1° Forum di Astronomia Amatoriale Italiano

Il primo forum di astrofili per astrofili, nato nel 2000.
Oggi è venerdì 15 dicembre 2017, 12:52

Menu

* Home
* Iscriviti
* La Bacheca
* F.A.Q.
* Cerca
* Login/Logout 

Login

Nome utente:
Password:

 Ho dimenticato la password

In Linea

Visitano il forum: Simone Martina e 5 ospiti

Regolamento

regolamento

Links

*
Astrocafè

Segnala bolide
* Meteoblue.com
* Previsioni seeing
* Il Meteo.it
Help Forum
 

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora




Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 43 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente  1, 2, 3, 4, 5  Prossimo
Autore Messaggio
MessaggioInviato: martedì 30 maggio 2017, 12:54 
Avatar utente

Iscritto il: mercoledì 15 ottobre 2008, 17:01
Messaggi: 18550
Località: Firenze
Tipo di Astrofilo: Visualista e Fotografo
Se puoi avere una postazione fissa puoi pensarci. Però questo non esclude l'avere uno strumento trasportabile. Perchè è sempre utile, se si va in vacanza in un bel posto... Sulla tipologia devi vedere tu, se ti piace cercare ed inseguire gli oggetti a mano oppure prediligi il "goto". Un buon strumento trasportabile non esclude nulla. Ad es. io ho un Meade LX90 8" con montatura a forcella che spesso porto con me quando vado in vacanza, pur avendo altri strumenti ma meno compatti e quindi meno facilmente trasportabili.

_________________
Ciò che non ha termine non ha figura alcunaLeonardo da Vinci


Top
  Profilo    
 
MessaggioInviato: martedì 30 maggio 2017, 13:23 

Iscritto il: giovedì 21 gennaio 2016, 14:23
Messaggi: 152
Ormai i telescopi dobson di diametro oltre i 14" vengono realizzati con lunghezze focali molto spesso inferiori a F5, e quindi l'oculare è di solito a portata di sgabello e non più di scaletta.

Quanto alle dimensioni e alle difficoltà di trasporto, non sono molto elevate se si fa una buona carriolatura.
Un amico astigiano molto bravo si è costruito un bellissimo dobson light 600F3,8 e lo strasporta su un a Wv Golf e lo gestisce da solo senza problemi.
Certo allo zenit ha l'oculare a circa 2,3 metri dal suolo, quindi serve qualche gradino. Ma non tutto si osserva allo zenit!

C'è da dire inoltre che col fai da te ci sono almeno due modi di abbassare l'altezza dell'oculare.
Quello più a portata di tutti è di cambiare in diminuzione la inclinazione dello specchio secondario, beninteso rispettando la legge di riflessione di Cartesio - Snell anche detta dei seni.

Immagine

Si ossereverà leggermente "in salita" ma coi piedi per terra.

Un esempio pratico di questo espediente sta nel mio lavoro descritto quì: http://www.grattavetro.it/dobson-light- ... ow-riding/ Infatti in quel lavoro ho cambiato la inclinazione di 45° di un secondario normale, portandola a 33°, sperimentando positivamente l'abbassamento di 16 centimetri dell'altezza all'oculare allo zenit del mio dobson 300F6, portadola da 1.80 metri con sgabello, ai più comodi per me metri 1.64 senza sgabello.

_________________
WWW.GRATTAVETRO.IT, blog del fai da te astronomico


Ultima modifica di GiulioT il martedì 30 maggio 2017, 13:31, modificato 2 volte in totale.

Top
  Profilo    
 
MessaggioInviato: martedì 30 maggio 2017, 13:27 
Amministratore
Avatar utente

Iscritto il: venerdì 10 febbraio 2006, 0:42
Messaggi: 23179
Località: 41°N 16°E
Tipo di Astrofilo: Visualista
Ares, non mi hai mai risposto a una domanda: che magnitudine limite hai da casa?



_________________
In attesa di uscire a riveder le stelle

volpetta.com


Top
  Profilo   WWW  
 
MessaggioInviato: martedì 30 maggio 2017, 13:33 
Avatar utente

Iscritto il: domenica 2 aprile 2017, 18:17
Messaggi: 602
Località: Manziana (Rm)
Ah scusa davidem non avevo fatto caso a questa domanda. Se questi giorni posso tornare ad usufruire del telescopio posso prendere come riferimento il corpo celeste piu debole che riesco a vedere ad occhio nudo e ti faccio sapere,perche questa prova da casa ancora non l ho mai fatta..qui da casa mi sono limitato a giove saturno nebulosa di orione,le pleiadi e le stelle piu luminose..


