1° Forum di Astronomia Amatoriale Italiano

Il primo forum di astrofili per astrofili, nato nel 2000.
Oggi è domenica 19 novembre 2017, 20:35

Menu

* Home
* Iscriviti
* La Bacheca
* F.A.Q.
* Cerca
* Login/Logout 

Login

Nome utente:
Password:

 Ho dimenticato la password

In Linea

Visitano il forum: Nessuno e 4 ospiti

Regolamento

regolamento

Links

*
Astrocafè

Segnala bolide
* Meteoblue.com
* Previsioni seeing
* Il Meteo.it
Help Forum
 

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora




Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 76 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente  1, 2, 3, 4, 5 ... 8  Prossimo
Autore Messaggio
MessaggioInviato: domenica 16 aprile 2017, 14:44 

Iscritto il: giovedì 27 agosto 2009, 22:10
Messaggi: 759
... Buona Pasqua! Condivido in toto quanto dice Angelo. Aggiungo: la distanza tra le due lenti del doppietto, data dagli spessorini, è quella che ottimizza la correzione dell'aberrazione sferica. Parimenti il verso di montaggio, secondo lo schema tipico del doppietto Fraunhofer già postato (se inverti una lente o la posizione reciproca peggiori la sferica).
La rotazione degli elementi tra loro sul proprio asse può al limite introdurre un po' di astigmatismo riconoscibile dal fatto che, sfuocando lievemente nei due sensi, l'immagine di una stella si presenterà leggermente ellittica; l'asse maggiore dell'ellissi sarà ruotata di 90° passando da intrafocale ad extrafocale. Si può introdurre cromatica laterale, ma accade solo se le lenti sono MOLTO inclinate tra loro o visibilmente decentrate (tanto da accorgersene anche solo ad un semplice sguardo; ma a quel punto ti ritroveresti anche una coma evidentissima, da stentare a mettere a fuoco anche a bassi ingrandimenti); la cromatica assiale, su spostamenti così piccoli degli elementi, non cambia significativamente.
In effetti su ottiche come queste è normale non trovare riferimenti: se hai tempo/voglia di smanettare un po', senza eccessivo timore ma agendo con cura e cautela, puoi provare a puntare una stella luminosa e, con pazienza, ruotare fra loro i due elementi di circa 30° alla volta finchè trovi il miglior compromesso. A quel punto puoi segnare tu stesso i riferimenti sul bordo delle due lenti. E' un po' uno sbattimento perchè devi ogni volta togliere e rimettere il doppietto nella cella, ma è meno difficile di quanto sembra - basta fare le cose con cura e delicatezza. Io l'ho fatto anni fa sul mio 60/700 e in effetti è servito.


Top
  Profilo    
 
MessaggioInviato: domenica 16 aprile 2017, 14:46 
Avatar utente

Iscritto il: domenica 2 aprile 2017, 18:17
Messaggi: 587
Località: Manziana (Rm)
Si è azzurrino/violetto. Comunque grazie per avermi tranquillizzato,cercherò comunque di ridurre al minimo le pulizie interne del doppietto e di limitarmi alla pulizia esterna del crown con un pennellino per la polvere e piu di rado magari con detergente ottico e microfibra. :D per quanto riguarda la rotazione invece, considerate che io ho un anello di bloccaggio che va avvitato al tubo ottico per vloccare il crown sul flint che non hanno ne viti di collimazione ne null altro...sono semplicemente appoggiate l una sopra l altra con questi 3 piccoli distanziali rettangolari applicati sulla faccia del flint che va a contatto con il crown. Ora, io ho provato prima il crown su di una faccia poi sill altra ed in effetti una percezzione di lieve differenza l ho avuta ed infatti ho avuto poi conferma da angelo sul corretto riposizionamento..ossia parte maggiormente convessa verso il flint.. Per quanto riguarda il senso ri rotazione invece,non puo essere che appunto perchè si tratta di pezzi industriali,in qualsiasi posizione rotatoria lo si mette non cambi nulla? Perche dopo averlo riprovato con lo schema ottico nel modo giusto non mi pare di aver visto nulla di anomalo... Cosa c'è di differente sulla lente se la ruoto verso giu o verso su? Scusate l ignoranza ma la mia conoscenza al riguardo arriva fino ad un certo punto...posso sperare che il mio schema ottico sia semplice a tal punto da non avere questo inconveniente o qualsuasi doppietto che esiste ha il suo senso di rotazione segnato o no che sia? Buona pasqua anche a voi!

