1° Forum di Astronomia Amatoriale Italiano

Il primo forum di astrofili per astrofili, nato nel 2000.
Oggi è lunedì 25 giugno 2018, 20:36

Menu

* Home
* Iscriviti
* La Bacheca
* F.A.Q.
* Cerca
* Login/Logout 

Login

Nome utente:
Password:

 Ho dimenticato la password

In Linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti

Regolamento

regolamento

Links

*
Astrocafè

Segnala bolide
* Meteoblue.com
* Previsioni seeing
* Il Meteo.it
Help Forum
 

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora




Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 21 messaggi ]  Vai alla pagina 1, 2, 3  Prossimo
Autore Messaggio
MessaggioInviato: martedì 15 maggio 2018, 15:09 
Amministratore
Avatar utente

Iscritto il: venerdì 10 febbraio 2006, 0:42
Messaggi: 23802
Località: 41°N 16°E
Tipo di Astrofilo: Visualista
Il Gargano è una nota meta turistica dove ogni estate la popolazione italica e non, riversa le proprie terga da mettere a sponzo nel fresco mare Adriatico.
Spiagge di ciotoli, spiagge di sabbia, scogli e faraglioni. Paesaggi da sogno.
A questo punto dell'anno, tutto si prepara perchè il Gargano possa accogliere nel migliore dei modi le chiappe chiare dei vacanzieri.

Ma prima che questo accada, prima che si accendano camping, residence, lidi e discoteche, un gruppo di tre astrofili sente il dovere morale di prendere parte a un altro spettacolo della Natura: quello del cielo stellato.

Il Gargano è anche questo: un bel cielo che, nella pianeggiante Puglia, sa regalare ancora emozioni da 21.50, per dirla col linguaggio dell'SQM.
Certo, siamo a cavallo tra la primavera e l'estate e qualcuno direbbe "per forza! non c'è la Via Lattea..."
Verissimo, ma sempre di buon cielo si tratta, anche se a poco meno di 600 metri d'altitudine e una stretta vicinanza al mare.
A un'ora e mezza di auto da casa c'è poco altro di simile, ahimè.
E una postazione del genere non la si disdegna per rispetto nei confronti di quei pochissimi posti che ancora sopravvivono al mostro di un'inquinamento che è tanto invisibile quando non lo conosci, quanto visibile quanto sai cosa ti perdi, lo spettacolo di un tappeto di stelle, per colpa della poca cultura italica che accende spreco e luci in maniera scriteriata.
L'inquinamento luminoso che accende luce su luce e che cancella stella su stella.

Sul Gargano qualche stella ancora c'è. E si fa vedere anche in condizioni di piccola pausa tra due fronti di bassa pressione, come nel caso di ieri.
Anche quando il seeing è scarso. Anche quando la nebbia desidera ricoprire le speranze di tre astrofili desiderosi di fotoni cosmici.
Per fortuna l'amico vento corre in soccorso dei tre e spazza via quella coltre nebulare che li ha fatti un po' cacare sotto, visti i kilometri appena percorsi per essere sotto il cielo a godere del Firmamento.
Già le occasioni osservative si riducono al lumicino per colpa degli impegni e del meteo, alla sfiga chiediamo di rimanere quindi rinchiusa in casa a guardare Grande Fratello.

La serata si apre col classico montaggio dei tre dobson che, in parata e pezzo dopo pezzo, puntano pian piano tutti allo zenit, per far raffreddare correttamente gli specchi.
E poi allinea, e poi collima e poi metti telo, e poi copri tutto che arriva la nebbia!

La tentazione di chiamare in causa qualche Santo è soltanto placata dalla positività del gruppo dei baldi giovani che si fida di Meteoblue, che riportava una nottata da manuale con addirittura un seeing di classe 5, bava di vento e umidità bassissima. Manco nei sogni.

Dopo una mezz'ora scarsa spuntano fuori prima Venere poi Giove, chiamati a turno da Emiliano e da Paolo. E infine tutte le costellazioni delle 21 sono lì pronte ad aspettare l'inizio della notte astronomica.

I tre dobson sono ormai pronti a essere maltrattati dagli astrofili avidi di luce cosmica.
Un 40, un 50 e un 60cm non vedono l'ora di scatenare i fuocheggiatori.

