1° Forum di Astronomia Amatoriale Italiano

Il primo forum di astrofili per astrofili, nato nel 2000.
Oggi è sabato 18 novembre 2017, 5:35

Menu

* Home
* Iscriviti
* La Bacheca
* F.A.Q.
* Cerca
* Login/Logout 

Login

Nome utente:
Password:

 Ho dimenticato la password

In Linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti

Regolamento

regolamento

Links

*
Astrocafè

Segnala bolide
* Meteoblue.com
* Previsioni seeing
* Il Meteo.it
Help Forum
 

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora




Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 55 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente  1, 2, 3, 4, 5, 6  Prossimo
Autore Messaggio
MessaggioInviato: sabato 9 settembre 2017, 11:22 
Avatar utente

Iscritto il: mercoledì 15 ottobre 2008, 17:01
Messaggi: 18387
Località: Firenze
Tipo di Astrofilo: Visualista e Fotografo
Per cominciare ad osservare la Luna ed i pianeti, con una spesa modesta ma senza rinunciare alla qualità si deve prendere un Maksutov 90 o 102 mm. Lo si mette su una montatura tipo la AZ4 o la nuova AZ5 e si comincia. Un piccolo mak 90 o 102 costa 164 e 239 rispettivamente, con 279 euro si prende l'Z5 completa di treppiede tubolare. Con un Mak 102 si possono osservare anche tanti oggetti deep, non è mica vero che non è adatto a questo tipo di osservazioni. Col mio ETX 105 (un Maksutov 105 mm) ho osservato una bellissima galassia di Andromeda dal cielo buio dell'isola del Giglio.

_________________
Ciò che non ha termine non ha figura alcunaLeonardo da Vinci


Top
  Profilo    
 
MessaggioInviato: sabato 9 settembre 2017, 12:07 
Moderatore
Avatar utente

Iscritto il: sabato 11 febbraio 2006, 12:43
Messaggi: 13797
Località: Milano
Tipo di Astrofilo: Visualista
Considerato il budget, il fatto che potete essere itineranti e soprattutto che hai un govone bello spazioso, propenderei per un dobson da 20 cm di diametro, ad esempio questo modello http://www.teleskop-express.it/telescop ... e-gso.html è composto da soli due pezzi (tubo e base), considerato che sarai tu a montarlo/spostarlo per tua figlia non dovrebbero essereci problemi logistici, col tubo in verticale l'oculare si trova a un'altezza di poco piu di un metro e dieci, penso quindi che tua figlia dovrebbe arrivarci (e in caso contrario, con un rialzo di una decina di cm, risolvi); la versione deluxe è di buona qualità, ha già tutto quello che serve, compresi due oculari da 30 mm (a grande campo) e un 9 mm, inoltre avendo un rapporto focale di f/6 facilità di molto la collimazione (che può essere anche abbastanza grossolana) ha un'ostruzione bassa, il che vuol dire che va piu che bene anche per Luna e pianeti e non solo cielo profondo.
Il costo di 500 € ti permette anche col budget rimanente di acquistare anche un terzo oculare (o anche un quarto oculare).

Avendo già a corredo l'erfle da 30 mm ha già l'oculare per i bassi ingrandimento e grandi campi, il plössl da 9 mm va piu che bene per i medi ingrandimenti, quindi quello che ti servirebbe è un oculare per alti ingrandimenti (pianeti, Luna, doppie, ecc) come potrebbe essere un 5 mm come questo http://www.teleskop-express.it/oculari- ... ptics.html o al massimo un 4 mm come questo http://www.teleskop-express.it/oculari- ... ptics.html (il primo per questioni di seeing lo si utilizzerebbe piu spesso rispetto al 4 mm, ma possono capitare le serate in cui si desiderano maggiori ingrandimenti, è questione di fare una scelta "conservativa" o meno), nel caso (per usare tutto il budget :mrgreen: ) si potrebbe prendere anche il classico oculare a grande campo per ingrandimenti medio-bassi come un 13 mm http://www.teleskop-express.it/oculari- ... ptics.html utile quando si vuol "spingere" un po di piu per gli oggetti del profondo cielo.

