1° Forum di Astronomia Amatoriale Italiano

Il primo forum di astrofili per astrofili, nato nel 2000.
Oggi è giovedì 19 ottobre 2017, 0:50

Menu

* Home
* Iscriviti
* La Bacheca
* F.A.Q.
* Cerca
* Login/Logout 

Login

Nome utente:
Password:

 Ho dimenticato la password

In Linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti

Regolamento

regolamento

Links

*
Astrocafè

Segnala bolide
* Meteoblue.com
* Previsioni seeing
* Il Meteo.it
Help Forum
 

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora




Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 39 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente  1, 2, 3, 4  Prossimo
Autore Messaggio
MessaggioInviato: giovedì 8 giugno 2017, 8:06 
Avatar utente

Iscritto il: giovedì 6 novembre 2014, 18:31
Messaggi: 351
@giacampo
Non vedo l'ora di riprovare a trovarla :obs:
Spero solo che il mio rifrattorino riesca a darmi l'idea della sua natura anulare, senno penso sarebbe più o meno lo stesso misto di amarezza soddisfazione di quando guardavo Saturno con il binocolo sperando di vedere gli anelli :lol:

@yourockets
Quindi pensi che un 40x possa bastarmi per almeno scorgerla come una stellina e aumentare ingrandimento?
Tra l'altro sarebbe una buona occasione per testare il grandangolare che mi deve arrivare 8)
Cita:
la blinking la vedo davvero duretta

Enno, non smontarmi così, fammi almeno prima provare :rotfl:

@andrea63
Grazie Andrea!
Gentilissimo per la cartina, anche per i suggerimenti, gli oggetti detti sono stati aggiunti al programma delle prossime osservazioni :thumbup:

@andreaconsole
grazie!

_________________
Nell'avatar: Galassia Sombrero, disegno realizzato da Peter
Astronomia in 90mm - Spazio web creato da neofiti, per neofiti


Top
  Profilo    
 
MessaggioInviato: giovedì 8 giugno 2017, 8:33 
Avatar utente

Iscritto il: venerdì 27 luglio 2007, 23:20
Messaggi: 7812
Località: Milano
Tipo di Astrofilo: Visualista
non ho idee precisissime in merito :) ma temo che 40x siano pochini.
nell'osservazione di cui ti parlavo ero a un po' meno di 40x (oculare da 20mm con telescopio 150 f 5 quindi 750mm di lunghezza focale), è un ricordo lontano (una decina d'anni fa), ma rischiai di passarci sopra (anche perchè mi aspettavo tutt'altro) e sicuramente mi appariva molto più luminosa di quanto potrebbe apparire a te (il doppio del diametro).

forse puoi provare con un ingrandimento leggermente più elevato muovendoti lentamente e praticamente in linea retta fra le due stelle.
considera poi che non sappiamo che cielo tu abbia: potrebbe non essere alla portata del tuo strumento (non in assoluto, ma lì dove sei).

buttati su m 27 che è davvero molto più semplice. e bellissima


Top
  Profilo    
 
MessaggioInviato: domenica 11 giugno 2017, 0:32 
Avatar utente

Iscritto il: giovedì 6 novembre 2014, 18:31
Messaggi: 351
Osservazione del 10/06
Ed eccomi qui fresco fresco ad osservazione appena conclusa.

La primavera sta volgendo al termine e con essa la costellazione del Cancro sta per salutarci, ho iniziato la mia osservazione cercando l'ammasso aperto m44 a cui volevo buttare uno sguardo finchè ero in tempo.
In realtá non è stato semplicissimo trovarlo nelle luci del tramonto, peró alla fine una trentina di stelle hanno riempito per intero l'oculare da 26mm (15x circa).
Non so a voi, ma questi oggetti sono quelli che a primo impatto mi appagano piú di tutti! Un esplosione di frammenti di luce che non lasciano spazio a dubbi o ad osservazioni oblique e difficili: sicuramente gli ammassi aperti sono il terreno di caccia ideale per questo tipo di telescopi.
Certo m44 non è tra i piú belli, e neanche era nelle condizioni migliori di visibilitá, ma l'impressione a primo impatto è sempre la stessa.

