il cielo non è adatto l'osservazione ne risente.

Lorenzo

_________________
C8 con Lumicon Sky Vector 1
ES 127/825 acro
Mak 90mm
Tecnosky acro 90/500
Lunt 60mm BF1200 THa
Modulo double stack SolarMax II 60mm
HEQ 5
EQ 5
altazimutale TS az GP


Top
  Profilo    
 
MessaggioInviato: domenica 7 ottobre 2018, 11:13 
Avatar utente

Iscritto il: sabato 11 febbraio 2006, 12:43
Messaggi: 14682
Località: Milano
Tipo di Astrofilo: Visualista
Sono d'accordo anche io, ma la trasparenza non l'ho presa in considerazione perché (secondo me) facilmente verificabile, quindi se il problema di discernimento dei dettagli cromosferici fosse dovuto a quello se ne sarebbe dovuto accorgere.

Quando il problema è il seeing, ci se ne rende conto perché questo è sempre variabile ed avendo pazienza, la percezione di uno stesso dettaglio cambia nel tempo, mentre quando si tratta di trasparenza (velature, foschia, ecc) la qualità del dettaglio rimane (relativamente) stabile nel tempo.

_________________
Associazione Astronomica Mirasole (Astromirasole).
Home page: https://associazioneastronomicamirasole.wordpress.com/
Facebook: https://www.facebook.com/AstroMirasole/


Newton: Barile 400/1830 mm; Obice 200/1650 mm; Bidoncino 114/1300 mm con primario disalluminato. ••• Rifrattori: Nano apo 80/480 mm; Milo acro 76/1400 mm; 60ino acro 60/700 mm. ••• Binocoli: Vixen Ark 30x80, Vixen Ultima 8x56, Vortex Diamonback 8x42, Canon 10x30 IS II, Vortex Vanquish 8x26, Pentax Papilio 6,5x21.


Top
  Profilo   WWW  
 
MessaggioInviato: domenica 7 ottobre 2018, 16:51 

Iscritto il: venerdì 6 giugno 2008, 22:13
Messaggi: 1226
Località: via Berna Martellago (ve)
Tipo di Astrofilo: Visualista e Fotografo
Io proprio venerdì vedevo molto bene le pretuberanze, molto definite e sforzando l'occhio si vedeva un pochino meglio la granulazione della cromosfera, ma in modo sfuggente, credo sia da considerare proprio quello che dice Fabio. Mi successe la stessa cosa con il lunt il giorno prima come il coronado solo che anche le pretuberanze erano poco definite, poi il giorno a seguire meglio qualche dettaglio sulla cromosfera e delle pretuberanze definite. Voglio riprovare non mi arrendo, perché quello che mi stupiva sul coronado è che le pretuberanze erano davvero ben visibili pur essendo in un periodo di grande calma solare


Top
  Profilo   WWW  
 
MessaggioInviato: domenica 7 ottobre 2018, 19:34 
Avatar utente

Iscritto il: sabato 11 febbraio 2006, 12:43
Messaggi: 14682
Località: Milano
Tipo di Astrofilo: Visualista
Le protuberanze sono sempre piu semplici da percepire rispetto ai dettagli della superficie, per semplice questione di contrasto (oltre che di banda passante).

_________________
Associazione Astronomica Mirasole (Astromirasole).
Home page: https://associazioneastronomicamirasole.wordpress.com/
Facebook: https://www.facebook.com/AstroMirasole/


Newton: Barile 400/1830 mm; Obice 200/1650 mm; Bidoncino 114/1300 mm con primario disalluminato. ••• Rifrattori: Nano apo 80/480 mm; Milo acro 76/1400 mm; 60ino acro 60/700 mm. ••• Binocoli: Vixen Ark 30x80, Vixen Ultima 8x56, Vortex Diamonback 8x42, Canon 10x30 IS II, Vortex Vanquish 8x26, Pentax Papilio 6,5x21.


