1° Forum di Astronomia Amatoriale Italiano

Il primo forum di astrofili per astrofili, nato nel 2000.
Oggi è venerdì 21 settembre 2018, 17:19

Menu

* Home
* Iscriviti
* La Bacheca
* F.A.Q.
* Cerca
* Login/Logout 

Login

Nome utente:
Password:

 Ho dimenticato la password

In Linea

Visitano il forum: Bing [Bot] e 7 ospiti

Regolamento

regolamento

Links

*
Astrocafè

Segnala bolide
* Meteoblue.com
* Previsioni seeing
* Il Meteo.it
Help Forum
 

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora




Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 65 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente  1, 2, 3, 4, 5, 6, 7  Prossimo
Autore Messaggio
MessaggioInviato: lunedì 11 giugno 2018, 22:03 

Iscritto il: martedì 26 dicembre 2017, 11:48
Messaggi: 210
Vixen VMC 200 L? Abbiamo fatto di tutto per sconsigliarti il newton, ma tu imperterrito sei andato avanti...e hai sbattuto :shock: Errare umanum est, sed perseverare diabolicum. Credo che il telescopio adatto a te non l'abbiano ancora inventato :mrgreen:, ma se proprio vuoi provare sappi che ha un'ostruzione del 40%, anzi considerando anche le razze del secondario credo che si avvicini al 45%, con conseguente perdita di contrasto specie sul planetario, un pò meno nel deep-sky. Inoltre ha problemi di collimazione non semplici da gestire.
Ti voglio bene, se proprio vuoi acquistarlo ti dò un consiglio: prendilo nuovo, stai alla larga dall'usato.


Top
  Profilo    
 
MessaggioInviato: lunedì 11 giugno 2018, 22:17 
Avatar utente

Iscritto il: mercoledì 2 maggio 2007, 21:28
Messaggi: 6079
Sai Renato, alle volte e' importante fare esperienza per capire meglio le cose. Altrimenti il newton sarebbe stato come un tarlo che mi avrebbe infastidito periodicamente. Conta che il newton l'ho preso usato e non ci rimetterò nulla nella vendita, quindi è stato un ottimo esperimento. Soprattutto dopo che stasera in piscina il dolore si è affievolito ulteriormente :D
Il Vmc è l'ultima cosa che mi resta da provare, poi ho finito tutte le soluzioni a buon mercato. Certamente l'ostruzione non è l'unico parametro che considero per un telescopio, ma è un aspetto importante che non nego di tenere in considerazione. A dirla tutta, molti (non io ovviamente) ritengono il c9,25 un ottimo strumento da ripresa planetaria quando ha una ostruzione del 37% (se non ricordo male).
Comunque non ho ancora deciso. Sai stasera stavo riprendendo giove col mio apo da 10 cm e il divertimento non è mancato. Secondo me è venuto fuori qualcosa di buono.
Non sono sicuro al 100% di prendere il vmc, ma tanto in alternativa cosa ci è rimasto?
Per curiosità come mai mi consigli di stare alla larga dall'usato?

Alberto59 ha scritto:
Sì, certo. Essendo un Maksutov un tubo chiuso ha gli stessi problemi di uno strumento come il C8. Anzi, riguardo l'acclimatamento, a parità di volume interno presenta più problemi di uno SC perché il menisco anteriore è molto ma molto più spesso di una lastra correttrice di uno SC.

Esattamente :wink:


Top
  Profilo    
 
MessaggioInviato: lunedì 11 giugno 2018, 22:35 

Iscritto il: martedì 26 dicembre 2017, 11:48
Messaggi: 210
Dal 36% su un 235mm al 45% su un 200mm c'è una bella differenza!
Perchè sconsiglio l'usato? Proprio per i problemi di collimazione, che già sul nuovo sono impegnativi, ma sull'usato che non si sa mai quanti e quali rimaneggiamenti può aver avuto..e poi si dà la colpa al telescopio..
Comunque per esperienza personale sull'usato nel materiale astronomico, come in tutte le cose, può andare bene o male, questione di ..fattore C. :roll:
Nel nuovo io non ho mai avuto il minimo problema..e in ogni caso c'è sempre la garanzia.