La Luna quasi piena brillava in alto nel cielo, certo un occhiata al telescopio era d'obbligo ma un "che palle non ci avevo pensato" mi è sfuggito, almeno mentalmente.

Dunque, un pó scoraggiato son tornato sulla Lira cercando la nebulosa Anello, M57 seguendo i consigli che mi avete prontamente fornito la scorsa volta.
Ebbene si, questa volta ci sono riuscito, e confermo che a 40x la nebulositá è giá perfettamente visibile, certo a visione distolta piú percepibile ma anche diretta qualcosa vedevo.
Tuttavia aumentando ingrandimento non ho avuto la percezione dell'anello: immagino che senza la Luna l'avrei visto sicuramente.

Anche la planetaria pulsante, NGC 6826 è stata individuata dal piccolo celestron, ne ho avuto la certezza quando guardandola direttamente sembrava svanire, inoltre, nel campo dell'oculare da 40x comparivano altre stelle della stessa magnitudine che mi hanno permesso cosí un confronto diretto, molto particolare.

Su vostro consiglio ho cercato M27, all'oculare da 9mm si presentava come una macchia eterea dalla forma indefinita.
Purtroppo la Luna come si puó immaginare ha compromesso la visione di quest'oggetto che altrimenti sarebbe stato molto piú interessante, un oggetto su cui voglio sicuramente tornare
, per ora mi accontento di averlo trovato....grazie per il consiglio!

La Luna sempre piú alta e luminosa mi ha costretto infine a voltarmi verso Cassiopea relegata ancora in un angolo piú oscuro.
Avrei voluto cercare qualche ammasso aperto ma alla fine, causa stanchezza, ho ripiegato a risolvere una doppia facile, Eta Cassiopeiae.
Questa doppia mi è piaciuta e non poco, sia per la diversa dimensione apparente che anche per il cromatismo interessante tra la primaria gialla e la secondaria di un arancione profondo...certo non siamo ai livello di Albireo!

Anche questa osservazione si conclude, stanco, ma appagato e con ancora in mente lo spettacolo appena visto, preparo la brandina rigorosamente vicino al balcone che da sul panorama stellato e mi accingo a un riposo altrettanto appagante e sereno.

Se avete altri consigli e suggerimenti non esitate!
A presto. :wave:

_________________
Nell'avatar: Galassia Sombrero, disegno realizzato da Peter
Astronomia in 90mm - Spazio web creato da neofiti, per neofiti


Top
  Profilo    
 
MessaggioInviato: domenica 11 giugno 2017, 8:08 
Avatar utente

Iscritto il: venerdì 27 luglio 2007, 23:20
Messaggi: 7812
Località: Milano
Tipo di Astrofilo: Visualista
:) ottimo!


Top
  Profilo    
 
MessaggioInviato: domenica 11 giugno 2017, 8:48 

Iscritto il: giovedì 27 agosto 2009, 22:10
Messaggi: 758
:clap: :clap: :clap:
... Eccellente, Andrew! Stai sfruttando benissimo lo strumento, ed è un piacere leggere l'entusiasmo dei tuoi report. Ben fatto! :D


Top
  Profilo    
 
MessaggioInviato: domenica 18 giugno 2017, 22:35 
Avatar utente

Iscritto il: giovedì 6 novembre 2014, 18:31
Messaggi: 351
Osservazione del 17/06

Ed eccomi qui dopo una nuova e affascinante osservazione, oggi parto con un paio di foto del mio sito osservativo (per calarvi nella parte :lol: ) che ho scattato aspettando che il cielo scurisca, non sono un fotografo portate pazienza :mrgreen:

Immagine
Questo spezzone di cielo da verso est, ed è da qui che ho una buona vista della Lira e del triangolo estivo in generale, sullo sfondo del panorama le luci di Lanzo Torinese.