Siamo partiti tutti senza un preciso programma osservativo. Dei pazzi scriteriati, visto che siamo nel cielo primaverile, fucina di galassie che, tra Chioma, Leone, Vergine e Cani da Caccia sono così tante da risultare impossibili da osservare in sei cortissime ore di buio astronomico.

Allora decidiamo di andare a memoria all'unisono, a puntare in fila quasi gli stessi oggetti.
A chi viene in mente uno, lo chiama e l'altro lo punta.

Il risultato sarà una nottata mista tra confronto di diametro e ammirazione degli oggetti che non deludono a medio basso ingrandimento, per colpa del Seeing, questo sconosciuto.

Infatti nessuno riusciva ad andare oltre i 300x con profitto. Le stelle diventavano palloni e gli oggetti perdevano incisione.

Nessun problema: siamo astrofili navigati e attrezzati di pazienza e di bassi ingrandimenti.

E allora sotto con gli oggetti:

NGC2903: Si inizia con questa pataccona sotto la testa del Leone, a 1° a Sud di Lambda Leonis. Facile da puntare e anche da vedere in telescopi da 30cm, nel 60 si mostra ben generosa di dettagli. La galassia è palesemente orientata in direzione N-S. Il bulge è compatto e luminoso, mentre la galassia accenna la partenza dei suoi due bracci dal corpo galattico, dove si intravedono (meglio) in distolta due uncini.

NGC3190, NGC3185, NGC3193 e NGC3187 - Hickson 44: non poteva mancare un'occhiata al più famoso dei gruppi galattici di Hickson. Tutte le componenti del gruppo sono immediatamente visibili nel 60. Mentre nel 50cm la più debole (NGC3187) non è subito immediata e bisogna "cercarla" con un filo di attenzione in più. Le più evidenti sono la NGC3190, più densa e con una tenue linea scura al suo interno e la NGC3193, pallone rotondeggiante dai contorni netti.

NGC6543 - Cat's Eye Nebula: Vogliosi di testare le performance dei nostri specchi proviamo (invano) su qualche planetaria rimarchevole. Ci accorgiamo subito, però, che non sarà nottata facile per gli alti ingrandimenti. Infatti la planetarietta non è così generosa come volevamo e fatica a mostrare dettagli al suo interno. Solo applicando un OIII e a 300x le ellissi che la caratterizzano, posti a 180° l'uno dall'altro, si mostrano in maniera timida. Ovviamente con il filtro la stellina centrale si attenua fino a sparire. Emiliano si accorge che mezzo grado a Ovest della planetaria vi è una condensazione luminosa che non avevo mai scorto prima. Si tratta della IC4677, un addensamento nebulare che fa parte della parte più esterna della Cat's Eye. Quest'addensamento è già visibile al 40cm, palese nel 50 e denso e inequivocabile nel 60cm. Una bella conferma.

NGC5985, NGC5982 e NGC5981 - Draco Galaxy Trio: Qui siamo di fronte a uno dei più bei tripletti di galassie del cielo boreale. Tre galassie di morfologia e natura diverse all'interno del campo. La centrale (5982) è ellittica: luminosa e dai contorni leggermente sfumati. Quella a Sud (NGC5985) è una spirale vista quasi di piatto e all'oculare appare marcata ma con poche screziature all'interno e un nucleo accennato. La terza (5981) è sottile e vista di taglio. All'oculare del 60cm si fa vedere estremamente interessante, con una banda di luce in concomitanza con l'asse maggiore della galassia, che nel 50cm non risultava visibile.

IC3568 - Fetta di Limone: Poco limone per questa planetaria che chiede giustizia al Seeing e che mostra appena qualche dettaglio solo con un OIII. Niente, basta con le planetarie per questa sera...

M104 - Sombrero Galaxy: Finalmente quest'oggetto prende personalità. A me non ha mai gasato. E' un oggetto celebre per la sua bellezza in foto, ma in visuale non ha mai preso posto nelle personali classifiche di gradimento. Fino ad averla vista col 60. Ora la banda di polveri centrale è magistrale. La galassia si allunga su tutto il campo dell'oculare ed è presente da entrambe le parti della banda oscura, a Sud in maniera debole, ma presente.

