1° Forum di Astronomia Amatoriale Italiano

Il primo forum di astrofili per astrofili, nato nel 2000.
Oggi è martedì 26 settembre 2017, 1:20

Menu

* Home
* Iscriviti
* La Bacheca
* F.A.Q.
* Cerca
* Login/Logout 

Login

Nome utente:
Password:

 Ho dimenticato la password

In Linea

Visitano il forum: Nessuno e 4 ospiti

Regolamento

regolamento

Links

*
Astrocafè

Segnala bolide
* Meteoblue.com
* Previsioni seeing
* Il Meteo.it
Help Forum
 

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora




Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 11 messaggi ]  Vai alla pagina 1, 2  Prossimo
Autore Messaggio
 Oggetto del messaggio: Primo telescopio e prime domande
MessaggioInviato: lunedì 28 agosto 2017, 18:36 

Iscritto il: domenica 27 agosto 2017, 15:47
Messaggi: 4
Tipo di Astrofilo: Visualista
Salve a tutti,
Mi chiamo Salvatore, questo è il mio primo post. Ho scoperto questo forum durante una ricerca su internet per capire come usare al meglio un regalo che mi è stato fatto il mese scorso.
Lo strumento di cui parlo è il telescopio national geographic 114/900.
Premetto che è il mio primo telescopio e strumento per la visione degli astri in generale, dunque non sono molto ferrato in materia.
Il telescopio è comprensivo di 3 lenti: una da 25mm, una da 9mm, una da 4mm.
Il treppiede è in alluminio e la montatura è una altazimutale.
In confezione erano poi presenti una barlow 3x e un raddrizzatore 1,5x.

Dopo questa breve descrizione passo ai quesiti:
1)ho letto in giro che spesso gli astrofili comprano soltanto la montatura (o telescopio) per poi accoppiarlo con un telescopio (o montatura) che già posseggono. Se volessi comperare una nuova montatura quali parametri dovrei considerare? Nel senso, come posso sapere se una determinata montatura è compatibile col mio telescopio?
Questa mia curiosità nasce dal fatto che la montatura in dotazione permette la micro-regolazione verticale ma non quella orizzontale e a causa di ciò molto spesso mi risulta difficile "seguire" l'oggetto che sto osservando;
2)sul mirino presente in dotazione è presente una ghiera, che posso ruotare, sull'estremità che va a contatto con l'occhio. il manuale d'istruzuone (comprensivo di sole due paginette) non da nessuna informazione. A cosa serve?
3)Esiste una sorta di regola per l'uso degli oculari? Osservando Giove ho notato che tra il 4mm è il 9mm non c'è molta differenza in termini di dimensioni, tuttavia col 4 mm mi risulta difficile non solo trovare l'oggetto ma anche metterlo a fuoco;
4)con un telescopio simile sarebbe possibile vedere qualche oggetto di cielo profondo come ad esempio Andromeda?


Per dare un'idea sullo strumento lascio in allegato una foto dell'eclissi parziale di luna del 7 agosto. La foto è stata scattata con uno smartphone. Ahimè non posseggo il supporto per telefoni dunque ho dovuto realizzare un video appoggiando il telefono manualmente sull'oculare e poi successivamente ho effettuato uno screen per estrapolare il fotogramma migliore.


Allegati:
IMG_1663.JPG
IMG_1663.JPG [ 62.02 KiB | Osservato 216 volte ]
Top
  Profilo    
 
 Oggetto del messaggio: Re: Primo telescopio e prime domande
MessaggioInviato: lunedì 28 agosto 2017, 19:47 
Moderatore
Avatar utente

Iscritto il: sabato 11 febbraio 2006, 12:43
Messaggi: 13621
Località: Milano
Tipo di Astrofilo: Visualista
Benvenuto sul forum.

