1° Forum di Astronomia Amatoriale Italiano

Il primo forum di astrofili per astrofili, nato nel 2000.
Oggi è lunedì 22 luglio 2019, 19:56

Menu

* Home
* Iscriviti
* La Bacheca
* F.A.Q.
* Cerca
* Login/Logout 

Login

Nome utente:
Password:

 Ho dimenticato la password

In Linea

Visitano il forum: Nessuno e 3 ospiti

Regolamento

regolamento

Links

*
Astrocafè

Segnala bolide
* Meteoblue.com
* Previsioni seeing
* Il Meteo.it
Help Forum
 

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora




Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 29 messaggi ]  Vai alla pagina 1, 2, 3  Prossimo
Autore Messaggio
MessaggioInviato: lunedì 16 settembre 2013, 17:56 
Avatar utente

Iscritto il: venerdì 26 settembre 2008, 9:11
Messaggi: 971
Località: Veneto
Ho deciso di costruirmi un travel-dobson da 25 cm f/4 ottimizzato per il rich-field estremamente trasportabile (perchè richiudibile in una valigetta). Dopo molti anni di osservazioni di oggetti deboli ad ingrandimenti medio-alti mi è venuta voglia di grandi campi (Via Lattea, grandi nebulose, nebulose oscure etc.) ; scartato il solito rifrattore (per il piccolo diametro e la necessità di un minimo di montatura altazimutale e treppiede piuttosto ingombranti) la scelta è caduta su un travel-dobson da 25 cm , focale 1000 anche perchè non volevo scendere sotto i 2° di campo reale inquadrato con un oculare da 82°. Chiaramente c'erano altre possibilità: forse il massimo sarebbe stato un 33 cm f/3 come quello di Mel Bartels: http://www.bbastrodesigns.com/ZipDob/ZipDob.html
La struttura è una via di mezzo (con ovvie personalizzazioni) tra quella classica tipo Strock ( http://strock.pi.r2.3.14159.free.fr/Ast/Strock-250.html ) e questa di Reiner Vogel : http://www.reinervogel.net/10_travel/10_travel_e.html . Soprattutto quest'ultimo mi ha ispirato molte idee come la cella del primario e l'attacco dei tralicci al cage del secondario. Ovviamente per una perfetta puntiformità delle stelle in tutto il campo inquadrato sarà usato un correttore di coma e la scelta è caduta sull' MPCC della Baader . Seppur costruito per l'osservazione a grande campo , sarà interessante vederne la resa anche sul planetario ad alti ingrandimenti .
Beh, bando alle chiacchiere. Da dove ho cominciato ? Dalla fine! Ossia dall'oculare che userò di più con questo strumento. Ho scelto un Explorer Scientific da 24 mm, barilotto 2", 82° di campo, con il quale otterrò circa 41 x con una pupilla di uscita di 6 mm e 2° secchi di campo reale inquadrato. Per l'osservazione delle grandi nebulose userò un filtro UHC della Astronomik.
Partendo dal peso dell'oculare (8 etti) e da una stima del peso di tutti i pezzi (ho usato multistrato da 10mm) ho calcolato il baricentro del sistema e quindi fatto un disegno in scala 1:1 : per mantenere bilanciato il tutto è venuto fuori che le mezzelune per il movimento in altezza avrebbero dovuto essere di 28 cm di raggio, troppo grandi per farle stare intere nella valigetta e così ho dovuto scegliere di dividerle in due. Dopo due mesetti di lavoro a tempo perso ecco il risultato anche se non è ancora completamente finito (manca di installare il secondario, le chiusure della valigetta e qualche altro particolare minore):
Allegato:
cage finito.JPG
cage finito.JPG [ 37.91 KiB | Osservato 1416 volte ]

Allegato:
cage sul box.JPG
cage sul box.JPG [ 46.38 KiB | Osservato 1416 volte ]

Allegato:
valigetta2.JPG
valigetta2.JPG [ 40.72 KiB | Osservato 1416 volte ]
Allegato:
completo son Es24.JPG
completo son Es24.JPG [ 34.23 KiB | Osservato 1416 volte ]
Allegato:
parte bassa con coperchio.JPG
parte bassa con coperchio.JPG [ 37.54 KiB | Osservato 1416 volte ]

_________________
Osservo con:
Dobson 450/1900, Travel-Dobson 250/1000, mini-dobson 150/600 autocostruiti
Intes Micro Alter Mak 715 deluxe


Top
  Profilo    
 
MessaggioInviato: lunedì 16 settembre 2013, 18:08 
Avatar utente

Iscritto il: mercoledì 15 ottobre 2008, 17:01
Messaggi: 20566
Località: Firenze
Tipo di Astrofilo: Visualista e Fotografo
Complimenti per la bellissima realizzazione. Prima o poi mi cimenterò anch'io con un Dobson trasportabile, questo è veramente ben fatto e ben progettato. E' giusto partire dal peso dell'oculare che si pensa di usare di più.

_________________
Ciò che non ha termine non ha figura alcunaLeonardo da Vinci


Top
  Profilo    
 
MessaggioInviato: lunedì 16 settembre 2013, 18:36 
Semplicemente geniale.
Ma toglimi una curiosità, utilizzerai il coperchio della valigetta come base d'appoggio
su cui muovere lo strumento in azimut ?


