1° Forum di Astronomia Amatoriale Italiano

Il primo forum di astrofili per astrofili, nato nel 2000.
Oggi è venerdì 23 febbraio 2018, 21:00

Menu

* Home
* Iscriviti
* La Bacheca
* F.A.Q.
* Cerca
* Login/Logout 

Login

Nome utente:
Password:

 Ho dimenticato la password

In Linea

Visitano il forum: Bing [Bot], fulvio mete, Google [Bot] e 6 ospiti

Regolamento

regolamento

Links

*
Astrocafè

Segnala bolide
* Meteoblue.com
* Previsioni seeing
* Il Meteo.it
Help Forum
 

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora




Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 31 messaggi ]  Vai alla pagina 1, 2, 3, 4  Prossimo
Autore Messaggio
 Oggetto del messaggio: Osservatori del cielo. Da che cielo?
MessaggioInviato: martedì 5 dicembre 2017, 11:57 
Amministratore
Avatar utente

Iscritto il: venerdì 10 febbraio 2006, 0:42
Messaggi: 23465
Località: 41°N 16°E
Tipo di Astrofilo: Visualista
Ciao a tutti!
Da un po' di anni, in particolar modo da quando è possibile avere uno strumento di misurazione a relativamente pochi Euri -l'SQM-, si parla, in maniera più diffusa, di misurazione della qualità del cielo.
Però non tutti ne possiedono uno, e quindi vorrei sapere quanti comunque valutano il cielo dal quale osservano e come lo fanno.

Con questo topic vorrei capire quanti di noi hanno l'interesse a valutare la qualità del cielo quando si apprestano a osservare il cielo.

Mi riferisco a tutti gli osservatori.
A quelli che osservano per un'occhiata fugace.
A quelli che rimangono 2 o 3 ore sotto le stelle.
A quelli che il tempo vola velocissimo quando sono all'addiaccio a contemplare il Firmamento, tanto da arrivare subito alle luci dell'alba.

Vi chiedo un paio di cose:

Se valutate il cielo oppure no, perchè non vi interessa farlo
Se volete valutarlo, ma non sapete come fare
Se lo valutate, qual è il metodo che usate (magnitudine limite, strumento di misurazione SQM, sensazioni "a spanne", eccetera...).
Dove abitualmente osservate e dove abitualmente valutate (balcone, terrazzo, campagna, montagna, eccetera...).

_________________
When darkness is at its darkest, that is the beginning of all light (Lao-Tzu)

volpetta.com


Top
  Profilo   WWW  
 
MessaggioInviato: martedì 5 dicembre 2017, 12:09 
Avatar utente

Iscritto il: mercoledì 15 ottobre 2008, 17:01
Messaggi: 18862
Località: Firenze
Tipo di Astrofilo: Visualista e Fotografo
Io osservo la stragrande parte delle volte da casa mia, vicino a Firenze dove c'è un inquinamento luminoso abbastanza forte. Prima delle osservazioni e per sapere cosa potrò osservare faccio due valutazioni, quella più superficiale è sulla luminosità del cielo, che varia a seconda delle nottate perchè la luce viene riflessa in modo diverso a seconda delle condizioni atmosferiche. Non uso SQM meter ma semplicemente valuto quante stelle vedo nel pezzo di cielo che ho di fronte, se sono poche o molte. Generalmente non riporto questa valutazione, a meno che non sia particolarmente negativa. Invece sul seeing faccio delle valutazioni più precise, osservando, a seconda del periodo, o la doppia-doppia Epsilon Lyrae oppure la doppia Castor. Quindi riporto sul mio logbook il risultato valutato secondo la scala di Pickering. Questa scala non prende in considerazione il disturbo del seeing ad alta frequenza, che fa vedere le stelle immobili ma dilatate come palloncini, in questo caso l'osservazione delle doppie è molto indicativa, in genere la riporto. Anzi se il seeing è così lo scrivo ma lascio perdere e vado a vedere un film... :lol:
Aggiungo che osservo da casa, in realtà dal giardino, da un piccolo piazzale lastricato.

_________________
Ciò che non ha termine non ha figura alcunaLeonardo da Vinci


Ultima modifica di fabio_bocci il martedì 5 dicembre 2017, 12:45, modificato 1 volta in totale.