Andando con ordine, il newton 114/900 (solo il tubo) è un ottimo strumento per iniziare, è stato per decenni il primo strumento (la nave scuola) degli astrofili un po piu "vecchietti". :mrgreen:
Parto subito a rispondere alle domande:
    • il mirino, (sarebbe il cercatore) è un piccolo cannocchialino e la ghiera probabilmente serve per mettere a fuoco l'immagine;
    • degli accessori in dotazione (oltre a l cercatore) gli unici veramente utili sono i due oculari da 25 mm che ti dà 36x (leggi 36 "per", ovvero 36 ingrandimenti) ed il 9 mm che ti dà 100x, mentre il 4 mm è di qualità veramente fetente sviluppa il limite massimo di ingrandimenti "utili" permessi dal tuo strumento, ma per sfruttare simili ingrandimenti ci vuole un oculare di buona qualità (oltre a un buon seeing ovvero un'atmosfera calma e non turbolenta) e non quella vera schifezza che rappresenta il 4 mm dato a corredo, del tutto inutili anche il raddrizzatore 1,5x e la barlow 3x, per lo stesso motivo dell'oculare da 4 mm, fanno schifo sono tutti di plastica, anche le lenti, insomma mettili in un cassetto e dimenticateli;
    • la montatura, quella che hai a corredo effettivamente non è il massimo, ti servirebbe una montatura altazimutale con un po piu di portata, ma qui la scelta dipende dal budget di spesa.
    Ricorda che tutte le montature per strumenti piccoli e medi hanno un attacco a coda di rondine "standard" che si chiama Vixen (quelli per strumento piu grossi e pesanti hanno un altro strandard che si chiama losmandy), quindi se decidi di prendere una nuova montatura devi svincolare il tuo tubo dalla forcella (svitando le viti agli estremi della stessa) acquistare poi la barra a coda di rondine Vixen (tipo questa ► http://www.teleskop-express.it/barre-vi ... optik.html ) a cui andranno collegati due anelli del diametro adatti al tuo tubo (tipo questi ► https://www.binostore.com/it/accessori/ ... gIRZvD_BwE ), essendo quindi uno standard non devi preoccuparti della compatibilità, una volta corredato il tuo tubo di anelli e barra a coda di rondine vixen, lo potrai mettere su qualsiasi montatura abbia quell'attacco (la grande maggioranza).
    • quindi oltre ai due oculari che già possiedi (che per il momento per iniziare vanno bene) dovresti prendere un oculare per alti ingrandimenti ma senza strafare, secondo me sarebbe ottimo un oculare da 6 mm che ti darebbe 150x o al massimo un 5 mm che darebbe 180x, rimanendo bassi con i prezzi per il 6 mm ci sarebbero questo http://www.teleskop-express.it/oculari- ... ptics.html o questo http://www.teleskop-express.it/oculari- ... vixen.html , mentre per il 5 mm ci sarebbe questo http://www.teleskop-express.it/oculari- ... ptics.html ;
    • relativamente alla questione cielo profondo, il tuo strumento è in grado tranquillamente di farti vedere tutto il catalogo messier (ed oltre), ma solamente se si osserva da un cielo buio, infatti in questo caso il problema non è lo strumento ma il cielo.

_________________
Telescopi: il Barile (Dobson autocostruito 400mm f/4,5); l'Obice (Newton vintage 200mm f/8,25); il Nano (Rifrattore A&M 80mm f/6 apo); il Bidoncino (Newton barlowed Celestron 114/1000 con specchi non alluminati) per osservazione Sole in luce bianca; rifrattore acro Celestron 60/700. * * * Binocoli: Vixen Ark 30x80, Vixen Ultima 8x56, Bresser/lidl 10x50, Vortex Diamonback 8x42, Canon 10x30 IS II, Vortex Vanquish 8x26, Pentax Papilio 6,5x21.


Top
  Profilo   WWW  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Primo telescopio e prime domande
MessaggioInviato: lunedì 28 agosto 2017, 21:03 

Iscritto il: mercoledì 5 aprile 2017, 20:03
Messaggi: 177
Località: Guidonia
Tipo di Astrofilo: Visualista
Ciao e benvenuto! Volevo solo aggiungere la "regola" per l'uso degli oculari. Praticamente devi dividere la lunghezza focale del tuo telescopio (900mm) per la focale dell'oculare ( i tuoi 25mm,9mm,4mm). Quindi tu avrai rispettivamente:

Col 25mm ---> 36X (cielo profondo)
Col 9mm ----> 100X (luna e pianeti)
Col 4mm -----> 225X (luna e pianeti)

Inoltre una buona regola per trovare il massimo ingrandimento sfruttabile è moltiplicare per due volte (o due volte e mezzo se il cielo è perfetto) il diametro del tuo telescopio. Nel tuo caso 115mm*2=230X, ovvero l'ingrandimento dell'oculare da 4mm, che come hai visto è al limite della decenza, e non riesci più ad ottenere una messa a fuoco nitida.
La barlow invece non fa altro che moltiplicare la lunghezza focale del telescopio di 2 o 3 volte, la tua barlow 3X quindi ti porta da 900mm a 2700mm, e da qui ricalcoli tutti gli ingrandimenti:

Col 25mm ----> 2700/25=108X
Col 9mm -----> 300X
Col 4mm -----> 675X

Va messa prima dell'oculare e possibilmente senza raddrizzatore, come vedi il vantaggio principale è raggiungere alti ingrandimenti con oculari ancora abbastanza larghi, quindi comodi, però deve essere di qualità altrimenti peggiora la qualità dell'immagine.


Top
  Profilo    
 
 Oggetto del messaggio: Re: Primo telescopio e prime domande
MessaggioInviato: lunedì 28 agosto 2017, 22:21 

Iscritto il: domenica 27 agosto 2017, 15:47
Messaggi: 4
Tipo di Astrofilo: Visualista
Angelo Cutolo ha scritto:
• la montatura, quella che hai a corredo effettivamente non è il massimo, ti servirebbe una montatura altazimutale con un po piu di portata, ma qui la scelta dipende dal budget di spesa.
Ricorda che tutte le montature per strumenti piccoli e medi hanno un attacco a coda di rondine "standard" che si chiama Vixen (quelli per strumento piu grossi e pesanti hanno un altro strandard che si chiama losmandy), quindi se decidi di prendere una nuova montatura devi svincolare il tuo tubo dalla forcella (svitando le viti agli estremi della stessa) acquistare poi la barra a coda di rondine Vixen (tipo questa ► http://www.teleskop-express.it/barre-vi ... optik.html ) a cui andranno collegati due anelli del diametro adatti al tuo tubo (tipo questi ► https://www.binostore.com/it/accessori/ ... gIRZvD_BwE ), essendo quindi uno standard non devi preoccuparti della compatibilità, una volta corredato il tuo tubo di anelli e barra a coda di rondine vixen, lo potrai mettere su qualsiasi montatura abbia quell'attacco (la grande maggioranza).

Innanzitutto grazie mille per la risposta. Avrei pero ancora dei dubbi per quanto riguarda la questione montatura.
La portata della montatura da cosa dipende? dal peso del treppiede o da altri fattori? Se utilizzassi un treppiede in acciaio risolverei qualcosa oppure il problema è la "testa" che collega il treppiede con il telescopio?
Poi da quello che mi è parso di capire la maggior parte delle montature ha questo attacco vixen. Tuttavia quella che ho ricevuto in dotazione, pur essendo altazimutale, non presenta questo collegamento. Dunque prima dovrei comprare i pezzi per "costruire" questo collegamento e solo dopo la montatura vera e propria?
Con una vixen poi che movimenti potrei effettuare? Avrei comunque solo i movimenti micrometrici verticali? O esiste un modo per aggiungere anche quelli orizzontali?

Per quanto riguarda invece gli oculari:
Lo zoom utile massimo che posso raggiungere, a quanto ho capito, è un 228x. Il che significa che più di un 5/6mm non conviene montare. Di conseguenza non ha senso nemmeno comprare una barlow decente giusto?

Vagando sul web o poi scoperto dell'esistenza di un filtro lunare. Qual è il suo scopo? Senza rischio di danneggiare l'attrezzatura?

Paoluz93 ha scritto:
Ciao e benvenuto! Volevo solo aggiungere la "regola" per l'uso degli oculari. Praticamente devi dividere la lunghezza focale del tuo telescopio (900mm) per la focale dell'oculare ( i tuoi 25mm,9mm,4mm). Quindi tu avrai rispettivamente:

Col 25mm ---> 36X (cielo profondo)
Col 9mm ----> 100X (luna e pianeti)
Col 4mm -----> 225X (luna e pianeti)
.

Grazie mille per il tuo intervento, mi sarà sicuramente di grandissima utilità. Ero convinto dell'opposto. Infatti ho sempre usato il 25mm per la luna e i pianeti e il 9mm e il 4mm per il cielo profondo. Forse è per questo che per il momento non ho beccato ancora nulla :)

Parlando pero di tecnicismi, com'è possibile che con un 36x riesco a vedere oggetti di cielo profondo mentre non riesco con un 100x o addirittura un 225x? Con quest'ultimo non dovrei vedere oggetti più lontani?