Il meade lx 90 8" è migliore del celestron nextar 8se?

_________________
TELESCOPIO 1: Celestron Powerseeker 70-700 AZ -
TELESCOPIO 2: Celestron Astromaster 90az
Oculari: Celestron 20mm kellner,Celestron 15mm kellner,Celestron 10mm kellner,Celestron 9mm kellner, Celestron Omni Plossl 6mm,Celestron H.20mm,Celestron H.4mm - Filtri: Celestron lunare,Celestron #80A blu,Celestron #25 rosso - Diagonale a specchio Omegon - Adattatore fotografico per smartphone Solomark - Fotocamera: smartphone Lgk10 13mp.

FORUM PENSATO PER I NEOFITI
http://astrofili.forumfree.it


Ultima modifica di Angelo Cutolo il martedì 30 maggio 2017, 20:04, modificato 1 volta in totale.
Uniti post consecutivi.


Top
  Profilo    
 
MessaggioInviato: martedì 30 maggio 2017, 13:38 
Moderatore
Avatar utente

Iscritto il: venerdì 21 dicembre 2007, 13:49
Messaggi: 4368
Località: Roma / Amelia (TR)
Tipo di Astrofilo: Visualista
Se abiti nella zona di Bracciano, un 16" in postazione fissa lo sfrutti, ma certo non al 100% delle possibilità.

I dobson, anche se grandi, sono trasportabili senza troppa difficoltà, basta dividerli in pezzi ed avere la pazienza di montarli e smontarli. Coi grossi SC il discorso è diverso.

Tu hai comunque la fortuna di avere non troppo distante dei siti non dico proprio bui, ma comunque in grado di dare belle soddisfazioni (ad esempio i monti della Tolfa o ancora meglio l'area a nord di Monte Romano ai limiti del poligono). Una mezz'oretta d'auto, credo.

Dove hai casa, probabilmente non avrai grandi differenze di resa rispetto ad una apertura più piccola.

_________________
Science is built up with facts, as a house is with stones. But a collection of facts is no more a science than a heap of stones is a house. (Henri Poincaré)

Dobson GSO 10" con Telrad - Celestron CPC800 - Meade ETX-70
Panoptic 24mm - FF 19 mm - Hyperion zoom 8-24 mm - Genuine Ortho 5mm - Barlow Televue 2X - Astronomik OIII
Zwo ASI 120 MC


Su xelu no est po is ominis, ma po Deus


Top
  Profilo    
 
MessaggioInviato: martedì 30 maggio 2017, 13:41 
Amministratore
Avatar utente

Iscritto il: venerdì 10 febbraio 2006, 0:42
Messaggi: 23179
Località: 41°N 16°E
Tipo di Astrofilo: Visualista
E' un parametro molto importante: capire che cielo si dispone.
Su quello io baserei un'eventuale scelta.
Ovvero: fare deepsky oppure osservazioni di luna, pianeti e stelle doppie?

Per stimare la magnitudine limite visuale ovviamente il mio consiglio molto sentito è di lasciare a casa qualsiasi tipo di fonte luminosa che sia diverso da una torcia ben filtrata di rosso.

Lo smartphone non lo usare, altrimenti è tutto falsato.

Stampati queste cartine: http://www.renzodelrosso.com/limiti/totale.htm

_________________
In attesa di uscire a riveder le stelle

volpetta.com


Top
  Profilo   WWW  
 
MessaggioInviato: martedì 30 maggio 2017, 13:41 
Avatar utente

Iscritto il: mercoledì 15 ottobre 2008, 17:01
Messaggi: 18550
Località: Firenze
Tipo di Astrofilo: Visualista e Fotografo
Il Nexstar è molto simile al Meade LX90 8", il NexStar ha però una monobraccio invece della forcella. Meglio però la NexStar Evolution che ha anche la batteria interna. Il Meade LX 90 ha all'interno della forcella un vano per contenere 8 pile mezza torcia, con le quali va avanti per molte nottate. naturalmente se si vuole si può alimentare con un alimentatore esterno.