Immagine
Il ̶M̶o̶s̶t̶r̶o̶ Santuario di St. Ignazio, un elemento tanto suggestivo quanto fastidioso per le osservazioni nella parte del cielo che da a Nord.

Ho iniziato questa osservazione partendo dalla Vergine, in cui ho raggiunto piuttosto facilmente la stella Porrima, una doppia abbastanza stretta (per il mio telescopietto) che tuttavia sono riuscito a risolvere con non poco sforzo al massimo ingrandimento a mia disposizione (126x) mostrandone le due componenti gialle molto simili.
Come difficoltà nel risolverla mi è parso molto simile alla doppia doppia della Lira.

Mi sono spostato nella costellazione dello Scorpione che sorgeva a fianco del Santuario di St. Ignazio con la sua indistinguibile gemma rossa Antares (ho provato inutilmente a risolvere la sua natura di doppia, ma sapevo già sarebbe stato quasi impossibile), mi sono rivolto quindi verso Graffias, la stella più a Nord delle tre che si irraggiano da Antares.
Questa volta non è stato difficile risolverla ed ho potuto gustare con comodità il divario cromatico tra la componente A, bianca e la B che mi è parsa più piccola, fioca e tendente all'azzurro.

Ho inforcato nel portaoculari l'oculare nuovo nuovo consigliatomi dal buon Angelo Cutolo (qui), devo dire che il "respiro" visivo è stato notevole, un po come quando si esce alla luce del sole dopo una lunga galleria.
Questo oculare mi ha permesso un ampio campo visivo, oltre che un ingrandimento di 20x con cui ho individuato e visto con visione normale (non obliqua) i seguenti oggetti, che si sono dimostrati per di più dei punti sfuocati e lattiginosi nel cielo scuro.
Gli ammassi globulari M4, M19 ed M80 nello Scorpione
Gli ammassi globulari M19, M62, M10 ed M12 nell'Ofiuco (M10 mi è parso il più bello e luminoso)

Nel Serpente, l'ammasso globulare M5 è stato uno dei tre protagonisti principali di questa osservazione, dopo tanti oggetti fiochi e impercettibili questo si è presentato stupefacente nella sua luminosità immerso nel cielo scuro, aumentando l'ingrandimento a 40x notavo con visione obliqua l'alone della periferia dell'oggetto, con visione diretta tale alone si riduceva mostrandone il nucleo più luminoso, in basso a sinistra sono riuscito addirittura a percepire una specie di globo nella conformazione di tale struttura.

Mi son diretto verso la costellazione della Freccia cercando l'ammasso globulare M71, oggetto che si è rivelato solo con visione obliqua, ma la cosa che mi ha colpito è ritrovare nell'oculare durante la ricerca, e in modo del tutto accidentale, la nebulosa planetaria M27 che mi avete consigliato la scorsa volta.
Incredibile! Ecco spiegato il vostro entusiasmo, senza la Luna Piena tale oggetto pare sospeso fra le stelle, non saprei spiegarlo, una macchia perlacea "in rilievo", mi è parso vagamente di distinguerne la forma, su questo oggetto vorrò tornarci una terza volta, con più calma e pazienza, una notte intera non è abbastanza per questo oggetto!

Il mio percorso è proseguito verso Gamma Delphini, una bella stella doppia molto semplice ma da un buon contrasto cromatico, a 80x la primaria era di un giallo a mio parere ben evidente, la secondaria meno luminosa e azzurra più difficile da percepire.
In questa doppia ho sperimentato ancora una volta quanto, a mio parere, una fonte di luce bianca riesca in qualche modo ad enfatizzare il cromatismo, o forse è solo una mia impressione.