Ultima modifica di Angelo Cutolo il martedì 29 agosto 2017, 10:00, modificato 1 volta in totale.
Uniti post concecutivi.


Top
  Profilo    
 
 Oggetto del messaggio: Re: Primo telescopio e prime domande
MessaggioInviato: martedì 29 agosto 2017, 6:37 
Avatar utente

Iscritto il: domenica 2 aprile 2017, 18:17
Messaggi: 571
Località: Manziana (Rm)
Perche gli oggetti del cielo profondo sono piu estesi..ad esempio se punti la galassia di andromeda o le pleiadi anzi soprattutto le pleiadi,se non usi un ingrandimento debole ti ritrovi ad osservare solo un decimo della porzione di esse o anche meno...mentre seusi un ingrandimento basso il campo inquadrato sara maggiore e potrai tenerle per intero nell oculare ed inoltre avrai anche un immagine piu luminosa e risoluta. Del cielo profondo non sifnifica che siccome sono lontane sono poco visibili...tutt altro..ad esempio la nevulosa di orione se hai buoni occhi puoi gia vederla come un puntino sfocato ad occhio nudo..la galassia di andromeda sotto un cielo privo di luci cittadine la vedi come un batuffolo di cotone larga quasi come 6 lune una difianco all altra..le pleiadi a notte tarda gia le vedi come una miriade si stelle ad occhio nudo. Io con il mio rifrattore 90 1000 sto osservando il ciwlo profondo a 50ingrandimenti ed ancora sono troppi...serve un oculare da 32mm.. A te credo vada bene anche una 25mm. Per luna a pianeti non andare oltre un oculare da 5mm

_________________
TELESCOPIO 1: Celestron Powerseeker 70-700 AZ -
TELESCOPIO 2: Celestron Astromaster 90az
Oculari: Celestron 20mm kellner,Celestron 15mm kellner,Celestron 10mm kellner,Celestron 9mm kellner, Celestron Omni Plossl 6mm,Celestron H.20mm,Celestron H.4mm - Filtri: Celestron lunare,Celestron #80A blu,Celestron #25 rosso - Diagonale a specchio Omegon - Adattatore fotografico per smartphone Solomark - Fotocamera: smartphone Lgk10 13mp.

FORUM PENSATO PER I NEOFITI
http://astrofili.forumfree.it


Top
  Profilo    
 
 Oggetto del messaggio: Re: Primo telescopio e prime domande
MessaggioInviato: martedì 29 agosto 2017, 10:48 
Moderatore
Avatar utente

Iscritto il: sabato 11 febbraio 2006, 12:43
Messaggi: 13621
Località: Milano
Tipo di Astrofilo: Visualista
La portata della montatura dipende essenzialmente dalle dimensioni della testa e dalle dimensioni (sezione delle gambe) e dal materiale (acciaio meglio dell'alluminio, legno meglio dell'alluminio e peggio dell'acciaio) del treppiede, come per le fondazioni di una casa, piu grossi sono i "plinti" piu piani di un palazzo possono reggere.

Salcip ha scritto:
Poi da quello che mi è parso di capire la maggior parte delle montature ha questo attacco vixen. Tuttavia quella che ho ricevuto in dotazione, pur essendo altazimutale, non presenta questo collegamento.

La tua montatura è "dedicata" per quel tubo e non ha quindi uno standard e costituisce un'eccezione (utilizzata specialmente in telescopi "entry-level).

Salcip ha scritto:
Dunque prima dovrei comprare i pezzi per "costruire" questo collegamento e solo dopo la montatura vera e propria?

Infatti nella parte che hai riportato del mio scritto ci sono i link agli accessori necessari (barra a coda di rondine e anelli) per collegare il tubo alla nuova montatura.
Relativamente ai moti micrometrici, dipende dal tipo di montatura se li hanno o meno (basta sceglierne una che li possiede), ad esempio le montature equatoriali hanno tutte i moti micrometrici sia in declinazione (dec) che in ascensione retta (A.R.)...

Immagine

...mentre le montature altazimutali mossono averle o non averle...

Immagine

Personalmente ti consiglio una montatura altazimutale (con moti micrometrici), molto piu intuitiva da utilizzare, soprattutto con un newton, ma come ho detto prima è questione di budget perché le piu a basso costo viaggiano tra i 200 e i 300 €.