Top
  Profilo    
 
MessaggioInviato: lunedì 11 giugno 2018, 22:42 
Avatar utente

Iscritto il: domenica 3 giugno 2018, 12:20
Messaggi: 91
Località: ROMA
Tipo di Astrofilo: Visualista e Fotografo
Gli strumenti, o meglio i progetti ottici sono come la classica coperta corta che tiri verso di te per coprirti il corpo e lasci scoperte le gambe.
Tubo aperto, niente condensa rispetto ad uno SC ma è molto più sensibile alla turbolenza atmosferica.
Niente meniscone in entrata ma secondario indipendente. Meno peso ma più facilmente scollimabile.
Di nuovo parliamo del tubo aperto: se lo compri usato o lo usi per qualche anno sul campo probabile rialluminatura presso la Vixen....

Insomma, non si finisce mai.... :D

_________________
Celestron MAK 127 SLT - WO Zenithstar 61 APO + flattener - Bresser 20x80
Montature: Celestron SLT - Celestron AVX - Skywatcher Star Adventurer
Camere: Neximage 10 - ZWO ASI 178 MC - Canon 600D
Oculari Celestron / Baader / Ortho anni 80 / Meade


Top
  Profilo    
 
MessaggioInviato: martedì 12 giugno 2018, 7:41 
Avatar utente

Iscritto il: mercoledì 8 febbraio 2006, 15:08
Messaggi: 8212
Località: Roma
Tipo di Astrofilo: Fotografo
Ciao Guido, la prima volta che misi l'occhio dentro un Vixen VMC200 fu in occasione dell'impatto della cometa Schoemaker-Levy su Giove (1994).
In quell'occasione ebbi l'opportunità di fare un confronto diretto tra un C8, Il Vixen VMC200 e il Vixen102M.
Senza alcun dubbio il VCM200 fu quello che fornì le migliori immagini dell'evento. Tra l'altro ricordo che ebbi una bella impressione di quello strumento.
Se fossi in te, oltre a non avere nulla da perdere, ci farei un pensierino.
In bocca al lupo, comunque vada
Un caro saluto,

Danilo Pivato

_________________
Immagine


Latest New: https://www.danilopivato.com/introduction/latest_news/latest_news.html


Top
  Profilo   WWW  
 
MessaggioInviato: martedì 12 giugno 2018, 8:44 
Avatar utente

Iscritto il: mercoledì 15 ottobre 2008, 17:01
Messaggi: 20279
Località: Firenze
Tipo di Astrofilo: Visualista e Fotografo
Mi sembra che tu dia rilevanza a cose che alla fine sono del tutto marginali. Gli S.C. ed i Maksutov si appannano, ma se uno usa un paraluce esterno non si appannano più. Al limite ci sono le fascie anticondensa. Perchè non ti credere, anche i tubi aperti si appannano! Se poi si compra materiale usato si va incontro agli inconvenienti che ci possono essere. Per un Vixen VMC c'è quello della collimazione, se sono andati a girare viti e toccare tutto poi non ci si toglie più le gambe. Inoltre alcuni VMC nascono male ed è più facile che capitino nell'usato. Gli ultimi Mak SW 180 mm hanno la barra un poco più lunga, sebbene sempre fissata al tubo ma in modo più solido. Se lo prendi nuovo non ti darà alcun problema. Alla fine non costa nulla per l'ottica che ha.

_________________
Ciò che non ha termine non ha figura alcunaLeonardo da Vinci


Top
  Profilo    
 
MessaggioInviato: martedì 12 giugno 2018, 9:04 
Avatar utente

Iscritto il: mercoledì 2 maggio 2007, 21:28
Messaggi: 6079
Renato C ha scritto:
Dal 36% su un 235mm al 45% su un 200mm c'è una bella differenza!
Perchè sconsiglio l'usato? Proprio per i problemi di collimazione, che già sul nuovo sono impegnativi, ma sull'usato che non si sa mai quanti e quali rimaneggiamenti può aver avuto..e poi si dà la colpa al telescopio..
Comunque per esperienza personale sull'usato nel materiale astronomico, come in tutte le cose, può andare bene o male, questione di ..fattore C. :roll:
Nel nuovo io non ho mai avuto il minimo problema..e in ogni caso c'è sempre la garanzia.