Il mio viaggio si conclude (purtroppo...) nella costellazione dello Scudo dove l'ennesima sorpresa celeste si è materializzata all'oculare con l'ammasso aperto M11 (Anitre Selvatiche).
Ho trovato tale ammasso molto caratteristico e particolare, a bassi ingrandimenti si è rivelato soffuso, quasi fosse una nebulosa, aumentando gli ingrandimenti ho percepito via via alcune stelline che la componevano (un paio le più brillanti) e poi la caratteristica forma a V rovesciata da cui prende il nome (ricorda, appunto, uno stormo di anatre in volo).

Siamo giunti al termine, ringrazio tutti voi con cui posso condividere le mie osservazioni ed esperienze, è sempre un piacere avere qualcuno disposto a leggermi e con cui confidarmi.

Nelle prossime osservazioni, sto aspettando che la costellazione del Sagittario si levi nel cielo, ci sono tanti oggetti che aspetto di osservare, vorrei anche fare un osservazione diversa dal solito come per esempio studiare una variabile a corto periodo, in modo da riuscire a disegnare un grafico approssimativo, il problema però è trovare una stella variabile utile a tale scopo, pensavo a RZ Cassiopeiae ma la variazione di magnitudine in 28 ore mi pare non so se sia percepibile in una sessione osservativa di massimo 4 ore.

A presto :wave:

_________________
Nell'avatar: Galassia Sombrero, disegno realizzato da Peter
Astronomia in 90mm - Spazio web creato da neofiti, per neofiti


Top
  Profilo    
 
MessaggioInviato: lunedì 19 giugno 2017, 8:45 
Avatar utente

Iscritto il: venerdì 27 luglio 2007, 23:20
Messaggi: 7812
Località: Milano
Tipo di Astrofilo: Visualista
La lorrima ricordatela per i prossimi anni: e' una doppia con moto orbitale veloce, veloce a sufficienza da essere apprezzabile all'osservazione.
Una decina d'anni fa era impegnativa per un 20 centimetri, oggi e' alla portata del tuo 7 cm :)
Mica male come variabilita'


Top
  Profilo    
 
MessaggioInviato: lunedì 19 giugno 2017, 11:10 
Avatar utente

Iscritto il: giovedì 6 novembre 2014, 18:31
Messaggi: 351
@yourockets

Grazie Emiliano, avevo letto di questa peculiarità di Porrima, infatti non ero sicurissimo di riuscire a risolverla (pensavo fosse ancora troppo stretta!)

_________________
Nell'avatar: Galassia Sombrero, disegno realizzato da Peter
Astronomia in 90mm - Spazio web creato da neofiti, per neofiti


Top
  Profilo    
 
MessaggioInviato: giovedì 29 giugno 2017, 0:19 
Avatar utente

Iscritto il: giovedì 6 novembre 2014, 18:31
Messaggi: 351
Osservazione del 28/06/2017

Questo report sarà un po diverso del solito, infatti quella che immaginavo una vacanza di sette giorni con annessa un intensa attività osservativa serale ha preso una piega diversa, più riflessiva, che non mi aspettavo.
La mia, purtroppo momentanea, postazione osservativa:

Immagine

Per caso, nel residence nel quale risiedo, ho trovato un libro di paletnologia di queste terre Elbane, un libro davvero ben fatto che mi sta accompagnando durante la vacanza.

Ed eccomi qui quindi ad osservare il bellissimo ammasso globulare M13 in Ercole, fra le due stelle HIP 81673 e HIP81848 quasi fossero i suoi guardiani, ma la mia mente nel contempo mi porta ai complessi megalitici ritrovati in questi monti, ad antiche popolazioni che in un mondo ancora misterioso osservavano l'immutabile moto del cielo disponendo pesanti massi in posizione est-ovest, e pensare che anche loro, in qualche modo, erano astrofili, contribuendo, nel loro piccolo, al sapere che abbiamo oggi.