Top
  Profilo    
 
MessaggioInviato: martedì 5 dicembre 2017, 12:31 
Avatar utente

Iscritto il: venerdì 27 luglio 2007, 23:20
Messaggi: 8226
Località: Milano
Tipo di Astrofilo: Visualista
diamine domanda difficile. purtroppo sono un astrofilo un po' cialtrone e valuto solo a spanne, molto a spanne, non ho mai approfondito una metodologia di valutazione, anche per questo normalmente mi astengo dal dare valutazioni e quando le do preciso sempre che sono molto generiche.
in genere ho dei target minimi, diciamo che se vedo bene l'orsa minore, ma non vedo la via lattea lo considero appena migliore di quello di casa per esempio. se invece vedo la via lattea solo intorno allo zenith so che sono due gradini sopra il cielo di casa... oppure controllo alcune costellazioni di stagione particolarmente deboli per vedere come si presentano, oppure valuto spannometricamente quante stelle sono visibili (deserto, pochissime, poche, molte moltissime - nulla di più preciso)
ovviamente è tutto molto empirico e sicuramente influenzato dal fatto che la maggior parte delle osservazioni le faccio sotto un cielo che, purtroppo, non ha bisogno di valutazioni.


Top
  Profilo    
 
MessaggioInviato: martedì 5 dicembre 2017, 12:37 
Moderatore
Avatar utente

Iscritto il: giovedì 10 agosto 2006, 10:11
Messaggi: 9920
Località: Cinisello Beach
Tipo di Astrofilo: Visualista
Se valutate il cielo oppure no, perchè non vi interessa farlo
In genere non mi interessa, ciononostante una valutazione, anche veloce e approssimata la eseguo:
-per l'osservazione planetaria mi serve solo per capire che ingrandimento utilizzare, che è secondo me il limite che impone il seeing;
-per l'osservazione del profondo cielo, valuto spannometricamente a occhio nudo e al telescopio la buiezza con la scala di Bortle, in base a questo decido la tipologia di oggetti da puntare.

Se lo valutate, qual è il metodo che usate
rigorosamente a spanne :D

Dove abitualmente osservate e dove abitualmente valutate
per le osservazioni planetarie il re è il balcone
per le osservazioni in montagna, di solito sto in mezzo a un prato.

_________________
De kappellatis non disputandum est

Osservo con Dobson 42cm, un meade 8", un Royal Astro 76/910 e una marea di ocularacci...

stelle già dal tramonto si contendono il cielo a frotte
luci meticolose nell'insegnarti la notte


Top
  Profilo   WWW  
 
MessaggioInviato: martedì 5 dicembre 2017, 12:51 
Amministratore
Avatar utente

Iscritto il: venerdì 10 febbraio 2006, 0:42
Messaggi: 23465
Località: 41°N 16°E
Tipo di Astrofilo: Visualista
Va bene, 3/3 finora lo fanno "accazzo", che è il termine preciso preciso per il metodo di valutazione che avete descritto :mrgreen:

Siccome non puoi cambiare la testa alle persone, ed è giusto che ognuno faccia sempre come crede, vi faccio una domanda.

Io non credo che andiate a disturbare Bortle e, soprattutto, Bortle con i cieli italiani non può essere applicato (provate a comparare la vostra esperienza di valutazione con accanto le definizioni di ciascuna voce e ne riparliamo). Secondo voi, non sarebbe meglio valutare la magnitudine limite raggiungibile a occhio nel punto del cielo sicuramente meno inquinato qual è lo Zenit?

Qualcuno di cui non faremo il nome (king) fa una cosa simile e anche più facile: controlla la visibilità di Lambda Ursae Minoris.
Di per sé è un metodo semplice e anche efficace.
Ma se hai il Nord più inquinato del Sud, comincia già a essere meno efficace.

_________________
When darkness is at its darkest, that is the beginning of all light (Lao-Tzu)

volpetta.com


Top
  Profilo   WWW  
 
MessaggioInviato: martedì 5 dicembre 2017, 13:04 
Moderatore
Avatar utente

Iscritto il: giovedì 10 agosto 2006, 10:11
Messaggi: 9920
Località: Cinisello Beach
Tipo di Astrofilo: Visualista
Màh, Davidem, onestamente quando sono sotto un bel cielo non mi piace perder troppo tempo ne a collimare ( 5 minuti al massimo, oltre è tortura) ne a valutare il cielo. Dato che sono uno sprinter e il mio occhio dura al massimo 3 ore, preferisco farle a bomba su tutti gli oggetti che riesco a osservare. Superate le 3 ore non vedo più niente.

Capisco però che per te, che osservi sistematicamente e in modo più approfondito di me, può essere utile un archivio di valutazioni del cielo.

_________________
De kappellatis non disputandum est

Osservo con Dobson 42cm, un meade 8", un Royal Astro 76/910 e una marea di ocularacci...

stelle già dal tramonto si contendono il cielo a frotte
luci meticolose nell'insegnarti la notte


Top
  Profilo   WWW  
 
MessaggioInviato: martedì 5 dicembre 2017, 13:12 
Amministratore
Avatar utente

Iscritto il: venerdì 10 febbraio 2006, 0:42
Messaggi: 23465
Località: 41°N 16°E
Tipo di Astrofilo: Visualista
Più che per me, può essere più utile per tutti quelli che vanno a osservare in un determinato posto.