Renato ho letto le specifiche e l'ostruzione del vmc è del 40%. E' tanto, ma compensa con il fatto che non condensa, non appanna, va prima in temperatura. Comunque avevo già in mente di prenderlo nuovo. Comunque ti ringrazio per le tue osservazioni, fa sempre bene sentire un punto di vista diverso dal proprio.

Alberto59 ha scritto:
Gli strumenti, o meglio i progetti ottici sono come la classica coperta corta che tiri verso di te per coprirti il corpo e lasci scoperte le gambe.
Tubo aperto, niente condensa rispetto ad uno SC ma è molto più sensibile alla turbolenza atmosferica.
Niente meniscone in entrata ma secondario indipendente. Meno peso ma più facilmente scollimabile.
Di nuovo parliamo del tubo aperto: se lo compri usato o lo usi per qualche anno sul campo probabile rialluminatura presso la Vixen....

Insomma, non si finisce mai.... :D


Alberto, è possibile che sia più sensibile alla turbolenza, ma non credo di molto. Quando avevo il mewlon non ho notato questo aspetto rispetto al c9,25. Quando ho avuto il visac, che aveva una meccanica simile al vmc, la collimazione era una roccia. Altro che celestron. Nel periodo in cui l'ho avuto e trasportato in montagna, circa un anno, non ho mai dovuto ritoccare. Incredibile.
Inoltre penso che rialluminare sia un discorso che va visto nel corso di molti anni, 10-15. Io lo userò poco, a parte il periodo estivo, e quando c'è la luna crescente nelle poche notti serene invernali. Quindi è un aspetto che non mi preoccupa. Con le poche notti serene il primario potrebbe durare anche 20 anni!

Danilo Pivato ha scritto:
Ciao Guido, la prima volta che misi l'occhio dentro un Vixen VMC200 fu in occasione dell'impatto della cometa Schoemaker-Levy su Giove (1994).
In quell'occasione ebbi l'opportunità di fare un confronto diretto tra un C8, Il Vixen VMC200 e il Vixen102M.
Senza alcun dubbio il VCM200 fu quello che fornì le migliori immagini dell'evento. Tra l'altro ricordo che ebbi una bella impressione di quello strumento.
Se fossi in te, oltre a non avere nulla da perdere, ci farei un pensierino.
In bocca al lupo, comunque vada
Un caro saluto,

Danilo Pivato


Ciao Danilo, questa tua esperienza mi dimostra ancora di più che l'ostruzione non è il parametro principale con cui valutare la bontà di un telescopio. Grazie, alla fine è l'ultimo strumento che posso provare, poi li ho passati tutti (quelli commerciali).

fabio_bocci ha scritto:
Mi sembra che tu dia rilevanza a cose che alla fine sono del tutto marginali. Gli S.C. ed i Maksutov si appannano, ma se uno usa un paraluce esterno non si appannano più. Al limite ci sono le fascie anticondensa. Perchè non ti credere, anche i tubi aperti si appannano! Se poi si compra materiale usato si va incontro agli inconvenienti che ci possono essere. Per un Vixen VMC c'è quello della collimazione, se sono andati a girare viti e toccare tutto poi non ci si toglie più le gambe. Inoltre alcuni VMC nascono male ed è più facile che capitino nell'usato. Gli ultimi Mak SW 180 mm hanno la barra un poco più lunga, sebbene sempre fissata al tubo ma in modo più solido. Se lo prendi nuovo non ti darà alcun problema. Alla fine non costa nulla per l'ottica che ha.