Di seguito il solito specchietto riassuntivo con le caratteristiche dello strumento (a DX) e quelle degli oculari (a SX). :wink:


Allegati:
Dob 200 f6.jpg
Dob 200 f6.jpg [ 480.43 KiB | Osservato 159 volte ]

_________________
Telescopi: il Barile (Dobson autocostruito 400mm f/4,5); l'Obice (Newton vintage 200mm f/8,25); il Nano (Rifrattore A&M 80mm f/6 apo); il Bidoncino (Newton barlowed Celestron 114/1000 con specchi non alluminati) per osservazione Sole in luce bianca; rifrattore acro Celestron 60/700. * * * Binocoli: Vixen Ark 30x80, Vixen Ultima 8x56, Bresser/lidl 10x50, Vortex Diamonback 8x42, Canon 10x30 IS II, Vortex Vanquish 8x26, Pentax Papilio 6,5x21.
Top
  Profilo   WWW  
 
MessaggioInviato: sabato 9 settembre 2017, 13:19 

Iscritto il: giovedì 20 luglio 2017, 14:48
Messaggi: 36
Località: Brugherio MB
Io lo sapevo che avrei trovato subito consigli per spendere il budget! oppure parafrasando Adam Smith “Non è dalla benevolenza dell astrofilo.... che ci aspettiamo il nostro consiglio per il telescopio , ma dalla cura che essi hanno per il proprio interesse. Non ci rivolgiamo alla loro umanità ma al loro interesse per un buon bicchiere di vino "
Scherzi a parte, guardo subito !

Inviato dal mio GT-I9505 utilizzando Tapatalk

_________________
“Il vino è la luce del sole tenuta insieme dall'acqua” – Galileo Galilei


Top
  Profilo    
 
MessaggioInviato: domenica 10 settembre 2017, 9:46 

Iscritto il: mercoledì 5 aprile 2017, 20:03
Messaggi: 191
Località: Guidonia
Tipo di Astrofilo: Visualista
A quella cifra se guardi all'usato ti ci viene una strumentazione niente male. Io prenderei un sistema go-to. Cercare oggetti del deep-sky può essere difficile. Inoltre puoi prendere qualcosa di motorizzato per il solo uso visuale, basterebbe una eq3. Poi i vantaggi degli schemi ottici sono i classici noti.

Newton: grandi diametri a parità di prezzo, ogni tanto bisogna collimarli, ingombranti. Buoni sia sui pianeti che cielo profondo.

Catadiottrici: molto compatti, buoni soprattutto sui pianeti e luna, ma anche sul cielo profondo come dicono, non serve collimarli.


Rifrattori: questi te li sconsiglio, il prezzo sale troppo in fretta col diametro, in osservazione possono essere scomodi.


Montature:

Dobson: manuale, economica. Mi sembra troppo grande e faticosa per una bambina. difficile nel deep sky. Niente foto.

Azimutale: manuale e difficile nel deeep sky.

Equatoriale : permette di inseguire con un solo movimento. Se motorizzata mantiene l'oggetto immobile al centro, non serve tanta precisione( e quindi costo) se si osserva e basta. Richiede allineamento polare prima di osservare, non deve essere tanto preciso se si vuol fare solo visuale.

Citando Luca Fornaciari: come primo telescopio va bene un newton di almeno 150mm su equatoriale motorizzata. Puoi osservarci tutto (e bene),senza un utilizzo stressante manuale, e fare anche i primi passi con le foto. In pratica è un telescopio che ti durerà tanto tempo.

https://youtu.be/hxEb_4zXJ_k


Top
  Profilo    
 
MessaggioInviato: domenica 10 settembre 2017, 17:03 

Iscritto il: giovedì 20 luglio 2017, 14:48
Messaggi: 36
Località: Brugherio MB
Grazie anche a te. Di massima preferirei senza goto perché deve imparare a cercare da sola e sarei propenso per il nuovo poiché non sarei in grado di valutare un usato.
Da quanto capisco si tratterebbe di cercare una eq motorizzata (nel video parla di eq5) da abbinare ad uno specchio tra 150 e 200 mm. Tra i possibili schemi ottici newtoniani quale sarebbe più consigliato.?
Sarebbe essenziale la portabilità visto che lo porteremmo in giro con noi.
Un consiglio: non so se tu abbia figli...ma non dare mai ad una ragazzina di seconda media della bambina...(il forum lo leggiamo insieme :) )
Grazie anche a te

Angelo Cutolo ha scritto:
Considerato il budget, il fatto che potete essere itineranti e soprattutto che hai un govone bello spazioso, propenderei per un dobson da 20 cm di diametro, ad esempio questo modello http://www.teleskop-express.it/telescop ... e-gso.html è composto da soli due pezzi (tubo e base), considerato che sarai tu a montarlo/spostarlo per tua figlia non dovrebbero essereci problemi logistici, col tubo in verticale l'oculare si trova a un'altezza di poco piu di un metro e dieci, penso quindi che tua figlia dovrebbe arrivarci (e in caso contrario, con un rialzo di una decina di cm, risolvi); la versione deluxe è di buona qualità, ha già tutto quello che serve, compresi due oculari da 30 mm (a grande campo) e un 9 mm, inoltre avendo un rapporto focale di f/6 facilità di molto la collimazione (che può essere anche abbastanza grossolana) ha un'ostruzione bassa, il che vuol dire che va piu che bene anche per Luna e pianeti e non solo cielo profondo.
Il costo di 500 € ti permette anche col budget rimanente di acquistare anche un terzo oculare (o anche un quarto oculare).