_________________
Ciò che non ha termine non ha figura alcunaLeonardo da Vinci


Top
  Profilo    
 
MessaggioInviato: martedì 30 maggio 2017, 13:47 

Iscritto il: lunedì 3 dicembre 2012, 20:09
Messaggi: 1274
Ascolta Ares,
mi pare che in un tuo post chiedi uno strumento valido o per la pianura, o per la montagna, nel senso di quale apertura deve avere. Allora ti dico che ogni astrofilo deve combattere contro agguerriti nemici che sono l'Il, il seeing, la turbolenza e altri ancora che possiamo raggruppare sotto il nome si S Q (sky quality). L'unica arma efficace contro questi nemici è spostarsi in un luogo dove non possano nuocere: infatti se l'S Q è troppo "pesante" non c'è apertura che tenga per ammirare gli oggetti celesti e un Dob di 30 cm non renderà meglio di un rifrattore da 9 cm. Tu sostieni che dal tuo giardino vedi molti oggetti: ma come li vedi? Se non c'è la via lattea, la visione sarà certamente scarsa.
Allora, prima di decidere quale strumento prendere, secondo me comprati un SQM. Se, puntato allo zenit ti dà valori superiori a 21, vuol dire che il tuo cielo è buono. Viceversa se
segna valori inferiori, non montare neppure il telescopio, o piuttosto, se lo fai, sappi che i nemici dei quali ti parlavo, penalizzeranno le tue osservazioni. Io con il mio Taka 130, ho guardato da molti luoghi qui sulle nostre Alpi. A volte vedevo bene, a volte meno bene. Poi ho comprato uno SQM che, da una certa località mi dà valori di 21,40/21,70. Bene il mioTaka, che possiedo ormai da sei anni, in questa postazione, è diventato un altro strumento, lasciando sbalorditi miei due amici, anch'essi astrofili, muniti rispettivamente di un C8 e di un C11.
Quindi, ripeto, prima dello strumento ci vuole la postazione, trovata la quale, la scelta del telescopio diventa quasi una questione secondaria.


Top
  Profilo    
 
MessaggioInviato: martedì 30 maggio 2017, 13:54 
Moderatore
Avatar utente

Iscritto il: venerdì 21 dicembre 2007, 13:49
Messaggi: 4368
Località: Roma / Amelia (TR)
Tipo di Astrofilo: Visualista
Tanto per dare un'idea, questa è la situazione dell'IL a nord di Roma (approssimata, non sostituisce certo la valutazione "dal vivo")

Nelle aree gialle e rosse il deep è pressoché impossibile, in quelle verdi deludente, in quelle più scure il discorso, come diceva anche moebius, cambia (logicamente la vicinanza di aree inquinate pregiudica a basse elevazioni)


Allegati:
Tolfa.JPG
Tolfa.JPG [ 223.89 KiB | Osservato 154 volte ]

_________________
Science is built up with facts, as a house is with stones. But a collection of facts is no more a science than a heap of stones is a house. (Henri Poincaré)

Dobson GSO 10" con Telrad - Celestron CPC800 - Meade ETX-70
Panoptic 24mm - FF 19 mm - Hyperion zoom 8-24 mm - Genuine Ortho 5mm - Barlow Televue 2X - Astronomik OIII
Zwo ASI 120 MC


Su xelu no est po is ominis, ma po Deus
Top
  Profilo    
 
MessaggioInviato: martedì 30 maggio 2017, 13:58 
Avatar utente

Iscritto il: martedì 28 novembre 2006, 9:31
Messaggi: 3100
Tipo di Astrofilo: Visualista
Scusate ma io non sono d'accordo con la vostra impostazione. Se parliamo di deepsky, è banale dire che andare sotto un buon cielo farà rendere meglio il telescopio. Questo però vale per qualsiasi diametro. Anche uno specchio di 8" non verrà sfruttato al 100% sotto un cielo mediocre...
Se il nostro Ares86 ha la possibilità di gestire facilmente nel suo giardino di casa un 16" o addirittura un 20" sotto un cielo suburbano, perché tarpargli le ali? Certo, probabilmente vedrà quello che potrebbe vedere con un 10" o un 12" sotto un cielo di montagna, ma lo farà comodamente dal giardino di casa sua. Non mi pare poco.

D'altronde la filosofia di John Dobson è sempre stata: compra più cm che puoi permetterti, sempre e comunque.

_________________
Stefano
Binocoli: APM 23-41x100; Vortex Vulture 10x50; Pentax Papilio 6,5x21
Telescopi: Dobson GSO 300 deluxe; WO Zenithstar 66SD


Top
  Profilo    
 
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 43 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente  1, 2, 3, 4, 5  Prossimo

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Simone Martina e 5 ospiti


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a:  
Powered by phpBB © 2000, 2002, 2005, 2007 phpBB Group
Traduzione Italiana phpBBItalia.net basata su phpBB.it 2010