NGC4449: Questa è letteralmente mind-blowing! La galassia irregolare nei Cani da Caccia è un groviglio di noduli luminosi difficili da seguire per dare una forma all'oggetto. C'è da rimanere a bocca aperta per la natura di questa galassia e per quello che mostra ai 230x dell'oculare. Ed è davvero difficile descriverla in maniera precisa proprio per l'aspetto insolito.

NGC4676A e B - i Topolini: Piccoline e poco luminose, alla prima occhiata si mostrano con fatica e solo un'occhiata attenta comincia a mostrare qualche dettaglio in più. Ingrandire oltre i 300x non porta beneficio perchè le stelle si gonfiano troppo, segno che il seeing non vuole migliorare. Tuttavia in distolta la settentrionale della coppia si mostra allungata con il nucleo decentrato e l'alone che parte verso N. La componente meridionale è orientata diversamente, in direzione SO/NE e appare più compatta e lievemente più luminosa della A. Qui mi mangio le mani per il seeing che non vuole collaborare.

NGC4631 - Balena: Questa galassia fa parte della famiglia degli oggetti che in maniera assurda non sono capitati nel catalogo di Messier. E' generosamente luminosa già con piccoli strumenti. Con un diametro da 60cm letteralmente esplode nell'oculare a 230x. E' un trionfo di dettagli e sembra mostrare persino zone nebulari al suo interno. La balenottera (la compagna NGC4627 immediatamente a Nord) è ben presente e completa un quadretto da vedere e rivedere ogni volta che ne si ha occasione.

NGC4656 - Mazza da Hockey: Per quest'oggetto ho una piccola delusione personale: me l'aspettavo più d'impatto nel nuovo strumento. In realtà la ricordavo semplicemente diversa all'oculare e a 230x mostrava tutto quello che ha da far vedere. La parte centrale della galassia è molto densa e verso NE salta subito all'occhio la parte nebulare associata alla galassia NGC4657, molto evidente. Dal lato opposto a SO, la galassia sfuma rapidamente sul fondo cielo, come effettivamente appare nella foto DSS.

NGC4485 - 4490 - i Girini: La celeberrima coppia di galassie interagenti, catalogata da Arp al numero 269, dal 40 al 60cm è una escalation di dettagli. In quest'ultimo la connessione tra le due componenti diventa quasi materica. La concentrazione di luce lungo l'asse maggiore della NGC4485 è palese. Il braccio che diparte verso la compagna NGC4490 si ricurva in maniera netta e breve. I contorni della 4485 sono netti ed è ben contrastata sul fondo cielo. Stessa cosa dicasi per la piccolina che appare solo di dimensioni inferiori ma non meno ricca di dettagli. Davvero un bel quadretto.

NGC6781: Bellissima planetaria in Aquila. Appare di forma rotonda. Senza filtro OIII ha delle disomogeneita' di luce lungo il disco e lungo la sua circonferenza. Applicando il filtro la parte più debole si accende, evidenziando tenui screziature sulla superficie.

M16 - Nebulosa Aquila: la nebulosa aquila che..si trova nel Serpente :D La parte più interessante sta nel fatto che le Colonne della Creazione sono palesi e visibili, un po' peggio che nell'uscita del mese scorso, e che l'OIII fa egregiamente il suo lavoro tirando fuori tutta la nebulosità attorno.

M17 - Nebulosa Cigno: la nebulosa cigno che...si trova nel Sagittario :D Un brulicare di dettagli... Una roba da contemplare anche per tutta la notte. Con L'OIII quest'oggetto del catalogo di Messier è una vera goduria. Il corpo del cigno è un delicato susseguirsi di venature e condensazioni di luce. WOW.

NGC6992, NGC6960, NGC6995, NGC6979 e parti senza nome - Complesso della Nebulosa Velo: ho scelto di osservare quest'oggetto a 130x (e non all'ingrandimento meno spinto di cui dispongo, 77x) per contrastare meglio il fondo cielo e far risaltare ancor più i dettagli deboli. Descriverla è veramente difficile. E' un'intricata rete nebulare ricca di uncini, volteggi di luce e macchie condensate che va da N a S, da E a O. Per la prima volta, con il 60cm su questo oggetto, ho navigato anche tra i due archi più noti in cerca delle parti più deboli della Velo, oltre il pluri-visto Triangolo di Pickering. Ebbene: c'era di tutto. In questo vecchio topic c'è una mappa dettagliata.