Top
     
 
MessaggioInviato: lunedì 16 settembre 2013, 19:07 
Avatar utente

Iscritto il: venerdì 26 settembre 2008, 9:11
Messaggi: 971
Località: Veneto
Si, il coperchio della valigetta funziona da base per il movimento in azimut infatti sulla sua superficie ho applicato 3 pastiglie di teflon (glisdome) che non avevo ancora messo quando ho fatto la foto della valigetta. Sulla parte inferiore della valigetta c'è invece un foglio di policolor (spesso 1 mm) su cui scorrono i tre tasselli di teflon. Ho fatto qualche prova e mi pare che i micro movimenti siano buoni senza inpuntamenti: chiaramente il responso finale sarà sul cielo.
In altezza invece il movimento avviene accoppiando teflon su alluminio (ho ricoperto il bordo delle mezzelune con una barra piatta di alluminio )

_________________
Osservo con:
Dobson 450/1900, Travel-Dobson 250/1000, mini-dobson 150/600 autocostruiti
Intes Micro Alter Mak 715 deluxe


Top
  Profilo    
 
MessaggioInviato: lunedì 16 settembre 2013, 21:01 
Avatar utente

Iscritto il: sabato 28 novembre 2009, 19:31
Messaggi: 1098
Località: Pontecagnano (SA)
Tipo di Astrofilo: Visualista
Bello Dob, il legno dà sempre un effetto molto "caldo".
Facci vedere qualche foto della cella.

_________________
Alfonso Noschese

Immagine

Dobson Ariete Europa ECF 20" - C9,25 XLT su EQ6
Oculari Nagler 31 mm - Celeston Axiom LX 15mm e 10mm - ES 9mm 100°, camere Moravian G2 1600, DFK21 e ASI 120 MM


Top
  Profilo    
 
MessaggioInviato: lunedì 16 settembre 2013, 21:19 
Avatar utente

Iscritto il: sabato 11 febbraio 2006, 12:43
Messaggi: 15022
Località: Milano
Tipo di Astrofilo: Visualista
Complimenti, vado matto per questi progettini. :D

_________________
Associazione Astronomica Mirasole (Astromirasole).
Home page: http://astromirasole.org
Facebook: https://www.facebook.com/AstroMirasole/


Newton: Barile 400/1830 mm; Obice 200/1650 mm; Bidoncino 114/1300 mm con primario disalluminato. ••• Rifrattori: Nano apo 80/480 mm; Milo acro 76/1400 mm; 60ino acro 60/700 mm. ••• Binocoli: Vixen Ark 30x80, Vixen Ultima 8x56, Vortex Diamonback 8x42, Canon 10x30 IS II, Vortex Vanquish 8x26, Pentax Papilio 6,5x21.


Top
  Profilo   WWW  
 
MessaggioInviato: lunedì 16 settembre 2013, 21:58 
Avatar utente

Iscritto il: lunedì 13 febbraio 2006, 9:53
Messaggi: 15118
Tipo di Astrofilo: Visualista e Fotografo
ottimo progetto e meravigliosa realizzazione!
interessante il policolor, qualunque cosa sia: il foglio di policarbonato alaska che sto usando siul mio dob mi ha rigato e consumato i tre glisdome che avevo messo rovinandomi la fluidità in azimut :shock:

_________________
{andreaconsole.altervista.org}¦ Ballscope 300/1500 DIY "John Holmes"


Top
  Profilo   WWW  
 
MessaggioInviato: martedì 17 settembre 2013, 13:26 
Avatar utente

Iscritto il: mercoledì 3 giugno 2009, 20:14
Messaggi: 515
Località: Udine
Tipo di Astrofilo: Visualista
Ma che spettacolo! :shock:

_________________
Newton Skywatcher Black Diamond 200/1000 su NEQ6 Pro Synscan
Baader Hyperion 8mm, 13mm, 24mm, HR Planetary 4mm


Top
  Profilo    
 
MessaggioInviato: martedì 17 settembre 2013, 17:39 
Avatar utente

Iscritto il: venerdì 26 settembre 2008, 9:11
Messaggi: 971
Località: Veneto
Grazie a tutti!

@Jack. La cella è semplicissima, 3 punti di appoggio a 0,4 R (posto ottimale secondo PLOP) mentre i laterali sono 2 punti a 90° . Il principio di funzionamento è lo stesso della cella di Vogel (vedi link sopra) che permette una comoda regolazione dall'alto e minimizza la distanza tra bordo specchio e fondo del mirror-box.

@Andrea. nel mio 45cm l'accoppiata glisdome(una volta si chiamavano magic-sliders) -poliver bighiaccio funziona ancora a meraviglia dopo 10 anni. Mi pare strano che nel tuo si siano consumati. Siccome non sei il primo che fa notare questa cosa mi viene il dubbio che nel frattempo sia cambiato qualcosa nei glisdome , magari ora li fanno più delicati , non so . Di sicuro è cambiato il poliver bighiaccio: ora lo fanno con una superficie liscia e una superficie simile (ma non uguale) a quello vecchio. Dipenderà anche da questo fatto... Il policolor sono quei fogli di polipropilene spesso 1 mm che vendono nei Brico ( http://www.polimarksrl.com/it/tekniglass/policolor).

_________________
Osservo con:
Dobson 450/1900, Travel-Dobson 250/1000, mini-dobson 150/600 autocostruiti
Intes Micro Alter Mak 715 deluxe


Top
  Profilo    
 
MessaggioInviato: mercoledì 18 settembre 2013, 15:41 
Altra domanda,
giusto che ognuno personalizzi il proprio strumento, specie se autocostruito, eppure il travel dob di Mel Bartels da te citato mi pare sia il massimo per trasportabilità, non lo avevo mai visto, ed a primo colpo d'occhio mi è piaciuto, chissà magari potrei essere tentato. Insomma, hai scartato tale soluzione perchè prevedevi qualche problema o altro.


Top
     
 
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 29 messaggi ]  Vai alla pagina 1, 2, 3  Prossimo

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 3 ospiti


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a:  
Powered by phpBB © 2000, 2002, 2005, 2007 phpBB Group
Traduzione Italiana phpBBItalia.net basata su phpBB.it 2010