_________________
TELESCOPIO 1: Celestron Powerseeker 70-700 AZ -
TELESCOPIO 2: Celestron Astromaster 90az
Oculari: Celestron 20mm kellner,Celestron 15mm kellner,Celestron 10mm kellner,Celestron 9mm kellner, Celestron Omni Plossl 6mm,Celestron H.20mm,Celestron H.4mm - Filtri: Celestron lunare,Celestron #80A blu,Celestron #25 rosso - Diagonale a specchio Omegon - Adattatore fotografico per smartphone Solomark - Fotocamera: smartphone Lgk10 13mp.

FORUM PENSATO PER I NEOFITI
http://astrofili.forumfree.it


Top
  Profilo    
 
MessaggioInviato: domenica 16 aprile 2017, 19:37 
Moderatore
Avatar utente

Iscritto il: sabato 11 febbraio 2006, 12:43
Messaggi: 13798
Località: Milano
Tipo di Astrofilo: Visualista
La rotazione reciproca tra le due lenti serve a trovare il miglior compromesso di correzione delle aberrazioni, ma solo e solamente nel caso di lenti lavorate male (ovvero con errori zonali piu o meno evidenti), delle normali lenti industriali lavorate decentemente hanno perfetta simmetria circolare (ovvero come le metti, metti, stanno bene), quindi a meno di aver notato qualche problema, non preoccuparti di ciò.

Il fatto è che lenti così piccole è piu difficile farle male che bene :mrgreen: per un semplice motivo, l'utensile (industriale) che lavora queste lenti (una spece di "scodella" abrasiva) è due, tre o + volte piu grande (in diametro) della lente che deve lavorare (infatti solitamente ne lavora sette o + contemporaneamente sistemate ad esagono), quindi per un semplice fatto fisico-geometrico, maggiore è la differenza dimensionale tra utensile e lente da lavorare, tanto è piu difficile che la forma (la curvatura) della lente differisca da quella di progetto; è anche per questo che le lenti da lavorare piu sono grandi, piu sono difficili da fare bene (che quindi richiedono piu ore-lavoro) e dal costo che cresce progressivamente (e non linearmente) rispetto al diametro.

_________________
Telescopi: il Barile (Dobson autocostruito 400mm f/4,5); l'Obice (Newton vintage 200mm f/8,25); il Nano (Rifrattore A&M 80mm f/6 apo); il Bidoncino (Newton barlowed Celestron 114/1000 con specchi non alluminati) per osservazione Sole in luce bianca; rifrattore acro Celestron 60/700. * * * Binocoli: Vixen Ark 30x80, Vixen Ultima 8x56, Bresser/lidl 10x50, Vortex Diamonback 8x42, Canon 10x30 IS II, Vortex Vanquish 8x26, Pentax Papilio 6,5x21.


Top
  Profilo   WWW  
 
MessaggioInviato: domenica 16 aprile 2017, 20:59 
Avatar utente

Iscritto il: domenica 2 aprile 2017, 18:17
Messaggi: 587
Località: Manziana (Rm)
Grazie mille! Io gia mi stavo facendo mille problemi... :D

_________________
TELESCOPIO 1: Celestron Powerseeker 70-700 AZ -
TELESCOPIO 2: Celestron Astromaster 90az
Oculari: Celestron 20mm kellner,Celestron 15mm kellner,Celestron 10mm kellner,Celestron 9mm kellner, Celestron Omni Plossl 6mm,Celestron H.20mm,Celestron H.4mm - Filtri: Celestron lunare,Celestron #80A blu,Celestron #25 rosso - Diagonale a specchio Omegon - Adattatore fotografico per smartphone Solomark - Fotocamera: smartphone Lgk10 13mp.

FORUM PENSATO PER I NEOFITI
http://astrofili.forumfree.it


Top
  Profilo    
 
MessaggioInviato: lunedì 17 aprile 2017, 18:50 
Avatar utente

Iscritto il: domenica 2 aprile 2017, 18:17
Messaggi: 587
Località: Manziana (Rm)
Scusatemi,ma è normale notare un a lieve sensazione di bordo bluai bordi di rami o foglie mentre metto a fuoco? Sono io che sono andato in paranoia o posso aver causato qualcosa? Non mi ricordo se lo faceva anche prima...è lieve quasi come fosse una sensazione..appena ruoto poco poco in avanti il focheggiatore tipo di un millimetro va a svanire il blu ma perdo il fuoco perfetto e vado lievemente fuori fuoco... La prova del nove posso farla puntando una stella o i bordi blu non centrano nulla con il tipo di cromatismo che si nota con le stelle? Le lenti controluce sono perfette ora...non hanno aloni ne polvere,l unico dubbio che mi rimane anche se il rimontaggio lo ho fatto con telescopio perpendicolare e con molta attenzione nel mettere le lenti nella loro sede senza inclinazioni,è che magari ci sia qualche inclinazione micrometrica che non riesco a notare ad occhio anche se ho guardato e riguardato...