NGC7000 e IC5070 - Nord America e Pellicano: Questa volta bisogna scalare per forza a 77 ingrandimenti. Il Golfo del Messico è la parte più commovente dell'oggetto, ma tutto il Nord America è presente e luminoso come il parruccone arancione di zio Donnie. Il Pellicano, subito a Ovest, timbra anche lui il cartellino presenze e si guadagna un bel 6 in pagella, mostrandosi con zone di chiaroscuri interessante.

M27 - Nebulosa Diablo: Il cambio di nickname è obbligatorio per diametri importanti e si capisce perchè, con filtro montato, viene chiamata anche così. Bella e noiosa.

M97 - Gufo: Occhi? Con l'OIII montato si vedevano tenui e presenti.

M108 - Tavola da Surf: A 230x la galassia si mostrava interessante e ricca di tenui noduli lungo la sua superficie con qualche stellina (non ricordo se 4 o 5) sovraimposta.

M81 - Galassia di Bode: Pochi dettagli sul medaglione luminoso di Messier. Stavolta i bracci non erano visibili.

M82 - Galassia Sigaro: Splendide strutture intricate per la sigaro. Ci puoi navigare dentro con l'occhio e seguirne il percorso oscuro.

Molto bella la M8 e bellissima la M20 che senza filtro mostra anche la sua parte a riflessione e col filtro evidenzia in maniera netta e palese le tre insenature scure che le danno il caratteristico nome.

M57 - Ring Nebula: Una delle prime nebulose che impariamo a puntare e che prima si dimentica quando hai un diametro importante per quanto poco riesce a offrire in termini di particolarità nei dettagli. Se in un 40cm, dell'anellino di fumo vai a cercare la vicina galassia IC1296 e tutt'al più la stellina centrale (mai certamente vista), col 60cm questo classico di stagione si popola di screziature attorno all'anellino. L'interno, invece, acquista in luminosità screziata e, se prima nel diametro minore era quasi paragonabile a quella del fondo cielo, adesso nel 60cm diventa molto luminosa, e la nebulosa acquista ancor più fascino e forma. A tratti è visibile anche la nana bianca centrale, finalmente visibile in maniera certa. Ci rivedremo, anellino.

NGC6888 - Crescent Nebula: L'ho sempre puntata col 40cm e ci ho sempre visto la classica "C". Ora al 60cm, ai 130x forniti dal Nagler 22, i dettagli cominciano a salire e la nebulosa mostrava anche qualche venatura interna, in particolar modo quella che raggiungeva la stellina di 7-ma magnitudine al centro dell'arco.

Avremmo potuto osservare in maniera molto più proficua e in particolar modo più oggetti primaverili. Galassie a tutto spiano che stavolta sono state un po' ignorate a favore di confronti strumentali e test per capire e conoscere il nuovo arrivato.

Per adesso il bimbo si comporta abbastanza bene, e va bene così.

_________________
Immagine
Dobson 60cm f/4 - SCT 20cm f/10 - Acromatico 80mm f/11.4
When darkness is at its darkest, that is the beginning of all light (Lao-Tzu)


Top
  Profilo   WWW  
 
MessaggioInviato: martedì 15 maggio 2018, 15:52 
Avatar utente

Iscritto il: mercoledì 14 giugno 2006, 15:21
Messaggi: 2558
Località: Foligno
Tipo di Astrofilo: Visualista e Fotografo
Ciao Davide,
dopo tantissimo tempo, ma davvero tanto, mi sono riloggato nell'unico forum di astronomia mai frequentato e che per anni è stato per me un punto di riferimento e per caso sono capitato sul tuo report: in pochi minuti ho rivissuto le lunghe nottate in compagnia del mio dobson che giace polveroso e triste in garage da ormai oltre due anni.
La tua passione è contagiosa, le tue descrizioni sempre affascinanti e precise, un vero viaggio nel tempo per chi come me ha trascurato l'osservazione vera a favore di serate divulgative con i soliti 5 o 6 oggetti. Mi sono emozionato :wink:
Grazie