Top
  Profilo   WWW  
 
MessaggioInviato: domenica 7 ottobre 2018, 20:24 

Iscritto il: venerdì 6 giugno 2008, 22:13
Messaggi: 1226
Località: via Berna Martellago (ve)
Tipo di Astrofilo: Visualista e Fotografo
Infatti da quel che sto dicendo penso propria sia un problema di trasparenza, vi tengo aggiornati


Top
  Profilo   WWW  
 
MessaggioInviato: giovedì 11 ottobre 2018, 13:01 

Iscritto il: venerdì 6 giugno 2008, 22:13
Messaggi: 1226
Località: via Berna Martellago (ve)
Tipo di Astrofilo: Visualista e Fotografo
oggi ho provato sul sole e saltuariamente si intravvedeva la granulazione sulla cromosfera, oltre come sempre a delle belle protuberanze molto ben definite, sulla cromosfera non vi erano dettagli evidenziare il sole è molto tranquillo anche con l'astro solar su un altro telescopio , il nulla.
penso che nella mia zona comunque ci sia una prevalenza di poca trasparenza e molta turbolenza ad alta quota essendo a 12km da Venezia ed una 40ina in linea d'aria dai primi monti.
comunque il tele funziona.
ora mi servirebbe un consiglio su due camere planetarie mono la ZWO 178 o la 290mm?, con entrambe il sole lo si riesce a tenere dentro , mentre con la ZWO 224 solo per un pelo i due poli vengono tagliati.
premetto che durante l'elaborazione su registax con la cmos a colori mi dava delle bande perfettamente perpendicolari di colore arancione una più chiara e una più scura, ripetute su tutto il disco, quando lavoravo sui velvet , non ho capito come mai ma si ripeteva , mentre se li regolavo sull'immagine delle protuberanze nulla , lavoravano perfettamente.
comunque prendo una mono e fine , anche se avrei la qhy 163 mono che a 1980x1081 riprenderebbe a 50 frame al secondo e con il mio pc arrivo pure a qualcosa di più, perchè è un gran Notebook bello pompato, ma la camera è poco sensibile all H-alpha, perciò urge nuova camera , magari una super mega occasione prima o poi... :mrgreen:


Top
  Profilo   WWW  
 
MessaggioInviato: sabato 13 ottobre 2018, 15:25 
Avatar utente

Iscritto il: domenica 17 giugno 2012, 17:53
Messaggi: 565
Località: Montichiari (BS)
Ciao,
io ho la ZWO ASI178MM e la reputo una buona camera.
Magari è un poco lenta col fotogramma intero, ma basta usare il ROI che la velocità aumenta.
Tieni conto anche del tempo di posa, se con la cromosfera puoi viaggiare anche a 40fps con un ritaglio a 640x480, con le protuberanze dove devi aumentare la posa per le parti più deboli, puoi scendere anche a 10/15 fps.
Ma questo con il mio portatile, che anche se ha una usb3, di sicuro non è una scheggia.

Le bande vengono chiamate "anelli di Newton" e possono essere rimosse o inclinando la camera di qualche grado (esistono accessori creati appositamente) o con un flatfield (che io non ho mai utilizzato, e sembra non funzioni bene per le riprese del disco intero...)
Non tutte le camere cmos ne risentono, mentre i ccd sembrano immuni al difetto.
Sembra che sia l'architettura di costruzione del sensore che risente di queste bande di interferenza.

Lorenzo

_________________
C8 con Lumicon Sky Vector 1
ES 127/825 acro
Mak 90mm
Tecnosky acro 90/500
Lunt 60mm BF1200 THa
Modulo double stack SolarMax II 60mm
HEQ 5
EQ 5
altazimutale TS az GP


Top
  Profilo    
 
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 35 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente  1, 2, 3, 4  Prossimo

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Bing [Bot] e 4 ospiti


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a:  
Powered by phpBB © 2000, 2002, 2005, 2007 phpBB Group
Traduzione Italiana phpBBItalia.net basata su phpBB.it 2010