_________________
TELESCOPIO 1: Celestron Powerseeker 70-700 AZ -
TELESCOPIO 2: Celestron Astromaster 90az
Oculari: Celestron 20mm kellner,Celestron 15mm kellner,Celestron 10mm kellner,Celestron 9mm kellner, Celestron Omni Plossl 6mm,Celestron H.20mm,Celestron H.4mm - Filtri: Celestron lunare,Celestron #80A blu,Celestron #25 rosso - Diagonale a specchio Omegon - Adattatore fotografico per smartphone Solomark - Fotocamera: smartphone Lgk10 13mp.

FORUM PENSATO PER I NEOFITI
http://astrofili.forumfree.it


Top
  Profilo    
 
MessaggioInviato: lunedì 17 aprile 2017, 19:19 
Moderatore
Avatar utente

Iscritto il: sabato 11 febbraio 2006, 12:43
Messaggi: 13798
Località: Milano
Tipo di Astrofilo: Visualista
Ti stai facendo decisamente troppe paranoie; quello che hai descritto è il normale comportamento di un doppietto acromatico, come saprai sicuramente i fuochi dei vari colori dello spettro visibile cadono in punti diversi, [immagine] quindi focheggiando andrà di volta in volta a fuoco un colore diverso.
Un tipico doppietto acromatico porta a fuoco il giallo-verde (il colore dove il nostro occhio è piu sensibile) in un punto e in un punto diverso i colori rosso e blu-violetto (la diastanza dei fuochi di questi due gruppi di colore, definiscono la correzione cromatica dell'obiettivo) [immagine] quindi se metti a fuoco sul giallo-verde, il rosso e blu-violetto saranno un pochino fuori fuoco, è quello che farà comparire il tipico alone violetto (il cosiddetto "spettro secondario) degli acromatici nelle immagini ad alto contrasto (es. le stelle o la Luna).

_________________
Telescopi: il Barile (Dobson autocostruito 400mm f/4,5); l'Obice (Newton vintage 200mm f/8,25); il Nano (Rifrattore A&M 80mm f/6 apo); il Bidoncino (Newton barlowed Celestron 114/1000 con specchi non alluminati) per osservazione Sole in luce bianca; rifrattore acro Celestron 60/700. * * * Binocoli: Vixen Ark 30x80, Vixen Ultima 8x56, Bresser/lidl 10x50, Vortex Diamonback 8x42, Canon 10x30 IS II, Vortex Vanquish 8x26, Pentax Papilio 6,5x21.


Top
  Profilo   WWW  
 
MessaggioInviato: martedì 18 aprile 2017, 14:12 
Avatar utente

Iscritto il: domenica 2 aprile 2017, 18:17
Messaggi: 587
Località: Manziana (Rm)
Grazie,mi stavo facendo mille paranoie,ed invece ieri sono uscito ad osservare il cielo e come hai detto tu non c era nulla da preoccuparsi...anzi,dopo la pulizia ho potuto apprezzare meglio i dettagli di giove ed avere una vistuale piu pulita sulle stelle...avevo effettuato la pulizia perchè in trasparenza notavo qualche pelucchietto qua e la tra le due lenti,e quindi visto che la fabbrica non mi ha fornito il mio telescopio con l interno del doppietto tirato a lucido meglio di quanto avrei potuto fare io,ho preso quest iniziativa ed ho operato con la massima delicatezza. Ora chiarito il fatto che su questi strumenti semplici e commerciali,puo mettere mano anche un comune mortale come me con le dovute accortezze,e che non si rovina nulla se si hanno le dovute accortezze,mi sento piu tranquillo ed anche soddisfatto perche ho potuto conoscere un pochino meglio il mio strumento. Ieri sera ho osservato giove con una plossl 6mm a 116.6X e con il mio super occhio sinistro da 10decimi ho potuto apprezzare dopo qualche secondo di messa a fuoco della mia pupilla,la macchia rossa ed un altra perturbazione piu debole sulla banda adiacente...ovviamente vedevo due puntini rossi...e ho avuto anche la sensazione di vedere dei dettagli nelle bande stesse...come delle striature. Con il destro sono riuscito a malapena a percepire solo le macchie ma apparivano e scomparivano. Comunque prima della pulizia non vedevo bene cosi!