Luca

_________________
http://www.astrofilimaffei.org
Dob LB 12", Mak 127sw, sw80ED, C8, newton sw 200/1000; eq5 motor;HEQ5PRO, Celestron CG5gt, Orion StarShoot autoguider, SPC900NC
WO 40 2" - PAN 27 2" - Burgess 20 - Speer Waler II 13,4 - TMB 9 - Or 7 -SW UWA 6mm - TMB 5 - Televue Barlow 2x[/size]
GHT 20x90 - Nikon 10x50; manfrotto 055XB+701hdv
Nikon FM2; Canon 600D e 1000D
Le mie immagini: http://www.astrobin.com/users/Luca_M/


Top
  Profilo    
 
MessaggioInviato: martedì 15 maggio 2018, 23:17 
Amministratore
Avatar utente

Iscritto il: venerdì 10 febbraio 2006, 0:42
Messaggi: 23802
Località: 41°N 16°E
Tipo di Astrofilo: Visualista
Ben ritrovato Luca, mi fa piacere rileggerti!
Ti ringrazio per aver letto il papiello.
Spero di averti dato la scintilla per scatenare la voglia di cielo necessaria a togliere tutta la polvere dal dobson e tornare anche te sotto il cielo.
Gli oggetti sono sempre lì, siamo noi che dobbiamo solo aver voglia di scoprirli con i nostri occhi ;)

_________________
Immagine
Dobson 60cm f/4 - SCT 20cm f/10 - Acromatico 80mm f/11.4
When darkness is at its darkest, that is the beginning of all light (Lao-Tzu)


Top
  Profilo   WWW  
 
MessaggioInviato: mercoledì 16 maggio 2018, 7:23 
Avatar utente

Iscritto il: mercoledì 8 febbraio 2006, 15:08
Messaggi: 7899
Località: Roma
Tipo di Astrofilo: Fotografo
Caro amico Volpetta,
coincidenza vuole che proprio qualche giorno fa ho inserito alcune fotografie sul Gargano nel mio profilo FaceBook e nel proporle mi rammentavo come, oltre a presentare paesaggi realmente suggestivi e particolari, il Gargano nella sua parte centrale si presentasse con alcuni rilievi interessanti e dal cielo particolarmente terso. La zona che ho battutto di giorno, oltre a percorrere tutta la strada costiera da nord a sud, è stata per lo specifico l'area intorno Monte Sant'Angelo e lungo tutta la statale SP50. Per quell'occasione mi dissi che a trascorrerci qualche nottata astronomica sarebbe stato oltre che piacevole, senz'altro proficuo vista la trasparenza dell'aria di quel posto che anche tu hai apprezzato.

Leggendo il tuo interessante report oltre a riportarmi a quell'esperienza, mi sarebbe piaciuto capire per bene dove vi siete fermati per le vostre osservazioni notturne, dato non ne fai riferimento, per una eventuale e futura rassegna astrofotografica da organizzare per filo e per segno! :D
Un caro saluto,

Danilo Pivato

_________________
Immagine

Latest New: http://www.danilopivato.com/introduction/latest_news/latest_news.html


Top
  Profilo   WWW  
 
MessaggioInviato: mercoledì 16 maggio 2018, 9:05 
Amministratore
Avatar utente

Iscritto il: venerdì 10 febbraio 2006, 0:42
Messaggi: 23802
Località: 41°N 16°E
Tipo di Astrofilo: Visualista
Hai ragione Danilo!
Eravamo poco sopra Mattinata, nei pressi del valico del lupo.

_________________
Immagine
Dobson 60cm f/4 - SCT 20cm f/10 - Acromatico 80mm f/11.4
When darkness is at its darkest, that is the beginning of all light (Lao-Tzu)


Top
  Profilo   WWW  
 
MessaggioInviato: giovedì 17 maggio 2018, 12:15 
Avatar utente

Iscritto il: lunedì 13 febbraio 2006, 9:53
Messaggi: 14449
Località: ̶T̶o̶r̶v̶a̶j̶a̶n̶i̶c̶a̶ Kleve
Tipo di Astrofilo: Visualista e Fotografo
60? :shock:

_________________
{andreaconsole.altervista.org}¦ Ballscope 300/1500 DIY "John Holmes"


Top
  Profilo   WWW  
 
MessaggioInviato: giovedì 17 maggio 2018, 12:28 
Amministratore
Avatar utente

Iscritto il: venerdì 10 febbraio 2006, 0:42
Messaggi: 23802
Località: 41°N 16°E
Tipo di Astrofilo: Visualista
John e Katie insieme!