Fabio, gli aspetti a cui diamo importanza sono soggettivi e dipendono dal nosto sito osservativo. Io ho fortissima umidità e col c11 il paraluce era insufficiente. Infatti l'ultima volta che sono andato in montagna col c11 avevo il paraluce ed ecco il risultato:
Allegato:
c11-2.jpg
c11-2.jpg [ 33.46 KiB | Osservato 76 volte ]

non penso di dover aggiungere altro.
Inoltre la fascia anticondensa, anche al 100%, non riesce a tenermi la lastra pulita. da me è troppo umido, non è pensabile usare un tubo chiuso. forse un c8 riuscirei a tenerlo spannato vista la minore grandezza. Inoltre la fascia anticondensa, tenuta a manetta per via della forte umidità, genera turbolenza locale intorno al tubo per il calore che emette. Quindi è un bere o affogare.
Si avevo pensato al discorso di problemi sull'usato, per questo andrò sul nuovo.
Sul discorso umidità e tubi aperti: quando ho avuto il mewlon ho aprtecipato a uno star party con umidità 99%. L'unico strumento che non si è appannato è stato il takahashi a tubo aperto.
Va detto che il vmc non soffre di mirror shift e mirror flop.


Top
  Profilo    
 
MessaggioInviato: martedì 12 giugno 2018, 9:21 
Avatar utente

Iscritto il: mercoledì 15 ottobre 2008, 17:01
Messaggi: 20279
Località: Firenze
Tipo di Astrofilo: Visualista e Fotografo
Mah, un tubo aperto si appanna meno perchè l'umidità deve fare un certo percorso per raggiungere il primario. Lo stesso percorso che deve fare da un paraluce per raggiungere la lastra correttrice. Poi sei sicuro che il secondario del VMC non si appanni? A me risulta il contrario, se l'umidità è molto elevata e c'è una forte condensazione si appannano i secondari e dopo anche i primari dei Newton e degli strumenti aperti. Si capisce che un 11" di diametro si appanni più fcilmente di un 8", soprattutto se il paraluce non ha lo stesso rapporto lunghezza/larghezza e se si punta verso lo zenith. Quindi prendi pure uno strumento aperto, per carità, ma non pensare che sia invulnerabile alla condensa perchè non lo è. Poi se si appanna il secondario è anche difficile da vedere. Infatti come mai fanno dei dispositivi per riscaldare il secondario dei Newton? Se non servisse non li farebbero. Tutti gli strumenti hanno dei pro e dei contro, alla fine sono le loro caratteristiche.

_________________
Ciò che non ha termine non ha figura alcunaLeonardo da Vinci


Top
  Profilo    
 
MessaggioInviato: martedì 12 giugno 2018, 9:31 
Avatar utente

Iscritto il: venerdì 27 luglio 2007, 23:20
Messaggi: 8595
Località: Milano
Tipo di Astrofilo: Visualista
in effetti anni fa in un'uscita sfortunatissima con kappotto ci si appannarono sia i secondari che i primari. io avevo un 150/750 chiuso uli un dobson truss da 12"


Top
  Profilo    
 
MessaggioInviato: martedì 12 giugno 2018, 9:45 
Moderatore
Avatar utente

Iscritto il: martedì 6 maggio 2008, 11:59
Messaggi: 8705
Località: San Francesco al Campo [TO]
Tipo di Astrofilo: Visualista e Fotografo
Scusate signori, secondo me se la serata è così umida da condensare nonostante paraluce e fasce anticondensa varie, forse non è il momento più adatto per osservare...

In merito a
Blackmore ha scritto:
Inoltre la fascia anticondensa, anche al 100%, non riesce a tenermi la lastra pulita.
tempo fa Renzo del Rosso mi convinse che la fascia anticondensa o serve o non serve; se serve allora va accesa al 100%.

Quando l'umidità è alta in osservatorio, accendo la fascia anticondensa subito dopo aver tolto il tappo e la tengo accesa per tutto il tempo.

_________________
Simone Martina
(a.k.a. gaeeb)
- - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
Gruppo Astrofili Edward Emerson Barnard
Home Page: www.gaeeb.org
Facebook: facebook.com/gaeeb
Twitter: twitter.com/gaeeb_org

autocostruttite.wordpress.com


Top
  Profilo   WWW  
 
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 65 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente  1, 2, 3, 4, 5, 6, 7  Prossimo

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Bing [Bot] e 7 ospiti


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a:  
Powered by phpBB © 2000, 2002, 2005, 2007 phpBB Group
Traduzione Italiana phpBBItalia.net basata su phpBB.it 2010