Avendo già a corredo l'erfle da 30 mm ha già l'oculare per i bassi ingrandimento e grandi campi, il plössl da 9 mm va piu che bene per i medi ingrandimenti, quindi quello che ti servirebbe è un oculare per alti ingrandimenti (pianeti, Luna, doppie, ecc) come potrebbe essere un 5 mm come questo http://www.teleskop-express.it/oculari- ... ptics.html o al massimo un 4 mm come questo http://www.teleskop-express.it/oculari- ... ptics.html (il primo per questioni di seeing lo si utilizzerebbe piu spesso rispetto al 4 mm, ma possono capitare le serate in cui si desiderano maggiori ingrandimenti, è questione di fare una scelta "conservativa" o meno), nel caso (per usare tutto il budget :mrgreen: ) si potrebbe prendere anche il classico oculare a grande campo per ingrandimenti medio-bassi come un 13 mm http://www.teleskop-express.it/oculari- ... ptics.html utile quando si vuol "spingere" un po di piu per gli oggetti del profondo cielo.

Di seguito il solito specchietto riassuntivo con le caratteristiche dello strumento (a DX) e quelle degli oculari (a SX). :wink:
Se un domani volesse fare della astrofotografia dovrei prenderle un secondo strumento?

Inviato dal mio GT-I9505 utilizzando Tapatalk

_________________
“Il vino è la luce del sole tenuta insieme dall'acqua” – Galileo Galilei


Ultima modifica di Angelo Cutolo il domenica 10 settembre 2017, 20:11, modificato 1 volta in totale.
Uniti post concecutivi.


Top
  Profilo    
 
MessaggioInviato: domenica 10 settembre 2017, 19:13 

Iscritto il: mercoledì 5 aprile 2017, 20:03
Messaggi: 191
Località: Guidonia
Tipo di Astrofilo: Visualista
Il goto puoi non usarlo se non in casi estremi in cui non trovi l'oggetto manualmente, conta inoltre che può raddoppiarti gli oggetti da vedere in una serata. Cercare oggetti può essere divertente, ma anche stressante, difficile e molto lungo, se ti va male vedrai sempre i soliti
oggetti classici più facili da trovare. Inoltre secondo me non limita il fatto che volendo si può cercare manualmente e imparare comunque a conoscere il cielo. Non capisco invece che intendi con schemi newtoniani, i newton sono uno schema e basta. Abbastanza grossi per quanto riguarda la portabilità. Se vuoi il massimo in portabilità valuta i catadriottici.
Io ad esempio ho un dobson 200mm e l'ho preso usato a 260€. Con 700€ puoi fare veramente di meglio, o sali col diametro ma poi non lo trasporti, o sali con montature più pregiate e goto che è il mio consiglio. Un 150mm è largo appunto poco più di 15cm e lungo 70cm più o meno. Già un 200mm è arduo da trasportare.

Mi scuso con la ragazza allora :please: non so perché ma avevo in mente 10 anni :D


Top
  Profilo    
 
MessaggioInviato: domenica 10 settembre 2017, 20:01 
Avatar utente

Iscritto il: giovedì 6 novembre 2014, 18:31
Messaggi: 375
Anch'io erroneamente le diedi della bambina, effettivamente il tempo passa e non mi rendo conto della prospettiva che avevo un tempo, anche io alle medie mi sentivo un ragazzino.
Comunque, da quello che ho letto dei progressi che stai facendo non sei solo una ragazzina, ma una ragazzina intelligente, per appassionarsi ad un hobby del genere ci vuole tanta voglia di sapere, di pazienza, costanza e disillusione anche: a volte si aspettano risultati da viaggi intergalattici osservando il cielo.
Tutte doti insomma, che non mi aspetterei di trovare comunemente in una ragazzina, alla tua etá io pensavo solo ai videogiochi!