Salcip ha scritto:
Parlando pero di tecnicismi, com'è possibile che con un 36x riesco a vedere oggetti di cielo profondo mentre non riesco con un 100x o addirittura un 225x? Con quest'ultimo non dovrei vedere oggetti più lontani?

Per questo devi comprendere il concetto di pupilla d'uscita (P.U.), gli oggetti del cielo profondo a differenza delle stelle, Luna e pianeti (e pochi altri oggetti particolarmente "compatti") hanno una luminosità superficiale molto bassa, per questo è bene osservarli sotto cieli nolto bui altrimenti la loro tenue luminosità viene "coperta" dalla liminosità del fondo cielo (ovvero dall'inquinamento luminoso), ma appunto conta anche l'ingrandimento con cui si osservano relativamente al diametro dello strumento, ovvero proprio la pupilla d'uscita, questa si calcola dividendo il diametro dello strumento per l'ingrandimento utilizzato, e a P.U. piu piccola equivale minor luce, in maniera semplice, piu si alza l'ingrandimento e piu scura diventa l'immagine e se si esagera con gli ingrandimenti, l'immagine può diventare talmente scura da non farti percepire piu l'oggetto celeste.
Quindi facendo l'esempio col tuo strumento e i due oculari che possiedi, il primo da 25 mm da 36x che diviso per il diametro da una P.U. di poco meno di 3,2 mm mentre il secondo da 9 mm dà 100x e una P.U. di 1,1 mm abbondanti, quindi su oggetti estesi come nebulose o galassie (come quella di Andromeda) è meglio l'ingrandimento piu basso perché ti da una immagine quasi otto volte piu luminosa rispetto all'ingrandimento maggiore.
Al contrario, per stelle, Luna e pianeti, che hanno luce in abbondanza meglio gli alti ingrandimenti (senza esagerare ovviamente) così da poter utilizzare tutta la risoluzione dello strumento; per questo si dice solitamente che il massimo ingrandimento utile del telescopio è pari a circa due volte il diametro dello stesso espresso in millimetri, perché tale ingrandimento è il miglior compromesso tra luminosità dell'immagine (e quindi del contrasto) e dettagli percepibili, andare oltre questo limite non farebbe vedere piu dettagli, inoltre scurirebbe troppo l'immagine riducendo il contrasto (alla fine vedendo peggio).

Questo è uno specchietto che riassume tutte le caratteristiche del tuo strumento.
Allegato:
newton 114-900.jpg
newton 114-900.jpg [ 606.21 KiB | Osservato 173 volte ]


Questo è il file excel con cui ho fatto lo specchietto, così ti puoi divertire a cambiare i parametri (soprattutto degli oculari) per vedere i risultati (il significato dei vari dati e spiegato nelle note inserite in ogni cella, sono compilabili solo i campi in rosso).


Allegati:
Calcoli_tele.xls [125.5 KiB]
Scaricato 11 volte

_________________
Telescopi: il Barile (Dobson autocostruito 400mm f/4,5); l'Obice (Newton vintage 200mm f/8,25); il Nano (Rifrattore A&M 80mm f/6 apo); il Bidoncino (Newton barlowed Celestron 114/1000 con specchi non alluminati) per osservazione Sole in luce bianca; rifrattore acro Celestron 60/700. * * * Binocoli: Vixen Ark 30x80, Vixen Ultima 8x56, Bresser/lidl 10x50, Vortex Diamonback 8x42, Canon 10x30 IS II, Vortex Vanquish 8x26, Pentax Papilio 6,5x21.
Top
  Profilo   WWW  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Primo telescopio e prime domande
MessaggioInviato: martedì 29 agosto 2017, 20:00 

Iscritto il: domenica 27 agosto 2017, 15:47
Messaggi: 4
Tipo di Astrofilo: Visualista
Grazie mille ad entrambi @ares86 e @Angelo Cutolo.
Il parametro "pupilla d'uscita" mi mancava per questo ero convinto che perl'osservasione di oggetti lontani avessi bisogno di zoom elevati. Inoltre mi fa piacere leggere che con oculari con zoom elevati vedrei solo una porzione dell'oggetto, questo mi fa sperare di riuscire a vedere abbastanza discretamente i vari oggetti del catalogo Messier (ero convinto potessi vedere al più una piccola macchia colorata).
Grazie anche per i chiarimenti sulla montatura. Avevo capito che la barra a coda di rondine e gli anelli facessero già parte della testa.
Per il momento proverò a montare il telescopio su un cavalletto in acciaio che già posseggo. Nel frattempo inizio anche a comprare gli accessori per l'ancoraggio.
Per il discorso montatura penso che rimanderò a metà settembre così avrò più tempo per dedicarmi all'argomento e per studiare la soluzione migliore per le mie necessita. Purtroppo sono abbastanza impedito e quando devo muovere in senso orizzontale il telescopio faccio vibrare tutto quindi preferirei prenderne una comprensiva di entrambi i movimenti.