_________________
TELESCOPIO 1: Celestron Powerseeker 70-700 AZ -
TELESCOPIO 2: Celestron Astromaster 90az
Oculari: Celestron 20mm kellner,Celestron 15mm kellner,Celestron 10mm kellner,Celestron 9mm kellner, Celestron Omni Plossl 6mm,Celestron H.20mm,Celestron H.4mm - Filtri: Celestron lunare,Celestron #80A blu,Celestron #25 rosso - Diagonale a specchio Omegon - Adattatore fotografico per smartphone Solomark - Fotocamera: smartphone Lgk10 13mp.

FORUM PENSATO PER I NEOFITI
http://astrofili.forumfree.it


Top
  Profilo    
 
MessaggioInviato: martedì 18 aprile 2017, 15:29 

Iscritto il: giovedì 27 agosto 2009, 22:10
Messaggi: 759
Condivido in toto quanto dice Angelo, anche su quanto riguarda la lavorazione industriale di queste lentine: ed effettivamente il tuo è un po' un... eccesso di zelo. Intendiamoci: meglio così che il contrario, eh... comunque sì, è normalissimo che l'aberrazione cromatica assiale, cioè il bordo bluastro che hai notato, venga fuori in particolare se sei fuori fuoco (edit: o meglio, durante la messa a fuoco e anche nell'immagine a fuoco su soggetti contrastati, proprio come un ramo di un albero controluce). Tranquillo, il tuo doppietto va benissimo per quel che può dare: e il fatto che tu noti la Macchia Rossa e altri dettagli dell'atmosfera gioviana lo dimostra ampiamente. Più che alla pulizia (pochi granelli di polvere sono del tutto ininfluenti) sono propenso a credere che il miglioramento che hai notato sia dovuto al fatto che, nel monta-smonta-rimonta, probabilmente hai azzeccato una buona posizione reciproca delle lenti. Ma più probabilmente ancora andavano bene anche prima, solo che adesso sei più attento a quel che vedi... :wink:

... Aggiungo però una cosa, a parziale correzione di quanto dice Angelo: fermo restando che, come dice lui, paradossalmente su diametri così piccoli è effettivamente difficile che saltino fuori errori madornali con la lavorazione industriale (il vero problema è più che altro il grado di lucidatura finale, ma son finezze...), quando le lenti venivano lavorate manualmente (come è il caso, ad esempio, del mio sessantino giapponese fine anni '80) poteva capitare che, anche in assenza di errori di lavorazione veri e propri, risultassero lievissime inclinazioni reciproche dovuti a spessori dei vetri non rigorosamente omogenei; compensate, appunto, con una rotazione ottimale dei due elementi, da cui i riferimenti segnati a matita sui bordi.


Ultima modifica di Andrea75 il martedì 18 aprile 2017, 15:44, modificato 1 volta in totale.

Top
  Profilo    
 
MessaggioInviato: martedì 18 aprile 2017, 15:40 
Avatar utente

Iscritto il: domenica 2 aprile 2017, 18:17
Messaggi: 587
Località: Manziana (Rm)
:D

_________________
TELESCOPIO 1: Celestron Powerseeker 70-700 AZ -
TELESCOPIO 2: Celestron Astromaster 90az
Oculari: Celestron 20mm kellner,Celestron 15mm kellner,Celestron 10mm kellner,Celestron 9mm kellner, Celestron Omni Plossl 6mm,Celestron H.20mm,Celestron H.4mm - Filtri: Celestron lunare,Celestron #80A blu,Celestron #25 rosso - Diagonale a specchio Omegon - Adattatore fotografico per smartphone Solomark - Fotocamera: smartphone Lgk10 13mp.

FORUM PENSATO PER I NEOFITI
http://astrofili.forumfree.it


Top
  Profilo    
 
MessaggioInviato: martedì 18 aprile 2017, 15:45 

Iscritto il: giovedì 27 agosto 2009, 22:10
Messaggi: 759
... vai tranquillo! Se ci fossero problemi, col cavolo che vedresti i dettagli di Giove...


Top
  Profilo    
 
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 76 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente  1, 2, 3, 4, 5 ... 8  Prossimo

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 4 ospiti


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a:  
Powered by phpBB © 2000, 2002, 2005, 2007 phpBB Group
Traduzione Italiana phpBBItalia.net basata su phpBB.it 2010