Tornando al discorso, tengo a precisare una cosa che ingannó anche me, il "Dobson" non è nient'altro che un "Newton" posizionato su una montatura semplice ma efficiente come quella che ti hanno lincato insomma.

Riguardo ai tipi di Newton non ci sono schemi ottici come sottocategorie ma al massimo ci sono newton con una lunghezza focale maggiore e altri minore (risultando quindi piú corti o piú lunghi). Per l'osservazione planetare i newton predisposti a tale scopo sono quelli piú lunghi e quindi con elevata lunghezza focale.
Qui c'è anche da fare una precisazione, alcuni rivenditori (Seben) rivendono dei Newton con elevata lunghezza focale ma stranamente risultano corti a vedersi...ció è dovuto a una ente di Barlow inserita all'interno che si raddoppia la lunghezza focale ma degrada l'immagine, quindi vanno evitati.

_________________
Nell'avatar: Galassia Sombrero, disegno realizzato da Peter
Astronomia in 90mm - Spazio web creato da neofiti, per neofiti


Top
  Profilo    
 
MessaggioInviato: domenica 10 settembre 2017, 20:32 
Amministratore
Avatar utente

Iscritto il: venerdì 10 febbraio 2006, 0:42
Messaggi: 23119
Località: 41°N 16°E
Tipo di Astrofilo: Visualista
oiboboi ha scritto:
Di massima preferirei senza goto perché deve imparare a cercare da sola e sarei propenso per il nuovo poiché non sarei in grado di valutare un usato.
Da quanto capisco si tratterebbe di cercare una eq motorizzata (nel video parla di eq5) da abbinare ad uno specchio tra 150 e 200 mm. Tra i possibili schemi ottici newtoniani quale sarebbe più consigliato.?
Sarebbe essenziale la portabilità visto che lo porteremmo in giro con noi.


Ciao Roberto!
Sto leggendo in silenzio questo topic da un po' e non posso che fare i complimenti per l'entusiasmo alla tua signorina e...anche al papà che mi sembra di capire essere a un passo verso la "scimmia" dell'astronomia :)

Sono contento di leggere che vorreste escludere un sistema di puntamento computerizzato.
Effettivamente sembra che Giulia sia mooolto curiosa. E per i più curiosi, a mio modo di vedere, scoprire da soli gli oggetti del cielo profondo non ha prezzo.
All'inizio può non essere immediato, ma con la pratica una montatura altazimutale di un dobson è una soluzione tanto pratica, quanto di semplice approccio.

Non ci fotografi, ma l'unica fotografia semplice su una montatura della classe delle eq5 è la fotografia in parallelo (o a "piggy back"). O la fotografia alla Luna. Che, comunque, richiede l'inseguimento siderale.
La fotografia in parallelo consiste nell'agganciare la camera di ripresa, completa del suo obiettivo, sul tubo del telescopio.
Si fotografa alla lunghezza focale dell'obiettivo stesso, e i soggetti di ripresa sono le costellazioni, le congiunzioni planetarie o i panorami con Via Lattea.

Io penserei a un dobson più grande di quello consigliato da Angelo.
Perchè?

Perchè, per vedere le stelle, siete arrivati fin al Colle del Nivolet (cosa che in 8 anni a Milano non ho mai fatto, mannaggia a me!).

Un telescopio di quel diametro sotto un cielo come quello (ma anche a Passo San Marco o a Saint Barthelemy o al pratone di Pian dell'Armà) può regalarvi visioni davvero indimenticabili.

Giulia vedrebbe, non si limiterebbe a cercare di vedere. :)

In questo momento ho un dobson da 10" nel garage e la differenza con uno da 8" in termini d'ingombro è poca cosa rispetto al guadagno di raccolta di luce rispetto al fratello più piccolo.

Una sediolina, un atlante ben fatto, una torcetta rossa, il cercatore del telescopio, il telescopio e...tanta voglia di imparare.

L'approccio è semplice. Si monta in 5 minuti.

Non ha l'inseguimento, vero, quindi i pianeti bisogna tenerli nel campo dell'oculare a manina. Ma non è difficile, è solo questione di pratica.

Mi dispiace tanto non essere più a Cologno Monzese (ero praticamente al confine con Brugherio) altrimenti vi avrei fatto rendere conto di persona cosa volesse dire una montatura computerizzata e una montatura dobson.
oiboiboi ha scritto:
Preferirei uno strumento dedicato a "Luna e pianeti" con cui possa prendere dimestichezza con le operazioni d'uso per l'utilizzo ma non necessariamente il telescopio della Barbie.