_________________
Immagine
Dobson 60cm f/4 - SCT 20cm f/10 - Acromatico 80mm f/11.4
When darkness is at its darkest, that is the beginning of all light (Lao-Tzu)


Top
  Profilo   WWW  
 
MessaggioInviato: giovedì 17 maggio 2018, 12:45 
Moderatore
Avatar utente

Iscritto il: giovedì 10 agosto 2006, 10:11
Messaggi: 10166
Località: Cinisello Beach
Tipo di Astrofilo: Visualista
Il mio amato gargano colpisce e ferisce! :roll:

Davide, sono contento che ti stai conoscendo con il nuovo bimbone. E' chiaro che ora la voglia sia soprattutto rivedere gli oggetti più luminosi per riscoprirli con ancora più particolari.

Danilo, sei passato anche dalla mia Rodi? :D

Il cielo migliore della zona secondo me si può trovare in Foresta Umbra, c'è solo da trovare uno spiazzo senza alberi ad alto fusto.

_________________
De kappellatis non disputandum est

Telescopi: Dobson 16,5", Celestron C925, Acro 150/750, Acro 90/500, Acro 76/910.

stelle già dal tramonto si contendono il cielo a frotte
luci meticolose nell'insegnarti la notte


Top
  Profilo   WWW  
 
MessaggioInviato: giovedì 17 maggio 2018, 13:14 
Amministratore
Avatar utente

Iscritto il: venerdì 10 febbraio 2006, 0:42
Messaggi: 23802
Località: 41°N 16°E
Tipo di Astrofilo: Visualista
I due compagni di spedizione l'hanno battuto bene il Gargano negli anni passati e hanno trovato il punto migliore proprio sopra Mattinata.
Purtroppo ho lasciato a casa la Compact Flash e non ho potuto scattare foto in notturna, altrimenti avrei corroborato il report con qualche scatto.
Tuttavia le misure SQM sono state sempre abbastanza generose. Superiori di molto alla media che si ha sulla Murgia.

Per quanto riguarda il nuovo strumento, può (ovviamente) dire tanto.
Il bello è anche capire quanto in più può dare ed è utile anche confrontare direttamente con più diametri.

Purtroppo finora non ho avuto nottate da seeing decente che permettesse di salire di ingrandimento, cosa che abbiamo notato con tre specchi diversi :(

_________________
Immagine
Dobson 60cm f/4 - SCT 20cm f/10 - Acromatico 80mm f/11.4
When darkness is at its darkest, that is the beginning of all light (Lao-Tzu)


Top
  Profilo   WWW  
 
MessaggioInviato: giovedì 17 maggio 2018, 14:25 
Avatar utente

Iscritto il: mercoledì 8 febbraio 2006, 15:08
Messaggi: 7899
Località: Roma
Tipo di Astrofilo: Fotografo
kappotto ha scritto:
Il mio amato gargano colpisce e ferisce! :roll:



Danilo, sei passato anche dalla mia Rodi? :D



Eccerto! :D
Rodi Gargano: un bijou sul mare!
Con tutti quei piccolissimi vicoletti "sopra" il mare che a stento son riuscito a passarci. :crazy:
Spiegami una cosa, ma tu sei nativo proprio di quel paesino?
Ho scoperto comunque che tutto il Gargano è meraviglioso! Ha dei posti incantevoli e alcuni molto fotogenici.
A partire dai "trabucchi" disseminati un po' ovunque; all'arco sull'acqua di Pugnochiuso; alla
baia delle Zagare, per finire poi sul Monte Calvo dove da lì si godono magnifiche viste panoramiche.
Bellissimo tutto il Gargano!

_________________
Immagine

Latest New: http://www.danilopivato.com/introduction/latest_news/latest_news.html


Top
  Profilo   WWW  
 
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 21 messaggi ]  Vai alla pagina 1, 2, 3  Prossimo

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a:  
Powered by phpBB © 2000, 2002, 2005, 2007 phpBB Group
Traduzione Italiana phpBBItalia.net basata su phpBB.it 2010