In realtà stimare la magnitudine di una stella quanto può portar via? 10 minuti?

Bisogna "solo":

1. adattare l'occhio al buio - ma questo riguarda tutta la nottata.
2. guardare lo zenit e riconoscere una zona di cielo dove ci sono stelle di magnitudine conosciuta.
3. identificarla.

E' vero, uno vuole provare emozioni, non misurare. Siamo d'accordo e mi ci metto in mezzo.
Però (escluso il fatto che uso l'sqm ed è roba di 3 minuti al massimo) se la si prende come abitudine, può essere un esercizio da fare tra un'osservazione e l'altra.

_________________
When darkness is at its darkest, that is the beginning of all light (Lao-Tzu)

volpetta.com


Top
  Profilo   WWW  
 
MessaggioInviato: martedì 5 dicembre 2017, 13:51 
Avatar utente

Iscritto il: mercoledì 15 ottobre 2008, 17:01
Messaggi: 18862
Località: Firenze
Tipo di Astrofilo: Visualista e Fotografo
Dal luogo dove osservo normalmente, il nord non si vede bene perchè è coperto da della vegetazione (alberi ad alto fusto). Poi il nord per me è meno inquinato, quindi la valutazione che farei sulle stelle dell'Orsa minore non corrisponderebbe con quello che potrei osservare realmente e sarebbe del tutto inutile. Sul seeing invece faccio delle valutazioni più precise, anche perchè spesso osservo delle stelle doppie. Mi piacerebbe poter fare delle misure sull'SQM, ma gli attrezzi appositi costano troppo per quello che alla fin fine servono.

_________________
Ciò che non ha termine non ha figura alcunaLeonardo da Vinci


Top
  Profilo    
 
MessaggioInviato: martedì 5 dicembre 2017, 20:25 
Avatar utente

Iscritto il: mercoledì 8 febbraio 2006, 16:29
Messaggi: 5604
Località: Truccazzano (MI)
Tipo di Astrofilo: Fotografo
Se non sono in montagna, e nel caso, starei facendo delle foto e quindi non mi metto a valutare la qualità del cielo visualmente, di norma da un buon cielo osservo l'istogramma della prima foto scattata con parametri di ripresa standard (di norma 300s f/4 800ISO) e mi faccio subito un'idea della qualità del cielo, che a volte è meno bello di quanto il mio occhio inesperto possa giudicare.
Da casa, sono un accanito seguace della modalità definita in gergo tecnico "accazzo". ho luci un po' ovunque, quindi il mio adattamento al buio è piuttosto scarso. Di norma però cerco quante stelle vedo dell'Orsa minore e mi faccio un'idea se è il caso di rimanere o se smontare tutto e andare a dormire. In estate mi esalto quando intravedo la Via Lattea allo Zenith. Stop. Poi da casa faccio per lo più pianeti, Luna e i Messier più luminosi... e già questi ultimi sembrano degli NGC da cavarsi gli occhi! :D

_________________
Il mio blog
La mia gallery su Astrobin


Top
  Profilo    
 
MessaggioInviato: martedì 5 dicembre 2017, 21:07 
Moderatore
Avatar utente

Iscritto il: sabato 11 febbraio 2006, 12:43
Messaggi: 14043
Località: Milano
Tipo di Astrofilo: Visualista
Io faccio il classico controllo della mag. limite allo zenit, o se mi interessa un certo fenomeno (comete) la mag. limite della zona che mi accingo ad osservare, è cosa che faccio da sempre quindi mi viene automatico, lo faccio anche dagli schifosissimi cieli milanesi, ma in questo caso senza attendere l'adattamento al buio, semplicemente perché sarebbe inutile (non esiste adattamento al buio a Milano, nemmeno quando spira föhn).

_________________
Newton: Barile 400/1830 mm; Obice 200/1650 mm; Bidoncino 114/1300 mm con primario disalluminato.
Rifrattori: Nano apo 80/480 mm; Milo acro 76/1400 mm; 60ino acro 60/700 mm.
Binocoli: Vixen Ark 30x80, Vixen Ultima 8x56, Vortex Diamonback 8x42, Canon 10x30 IS II, Vortex Vanquish 8x26, Pentax Papilio 6,5x21.


Top
  Profilo   WWW  
 
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 31 messaggi ]  Vai alla pagina 1, 2, 3, 4  Prossimo

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Bing [Bot], fulvio mete, Google [Bot] e 6 ospiti


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a:  
Powered by phpBB © 2000, 2002, 2005, 2007 phpBB Group
Traduzione Italiana phpBBItalia.net basata su phpBB.it 2010