Per poco non mi sfuggiva questo!
Se l'interesse preponderante è per Luna e pianeti...allora pensate anche a un telescopio su montatura equatoriale.
Questa, generalmente, fa lievitare il prezzo e si è costretti a scendere di diametro.

C'è da capire se Luna e pianeti sono l'interesse principale o se le meravigliose uscite fuori porta, che possono fornire massimo divertimento sul profondo cielo, possono avere il sopravvento.
Con un dobson i pianeti si osservano, ma meno agevolmente che con una montatura equatoriale (dotata di inseguimento siderale).

Comunque sia, cercate di aggregarvi a un circolo astrofili, anche solo per vedere qualche strumento.

A Milano, al planetario Hoepli, si riuniscono quelli del C.A.M. due volte al mese.
A Lecco c'è una bellissima (e attiva) associazione "DeepSky" con tanto di strumenti sociali e planetario.
A Rozzano si riuniscono spesso gli astrofili omonimi.
Ti parlo di associazioni che ogni tanto ho frequentato.

Insomma, di soluzioni ne avete ;)

_________________
"Mettiamo i fiori nei nostri telescopi"
Almeno vengono usati.


Top
  Profilo   WWW  
 
MessaggioInviato: domenica 10 settembre 2017, 20:32 

Iscritto il: giovedì 20 luglio 2017, 14:48
Messaggi: 36
Località: Brugherio MB
Carissimi, ho inteso malamente che i vari maksutov cassegrain Schmidt-Cassegrain ecc ecc fossero degli schemi ottici "subnewtoniani". Come dicevo le primo post " perdonate le nostre stupidate.! "
Dato che ho deciso di assecondare e stimolare questa sua passione, saremo sempre in compagnia,quindi il lavoro pesante sarà a cura del sottoscritto (papà) quindi trasporto montaggio e smontaggio tutto sulle mie spalle. Ciò per dirvi che il peso non è un problema.
L amico astrofilo genovese incontrato in Corsica mi aveva detto di prendere uno "strumento chiuso" . Cosa poteva voler dire?


Inviato dal mio iPhone utilizzando Tapatalk

_________________
“Il vino è la luce del sole tenuta insieme dall'acqua” – Galileo Galilei


Top
  Profilo    
 
MessaggioInviato: domenica 10 settembre 2017, 20:35 
Moderatore
Avatar utente

Iscritto il: sabato 11 febbraio 2006, 12:43
Messaggi: 13797
Località: Milano
Tipo di Astrofilo: Visualista
Gli strumenti "chiusi" sono tutti quelli chiusi sul davanti, sono i rifrattori, gli schmidt cassegrain, i maksutov cassegrain e altri schemi ottici che hanno la parte anteriore del tubo chiusa da una lastra (o menisco) ottica.

oiboboi ha scritto:
Se un domani volesse fare della astrofotografia dovrei prenderle un secondo strumento?

Si, ma in ogni caso, se un domani prenderete tale decisione (quella di fare foto), avreste comunque avuto necessità di comprare uno strumento apposta.
Per fare foto la cosa principale non è lo strumento, ma la montatura, queste "fotograficamente" hanno una portata che è piu o meno la metà di quella dichiarata (per uso visuale), quindi dovendo impiegare massima parte del budget per una solida montatura, avreste dovuto prendere uno strumento piccolo e leggero (quindi di diametro limitato) cosa poco soddisfacente nell'uso visuale.
In pratica secondo me è meglio spendere per lo strumento visuale piu grande che possiate gestire (e secondo la mia esperienza, con 20 cm ci si comincia a divertire davvero) e poi in futuro, SE doveste prendere la decisione di fare foto, pensare in tal senso.

_________________
Telescopi: il Barile (Dobson autocostruito 400mm f/4,5); l'Obice (Newton vintage 200mm f/8,25); il Nano (Rifrattore A&M 80mm f/6 apo); il Bidoncino (Newton barlowed Celestron 114/1000 con specchi non alluminati) per osservazione Sole in luce bianca; rifrattore acro Celestron 60/700. * * * Binocoli: Vixen Ark 30x80, Vixen Ultima 8x56, Bresser/lidl 10x50, Vortex Diamonback 8x42, Canon 10x30 IS II, Vortex Vanquish 8x26, Pentax Papilio 6,5x21.


Top
  Profilo   WWW  
 
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 55 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente  1, 2, 3, 4, 5, 6  Prossimo

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a:  
cron
Powered by phpBB © 2000, 2002, 2005, 2007 phpBB Group
Traduzione Italiana phpBBItalia.net basata su phpBB.it 2010