Infine ti ringrazio infinitamente per la tabella.
Ps. Esistono dei libri e/o manuali sull'abc dell'osservasione? Mi interesserebbe capire più a fondo il significato dei vari parametri


Top
  Profilo    
 
 Oggetto del messaggio: Re: Primo telescopio e prime domande
MessaggioInviato: martedì 29 agosto 2017, 20:56 
Avatar utente

Iscritto il: giovedì 6 novembre 2014, 18:31
Messaggi: 351
Primo Incontro con il Cielo Stellato è a mio parere un ottimo tomo da cui iniziare,
è scritto da Daniele Gasparri....mi pare che un tempo frequentasse questo spazio web....

_________________
Nell'avatar: Galassia Sombrero, disegno realizzato da Peter
Astronomia in 90mm - Spazio web creato da neofiti, per neofiti


Top
  Profilo    
 
 Oggetto del messaggio: Re: Primo telescopio e prime domande
MessaggioInviato: mercoledì 30 agosto 2017, 10:53 
Moderatore
Avatar utente

Iscritto il: sabato 11 febbraio 2006, 12:43
Messaggi: 13621
Località: Milano
Tipo di Astrofilo: Visualista
Come prima infarinatura c'è questa pagina web, come vedi è divisa per argomenti ► http://www.webalice.it/ugerco/finalment ... lmente.htm
Oppure puoi scaricarti il file PDF completo ► http://www.webalice.it/ugerco/finalment ... entea4.pdf (gratuito e liberamente scaricabile).

_________________
Telescopi: il Barile (Dobson autocostruito 400mm f/4,5); l'Obice (Newton vintage 200mm f/8,25); il Nano (Rifrattore A&M 80mm f/6 apo); il Bidoncino (Newton barlowed Celestron 114/1000 con specchi non alluminati) per osservazione Sole in luce bianca; rifrattore acro Celestron 60/700. * * * Binocoli: Vixen Ark 30x80, Vixen Ultima 8x56, Bresser/lidl 10x50, Vortex Diamonback 8x42, Canon 10x30 IS II, Vortex Vanquish 8x26, Pentax Papilio 6,5x21.


Top
  Profilo   WWW  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Primo telescopio e prime domande
MessaggioInviato: mercoledì 30 agosto 2017, 23:44 

Iscritto il: domenica 27 agosto 2017, 15:47
Messaggi: 4
Tipo di Astrofilo: Visualista
Grazie ad entrambi per le letture proposte. Ho già letto quella presente online, sintetica ma ben scritta e piacevolmente corredata da liste di oggetti da poter vedere col telescopio.

Mi dispiace essere ripetitivo ma vorrei ancora tornare al discorso montatura. Sto cercando di "visualizzare" come avviene il montaggio.
Facendo riferimento all'immagine che allego al post mi sembra di capire che:
VERDE) servono semplicemente per fissare gli anelli attorno al tubo
ROSSO) serve per poter collegare gli anelli, e quindi il tubo, alla barra a coda di rondine attraverso delle viti passanti attraverso l'asola presente su quest'ultima. Dalle foto deduco che tale barra ha una sezione trapezoidale. Dunque una montatura vixen presenterà un incavo "complementare" e il montaggio tra le due parti avverrà per incastro, dico bene?
GIALLO) a cosa serve? E come mai solo un anello presenta una vite?


Allegati:
IMG_1669.JPG
IMG_1669.JPG [ 180.25 KiB | Osservato 102 volte ]
Top
  Profilo    
 
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 11 messaggi ]  Vai alla pagina 1, 2  Prossimo

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 4 ospiti


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a:  
cron
Powered by phpBB © 2000, 2002, 2005, 2007 phpBB Group
Traduzione Italiana phpBBItalia.net basata su phpBB.it 2010