Lascio a malincuore M13, iniziando un percorso ben più aspro risalendo la costellazione di Ercole e le sue debole stelle una alla volta, arrivando infine all'ammasso globulare M92.
Più piccolo, ma straordinariamente bello pure lui, nella mia mente lo paragono al fratellino minore di M13, all'oculare da 9mm noto però una struttura diversa, oltre ad essere più piccolo pare anche più "intenso", più concentrato verso il nucleo.

Qui all'Elba le notti sembrano piuttosto movimentate, all'orizzonte lontano dalla costa pur non vedendoli si sentono gabbiani starnazzare, una raffica di vento mi lascia vibrare il telescopio occupando l'oculare di una veloce nuvola luminosa disabilitando momentaneamente la mia osservazione.
Non ho fretta però, e nel contempo che le nuvolette scarichino la loro energia mi volto verso la restante fetta di cielo, è sempre rassicurante vedere sorgere la Luna crescente, e non c'è nulla di sorprendente a realizzare che le antiche civilità la paragonassero ad un Dio.

A qualche chilometro da qui, in una città costiera chiamata Marciana Marina, sul panorama si staglia il Monte Giove, ed è proprio sulla cima di questo che furono ritrovate quantità notevoli di sacrifici agli dei, ascia e gioielli soprattutto.
Quale Dio era il destinatario di un così generoso sacrificio è stato studiato dalla nomenclatura dei monti vicino a monte Giove, la conclusione porta a ritenere tale dio, secondo una delle ipotesi, la "figlia della Luna".

Sono pur sempre un neofita, sarebbe infruttuoso nascondere ciò che va male e tenere solo il resto, la mia osservazione è proseguita incassando due pesanti sconfitte: sembra infatti che il mio 70/400 non voglia più sentir parlare di stelle doppie!

La prima sconfitta riguarda nientemeno che la Stella Polare, se potevo aspettarmelo di avere delle difficoltà con lei non me l'aspettavo invece con Rasalgethi che dovrebbe essere più facile da risolvere!
In entrambi i casi, a circa 120x, apparivano praticamente puntiformi con annessi disco di Airy, qualcuno ha suggerimenti?
Ho riprovato anche, per l'ennesima volta, a risolvere la Nebulosa Anello ancora con scarsi risultati: in questo caso penso di poter dire, con una certa sicurezza, che non è alla portata del mio telescopio.

Spero di non avervi annoiato troppo, probabilmente in questi giorni ne approfitterò per altre osservazioni, a breve quindi, credo, e spero, di inserire nuovi report.

Grazie a tutti voi.
Cieli sereni

_________________
Nell'avatar: Galassia Sombrero, disegno realizzato da Peter
Astronomia in 90mm - Spazio web creato da neofiti, per neofiti


Top
  Profilo    
 
MessaggioInviato: giovedì 29 giugno 2017, 7:55 
Avatar utente

Iscritto il: venerdì 27 luglio 2007, 23:20
Messaggi: 7812
Località: Milano
Tipo di Astrofilo: Visualista
vedrai che fra un po' posto il report della mia ultima uscita e ti consoli. anzi te lo posto qui:
- sfiorato frontale con idiota in andata ( con toccatina di guard rail per evitarlo)
- cavo accendisigari per l'alimentazione rotto (pazienza, osservo a mano)
- si alza il vento
- arrivano le velature
- dopo un'ora, da un cielo in cui si vedevano, giuro, saturno, giove, arturo, spica, vega, deneb e altair, smonto e ritorno a casa con la coda fra le gambe e qualcos'altro alle ginocchia.

per le tue doppie dovrei controllare la separazione (non la ricordo a memoria) potrebbero non essere alla portata del tuo telescopio oppure essere al limite e risolvibili solo in condizioni ottime.
m 57 non eri poi riuscito ad osservarla?


Top
  Profilo    
 
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 39 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente  1, 2, 3, 4  Prossimo

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a:  
Powered by phpBB © 2000, 2002, 2005, 2007 phpBB Group
Traduzione Italiana phpBBItalia.net basata su phpBB.it 2010